slide1 l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
I temi della sicurezza e dell’ambiente e i l D.Lgs.231/01 A spetti gestionali Criticità O pportunità Ing. Bruno Gi PowerPoint Presentation
Download Presentation
I temi della sicurezza e dell’ambiente e i l D.Lgs.231/01 A spetti gestionali Criticità O pportunità Ing. Bruno Gi

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 56

I temi della sicurezza e dell’ambiente e i l D.Lgs.231/01 A spetti gestionali Criticità O pportunità Ing. Bruno Gi - PowerPoint PPT Presentation


  • 104 Views
  • Uploaded on

I temi della sicurezza e dell’ambiente e i l D.Lgs.231/01 A spetti gestionali Criticità O pportunità Ing. Bruno Giuseppe Soracco Anno 2012/2013. IL DECRETO 231/01 E LA SUA EVOLUZIONE. IL MODELLO NELLA GESTIONE DELLA SICUREZZA E AMBIENTE.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'I temi della sicurezza e dell’ambiente e i l D.Lgs.231/01 A spetti gestionali Criticità O pportunità Ing. Bruno Gi' - eavan


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

I temi della sicurezza e dell’ambiente

e

il D.Lgs.231/01

  • Aspetti gestionali
  • Criticità
  • Opportunità

Ing. Bruno Giuseppe Soracco Anno 2012/2013

slide2

IL DECRETO 231/01 E LA SUA EVOLUZIONE

IL MODELLO NELLA GESTIONE DELLA SICUREZZA

E AMBIENTE

STRUMENTI DI SUPPORTO AL MODELLO 231

ORGANISMO DI VIGILANZA

MODELLO ESIMENTE

231 01 disciplina

Il D. Lgs.

Disciplina la responsabilità amministrativa delle imprese per fatti dipendenti da reati commessi nell’interesse dell’impresa stessa

Questa responsabilità diretta si aggiunge, senza sostituirsi,

a quella delle persone fisiche che hanno commesso il fatto

231/01: Disciplina

slide5

231/01: i principali reati

I FASE - Inizialmente circoscritta…

  • ai reati ed illeciti nei rapporti tra pubblico e privato,
  • all’indebita percezione di finanziamenti,
  • alla corruzione.

II FASE - Estesa a…

  • reati societari e finanziari,
  • falso in bilancio…
slide6

231/01: i principali reati (2)

III FASE - Con il D. Lgs 123/07, l’Art 25 septies introduce nel 231:

  • reati di omicidio colposo e lesioni colpose gravi e gravissime… commessi in violazione ..delle norme antinfortunistiche e sulla tutela dell’igiene e della salute sul lavoro……..
slide7

231/01: i principali reati (3)

IV FASE - Il D.Lgs.121/011, entrato in vigore il 16/8/11, tratta all’art.2 della modifica dell’habitat ed inoltre inserisce nel 231/07:

  • L’art.25 dieces: «Induzione a non rendere dichiarazioni mendaci»
  • L’art.25 undecies: i reati ambientali specificatamente per i settori:
  • dei rifiuti,
  • degli scarichi industriali liquidi e gassosi ,
  • in materia di bonifiche
slide8

231/01: i principali reati (4)

Concludendo:

  • le imprese saranno punibili anche in via amministrativa per i reati ambientali dal

18/8/2011,

  • per i reati a carattere permanente (gestione discarica non autorizzata, omessa bonifica di sito contaminato...) dall’inizio del reato se la sua permanenza si è protratta oltre il 15/8/011.
slide9

231/01: gli aspetti sanzionatori

E’ prevista una sanzione pecuniaria per quote da 100 a1000

  • L’importo di una quota va da un minimo di 258 euro ad un massimo di 1549 euro in funzione della gravità del reato e delle capacità economiche dell’azienda.
  • Ci sono poi le condizioni per ridurre a metà la sanzione (l’azienda non ha ricavato vantaggi ecc..) da 1/3 alla metà se è stato risarcito il danno o l’azienda ha reso operativo un modello di gestione adeguato. Nel caso concorrano le due situazioni descritte la riduzione passa dalla metà ai 2/3.
slide10

231/01: gli aspetti sanzionatori (2)

Le sanzioni interdittive

  • Interdizione dall’esercizio dell’attività
  • Sospensione o revoca delle autorizzazioni
  • Divieto di contrattare con la pubblica amministrazione
  • Esclusione da agevolazioni, finanziamenti
  • Divieto di pubblicizzare beni o servizi

Confisca

Pubblicazione della sentenza

slide11

231/01: la responsabilità amm.tiva

L’art. 5 fissa i criteri:

  • L’enteè responsabile per i reati commessi nel suo interesse o a suo vantaggio:

a) da persone che rivestono funzioni di rappresentanza, di amministrazione o di direzione dell’ente o di una sua unità organizzativa dotata di autonomia finanziaria e funzionale nonché da persone che esercitano, anche di fatto, la gestione e il controllo dello stesso;

slide12

231/01: la responsabilità amm.tiva (2)

b) Da persone sottoposte alla direzione o alla vigilanza di uno dei soggetti di cui alla lettera a).

