PATTO PER LA SICUREZZA
Download
1 / 14

Garda, 20 marzo 2009 - PowerPoint PPT Presentation


  • 77 Views
  • Uploaded on

PATTO PER LA SICUREZZA DELL’AREA DEL LAGO DI GARDA. Garda, 20 marzo 2009. PATTO PER LA SICUREZZA DELL’AREA DEL LAGO DI GARDA. AREA DEL LAGO DI GARDA. 169.566 ABITANTI. 26 COMUNI. Comunità del Garda (70 Comuni delle province di Brescia, Mantova, Trento e Verona). Area Gardesana di Verona

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Garda, 20 marzo 2009' - coen


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
Diapositiva 1

PATTO PER LA SICUREZZA

DELL’AREA DEL LAGO DI GARDA

Garda, 20 marzo 2009


Patto per la sicurezza dell area del lago di garda
PATTO PER LA SICUREZZA DELL’AREA DEL LAGO DI GARDA

AREA DEL LAGO DI GARDA

169.566 ABITANTI

26 COMUNI

Comunità del Garda

(70 Comuni delle province di

Brescia, Mantova, Trento e Verona)

Area Gardesana di Verona

(8 Comuni – 42.700 abitanti)

Area Gardesana di Brescia

(14 Comuni – 92.444 abitanti)

Area Gardesana di Trento

(4 Comuni – 34.412 abitanti)


Patto per la sicurezza dell area del lago di garda1
PATTO PER LA SICUREZZA DELL’AREA DEL LAGO DI GARDA

UN PATTO INNOVATIVO

SISTEMA INTEGRATO DI SICUREZZA

Creazione di un sistema integrato di sicurezza di area omogenea su base interregionale e interprovinciale per la gestione in modo unitario e condiviso delle problematiche dell’ordine, della sicurezza pubblica e della sicurezza urbana integrata

AREA OMOGENEA

Per area omogenea si intende una porzione di territorio con problematiche comuni, riferibili ad una condizione unificante, geografica o di altro tipo, che possono in modo più funzionale ed efficace essere gestite in un contesto unitario di interventi, oltre i limiti dei confini amministrativi


Patto per la sicurezza dell area del lago di garda2
PATTO PER LA SICUREZZA DELL’AREA DEL LAGO DI GARDA

CONFERENZA INTERREGIONALE DEI SERVIZI

PER L’AREA OMOGENEA DEL LAGO DI GARDA

Per l’attuazione del Patto,valuta e raccorda iniziative condivise, nell’ambito delle rispettive competenze,tra uffici periferici dello Statoe sistema delle Autonomie localisulle problematiche di volta in volta emergenti


Patto per la sicurezza dell area del lago di garda3
PATTO PER LA SICUREZZA DELL’AREA DEL LAGO DI GARDA

Prefetture

di Verona e di Brescia

Commissariato del

Governo di Trento

LE PARTI CONTRAENTI

Province di

Verona e di Brescia

Provincia autonoma

di Trento

Comuni Rivieraschi

dell’Area del Lago di Garda

Capitaneria di Porto

di Venezia

Comunità del Garda

PRESENZIANO

Comuni di Brescia,Verona e Trento

Regione Veneto

Regione Lombardia


Patto per la sicurezza dell area del lago di garda4
PATTO PER LA SICUREZZA DELL’AREA DEL LAGO DI GARDA

COLLABORAZIONE INTERISTITUZIONALE

SICUREZZA ACQUE INTERNE

EVENTI DI PROTEZIONE CIVILE

INTERVENTI DI SOCCORSO


Patto per la sicurezza dell area del lago di garda5
PATTO PER LA SICUREZZA DELL’AREA DEL LAGO DI GARDA

EVENTI DI PROTEZIONE CIVILE

  • EVENTIDI PARTICOLARE RILEVANZA

  • Numerosi eventi con la partecipazione di migliaia di persone nell’area del lago

  • SCENARI

  • Eventi naturali o connessi con l’attività dell’uomo che per loro natura ed estensione comportano l’intervento coordinato di più enti o amministrazioni competenti in via ordinaria

  • Calamità naturali, catastrofi o altri eventi che, per intensità ed estensione, debbono essere fronteggiati con mezzi e poteri straordinari

  • Manifestazioni che vedono la presenza di un numero elevatissimo di spettatori

  • CRITICITA’

  • Estensione o intensità dell’evento

  • Coordinamento degli interventi

  • Tempestività della risposta

  • NUOVI PROTOCOLLI OPERATIVI

  • Prefigurazione di modelli collaborativi congiunti

  • Coordinamento tra le Prefetture, anche di altre province

  • Implementazione del circuito di informazione e comunicazione


Patto per la sicurezza dell area del lago di garda6
PATTO PER LA SICUREZZA DELL’AREA DEL LAGO DI GARDA

INTERVENTI ORDINARI DI SOCCORSO IN ACQUA

  • CRITICITA’

  • Coordinamento degli interventi

  • Tempestività della risposta

  • NUOVIPROTOCOLLI OPERATIVI

  • Specchio d’acqua compreso nelle province di Brescia e Verona: concorso del Comando provinciale dei VV.FF. di Trento in conformità con i vigenti accordi con le Prefetture che prevedono il coordinamento dei servizi di pronto intervento e soccorso

