multiobiettivo schema di risultati n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Multiobiettivo Schema di risultati PowerPoint Presentation
Download Presentation
Multiobiettivo Schema di risultati

Loading in 2 Seconds...

  share
play fullscreen
1 / 38
Download Presentation

Multiobiettivo Schema di risultati - PowerPoint PPT Presentation

effie
129 Views
Download Presentation

Multiobiettivo Schema di risultati

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. Multiobiettivo Schema di risultati

  2. Il Modello utilizzato ha operato in due fasi successive, caratterizzate da un diverso livello di dettaglio dei criteri stessi (macro e micro) L’affidabilità del modello • Nella messa a punto di una procedura (modello) di aiuto alle decisioni, l’affidabilità del sistema è garantita dalla qualità delle alternative esaminate e dal sistema di indicatori di valutazione scelto. Su tale sistema ai decisori rimane il compito di stimare i pesi da attribuire a ciascun criterio-obiettivo • La scelta dei macro e dei micro criteri è stata effettuata attentamente al fine di ridurre al minimo le stime soggettive e garantire la massima scientificità e oggettività del processo di valutazione, selezionando tutti gli elementi che gli analisti fossero in grado di valutare e quantificare e che rappresentassero con diverso livello di dettaglio l’insieme degli effetti delle diverse alternative progetto. dal punto di vista: • ingegneristico, • trasportistico, • territoriale, • economico-finanziario • ambientale.

  3. Macro e micro criteri

  4. 1] Miglioramento prestazioni La variabile assunta: è il tempo medio di percorrenza tra Battipaglia e Reggio Calabria, in questo caso il modello multicriteria minimizzerà la funzione, ordinando con valori più vicini a 1 i progetti con minor tempo di percorrenza • Valori soglia: • Inferiore: il tempo dell’itinerario più veloce dei 5 in esame (130 minuti) • Superiore: tempo medio attuale, in minuti, di percorrenza di un treno Eurostar

  5.  Microcriterio 1 – Tempi di percorrenza La variabile assunta: somma dei tempi di percorrenza da Battipaglia alle principali destinazioni interne ai corridoi di progetto (funzione da minimizzare). • Valori soglia: • Inferiore: valore del progetto che ha la somma dei tempi più bassa somma (545 minuti); • Superiore: valore dei tempi da Battipaglia alle principali destinazioni sulla rete attuale - anno 2002 (822 minuti).

  6.  Microcriterio 2 – Tempi di accesso alle stazioni La variabile assunta: tempo di accesso all'infrastruttura (in minuti) pesato sulla popolazione appartenente a ciascuna zona in cui è inserita la stazione di accesso (zonizzazione sub-provinciale utilizzata per lo studio della domanda). Funzione da minimizzare • Valori soglia: • Inferiore: valore posto pari al 20% del tempo minimo di percorrenza dell'intera tratta constatato essere la soglia di accettabilità per uno spostamento di tipo intercity (25 minuti); • Superiore: valore relativo al livello di offerta attuale pari a 50 minuti

  7.  Microcriterio 3 – Frequenza dei treni La variabile assunta: numero di treni/giorno, valore bidirezionale (funzione da massimizzare). Valori soglia: • Inferiore: valore corrispondente alla frequenza attuale (58 treni/giorno); • Superiore: valore derivante da una prima simulazione che assume come frequenza limite ammissibile un treno ogni 20 minuti, calibrato su un numero di 20 ore giornaliere (120 treni/giorno).

  8. 2] Dimensione della domanda soddisfatta La variabile assunta: passeggeri km trasportati in questo caso particolare si è assunta la coincidenza tra macro e micro criterio (4), in quanto unico dato significativo di confronto utilizzabile sulla base delle simulazioni di domanda effettuate • Valori soglia: • Inferiore: dato inerziale al 2020, assumendo realizzati i soli interventi già programmati ed avviati sul sistema di trasporto al 2004 (3.190 milioni di passeggeri*km/anno); • Superiore: il numero di passeggeri km previsti sulla linea AV Roma-Bologna al 2020.

