slide1 l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
CORSO DI AGGIORNAMENTO TECNICI E UFFICIALI DI GARA FEDERAZIONE ITALIANA KARATE REGIONE PUGLIA “ASPETTI MEDICO-BIOLOGICI PowerPoint Presentation
Download Presentation
CORSO DI AGGIORNAMENTO TECNICI E UFFICIALI DI GARA FEDERAZIONE ITALIANA KARATE REGIONE PUGLIA “ASPETTI MEDICO-BIOLOGICI

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 39

CORSO DI AGGIORNAMENTO TECNICI E UFFICIALI DI GARA FEDERAZIONE ITALIANA KARATE REGIONE PUGLIA “ASPETTI MEDICO-BIOLOGICI - PowerPoint PPT Presentation


  • 344 Views
  • Uploaded on

CORSO DI AGGIORNAMENTO TECNICI E UFFICIALI DI GARA FEDERAZIONE ITALIANA KARATE REGIONE PUGLIA “ASPETTI MEDICO-BIOLOGICI E LO SVILUPPO ORGANICO DEL BAMBINO ” DOTT. FERDINANDO AMENDOLA SPECCHIOLLA 19-09-2010. I MOTIVI DELLO SPORT NEL BAMBINO 1) Favorisce lo sviluppo armonico

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'CORSO DI AGGIORNAMENTO TECNICI E UFFICIALI DI GARA FEDERAZIONE ITALIANA KARATE REGIONE PUGLIA “ASPETTI MEDICO-BIOLOGICI ' - elina


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

CORSO DI AGGIORNAMENTO

TECNICI E UFFICIALI DI GARA

FEDERAZIONE ITALIANA KARATE

REGIONE PUGLIA

“ASPETTI MEDICO-BIOLOGICI

E LO SVILUPPO ORGANICO

DEL BAMBINO ”

DOTT. FERDINANDO AMENDOLA

SPECCHIOLLA 19-09-2010

slide2
I MOTIVI DELLO SPORT

NEL BAMBINO

1) Favorisce lo sviluppo armonico

2) Migliora le capacità motorie e coordinative

3) Ha effetto benefico sulla funzione cardiovascolare

e sulla respirazione

4) Favorisce la correzione di eventuali difetti fisici minori

5) Influisce in modo positivo sullo sviluppo psicologico

6) L’abitudine al movimento e all'attività fisica, pongono

le premesse per il mantenimento di tale attitudine anche

in età adulta

7) Facilita l'inserimento sociale (soprattutto se pratica uno sport

di squadra)

8) Aumenta l'autonomia personale e la capacità di gestione

del proprio tempo

9) Favorisce la formazione di una sana consapevolezza di sé e di una

buona autostima

10) Aiuta a crescere, favorendo il distacco dalle figure genitoriali

slide4
CARTA DEI DIRITTI DEL BAMBINO

Diritto di divertirsi e di giocare come un bambino

Diritto di vivere lo sport

Diritto di beneficiare di un ambiente sano

Diritto di essere trattato con dignità

Diritto di essere allenato e circondato da persone qualificate

Diritto di seguire allenamenti adeguati ai propri ritmi

Diritto di misurarsi con giovani che abbiano la stessa probabilità di

successo

Diritto di partecipare a manifestazioni adeguate e gioiose

Diritto di praticare in condizioni di massima sicurezza e serenità

Diritto di avere tempi di riposo

Diritto di non essere un campioneUNESCO - Ginevra 1992

slide5
Il COMMITEE on SPORTS MEDICINE and FITNESS

dell’ AMERICAN ACADEMY of PEDIATRICS

Ha definito l’esercizio fisico come

UNA ATTIVITÀ PROGRAMMATA E RIPETITIVA

CHE HA LO SCOPO

  • MIGLIORARE LA FORZA FISICA
  • SALVAGUARDARE LA SALUTE

La COMMISSIONE del TEMPO LIBERO

dell’ ONU

“CARTA DEI DIRITTI DEI RAGAZZI ALLO SPORT”

slide6

L’età evolutiva, intesa come

        • ETÀ PEDIATRICA
        • ETÀ PREPUBERALE
        • ETA’PUBERALE
        • ETÀ ADOLESCENZIALE
  • è caratterizzata da mutamenti corporei che avvengono
    • in maniera rapida
    • con le dovute variabilità individuali
slide8

Vi sono diversi fattori che influiscono sullo sviluppo

FATTORI INTRINSECI

ØGENETICI genitori, sesso, razza

ØNEUROENDOCRINI ipofisi, tiroide, gonadi, pancreas, ecc.

