slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Pellegrini S.p.A. PowerPoint Presentation
Download Presentation
Pellegrini S.p.A.

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 17

Pellegrini S.p.A. - PowerPoint PPT Presentation


  • 152 Views
  • Uploaded on

Pellegrini S.p.A. PRESENTAZIONE PIANO NUTRIZIONALE SCOLASTICO. MODALITA’ OPERATIVE RISTORAZIONE SCOLASTICA.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Pellegrini S.p.A.' - cyma


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Pellegrini S.p.A.

PRESENTAZIONE PIANO

NUTRIZIONALE SCOLASTICO

documento riservato Pellegrini S.p.A.

modalita operative ristorazione scolastica
MODALITA’ OPERATIVERISTORAZIONE SCOLASTICA
  • Uno screening nutrizionale iniziale deve essere effettuato dal Servizio Dietetico della Pellegrini S.p.A. che per primo accoglie il programma. La combinazione di alcuni parametri LARN e il rispetto delle Linee Guida Regionali consente la formulazione di un menù in grado di soddisfare lo stato di nutrizione del bambino .

documento riservato Pellegrini S.p.A.

modalita di valutazione
MODALITA’ di VALUTAZIONE
  • Nell’affrontare l’impostazione dietetica si prende come riferimento l’apporto calorico medio giornaliero suggerito dai L.A.R.N. per maschi e per femmine nella età scolare interessata.(www.sameint.it/all/alimenta/al_nos/larn/fabbiso.htm).

documento riservato Pellegrini S.p.A.

slide4
Tabella 1: Fabbisogno L.A.R.N. pubblicate da l’Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN).

documento riservato Pellegrini S.p.A.

apporto calorico
Apporto Calorico
  • L’apporto energetico fornito dal pranzo rappresenta il 40 % delle calorie giornaliere con un ammontare di 800 kcal per il pranzo.

documento riservato Pellegrini S.p.A.

apporto calorico1
Apporto Calorico
  • L’apporto energetico fornito dalla cena rappresenta il 35 % delle calorie giornaliere con un ammontare di 700 kcal per il pasto.

documento riservato Pellegrini S.p.A.

proteine
Proteine
  • Proponiamo un’assunzione media giornaliera di proteine di 69-92 g/die, che corrisponde al 15-20%. Questa percentuale considera lo sviluppo osseo-muscolare dei bambini

documento riservato Pellegrini S.p.A.

carboidrati
Carboidrati
  • Proponiamo un’assunzione media giornaliera di carboidrati di 231-254 g/die, che corrisponde al 50-55%; fabbisogno energetico necessario per le diverse attività.

documento riservato Pellegrini S.p.A.

lipidi
Lipidi
  • Pertanto giornalmente avremo un’assunzione media lipidica di 51-61 g/die Il valore consigliato dal Ministero della Sanità, nelle Linee Guida per una Sana Alimentazione della Popolazione Italiana, è 25%, massimo 30%.

documento riservato Pellegrini S.p.A.

composizione bromatologica men scolastico proposto da pellegrini
Composizione bromatologica menù scolastico proposto da Pellegrini

documento riservato Pellegrini S.p.A.

criteri per l elaborazione e preparazione di un menu
CRITERI PER L’ELABORAZIONE e PREPARAZIONE DI UN MENU’
  • - impostare il menù su 4 settimane, stagionale: autunno-inverno e primavera-estate.
  • garantire la stagionalità degli alimenti proposti che oltre a prevenire la monotonia delle pietanze, permette di utilizzare prodotti freschi di stagione.
  • specificare sempre la natura degli alimenti proposti, evitando le diciture “formaggi misti” o “salumi misti”o “sugo fantasia”

documento riservato Pellegrini S.p.A.

criteri per l elaborazione di un menu
CRITERI PER L’ELABORAZIONE DI UN MENU’
  • Curare la presentazione dei piatti, vista la frequente diffidenza dei bambini
  • Preparare sughi semplici per il condimento dei primi piatti
  • Preferire carni bianche perché solitamente meno grasse di quelle rosse e con un contenuto inferiore di colesterolo
  • Limitare l’assunzione dei salumi ad una volta alla settimana

documento riservato Pellegrini S.p.A.

criteri fondamentali applicati
CRITERI FONDAMENTALI APPLICATI
  • 1- MENU’ ADEGUATI I BILANCIATI e diversificati in funzione delle necessità ed esigenze dei bambini e del Sistema scolastico
  • ASPETTI TECNOLOGICI capaci di adeguare la texture della pietanza alle diverse disabilità che i bambini possono presentare.

documento riservato Pellegrini S.p.A.

aspetti teconologici della ristorazione
ASPETTI TECONOLOGICI DELLA RISTORAZIONE
  • Le tecnologie della Ristorazione per la preparazione e la somministrazione di alimenti in una struttura soclastica possono rivestire un importante ruolo nel contribuire al miglioramento della quota qualitativa e quantitativa degli alimenti assunti

documento riservato Pellegrini S.p.A.

fattori qualitativi fondamentali
FATTORI QUALITATIVI FONDAMENTALI
  • - REOLOGIA O STATO FISICO DEI PASTI adeguate alle necessità e alla possibilità di assunzione da parte del bambino
  • - TEMPERATURA DEI PRODOTTI

il controllo della temperatura delle pietanze sotto il duplice aspetto di garantire la sicurezza microbiologica e di somministrare al bambino l’alimento alla T dovuta per la massima soddisfazione gustativa

documento riservato Pellegrini S.p.A.

regimi dietetici speciali
REGIMI DIETETICI SPECIALI
  • DIETA per CELIACHIA

e’ una dieta normocalorica e normoproteica con pasti caratterizzati da alimenti senza glutine; è indicata per pazienti intolleranti al glutine.

documento riservato Pellegrini S.p.A.

regimi dietetici speciali1
REGIMI DIETETICI SPECIALI
  • DIETA VEGETARIANA

e’ una dieta normocalorica e normoproteica con pasti caratterizzati dalla assenza di carne animale e derivati; è indicata per bambini che per motivi morali e religiosi escludono dal loro regime dietetico il consumo di derivati animali

  • DIETA per MSULMANI

È una dieta indicata per il bambino di religione musulmana che esclude dal suo regime dietetico il consumo di carne di maiale e suoi derivati

documento riservato Pellegrini S.p.A.