slide1 l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
L'alfabeto dell'ecologista PowerPoint Presentation
Download Presentation
L'alfabeto dell'ecologista

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 22
chul

L'alfabeto dell'ecologista - PowerPoint PPT Presentation

105 Views
Download Presentation
L'alfabeto dell'ecologista
An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author. While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. L'alfabeto dell'ecologista ASSI GIADA & ELENA SPANU

  2. D A B C E F G N P M I H L O R S T U

  3. L’ambiente è, genericamente, un luogo che ospita l’esistenza di un organismo o di un sistema. La parola ambiente è generica riguardo alla dimensione. L’ambiente, infatti, può essere un piccolo spazio, una singola area verde, una città, l’intero pianeta. L’ambiente è il risultato di una pluralità di fattori in rapporto dinamico e costante tra di loro. Da una parte alla definizione complessiva di un ambiente concorrono gli elementi naturali, siano essi chimici, fisici o biologici. Dall’altra possono essere invece identificati elementi psicologici, filosofici o sociali. A come Ambiente

  4. B come Benzina Il Carburante è una sostanza chimica contenente potenzialmente una grande quantità di energia. Tale energia chimica è accumulata nella struttura della materia stessa del carburante in maniera semistabile, cioè che tende a permanere in condizioni normali nel nostro ambiente praticamente con nessuna o quasi nessuna modificazione, conservando la sua energia. Nonostante questo esistono condizioni spesso legate alla temperatura ed alla contemporanea presenza di altra materia, detta comburente, in cui tale energia è liberata ad effetto della veloce trasformazione mediante la combinazione di combustibile e comburente in altre sostanze derivate, sempre a minore contenuto energetico. Nella trasformazione l'energia è liberata, e può essere utilizzata. Nella corretta origine del termine i carburanti sono sostanze di origine organica o fossile contenenti composti di carbonio, ma per estensione anche idrogeno ecc., in composti nettamente carenti di ossigeno. Il comburente per definizione è l'ossigeno, di norma contenuto o derivato dall'aria, che quindi essa stessa è spessa definita come comburente. La disponibilità di ossigeno, le condizioni di innesco date dalla temperatura, ed il mantenimento della temperatura stessa realizzato dalla sopracitata liberazione di energia, producono il fenomeno della combustione, producendo composti derivati detti combusti, od ossidati. Alcuni comuni Carburanti: idrocarburi liquidi o gassosi fossili quali oli pesanti, kerosene, gasolio, benzina, gas di petrolio liquefatti, metano, idrogeno; derivati di composti vegetali, oli vegetali, alcoli derivati da fermentazione di carboidrati. per farlo andare occorre la benzina

  5. C come Cosa possiamo fare per evitare l'inquinamento nelle nostre città Guidare menoI due modi per ridurre l'inquinamento atmosferico sono guidare meno e migliorare il proprio stile di guida. Diminuire il numero dei chilometri percorsi aiuta a diminuire l'inquinamento atmosferico. Migliorare lo stile di guida riduce il contributo della propria auto all'inquinamento.Guidare di meno non significa stare a casa. Occorre cercare di combinare l'automobile con altre modalità di spostamento per andare dove si vuole:- carpool (usare in più persone la stessa auto );- camminare o andare in bicicletta aiuta a mantenersi in forma;- usare i mezzi pubblici. Guidare meglioGuidare meglio aiuta a ridurre l'inquinamento atmosferico:- accelerare gradualmente;- rispettare i limiti di velocità;- domandarsi se si ha la reale necessità di spostarsi in auto;- programmare gli spostamenti;- mantenere l'efficienza dell'auto anche sottoponendola a verifiche periodiche come il bollino blu;- mantenere i pneumatici alla corretta pressione;- cambiare e / o acquistare automobili scegliendo modelli meno inquinanti o a metano; Risparmiare energiaRisparmiare energia aiuta a ridurre l'inquinamento atmosferico. Quando si bruciano combustibili fossili, si inquina l'aria. Usare meno benzina, gas e elettricità ( le centrali elettriche bruciano combustibili fossili per generare elettricità):- spegnere la luce quando si lascia la stanza;- sostituire le lampadine con quelle a risparmio energetico;- spegnere il riscaldamento o l'aria condizionata in caso di non necessità;- usare il ventilatore e non l'aria condizionata;- installare miscelatori di aria sui rubinetti di casa.