Pertanto la persona fisica che, nell’ambito delle proprie competenze societarie, agisce nell’interesse o a vantaggio dell’ente opera come organo e non come soggetto distinto rispetto all’ente….

2) L’entenon risponde se:

  • Non ha tratto vantaggio dalla commissione del reato
  • le persone indicate nel comma 1 hanno agito nell’interesse proprio o di terzi
slide13

231/01: la responsabilità amm.tiva (3)

La responsabilità amministrativa

difetto di organizzazione

  • L’ Art. 6 e l’Art 7 prevedono una forma di esonero dalle responsabilità se l’ente dimostra:
  • Di aver adottato ed efficacemente attuato..’’ modelli di organizzazione, gestione e controllo, idonei a prevenire la realizzazione dei reati considerati’’.
  • È previsto altresì un ‘’Organismo di Controllo ’’ (O. d. V.) con il compito di vigilare sul funzionamento, osservanza e aggiornamento del modello.
slide14

231/01: il modello di riferimento

  • Individuare le attività nel cui ambito possono essere commessi i reati
  • Prevedere specifici protocolli e procedure utili a prevenire la commissione dei reati

Il modello

deve rispondere alle seguenti esigenze

  • Individuare modalità di gestione delle risorse finanziarie per prevenire la commissione dei reati
  • Prevedere obblighi di informazione nei confronti dell’organismo deputato a vigilare sul funzionamento, osservanza e aggiornamento del modello (O.d.V.)
  • Disporre di un sistema disciplinare idoneo a sanzionare il mancato rispetto di quanto indicato dal modello
slide15

231/01: il modello di riferimento (2)

  • Una analisi della attività aziendale

PLAN

  • Un organigramma adatto alla struttura societaria con relativo statuto, organigramma funzionale, deleghe e mansioni

Il modello

deve

contenere

  • La mappatura dei rischi
  • L’individuazione delle soluzioni e delle forme di monitoraggio e controllo
  • La tracciabilità dei dati e delle operazioni
  • Un codice etico e un sistema disciplinare applicato
  • Processi affidabili e formazione adeguata

DO

CECK

  • Un organismo di vigilanza

ACT

  • Relazioni di consuntivazione ed aggiornamento
i processi principi generali
I Processi: principi generali

Una delle tante definizioni di processo:

«Sequenza di attività logicamente correlate che, attraverso l’impiego di risorse umane economiche e strumentali, raggiungono l’obiettivo prefissato»

Cit. *******

slide18

I Processi: meccanismo di gestione

VINCOLI

INPUTOUTPUT

RISORSE

trasformazione

slide20

I Processi: sviluppo e integrazione

  • Le ISO 9001/08
  • Le ISO 14001/ 04 Regolamenti volontari
  • Le OHSAS 18001/07
  • Le SA 8000/2001

Sistema di gestione integrato (SGI)

B.S. PAS 99

slide21

I Processi: sistema di gestione integrato

Miglioramento continuo

act

Politica

Riesame direzione

QUALITA’

SICUREZZA

AMBIENTE

CODICE ETICO

plan

check

Controlli delle attività e

Azioni correttive

Pianificazione

Atività

do

slide23

Attuazione dei processi: Il modello di gestione della sicurezza in azienda: Art. 30 D.Lgs.81/08

1) Il modello di organizzazione e di gestione idoneo ad avere efficacia esimente della responsabilità amministrativa delle persone giuridiche, delle società e delle associazioni […] deve essere adottato ed efficacemente attuato, assicurando un sistema aziendale per l'adempimento di tutti gli obblighi giuridici relativi:

a) al rispetto degli standard tecnico-strutturali di legge relativi a attrezzature, impianti […]b) alle attività di valutazione dei rischi […]

….

slide24

Attuazione dei processi: Il modello di gestione della sicurezza in azienda: Art. 30 D.Lgs.81/08 (2)

2) Il modello organizzativo e gestionale di cui al comma 1 deve prevedere idonei sistemi di registrazione dell'avvenuta effettuazione delle attività di cui al comma 1.

3) Il modello organizzativo deve in ogni caso prevedere, […]un'articolazione di funzioni che assicuri le competenze tecniche e i poteri necessari per la verifica, valutazione, gestione e controllo del rischio, nonché un sistema disciplinare idoneo[…]

4) Il modello organizzativo deve altresì prevedere un idoneo sistema di controllo sull'attuazione del medesimo modello e sul mantenimento nel tempo delle condizioni di idoneità delle misure adottate […]

slide25

Attuazione dei processi: Il modello di gestione della sicurezza in azienda: Art. 30 D.Lgs.81/08 (3)

5) In sede di prima applicazione, i modelli di organizzazione aziendale definiti conformemente alle Linee guida UNI-INAIL per un sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro (SGSL)

5)-bis. La commissione consultiva [..] elabora procedure semplificate per la adozione e la efficace attuazione dei modelli di organizzazione e gestione della sicurezza nelle piccole e medie imprese.[..]

(comma introdotto dall'articolo 20 del d.lgs. n. 106 del 2009)

INAIL - LINEE DI INDIRIZZO SGSL – MPI Per l’implementazione di Sistemi di Gestione per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro nelle Micro e Piccole Imprese

6) L'adozione del modello [..] nelle imprese fino a 50 lavoratori rientra tra le attività finanziabili ai sensi dell’articolo 11..

slide26

Attuazione dei processi: Il modello di gestione della sicurezza in azienda: Art. 30 D.Lgs.81/08 (3)

…concludendo:

L’art.30pone le basi per escludere la responsabilità dell’azienda se:

  • Esiste un modello di gestione…(OHSAS 18001 o linee di indirizzo SGSL-MPI, INAIL .)
  • Il modello esimente è applicato, ciò comporta anche l’effettività delle deleghe e l’obbligo di vigilanza del Datore di lavoro è attuato efficacemente.
slide27

Attuazione dei processi: Il modello di gestione della sicurezza in azienda: Art. 30 D.Lgs.81/08 (4)

  • valutazione dei rischi,
  • doc valutazione rischi,
  • deleghe e sub deleghe,
  • S.G.S.S.L.
  • vigilanza e controllo,
  • aggiornamento continuo.

« Complesso della struttura di uomini e mezzi organizzata»

Assetto organizzativo

Norma

giuridica

Definizione ruoli organizzativi

slide28

Attuazione dei processi: Il modello di gestione dell’ambiente in azienda

L’attività

di una azienda dà origine ad aspetti ambientali…

…che creano impatti ambientali sul territorio…

L’autorizzazione è a tempo ed evolve con l’attività

...gli aspetti ed impatti ambientali sono oggetto di autorizzazione da parte degli Enti preposti ….

slide29

Attuazione dei processi: Il modello di gestione dell’ambiente in azienda (2)

AZIENDA

Reg. europei

Leggi nazionali

Leggi Regionali

Autorizzazione ambientale

Attività…

aspetti ambientali

Province

Territorio……..

impatti ambientali

ISPRA e Agenzie Regionali

Reg. Comunali

slide31

Attuazione dei processi e le autorizzazioni ambientali (2)

E’ un documento che in base ai processi aziendali ed ai conseguenti aspetti ed impatti ambientali e alla normativa di riferimento…

RIPORTA

  • I criteri di autocontrollo dell’azienda….
  • Tutto ciò che sarà oggetto di controllo da parte dell’ente preposto (processi, aspetti, impatti…..
  • Modalità e frequenze di controlli e autocontrolli
slide33

Attuazione dei processi e le autorizzazioni ambientali (4)

In conclusione:

L’autorizzazione ambientale rappresenta il documento di interfaccia tra la parte pubblica e privata e al pari del D.V.R. per la sicurezza, costituisce l’elemento di riferimento attorno al quale è costruito, opera e si aggiorna il sistema di gestione ambientale in azienda …pertanto…

slide34

Attuazione dei processi e la valutazione dei rischi

D.V.R.

S.G.S.

A.I.A.

S.G.A.

