l occhio n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
L’occhio PowerPoint Presentation
Download Presentation
L’occhio

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 22

L’occhio - PowerPoint PPT Presentation


  • 294 Views
  • Uploaded on

Occhio e simbologia. L’occhio. Occhio nella Bibbia. Occhio nella letteratura. Occhio nei proverbi. Occhio nell’arte. Occhio e la macchina fotografica. Ci sono simboli che, anche in differenti culture e religioni, rivestono significati riconducibili a comuni denominatori :

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'L’occhio' - duman


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
l occhio

Occhio e simbologia

L’occhio

Occhio nella Bibbia

Occhio nella letteratura

Occhio nei proverbi

Occhio nell’arte

Occhio e la macchina fotografica

slide2

Ci sono simboli che, anche in differenti culture e religioni, rivestono significati riconducibili a comuni denominatori:

IlSOLEè simbolo di divinità.

Il FUOCOdi passione, di potenza creatrice o, al contrario, distruttrice.

L’OCCHIOdi vigilanza o di conoscenza.

slide3

L’occhio, organo della percezione sensibile, è universalmente simbolo della percezione intellettuale.

L’occhio fisico ha la funzione di ricettore della luce.

L’occhio del cuore riceve la luce spirituale: è l’uomo che vede Dio e Dio che vede l’uomo.

I due occhi si identificano, in alcune antiche culture, con i due astri luminosi:

il sole e la luna.

L’occhio destro corrisponde al Sole, al fuoco, all’origine del cosmo, alla forma, all’attività, al futuro, all’essenza, alla conoscenza intuitiva immediata, allo spirito, al cuore, al profeta, al maschile, al padre, al maschio.

L’occhio sinistro corrisponde alla Luna, all’acqua, alla materia, alla passività, al rinnovamento ciclico, alla sostanza, alla conoscenza riflessiva, all’anima, al cervello, allo specchio che riflette, al femminile, alla madre, alla femmina.

L’occhio della fronte o terzo occhio è la percezione unificante, la visione sintetica; il suo sguardo riduce tutto in cenere; esprime il presente senza dimensioni, è l’occhio della conoscenza, posto al limite fra unità e molteplicità.

slide4

L’occhio unico è simbolo dell’essenza e della conoscenza divina,

è l’occhio divinoche vede tutto e da cui emana la luce e la vita.

I saggi dell’antichità avevano definito gli occhi come finestre dell’anima.

In realtà ci rivelano anche il nostro stato di salute fisica, le nostre emozioni,

i nostri tratti caratteriali, la personalità e persino i pensieri.

Gli occhi contengono le immagini del corpo,della mente e rappresentano un riflesso dello spirito;

con gli occhi vediamo il mondo esterno, ma se guardiamo negli occhi una persona, possiamo vedere anche il riflesso della sua anima.

(Da un’intervista al fisico prof. Andrei Frolov)

l occhio nella bibbia l occhio di dio
L’OCCHIO NELLA BIBBIAL’OCCHIO DI DIO

Il tema dell’occhio di Dio è il tema del giudizio delle azioni umane che non restano nascoste ed ingiudicate di fronte agli occhi del creatore.

Dr 6,18: “fate quel che è giusto e buono agli occhi del Signore…”

Salmo 34,16: “il Signore tiene gli occhi sopra i giusti e alle suppliche loro poggia

ascolto ”

Is 1,5: “quando voi stendete le vostre mani, distolgo da voi i miei occhi

anche se voi moltiplicate le preghiere, io non le ascolto, le vostre

mani sono piene di sangue”

Gb 36,7: “ Dio non toglie gli occhi dai giusti”

· Tema dell’occhio è il tema della provvidenza divina. Il popolo di Dio è paragonato alla

pupilla dell’occhio: Dio ne ha cura in modo particolare.

Dt 32,10: “ lo custodì come pupilla del suo occhio”

Pr 7,2: “ il mio insegnamento sia come la pupilla dei tuoi occhi ”

slide6

Gen 6,8: “ ma Noè trovò grazie agli occhi del Signore ”

  • Salmo 32,8: “ ti farò esperto, ti insegnerò la via, terrò su di te gli occhi miei ”
  • Salmo 121,1: “ io levo i miei occhi verso i monti: dove mi verrà il soccorso ”
  • Salmo 145,15: “ gli occhi di tutti a te sono rivolti e tu fornisci a loro l’alimento ”
  • Secondo libro delle cronache 20,12: “non sappiamo che fare: a te sono rivolti i
  • nostri occhi ”
  • · Tema correlato al primo è la responsabilità dell’uomo di fronte agli “occhi di Dio”
  • In vari passi infatti si usa l’espressione “fare ciò che è male agli occhi del Signore”
    • Pr 22,9: “chi ha l’occhio generoso sarà benedetto”
    • Pr 30,17: “l’occhio che schernisce il padre e disprezza l’età di sua madre, sia
      • cavato dai corvi della valle e lo divorino i figli dell’aquila”
  • ·Occhio di Dio significa anche onniscienza di Dio …nell’Apocalisse Dio è l’essere
  • luminoso più del sole. I suoi occhi sono inoltre 7 e scrutano tutta la terra…
  • Gli occhi del Signore custodiscono la scienza. Lo sguardo di Dio è il criterio di verità
  • dell’uomo che prova la fatica e la confusione nello scrutare il mondo.
    • Zc 4,10: “ le 7 lucerne rappresentano gli occhi del Signore”
    • Ap 5,6: “ l’Agnello aveva 7 occhi”
    • Pr 15,3: “ in ogni luogo sono gli occhi del Signore”
    • Pr 5,21: “ gli occhi del Signore osservano le vie dell’uomo”
    • Pr 22,12: “ gli occhi del Signore proteggono la scienza”
    • Sir 39,19: “ non è possibile nascondersi ai suoi occhi”
l occhio dell uomo
L’OCCHIO DELL’UOMO
    • Riferimento spirituale dell’occhio: esso è detto lucerna del corpo da parte di Gesù stesso.
    • Parlare di occhio è parlare dell’interiorità dell’uomo(Mt 6,22 ss). Parlare di occhio dell’uomo è parlare delle sue intenzioni (es. Pr 22,9). Occhio diventa semplicemente sinonimo di spirito in molti passi…per questo, secondo la Bibbia, un uomo lo si può giudicare dagli occhi…
  • Ab 1,13: “ tu dagli occhi così puri che non puoi vedere il male”
  • Salmo 101,5: “chi ha occhi altezzosi non lo potrò sopportare”
  • Pr 30,13: “ una genia dagli occhi alteri e dalle palpebre accigliate”
  • Cn 6,5: “ tu mi rapisti il cuore con uno sguardo”
  • · Occhio è immagine del desiderio dell’uomo, spesso senza misura (salmo 119,82..)
  • per questo l’occhio è detto mai sazio in proverbi 27,20 o Qo 1,8 …
  • Sir 40,22: “ l’occhio desidera grazia e bellezza”
  • Gdt 16,9: “ il suo sandalo rapì il suo occhio e la sua bellezza imprigionò la sua anima”
  • Sir 14,9: “ l’occhio dell’avaro non si accontenta”
  • Pr 28,22: “ l’uomo dall’occhio cupido è impaziente di arricchire”
slide8

2Pt 2,14: “ hanno gli occhi pieni della donna adultera e insaziabili di peccati

      • adescano le anime vacillanti, hanno il cuore esercitato alla cupidigia, son figli di maledizione”.
  • ·Occhio nella Bibbia è immagine della creaturalità e di vita dell’uomo: è Dio che ha
    • creato gli occhi di questo (Es salmo 94)
    • Salmo 123,2: “ a te devo i miei occhi, o Tu che siedi nei cieli”
    • Salmo 135,16: “ gli idoli non hanno l’uso degli occhi per vedere”
    • Pr 20,12: “ l’orecchio ode e l’occhio vede, ma l’uno e l’altro son fatti da Dio”
    • Numerosi sono i verbi che vengono associati agli occhi dell’uomo:
  • ·Occhi che si aprono(vedere, scoprire, nascere, accompagnamento del Signore…)
  • Tobia 11,13: “ ti vedo figlio mio, luce dei miei occhi”
  • Giobbe 42,5: “ per udito avevo saputo di te, ma ora l’occhio mio ti ha visto”
  • Isaia 52,8: “ vedono coi loro occhi il ritorno del Signore a Sion”
  • Isaia 64,3: “ nessun occhio ha mai visto nessun Dio fare tanto”
slide9

Proverbi 4,25: “ i tuoi occhi guardino in avanti e i tuoi sguardi siano rivolti ai

passi”

Proverbi 3,21: “ figlio mio, conserva il consiglio e la prudenza, né s’allontanino.

·Occhi che si chiudono(umiltà dell’uomo, morire, ignorare, fatica dell’uomo…)

Gb 22,29: “ Dio soccorre chi ha gli occhi bassi”

Gen 46,4: “ Giuseppe ti chiuderà gli occhi”

Lc 24,16: “ i loro occhi erano incapaci di riconoscerlo”

Pr 28,27: “chi chiude gli occhi, avrà grandi maledizioni”

·Occhi che lacrimano(tema del dolore)

Gb 17,7: “ si offusca per il dolore il mio occhio”

Salmo 6,8: “ i miei occhi si consumano nel dolore”

Salmo 119,136: “ fiumi di lacrime mi scendono dagli occhi”

Ap 21,4: “ tergerà ogni lacrima dai loro occhi”

slide10

· Occhi malati(immagine del limite dell’uomo..vecchiaia, morte)

Gen 27,1: “ gli occhi di Isacco si erano indeboliti”

Salmo 38,11: “ si spegne la luce dei miei occhi”

1Gv 2,11: “ le tenebre hanno accecato i suoi occhi”

· Occhio strizzato(inganno dell’uomo..)

Pr 16,30: “ chi socchiude gli occhi medita inganni”

Pr 10,10: “chi chiude un occhio, causa dolore”

Sir 27,22: “ chi ammicca con l’occhio trama il male”

·Occhi che si pongono su..(tema della protezione e del vegliare..)

Nm 10,31: “ sarai per noi come gli occhi”

1Re 8,29: “ siano aperti i tuoi occhi verso questa casa”

1Re 8,52: “ siano attenti i tuoi occhi alla preghiera”

l occhio nella letteratura
L’OCCHIO NELLA LETTERATURA

Da sempre lo sguardo di una donna è stato cantato dai poeti, come espressione dell’anima e “veicolo d’amore”.

Autore: Guido Cavalcanti 1259/1300

Titolo: Chi è questa che ven…

“…Deh!, che rassembla quando liL’autore vede lo sguardo delladonna

occhi gira…”e ne rimane rapito.

Autore: Dante Alighieri1265/1321

Titolo: Ne li occhi porta la mia donna amore

“Ne li occhi porta la mia donna amore,L’autore dice che la sua donna portal’amore

per che si fa gentil ciò ch’ella mira…”nello Sguardo, perciò tutto ciò che osserva

diventa nobile.

Autore: Dante Alighieri 1265/1321

Titolo: Tanto gentile e tanto onesta pare

“Mostrasi si’ piacente a chi la mira ,Beatrice si mostra piacevole a chi la guarda

che da per li occhi una dolcezza al core ,e gli occhi trasmettono a chi la vede, una

che’ntender no la può chi non la prova…”dolcezza nel cuore.

slide12

Autore: F. Petrarca 1304/1374

Titolo: Erano i capei d’oro a l’aura sparsi

“...e’l vago lume oltra misura ardeaL’autore è imprigionato dalla luce che gli

di quei begli occhi…”occhi di lei emanano.

Autore:F.Petrarca 1304/1374

Dal Canzoniere

“ Benedetto sia ‘l giorno, e ‘l mese, e l’anno,L’autore benedice il momento e il luogo

e la stagione, e ‘l tempo e l’ora, e ‘l punto,in cui ha incontrato la donna che l’ha

e ‘l bel paese, e ‘l loco ov’ io fui giuntifatto innamorare perdutamente.

da’ duo occhi, che legato m’hanno…”

Autore: A. Poliziano 1454/1494

Titolo: L’apparizione di Simonetta

“..Folgoron gli occhi d’ un dolce sereno,L’autore afferma che negli occhi di

ove sue face tien Cupido ascose…”Simonetta ci sia Cupido che tiene accese

le fiaccole dell’amore.

Autore: Charles Baudelaire 1821/1867

Titolo: A una passante

“…Istupidito bevevo nei suoi occhi vividi diL’autore guarda incantato una passante

tempesta la dolcezza che incanta e il piaceree scopre nei suoi occhi la dolcezza che

che uccide…”incanta e l’intensità che può sconvolgere

slide13

Autore: Vladimir Majakovskij 1839/1930

  • Titolo:Tu“
  • Poi sei venuta tu e t’è bastata un’occhiataAlla donna amata, è bastata un’occhiata
  • per vedere dietro quel ruggito, dietro quellaper capire che dentro l’uomo, c’era
  • corporatura, semplicemente un fanciullo…”un’anima di fanciullo.
  • Autore:Vachel Lindsay 1879/ 1931
  • Titolo: A una ragazza dai capelli d’oro in una città della Louisiana.
  • “...Se il tuo cuore è buonoL’autore spera che la bellezzadegli occhi
  • Come ora i tuoi giovani occhi.”rispecchila purezza del cuore dellaragazza.
  • Autore:Arthur Rimbaud
  • Titolo: Vocali
  • “..O, l’Omega, raggio violetto dei suoiL’Omega è l’ultima lettera dell’alfabeto
  • occhi!”greco e gli occhi della donna amata sono
      • il simbolo del valore supremo nella vita
      • del poeta
  • Autore:David Herbet Lawrence 1885/1930
  • Titolo: Verde
  • “...Lei aprì gli occhi, e gli occhi le Gli occhi di lei sono verdi, luminosi e
  • brillaronoverdi,chiari come dei fiori il poeta li guarda ogni volta incantato
  • per la primavolta sbocciati ed ora paragonandoli a fiori appena sbocciati.
  • per la prima volta veduti.”
slide14

Autore: D. Valeri 1887/1976

Titolo: Giovinetta

“…ma gli occhi grandi, ombrati di viola,Gli occhi di un’adolescente, grandi

raggiati d’oro, limpidi e inscrutabili,ombrati di viola, con riflessi dorati,

son più amari degli occhi della sera.”limpidi e in scrutabili, possono diventare

più cupi della notte.

Autore: U. Saba 1883/1957

Titolo: La fanciulla

“Chi vede te vede una primavera,La fanciulla, come la primavera, porta

uno strano arboscello,che non recasperanza, gioia e alcuni aspetti dell’etàfiori, ma frutta.”matura che si approssima.

Autore: Cesare Pavese 1908/1950

Titolo: Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

“Verrà la morte e avrà i tuoi occhi…Quando negli occhi di lei leggeràil

i tuoi occhi saranno una vana parola,silenzio allora per il poeta,sarà come

un grido taciuto, un silenzio.” morire.

slide15

Autore: G.Papini 1881/1956

Titolo: Viola

“…Par che la terra, rifatta stamaniGli occhi della fanciulla , verdi, puri,

più generosa, più fresca di ierisembrano rispecchiare la bellezza di una

voglia specchiarsi negli occhi silvaninatura incontaminata.

tuoi, risplendenti di casti pensieri.”

Autore: P.Neruda 1904/1973

Titolo: Guglielmina

“…Allora entrò GuglielminaL’autore vede lo sguardo di una ragazza

con due bagliori azzurrie si sente trafiggere.

che mi trafissero i capelli.”