  9. 3] Sostenibilità ambientale La variabile assunta: valore di sintesi rappresentativo del grado di interferenza delle alternative sul territorio (sulle risorse a valenza naturale, antropica, paesaggistica, urbanizzata, economica). La funzioni è da minimizzare. Valori soglia: • Inferiore: valore assunto pari a 0, caso di non interferenza alcuna del tracciato con la risorsa in esame; • Superiore: valore assunto pari a 100, caso irreale di totale coincidenza del tracciato con la risorsa in esame.

  10.  Microcriteri 5-9 Risorse ambientali Microcriterio 5 - Risorse a valenza naturale Microcriterio 6 - Risorse a valenza antropica (agricola) Microcriterio 7 - Risorse a valenza culturale – paesaggistica Microcriterio 8 - Risorse a valenza urbana – urbanizzata Microcriterio 9 - Risorse a valenza economica Per questi 5 microcriteri sono stati valutati i singoli livelli di interferenza con il territorio. I parametri di misurazione sono stati ricondotti tra 0 e 100 (valori soglia) considerando i km di risorse impattate dalle diverse alternative. Lo zero costituirebbe la situazione di non interferenza.

  11.  Microcriterio 10 - Risparmio energetico La variabile assunta: valutazione dei consumi (kg di combustibile) derivanti dalla circolazione dei veicoli leggeri e pesanti ottenuta dalle simulazioni di domanda (funzione da minimizzare). • Valori soglia: • Inferiore: valore corrispondente ai consumi dei veicoli circolanti all’anno 2002; • Superiore: valore inerziale dei consumi globali al 2020

  12.  Microcriterio 11 - Inquinamento atmosferico La variabile assunta: valore di emissione globale (monossido di carbonio) ad una velocità media di 60 Km/h, per i veicoli leggeri e pesanti (funzione da minimizzare). • Valori soglia: • Inferiore: valore corrispondente alle emissioni stimate per i veicoli circolanti all’anno 2002; • Superiore: valore inerziale delle emissioni globali al 2020.

  13. 4] Aumento disponibilità servizi e attività raggiungibili La variabile assunta: accessibilità territoriale, ovvero valutazione delle alternative in base al maggior o minor numero di attività, servizi familiari, scolastici e sanitari raggiungibili. Per quanto riguarda la valutazione dei singoli microcriteri, di seguito illustrati, in qualche caso le elaborazioni sono state in parte condizionate dalla disponibilità delle informazioni di base. • Valori soglia: • Inferiore: 0, valore determinato quantitativamente dall’esperto territoriale; • Superiore: 100.

  14.  Microcriterio 12 – Spostamenti per motivi di lavoro La variabile assunta: valore assunto proporzionale alla popolazione occupata (funzione da massimizzare). • Valori soglia: • Inferiore: valore della variabile nello scenario inerziale al 2020 (473.576); • Superiore: valore più elevato tra quelli relativi ai progetti in esame(641.613).

  15.  Microcriterio 13 – Servizi alle imprese La variabile assunta: numero di addetti impiegati nei servizi (funzione da massimizzare). • Valori soglia: • Inferiore: valore della variabile nello scenario inerziale al 2020 (158.392); • Superiore: valore più elevato tra quelli relativi ai progetti in esame(218.796).

  16.  Microcriterio 14 – Servizi alle famiglie La variabile assunta: numero di addetti impiegati nel settore commerciale (funzione da massimizzare) • Valori soglia: • Inferiore: valore della variabile nello scenario inerziale al 2020 (87.707); • Superiore: valore più elevato tra quelli relativi ai progetti in esame(128.134).

  17.  Microcriterio 15 - Istruzione (università, altri spostamenti per motivi di studio) La variabile assunta: valutazione del numero di studenti universitari calcolato in base alla percentuale di addetti di fascia alta (funzione da massimizzare). • Valori soglia: • Inferiore: valore della variabile nello scenario inerziale al 2020 (75.168); • Superiore: valore più elevato tra quelli relativi ai progetti in esame(98.112).

  18.  Microcriterio 16 - Incremento dei servizi e offerta residenziale nei sistemi urbani principali La variabile assunta: parametro assunto proporzionale al numero di famiglie di classe A (alta). Funzione da massimizzare. • Valori soglia: • Inferiore: valore della variabile nello scenario inerziale al 2020 (279.307); • Superiore: valore più elevato tra quelli relativi ai progetti in esame(363.200).

  19. 5] Tempi di realizzazione La variabile assunta: anni necessari a completare la singola alternativa nell’ipotesi che le diverse fasi funzionali vengano realizzate in serie. La stima conseguente costituisce un parametro relativo di difficoltà di realizzazione delle diverse alternative. La funzione dovrà minimizzare l’indicatore. • Valori soglia: • Inferiore: 0 (assenza di progetto) • Superiore: parametro più alto in valore assoluto tra quelli relativi ai progetti in esame(58).

  20.  Microcriterio 17 – Tempi di realizzazione intero progetto La variabile assunta: calcolata considerando il tempo di completamento dell’opera proporzionale agli anni necessari alla realizzazione della prima fase funzionale ed alla capacità di investimento annuale di RFI sulla rete AV/AC ( valutata pari a 4 miliardi di euro, valore degli investimenti realizzati per l'AV nel 2004). • Valori soglia: • Inferiore: anni necessari a coprire finanziariamente l’investimento relativo all’alternativa di minor impegno monetario (5 anni); • Superiore: anni necessari alla realizzazione dell’alternativa maggiormente impegnativa (16 anni).

  21. 6] Sostenibilità economico-finanziaria La variabile assunta: costi di realizzazione (mil di €). Il modello dovrà minimizzare la funzione in modo da attribuire valore più vicino ad 1 all’alternativa meno costosa. • Valori soglia: • Inferiore: costo di realizzazione di una linea ferroviaria a doppio binario di lunghezza pari alla più breve delle alternative di progetto in condizioni orografiche e geologiche semplici (7.000 milioni di €); • Superiore:valore dell’alternativa più costosa (pari a 28.483 milioni di €).

  22.  Microcriterio 18 – Costi complessivi di investimento La variabile assunta: impegno monetario valutato per le diverse alternative (funzione da minimizzare). • Valori soglia: • Inferiore: valore corrispondente al non intervento ovvero investimento nullo; • Superiore: valore corrispondente all’alternativa più costosa (28.483 mil di €).

  23.  Microcriterio 19 – Costi complessivi di gestione (RFI e società di trasporto) La variabile assunta: valutazione dei costi di gestione (mil €/anno) sulla base delle simulazioni effettuate nello studio della domanda (funzione da minimizzare). • Valori soglia: • Inferiore: valore inerziale al 2020; • Superiore: valore corrispondente all’alternativa più impegnativa.

  24.  Microcriterio 20 – Bilancio ricavi/costi per gli operatori ferroviari La variabile assunta: valutazione del rapporto ricavi/costi ottenuto delle simulazioni effettuate nello studio del progetto di esercizio e della domanda (funzione da massimizzare). • Valori soglia: • Inferiore: valore leggermente più prudenziale (1,38) rispetto alla stima effettuata negli studi trasportistici per lo scenario inerziale al 2020; • Superiore: valore corrispondente alle condizioni più favorevoli delle linee attualmente in esercizio.

  25. 7] Impatto economico La variabile assunta: valore aggiunto generato in fase di cantiere e di esercizio (mil di €). La funzione dovrà essere massimizzata dal modello, il progetto che produce un maggior valore aggiunto avrà valore uguale a 1. • Valori soglia: • Inferiore: 0 (assenza di investimento) • Superiore: 26.309 milioni di €, valore massimo tra le alternative considerate.

  26.  Microcriterio 21 – Valore aggiunto e occupazione in fase di cantiere La variabile assunta: valutazione dello sviluppo economico, in termini di valore aggiunto (mil di €), indotto dalla fase cantieristica dell’opera (funzione da massimizzare). • Valori soglia: • Inferiore: valore nullo, corrispondente alla situazione di non intervento; • Superiore: valore corrispondente all’alternativa che genera maggior valore aggiunto (23.623 mil €).