FATTORI ESTRINSECI

ØAMBIENTALI valori biometrici caratteristici in relazione alle condizioni ambientali

ØSOCIO-ECONOMICI ceto sociale, struttura del nucleo familiare

ØALIMENTARI quantità calorica e proteica giornaliera

ØATTIVITÀ FISICA aumento della densità e del diametro E SPORTIVA delle ossa, del volume e peso dei muscoli, aumento della massa magra.

slide9

ACCRESCIMENTOInbiologia lo sviluppo dell’individuo è inteso 1) Crescita delle dimensioni corporee, determinata dalla moltiplicazione cellulare e dall’aumento della massa muscolare e scheletrica 2) Processo di differenziazione e sviluppo delle funzioni organiche e biochimiche L’accrescimento è regolato da fattori A) INTERNI B) ESTERNI

slide10

FATTORI INTERNI1) GENETICI 2) ORMONALIGENETICIUn esempio di influenza GENETICA sono le differenze di statura e proporzioni corporee tra popolazioni diverse, così come avviene in un gruppo familiare.

slide11

ORMONALISono molto importanti nel determinare l’accrescimento. L’ormone somatotropo (somatropina, o STH, o GH) Gli ormoni tiroidei. Gli ormoni sessuali (androgeni ed estrogeni). La loro azione si esplica con modalità diverse e in diversi periodi della vita.

slide12

ORMONE SOMATOTROPOE’ molto importante nella seconda e terza infanzia, perché stimola armonicamente l’accrescimento. Un suo eccesso o difetto durante lo sviluppo causano rispettivamente gigantismo o nanismo armonico.

slide13

ORMONE TIROIDEOLa sua azione si esplica sin dalla nascita.Influenza non solo l’accrescimento muscolare e scheletrico, ma anche quello di tutti gli apparati, compreso il sistema nervoso centrale. Una sua carenza può causare, oltre che insufficienza di sviluppo corporeo, anche grave insufficienza mentale.

slide14

ANDROGENI ED ESTROGENIAumentano durante la pubertà 1) La maturazione sessuale 2) La maturazione scheletrica con la saldatura delle cartilagini di coniugazione delle ossa lunghe. Se aumentano nel periodo prepubere causano una precoce saldatura delle cartilagini e…… CONSEGUENTE BASSA STATURA

slide15

FATTORI ESTERNIL’ALIMENTAZIONE è importante. Una dieta ipercalorica e ricca di proteine favorisce l’accrescimento. Possono influire sull’accrescimento1) L’esercizio fisico 2) Le norme igieniche di vita 3) Il clima

slide16

I TEMPI DELL’ACCRESCIMENTONella specie umana i processi di crescita e differenziazione seguono tempi diversi per i diversi organi ed apparati.

slide17

ACCRESCIMENTO STATURALEE’ molto intenso durante il primo anno di vita (aumentando circa del 50%), poi tende a diminuire. All’inizio del periodo prepubere si assiste a un nuovo incremento, che persiste sino al raggiungimento della maturità sessuale. E’ più precoce nelle femmine e procede di pari passo con la maturazione sessuale, sino a 20-22 anni.

slide18

ACCRESCIMENTO PONDERALE E’ il parametro che più risente delle condizioni generali di salute. Il neonato alla nascita pesa in media 2,5-3,5 kg.; dopo un lieve calo, recuperato rapidamente. All’inizio del quinto mese il peso raddoppia, a 12 mesi triplica e a 24 mesi quadruplica. In seguito aumenta in modo graduale parallelamente alla statura, stabilizzandosi nel terzo decennio divita.

slide20
Con le tabelle d’accrescimento si valuta se lo sviluppo dei vari parametri rientra nella norma della popolazione di appartenenza.
slide22

I GRAFICI DEI "CENTILI"Il grafico dei "centili", ad esempio del peso, è costruito prendendo a caso migliaia di bambini della stessa età e dello stesso sesso. Dopo averli pesati e messi in fila dal più magro al più robusto, questi bambini vengono divisi in 100 gruppi. Ciascun piccolo gruppo corrisponde ad un "centile".

slide23

CRESCITA IN STATURA La statura del bambino (50 cm.) cresce rapidamente nel primo anno di vita, aumentando del 50% rispetto ai valori neonatali. A questi primi 25 cm se ne aggiungeranno altri 12-13 al termine del 24° mese. Da questo momento in poi il ritmo di crescita staturale si mantiene relativamente costante (+ 5-6 cm/anno). All'età di quattro anni, il bambino avrà raddoppiato la sua altezza (100 centimetri circa). La triplicherà solamente 8 anni più tardi (150 centimetri). Nel periodo prepubere si verifica, nel maschio e nella femmina, un netto scatto staturale (+ 8-12 cm/anno per due o tre anni) che persiste fino al raggiungimento della maturità sessuale.

slide24

Questa rapida crescita in statura è anticipata nelle femmine (inizia intorno ai 9 anni e mezzo, raggiunge il picco a 12 e termina intorno ai 14) Nei maschietti è un po’ più ritardata (dagli 11-12 aa. fino ai 16, con picco intorno ai 14). Per questo motivo, tra gli 11 ed i 14 anni, le femmine sopravanzano in statura i maschi.Intorno ai 16 e mezzo di età per le femmine, ed un anno più tardi per i maschi, il ragazzo avrà raggiunto circa il 98% dell'altezza definitiva. L’ altezza definitiva sarà completata nei 24 mesi successivi.

slide28
OBESITA’

QUATTRO PUGLIESI SU 10 SONO IN SOVRAPPESO.