Autore: Pablo Neruda 1904/1973

Titolo: Il tuo sorriso

“…Dura è la mia lotta e torno con glil sorriso della donna amata, è per il

occhi stanchi, a volte, d’aver visto la terrapoeta fonte di serenità e conforto in

che cambia ma entrando il tuo sorrisoogni momento della sua esistenza.

sale al cielo cercandomi…”

l occhio nei proverbi
L’OCCHIO nei PROVERBI
  • Aprire gli occhi.
  • Accorgersi finalmente, scoprire una realtà insospettata, un inganno.
  • Ad occhio e croce.
  • Per dire approssimativamente, circa, in relazione ad una misura o ad un calcolo
  • come se fossero eseguiti con un’occhiata affrettata.
  • Chi al caso si affida prende un cieco per guida.
  • Nella vita bisogna fare delle scelte ma senza affidarsi al caso.
  • Chiudere un occhio.
  • Mostrare indulgenza, far finta di non vedere.
  • Dare un occhio.
  • Guardare, sorvegliare, prestare attenzione.
  • Lacrime d’erede e’ matto chi ci crede.
  • Le lacrime di chi eredita, non sempre indicano il dolore per la scomparsa del
  • parente.
  • La gatta frettolosa fece i gattini ciechi.
  • Quando si fanno cose frettolosamente, va a finire che non si fanno bene.
slide17

L’occhio del padrone ingrassa il cavallo.

  • Occorre sempre vigilare su ciò che si possiede.
  • Nel regno dei cieli anche un guercio è re.
  • Nell’Aldilà i difetti fisici non contano.
  • Non guardare la pagliuzza nell’occhio del tuo vicino, guarda piuttosto la trave

nel tuo.

  • Prima di guardare i difetti degli altri, dovremmo renderci conto dei nostri.
  • Occhio che piange cuore non sente
  • Ognuno è solo con il proprio dolore.
  • Occhio per occhio dente per dente
  • Risarcire qualcuno con qualcosa di equivalente al danno arrecato.
  • Senza denaro non canta un cieco
  • Il denaro serve a tutti.
  • Occhio non vede, cuore non duole

Ciò che accade lontano dalla nostra vista, non ci fa soffrire.

l occhio e l arte
L’OCCHIO e L’ARTE

RUGGERO PIERANTONI

 “L’OCCHIO E L’IDEA” ed. Boringhieri

Illusione e piacere.

Durante l’esplorazione visiva, l’occhio spazza l’immagine sostanzialmente con tre tecniche: un’oscillazione lenta, salti bruschi e veloci e piccole velocissime vibrazioni locali.

Gli studi di Yarbus e altri molto più recenti, mostrano che esiste una sequenza di lettura; una volta iniziata l’esplorazione, l’occhio è relativamente poco libero di seguire i movimenti più svariati, ma finisce per seguire un “itinerario guidato”.

Un dipinto si dice “illusionistico” quando ci suscita l’impressione di aver dinanzi a noi l’oggetto reale e non una sua rappresentazione bidimensionale.

La prima accezione della parola illusione è “inganno”, nel senso che siamo indotti a ritenere di essere alla presenza di un oggetto e non della sua rappresentazione.

Un acino d’uva dipinto sembra vero.

La prospettiva è un formidabile mezzo di unificazione dell’immagine , ben presto però le meraviglie della prospettiva, hanno rivelato tutte le aberrazioni visive cui poteva condurre il metodo, una volta indagato in tutte le sue possibilità e portato alle conseguenze estreme.

slide19

Esemplare il dipinto di Hans Holbein (1497/1543) “ Gli ambasciatori”, nel quale, uno strano oggetto fluttuante sul tappeto, tra i due personaggi, si rivela come un teschio abbastanza macabro, una volta osservato da un punto di vista opportuno.