  • Specchio d’acqua del versante trentino: il coordinamento delle operazioni, tenuto conto della specificità ordinamentale della Provincia autonoma, è definito con modalità stabilite in un successivo atto aggiuntivo

  • SCENARI

  • Eventi critici che necessitano di interventi di soccorso in acqua, anche in relazione a particolari situazioni meteorologiche

  • EVENTI INCIDENTALI

  • 60 interventi di soccorso di tipo lacustre dei Vigili del fuoco di Brescia nel 2008

  • 124 interventi di soccorso dei Vigili del fuoco del presidio acquatico di Bardolino (VR) nel 2008


Patto per la sicurezza dell area del lago di garda7
PATTO PER LA SICUREZZA DELL’AREA DEL LAGO DI GARDA

PREVENZIONE E CONTRASTO DELLE FENOMENOLOGIE DI MAGGIORE IMPATTOPER LE COMUNITA’ LOCALI CHE INTERESSANO I TERRITORI DI PIU’ COMUNI

STRAGI SABATO SERA

CRIMINALITA’ DIFFUSA

DEVIANZA GIOVANILE

LABORATORI CLANDESTINI

IMMIGRAZIONE CLANDESTINA

COMMERCIO ABUSIVO

SFRUTTAMENTO DELLA PROSTITUZIONE


Patto per la sicurezza dell area del lago di garda8
PATTO PER LA SICUREZZA DELL’AREA DEL LAGO DI GARDA

SICUREZZA IN ACQUA E SU TERRA

  • AZIONI

  • PREFETTI: esame delle richieste dei contingenti di rinforzo e di mezzi navali aggiuntivi da trasmettere al Ministero dell’Interno

  • AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI: collaborazione dei Corpi di polizia provinciale all’organizzazione dei servizi di vigilanza

  • SINDACI: pianificazione dei servizi dei Corpi di polizia municipale in stretta intesa con le Forze di polizia dello Stato, secondo le disposizioni vigenti

  • Raccordo degli interventi di controllo su strada durante i fine settimana per la prevenzione dell’incidentalità stradale

  • TIPOLOGIE DI REATI

  • FurtiTN 1028* – VR 2708** – BS 2517***

  • RapineTN 7* – VR 14** – BS 24***

  • Sfruttamento della prostituzioneTN 2* – VR 3** – BS 7***

  • Spaccio sostanze stupefacentiTN 8* – VR 7** – BS 24***

  • Dall’analisi più generale dei dati anche relativi ad altri reati, si evince un andamento sostanzialmente stabile con tendenza alla diminuzione

* 1/1/2008-5/3/2009 - ** 1/1/2008-1/12/2008 - *** 1/8/2008-28/2/2009


Patto per la sicurezza dell area del lago di garda9
PATTO PER LA SICUREZZA DELL’AREA DEL LAGO DI GARDA

COLLABORAZIONEDELLE FORZE DI POLIZIA DELLO STATOCON LE FORZE DI POLIZIA LOCALI

  • OBIETTIVI

  • Controllo esercizi pubblici e verifica locali di intrattenimento

  • Rafforzamento dei servizi di controllo della circolazione stradale durante la stagione estiva e nei fine settimana, con particolare riguardo allo stato di alterazione psicofisica dei conducenti

  • Prevenzione e contrasto (sfruttamento della prostituzione; commercio ambulante abusivo; contraffazione; consumo e spaccio di droga; reati predatori)

  • STRUMENTI

  • Attivazione di moduli operativi di intervento congiunto

  • Servizi di controllo straordinario del territorio

  • Possibilità di convenzioni tra Sindaci per lo svolgimento in forma associata delle funzioni di polizia municipale, anche in relazione all’attuazione dei servizi di controllo straordinario del territorio

  • Rafforzamento dello scambio informativo anche in relazione all’identificazione delle persone ed ai precedenti di polizia


Patto per la sicurezza dell area del lago di garda10
PATTO PER LA SICUREZZA DELL’AREA DEL LAGO DI GARDA

POTENZIAMENTO DELL’IMPIEGO DEI SISTEMI DI VIDEOSORVEGLIANZA

DOVE

  • Nelle aree ritenute più sensibili, sulla terraferma ed in prossimità delle coste

COME

  • Previa valutazione congiunta in ambito CPOSP

  • Previa programmazione di interventi d’intesa con la regione di appartenenza

STRUMENTI

  • Con tecnologie più avanzate

  • Con i finanziamenti dei comuni ed eventuale contributo di altri enti territoriali

  • Art. 6, co. 6 e 7, D.L. 23 febbraio2009, n. 11


Patto per la sicurezza dell area del lago di garda11
PATTO PER LA SICUREZZA DELL’AREA DEL LAGO DI GARDA

INIZIATIVE DI FORMAZIONE

E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

Organizzazione di iniziative di preparazione, aggiornamento e approfondimento professionale, dedicate agli operatori della polizia locale

Collaborazione con le scuole regionali anche in collegamento con patti e protocolli vigenti


Diapositiva 1

PATTO PER LA SICUREZZA

DELL’AREA DEL LAGO DI GARDA

Garda, 20 marzo 2009