  • Definizione linee guida,
  • Processo di valutazione,
  • Monitoraggio,
  • Aggiornamento dei rischi
slide35

Attuazione dei processi, i soggetti responsabili e le deleghe di funzioni

SOCIETA’ DI PERSONE

La responsabilità incombe su ciascun socio

SOCIETA’ DI CAPITALI

Deve essere individuato il soggetto che per statuto, regolamento o per delega di funzioni è tenuto all’adempimento

slide36

Attuazione dei processi, i soggetti responsabili e le deleghe di funzioni (2)

  • Conferita da soggetto dotato dei poteri/obblighi da delegare
  • Rilasciata in forma scritta e data certa
  • Contenente in forma esplicita i compiti delegati
  • Attribuzione al delegato dei poteri gestori
  • Accettazione da parte del delegato
  • Conferita a soggetto idoneo, preparato ed in grado di adempiere
  • Senza ingerenze da parte del delegante
slide37

Attuazione dei processi, i soggetti responsabili e le deleghe di funzioni (3)

In particolare…

  • Mentre per il tema della sicurezza la delega trova sua piena applicazione con l’entrata in vigore del D.Lgs.81/08…
  • Nel T.U.A. D.Lgs.152/06 non viene esplicitato niente…

Si conferma pertanto che la delega non costituisce uno strumento organizzativo che deresponsabilizza la società

ma un centro di imputazione di obblighi

e pertanto occorre mantenere un controllo sul soggetto delegato e sulle persone a lui sottoposte.

slide39

Strumenti a supporto del modello 231

Elementi di Criticità?

informazione

Ambiente e sicurezza

Sistemi informativi

slide40

Strumenti a supporto del modello 231 (2)

Sistemi informatici

Elementi di Criticità?

Formazione e aggiornamento professionale

Aggiornamento modello

slide43

L’Organismo di vigilanza: le attività

  • Disamina sulla reale adeguatezza del modello applicato a prevenire i reati

(plan)

  • Vigila sull’effettività del modello nella sua attuazione,

(do)

  • Verifica nel tempo della sua validità

(check)

  • Supporto all’aggiornamento del modello se necessario

(act)

slide44

L’Organismo di vigilanza: relazioni

Controllo interno

Controllo di gestione

Internal auditing

Alta direzione

Società di revisione

Responsabile SGA, SGS, SGI

Collegio sindacale

slide45

L’Organismo di vigilanza e il controllo interno

Il C.I. garantisce il rispetto di…

…e in fase di redazione del bilancio contribuisce

Leggi e regolamenti

Norme fiscali assistenziali e previdenziali

Norme statutarie

Alla prevenzione e valutazione dei rischi di impresa

slide46

L’Organismo di vigilanza, il C.S e C.R ante 231

Art.150 d.lgs.58/98

Collegio sindacale

Società di revisione

Norme comportamentali

Controllo Interno…

‘’Coloro che sono proposti al…’’

slide47

L’Organismo di vigilanza: oggi

Elemento indispensabile: la messa a processo del flusso dei dati e delle informazioni

slide48

L’Organismo di vigilanza e l’esimente

Se l’ODV non viene istituito , non funziona a dovere, o il modello non è adeguato

L’esimente

previsto dall’art. 6(soggetti apicali) o dall’art.7(soggetti sottoposti alla direzione) non può essere riconosciuto .

slide51

Il modello esimente: organizzazione su due livelli (2)

  • Il primo livello è costituito dalla struttura operativa possibilmente organizzata secondo i criteri di cui alle ISO9001, ISO14001, e OHSAS 18001.
  • Il secondo livello è strutturato per gestire obiettivi di conformità finalizzati ad assicurare che l’ente abbia adottato il modello e lo applichi adempiendo a tutti gli obblighi giuridici.
slide52

Conclusioni

Il modello esimente è un sistema composto, il quale:

  • Soddisfa i requisiti dei decreti:

123/07

121/011

231/01

slide53

Conclusioni (2)

Il governo delle operazioni di business

  • Accresce:

La reputazione

e

l’immagine dell’azienda

I livelli di protezione degli assets aziendali

L’affidabilità dei dati contabili

e

gestionali

Il presidio dell’ambiente della sicurezza

e

della salute

slide54

Conclusioni (3)

  • Crea:

«IL SISTEMA DI AZIENDA»

slide55

Conclusioni (4)

Non deve costituire un puro adempimento, ma un sistema da perfezionare ed aggiornare nel tempo

  • Se il modello esiste

È per scelta consapevole dopo opportuna valutazione e comparazione dei rischi e dei costi

(modello sì modello no )

  • Se il modello non esiste

E’ stata sottovalutata l’importanza del problema ed allora occorre fare una giusta riflessione….

slide56

GRAZIE

PER

L’ATTENZIONE

Ing. Bruno Giuseppe Soracco