slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
La situazione a quei tempi PowerPoint Presentation
Download Presentation
La situazione a quei tempi

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 10

La situazione a quei tempi - PowerPoint PPT Presentation


  • 126 Views
  • Uploaded on

DIFFUSIONE CRISTIANESIMO CLASSE 2°D scientifico LICEO “B. CAVALIERI” ANNO SCOLASTICO 2013/2014  S volto da: Agrati Giorgia D’ Alelio Alessandro. In città come Roma le campagne erano essenziali perché la città stessa non era produttiva ma aveva bisogno di territori coltivabili.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'La situazione a quei tempi' - coyne


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

DIFFUSIONE CRISTIANESIMOCLASSE 2°D scientificoLICEO “B. CAVALIERI”ANNO SCOLASTICO 2013/2014 Svolto da:Agrati GiorgiaD’Alelio Alessandro

la situazione a quei tempi

In città come Roma le campagne erano essenziali perché la città stessa non era produttiva ma aveva bisogno di territori coltivabili.

Con le invasioni barbariche e le guerre civili le campagne si spopolarono e i contadini ammassati in città credevano di trovare una condizione di vita migliore.

La sovrappopolazione portò a numerose rivolte da parte della popolazione e dell’esercito a tal punto che esso stesso saccheggiò le città dell’impero.

La situazione a quei tempi
l arrivo del cristianesimo

In questi tempi (circa II sec. d.C.) siamo sicuri della presenza di una chiesa cristiana a Roma.

I cristiani non venivano distinti dagli Ebrei e solo con la predicazione di San Paolo si arrivò a una divisione tra le due religioni.

L’espansione di questa nuova religione fu rapida perché ai romani mancava una religione solida e praticata che puntava a un benessere spirituale ultraterreno.

L’arrivo del Cristianesimo
i problemi della diffusione

L’ impero fu indifferente all’espansione cristiana fino a quando nel 64 d.C. l’imperatore Nerone appiccò un grande incendio che bruciò più della metà della città di Roma e diede la colpa ai cristiani diffondendo brutte voci.

Tra queste le accuse di incesto e cannibalismo anche se quest’ultima era basata più sull’ignoranza che sui fatti: loro credevano che i cristiani avessero fisicamente mangiato e bevuto il corpo e il sangue di Gesù Cristo nell’ultima cena.

I problemi della diffusione
le persecuzioni

Gli imperatori cercarono di estirpare il cristianesimo con la forza ma con pessimi risultati: infatti si era così esteso che avrebbero dovuto uccidere buona parte della popolazione tra ricchi e poveri.

L’ultimo imperatore che tentò di ristabilire i culti pagani fu l’imperatore Giuliano ma con scarsi risultati. Il suo successore, l’imperatore Teodosio, completò l’opera iniziata da Costantino: unificare l’impero sotto un’unica religione, il cristianesimo.

Le persecuzioni
religione unica

Nel 380 d.C. Teodosio emanò l’editto di Tessalonica dichiarando che il Cristianesimo fosse “universale”, cioè quello fedele alle disposizioni del concilio di vescovi convocato da Costantino e tenutosi a Nicea nel 325 d.C. L’editto di Tessalonica fu l’epilogo di un lungo processo iniziato con l’editto di Milano.

Religione unica
editto di milano

L'editto di Milano (313 d.C.) dell'imperatore Costantino concedeva a tutti i cittadini, e quindi anche ai cristiani, la libertà di onorare le proprie divinità.

A testimonianza sull’editto di Milano seguito un testo dal “Il cosiddetto Editto di Milano in Antologia della letteratura latina, III, a cura di I. Lana e A. Fellin, G. D’Anna, Messina-Firenze, 1967, pp.393-394” libro della biblioteca scolastica “Persecuzioni contro i cristiani nell’impero romano”.

Link: allegato powerpointcristianesimo.docx

Editto di Milano
altre testimonianze

Gli Annales di Tacito: il testo descrive le vicende tra i cristiani e Nerone dopo l’incendio.

Le Epistulaedi Plinio: nel decimo Epistolario sono descritti i contenuti delle lettere che il governatore si scambiò con l'imperatore Traiano sul comportamento da usare con i cristiani.

L’Apologeticumdi Tertulliano: un testo in cui venivano rivendicati i diritti dei cristiani.

Altre testimonianze..
fonti

“Persecuzioni contro i cristiani nell’impero romano” a cura di Giacomo Tomaselli.

www.seieditrice.com

www.wikipedia.com

www.luzappy.eu

www.claudiopenna.it

Fonti: