slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Oscilloscopio PowerPoint Presentation
Download Presentation
Oscilloscopio

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 8

Oscilloscopio - PowerPoint PPT Presentation


  • 184 Views
  • Uploaded on

Oscilloscopio. didattico. Liceo Scientifico “ G. Ferraris ” di Taranto : Federica Durante, Francesca Fontanella, Roberto Pacifico, Francesca Pantano, Egidio De Salve, Dario Notarnicola, Luca Cardilli. Obiettivo

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

Oscilloscopio


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Oscilloscopio

didattico

Liceo Scientifico “G. Ferraris” di Taranto: Federica Durante, Francesca Fontanella, Roberto Pacifico, Francesca Pantano, Egidio De Salve, Dario Notarnicola, Luca Cardilli

slide2

Obiettivo

Studiare l’emissione, l’accelerazione e la deflessione di un fascio di elettroni dovuta alla presenza di campi elettrici e magnetici.

Strumenti

Generatore di tensione

Voltmetro

(500V)

Oscilloscopio

Cavi di collegamento

Resistenza

slide3

Elementi dell’oscilloscopio

  • tubo a raggio catodico; 5.anello con tre bobine di deflessione ;
  • catodo incandescente ; 6.schermo fluorescente
  • anodo (disco forato);
  • piastre di deflessione ;

5

3

6

4

2

slide4

_

+

_

+

CatodoAnodo Piastre deflettrici

Procedimento

All’interno del tubo catodico, gli elettroni emessi per incandescenza vengono diretti in un fascio (raggi catodici) per mezzo di un’elevata differenza di potenziale elettrico tra catodo ed anodo. Essendo l’anodo forato, il fascio di elettroni non si arresta ma lo oltrepassa e con l’ausilio dei campi magnetici delle bobine contenute nell’oscilloscopio, applicati alle piastre deflettrici opportunamente disposte, esso viene deviato e visualizzato fuori asse sullo schermo fluorescente.

Schermo

slide5

Forza di Lorentz

Portando il generatore ad un valore di tensione tale da rendere visibile sullo schermo fluorescente il fascio di elettroni emesso dal catodo, il raggio veniva deflesso dall’azione dei campi magnetici mediante l’azione della forza di Lorentz, che è la forza agente su una carica q che si muove con velocità v in presenza di un campo magnetico B e che risulta essere data dalla formula

F = qvxB

La direzione è perpendicolare al piano

individuato dai vettori v e B, mentre

il verso si ottiene mediante la regola

della mano destra, tenendo però conto

del segno della carica. Per tal motivo,

essendo in presenza di elettroni con

carica negativa, bisogna considerare

il verso opposto alla forza di Lorentz 

risultante.

slide6

Collegamento con una bobina

  • Collegando solo la bobina di sinistra alla resistenza, il puntino luminoso proiettato sullo schermo era diretto verso il basso, in accordo con la regola della mano destra: infatti essendo il vettore campo magnetico B uscente dalla bobina e diretto verso l’interno e il vettore velocità v del fascio di elettroni rivolto verso di noi, la forza di Lorentz doveva essere un vettore diretto verso l’alto, ma tenendo conto della carica negativa degli elettroni, esso doveva essere diretto in verso opposto, ovvero verso basso.
  • Collegando, invece, solo la bobina di destra, il puntino luminoso andava verso l’alto, anche in questo caso in accordo con quanto calcolato con la regola della mano destra.
  • Collegando, successivamente, sempre alla resistenza solo la bobina posta in alto, il fascio di elettroni era diretto verso sinistra e anche questo comportamento era in linea con quanto previsto dalla regola della mano destra.
slide7

Collegamento con due bobine

  • Collegando contemporaneamente la bobina posta a sinistra e quella posta a destra, il punto luminoso rimaneva invariato e questo perché la risultante dei due vettori visti in precedenza è il vettore nullo.
  • Collegando la bobina di sinistra e quella posta in alto, il punto luminoso era leggermente spostato in basso a sinistra, in accordo con la regola del parallelogramma tra un vettore diretto verso il basso ed uno diretto verso sinistra.
  • Collegando la bobina di destra e quella posta in alto, il punto era di poco spostato in alto a sinistra, sempre in accordo con la regola del parallelogramma tra un vettore diretto verso l’alto ed uno diretto verso sinistra.
slide8

Collegamento con tre bobine

Collegando tutte e tre le bobine alla resistenza, teoricamente il punto era diretto verso sinistra, in accordo col fatto che il vettore diretto verso l’alto e quello diretto verso il basso si annullano si annullano a vicenda, per cui è come se rimanesse solo la bobina posta in alto; in realtà il punto subiva una minima deflessione dovuta al campo magnetico delle bobine di destra e sinistra.