Si sa, dagli studi della percezione, che i fenomeni della visione sono il risultato di una progressiva interazione tra le facoltà cerebrali-percettive e la luce, ma contrariamente alle superstizioni, vedere è tutt’altro che un fatto naturale; basti pensare ad un solo aneddoto universalmente noto: nel Dicembre del 1895 i fratelli Lumière iniziarono a proiettare i loro primi esperimenti cinematografici al pubblico dei curiosi disposti a pagare un franco, per vedere dieci films, della durata di un minuto, al Gran Café del boulevard des Capucines.

Uno di questi film, “L’arrivée d’un train en gare de la Ciotat”, costrinse il pubblico a nascondersi sotto le sedie, convinto che il treno apparso sullo schermo sarebbe arrivato in sala.

L’altro contesto semantico della parola “illusione” è molto diverso: consiste in un’errata valutazione sia metrica che spaziale di certi enti geometrici che ci vengono proposti.

Nel secondo caso due segmenti di eguale lunghezza sembrano differenti; due cerchi di eguale diametro, opportunamente associati ad altri cerchi, appaiono differenti; segmenti di eguale lunghezza, associati a uno sfondo fortemente scorciato prospetticamente, appaiono di diversa lunghezza.

slide20

In questi casi, l’illusione sembra consistere sostanzialmente nell’errata valutazione di valori metrici (angoli e lunghezze in particolare).

Un’illusione molto semplice e potente è quella della predominanza della direzione verticale su quella orizzontale: due segmenti di eguale lunghezza di cui uno sia verticale e l’altro orizzontale, appaiono diversi e quello verticale nettamente più lungo.

l occhio e la macchina fotografica
L’OCCHIO E LA MACCHINA FOTOGRAFICA

Le origini.

La fotografiasi basa su due principi fondamentali anticamente conosciuti:

unodimostra che alcune sostanze sono sensibili ad alcune lunghezze d’onda della luce,

l’altro dimostra che, quando la luce penetra in una camera oscura o in una scatola attraverso un’apertura, dà un’immagine rovesciata di quello che si trova all’esterno, davanti all’apertura stessa.

Grazie a questi due principi, col progresso della chimica e dell’ottica, si è arrivati alla scoperta della fotografia.

L’occhio è l’organo della vista comel’obiettivo fotografico è il sistema ottico per apparecchi fotografici, costituito da diverse lenti fissate tra loro, destinato a far convergere i fasci luminosi provenienti dal soggetto traguardato, sulla pellicola fotografica retrostante.

Nella retina un oggetto illuminato rimanda i raggi di luce nei nostri occhi; i raggi di luce riflessa proiettano l’immagine capovolta e rimpicciolita sulla retina come, nella macchina fotografica, la camera oscura: una scatola nella quale, attraverso un foro, viene a formarsi l’ immagine rovesciata degli oggetti visibili attraverso il foro stesso, immagine che resta impressa sulla pellicola.

slide22

La palpebra ha la funzione importante di ripulire costantemente la cornea attraverso ghiandole lacrimali, infine la nutre e la protegge.

Il liquido secreto dalla palpebra è costituito dal 98% di acqua e dal 2% di un cocktail di cloro, fosforo, potassio, sodio, idrati di carbonio, acido citrico ed acido ascorbico, così comesulle pellicole fotografiche è depositato uno strato di gelatina in cui sono posti sali d’argento, sotto forma di piccolissimi granuli invisibili a occhio nudo, sensibili alla luce.

Le palpebre, inoltre, servono per regolare l’ entrata della luce.

Sono due pieghe cutanee mobili che, avvicinandosi tra loro, coprono la parte la parte anteriore del globo oculare comel’otturatore nella macchina fotografica che regola la durata dell’ esposizione della pellicola alla luce.

La pupilla è l’orifizio circolare situato al centro dell’iride, attraverso la quale penetrano nell’occhio i raggi luminosi come il diaframma nella macchina fotografica : ha lo scopo di regolare l’apertura dell’obbiettivo e quindi la luminosità in rapporto all’illuminazione del soggetto, alla desiderata profondità di fuoco, al tempo di posa e alla sensibilità della pellicola.