  27.  Microcriterio 22 – Valore aggiunto e occupazione in fase di esercizio La variabile assunta: valutazione dello sviluppo economico, in termini di valore aggiunto, indotto dalla nuova opera (funzione da massimizzare). • Valori soglia: • Inferiore: valore nullo, corrispondente alla situazione di non intervento; • Superiore: valore corrispondente all’alternativa che genera maggior valore aggiunto (2.677 mil €).

  28.  Microcriterio 22 – Valore aggiunto e occupazione in fase di esercizio La variabile assunta: valutazione dello sviluppo economico, in termini di valore aggiunto, indotto dalla nuova opera (funzione da massimizzare). • Valori soglia: • Inferiore: valore nullo, corrispondente alla situazione di non intervento; • Superiore: valore corrispondente all’alternativa che genera maggior valore aggiunto (2.677 mil €).

  29. La valutazione dell’importanza relativa dei criteri: i pesi Indicatori possono essere percepiti in maniera differente a seconda: • delle competenze personali, • del livello di istruzione, • di informazione. Stima dei pesi attribuiti dalla collettività Questionario decisori politici intervista diretta “popolazione” questionario on-line i risultati sono stati poi elaborati mantenendo tale distinzione

  30. I risultati aggregati dei questionari In entrambi i casi si è costruita una scala univoca operando la media aritmetica dei valori attribuiti nei singoli questionari. La sintesi delle interviste ai decisori La sintesi delle interviste via internet

  31. L’elaborazione dei microcriteri media aritmetica ricalibrazione dei valori così determinati come percentuale relativa in relazione alla macrocategoria di appartenenza: 100% = votazione assunta dal macrocriterio di appartenenza 0% = valore del macrocriterio immediatamente successivo nella scala precedentemente costruita.

  32. Sensibilità dei diversi macrocriteri (con peso =1 al criterio in esame)

  33. Importanza relativa dei diversi macrocriteri

  34. La funzioni di utilità Procedura di determinazione delle funzioni di utilità: per a>0 per a<0

  35. I. Analisi multicriteri aggregata Il progetto migliore risulta essere il Corridoio 1 – Tirrenico con valore della funzione di utilita' pari a 0,42(tra 0 e 1).Nella valutazione della stabilità della soluzione individuata influisce il numero di variazioni dei pesi che vengono imposte al programma (numeri di variazioni imposte pari di volta in volta, a 10, 100, 1000, 5000, 10.000); nell’analisi eseguita l’alternativa tirrenica risulta essere il progetto migliore nel 100% dei casi Il progetto migliore risulta essere ancora il Corridoio 1 – Tirrenico con valore della funzione di utilita' pari a 0,44 (tra 0 e 1).Anche in questo caso l’alternativa tirrenica risulta essere il progetto migliore nel 100% dei casi.

  36. Sensibilità dei diversi microcriteri

  37. II. Analisi multicriteri disaggregata Il progetto migliore risulta essere anche in questo caso il Corridoio 1 – Tirrenico con valore della funzione di utilita' pari a 0,33 (tra 0 e 1). Nel 100% dei casi. Il progetto migliore risulta essere nuovamente il Corridoio 1 – Tirrenico con valore della funzione di utilita' pari a 0,35 (tra 0 e 1). Nel 100% dei casi. Il progetto migliore secondo in graduatoria risulta essere il Tirrenico Jonico.

  38. III. Analisi multicriteri disaggregata modificando i valori soglia Per ottenere una pura classifica delle alternative di studio si sono modificati i valori nel modo seguente: la soglia inferiore diventa, per ogni microcriterio, il valore più basso dei 5 in esame la soglia superiore diventa il dato più alto. Il progetto migliore risulta essere SEMPRE il Corridoio 1 – Tirrenico con valore della funzione di utilità pari a 0,55 (tra 0 e 1). Nel 100% dei casi. Il progetto migliore risulta essere per l’ennesima volta il Corridoio 1 – Tirrenico con valore della funzione di utilità pari a 0,55 (tra 0 e 1). Nel 100% dei casi. NB. Il valore della F ut del progetto che risulta ottimo rimane ancora ben distante (0,55) da 1 >> nessuna delle alternative considerate riesce ad ottimizzare l’insieme degli obiettivi considerati nemmeno rendendo interni al progetto i valori soglia.