UNO SU 10 E’ OBESO.

UNO SU 3 BAMBINI TRA I 6-9 ANNI E’ IN

SOVRAPPESO O OBESO.

IL 50% I RAGAZZI TRA I 14-17 ANNI.

TRA I BAMBINI PUGLIESI IL 14,4% RISULTA OBESO.

IL 24,6% RISULTA IN SOVRAPPESO.

COMPLESSIVAMENTE IL 39% DEI BAMBINI

PUGLIESI PRESENTA UN ECCESSO PONDERALE.

slide29

OBESITA’E’ estremamente importante educare il bambino ad una alimentazione corretta e al regolare esercizio fisico per prevenire l'obesità. Perché un bambino obeso ha grandi probabilità di rimanere tale per tutto il resto della sua vita, con tutte le conseguenze fisiche e psicologiche.

slide30

OBESITA’Il monitoraggio dello stato nutrizionale del bambino avviene rilevando le PLICHE ADIPOSE, il cui spessore riflette le variazioni del tessuto adiposo sottocutaneo. Lo sviluppo della massa grassa segue un andamento particolare. Inizia già in utero fino a raggiungere un picco nove mesi dopo la nascita. Tende quindi a calare fino al 6° - 8° anno. Successivamente si differenzia nei due sessiQUANTITA’DISTRIBUZIONE

slide34

Di contro, altro aspetto, oggi molto evidente, associato

  • alla obesità infantile, è quello di avviare necessariamente,
  • alla pratica sportiva,
  • il bambino, alla luce dei più sicuri danni
  • “DEL SEDENTARISMO PRECOCE“
  • determinati
          • DAL NUOVO TENORE DI VITA
          • ALLE ABITUDINI DI OGGI
slide35

Molti bambini, infatti, si trasformano in

  • “SEDENTARI A TEMPO PIENO”,
  • già dai primi anni delle scuole elementari
  • per diversi motivi: 
  • RIMANERE SEDUTI
  • PER DIVERSE ORE SUI BANCHI DI SCUOLA 
  • A CASA
    • PER ESEGUIRE I COMPITI 
    • VEDERE LA TELEVISIONE
    • GIOCARE CON I VIDEO GIOCHI
    • IMPEGNARSI ALCOMPUTER
slide36

Il dispendio energetico che si verifica durante l’attività sportiva rappresenta anche un fattore importante

PER LA PREVENZIONE DELLA OBESITÀ

e per correggere il

SOPRAPPESO NELL’ETÀ PEDIATRICA.

Naturalmente non solo l’esercizio fisico,

ma l’adozione di un regime alimentare

o meglio di una educazione alimentare,

INTESO COME STILE DI VITA

rapportato alle effettive esigenze metaboliche

del singolo ragazzo,

deve necessariamente essere adottato per combattere

L’OBESITÀ INFANTILE.

slide37
KARATE

La moderna pratica del karate applicata al bambino prevede

che venga

INSEGNATO E RICHIESTO

UN COMPORTAMENTO CHE SEGUA DELLE

PICCOLE REGOLE DI CONDOTTA

1) Fare il saluto quando si arriva e quando si lascia il

dojo

2) Rispettare i propri compagni

3) Non assumere mai atteggiamenti scorretti.

In questo modo il bambino può identificarsi come

appartenente ad una piccola società

con le sue piccole regole.

slide38
KARATE

La struttura fisica del bambino viene rinforzata grazie

all'addestramento necessario al compimento di gesti che

richiedono

“GRANDE PADRONANZA DEL PROPRIO CORPO”

I bambini non vengono mai limitati nello sfogo della loro

naturale vivacità perché le loro energie, e quindi anche le

loro aggressività, vengono canalizzate e fatte sfociare

verso un lavoro positivo.

Una delle caratteristiche più interessanti del lavoro che si

fa con i bambini è lo sviluppo della conoscenza del

proprio corpo:

IL BAMBINO RIESCE A PERCEPIRE

LE SUE POTENZIALITÀ E I SUOI LIMITI.

slide39
La pratica del karate è terapeutica per i bambini

iperattivi o con disturbi del comportamento.

Una ricerca su "INTERNATIONAL JOURNAL OF OFFENDER

THERAPY AND COPARATIVE CRIMINOLOGY",

16 bambini di età compresa tra gli otto e i dieci anni, con

disagi di disturbo oppositivo-provocatorio (tendenza

persistente a sfidare e provocare gli adulti e mostrarsi

irritabile, arrabbiato, dispettoso, vendicativo).

I bambini sono stati divisi in due gruppi.

Un gruppo non ha ricevuto nessun trattamento, mentre gli altri

otto bambini sono stati inseriti in un corso di karate, con altri

coetanei per un periodo di dieci mesi.

Nei bambini che hanno praticato il Karate è stato

osservato un significativo miglioramento per quanto

riguarda l'intensità, l'adattabilità, e la capacità di

regolazione dei propri stati emotivi.