  6. D come Discarica 1. Nelle discariche per rifiuti non pericolosi sono smaltiti, senza caratterizzazione analitica, i seguenti rifiuti: a) i rifiuti urbani di cui all'art. 2, lettera b), del decreto legislativo 13 gennaio 2003, n. 36, classificati come non pericolosi nel capitolo 20 dell'elenco europeo dei rifiuti e sottoposti a trattamento, le porzioni non pericolose dei rifiuti domestici raccolti separatamente e gli stessi rifiuti non pericolosi di altra origine ma di analoga composizione; b) i rifiuti non pericolosi individuati in una lista positiva definita con decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio, di concerto con i Ministri delle attività produttive e della salute, sentito il parere della Conferenza Stato-regioni. 2. Fatto salvo quanto previsto all'art. 6, nelle discariche per rifiuti non pericolosi sono smaltiti rifiuti non pericolosi che hanno una concentrazione di sostanza secca non inferiore a 25% e che, sottoposti a test di cessione di cui all'allegato 2, presentano un eluato conforme alle concentrazioni fissate in tabella 5. 3. Fatto salvo quanto previsto all'art. 6, nelle discariche per rifiuti non pericolosi sono altresì smaltiti rifiuti pericolosi stabili non reattivi che: a) sottoposti a test di cessione di cui all'allegato 2 presentano un eluato conforme alle concentrazioni fissate in tabella 5; b) hanno una concentrazione in carbonio organico totale non superiore al 5% con riferimento alle sostanze organiche chimicamente attive, in grado di interferire con l'ambiente, con esclusione, quindi, di resine e polimeri od altri composti non biodegradabili; c) il pH sia non inferiore a 6 e la concentrazione di sostanza secca non inferiore al 25%; d) tali rifiuti non devono essere depositati in aree destinate ai rifiuti non pericolosi biodegradabili. 4. Fatto salvo quanto previsto dall'art. 6, in discarica per rifiuti non pericolosi, è vietato il conferimento di rifiuti che: a) contengono PCB come definiti dal decreto legislativo 22 maggio 1999, n. 209, in concentrazione superiore a 10 mg/kg; b) contengono diossine o furani calcolati secondo i fattori di equivalenza di cui alla tabella 4 in concentrazioni superiori 0,002 mg/kg; c) contengono altre sostanze classificate cance-rogene di classe 1 e 2 ai sensi dei disposti normativi in materia di classificazione, etichettatura d'imballaggio di sostanze e preparati pericolosi (con esclusione del-l'amianto) in concentrazione superiore a 1/10 delle rispettive concentrazioni limite riportate all'art. 2 della decisione della Commissione 532/2000/CE e successive modifiche e integrazioni, con una sommatoria massima per tutti i diversi composti pari allo 0,1%. 5. Possono essere inoltre smaltiti in discarica per rifiuti non pericolosi i seguenti rifiuti: a) i rifiuti contenenti fibre minerali artificiali, indipendentemente dalla loro classificazione, come pericolosi o non pericolosi. Il deposito dei rifiuti contenente fibre minerali artificiali deve avvenire direttamente all'interno della discarica in celle appositamente ed esclusivamente dedicate e deve essere effettuata in modo tale da evitare la frantumazione dei materiali. Dette celle andranno realizzate con gli stessi criteri adottati per le discariche dei rifiuti inerti. Le celle devono essere coltivate ricorrendo a sistemi che prevedano la realizzazione di settori o trincee. Devono essere spaziate in modo da consentire il passaggio degli automezzi senza causare la frantumazione dei rifiuti contenenti fibre minerali artificiali. Entro la giornata di conferimento dovrà essere assicurata la ricopertura del rifiuto con materiale adeguato, avente consistenza plastica, in modo da adattarsi alla forma ed ai volumi dei materiali da ricoprire e da costituire un'adeguata protezione contro la dispersione di fibre. Nella definizione dell'uso dell'area dopo la chiusura devono essere prese misure adatte ad impedire contatto tra rifiuti e persone; b) i materiali non pericolosi a base di gesso. Tali rifiuti non devono essere depositati in aree destinate ai rifiuti non pericolosi biodegradabili. I valori limite per il carbonio organico totale (TOC) si applicano ai rifiuti collocati in discarica insieme a materiali a base di gesso; c) i materiali edili contenenti amianto legato in matrici cementizie o resinoidi in conformità con l'art. 6, lettera c), punto iii) della direttiva 1999/31/CE senza essere sottoposti a prove. Le discariche che ricevono tali materiali devono rispettare i requisiti indicati all'allegato l. In questo caso le prescrizioni stabilite nell'allegato 1, punti 3.2 e 3.3 della direttiva 1999/31/CE possono essere ridotte dall'autorità competente.

  7. Ambiente naturale fisicamente delimitato (bosco, fiume, prato, ecc.) e composto da una componente biotica (animali, piante e gli altri organismi viventi) e da una componente abiotica (rocce, terreno, ecc.). E come Ecosistema

  8. Fauna • Insieme delle specie animali che vivono in un territorio ben definito (nazione, regione, bosco, valle, ecc.). • Flora • Insieme delle specie vegetali vascolari che vivono in un territorio ben definito (nazione, regione, valle, bosco, ecc.). F come Fauna&Flora

  9. G come Gas La materia che ci circonda si presenta in tre diversi stati di aggregazione: uno stato gassoso, uno stato liquido ed uno stato solido.Un gas si distribuisce uniformemente lungo tutto il volume di cui ha a disposizione; un liquido ha volume proprio, ma prende la forma del recipiente che lo contiene, un solido ha sia forma che volume propri.Al variare della pressione e della temperatura si verificano dei cambiamenti di aggregazione e, conseguentemente, dei passaggi di stato; queste due variabili sono importanti per lo studio macroscopico della materia, ma altri fattori possono influenzarlo in modo rilevante.Si definisce temperatura critica la temperatura oltre la quale è possibile liquefare un gas per compressione.Si inizia quindi a distinguere un gas da un vapore: il gas sta al di sopra della temperatura critica (non è liquefabile per compressione), mentre un vapore sta al di sotto della temperatura critica.Un altro fattore importante da conoscere è la densità relativa di un gas: se in un recipiente contenente aria immettiamo un secondo gas, conoscendo la densità relativa di questo ultimo rispetto all’aria, riusciremo a valutare se il gas occuperà la parte alta (gas meno denso dell’aria), oppure la parte bassa (gas più denso dell’aria).Importante introdurre un’altra definizione, quella di miscela gassosa: si definisce miscela gassosa la combinazione di due o più gas che coesistono in un unico volume.In una miscela gassosa è importante conoscerne la concentrazione dei vari elementi che compongono la miscela stessa; variazioni di concentrazione dei costituenti possono trasformare miscele del tutto innocue in pericolose.Tra le miscele pericolose distinguiamo quelle tossiche e quelle esplosive.Nei vari settori industriali, oggigiorno, vengono utilizzate più sostanze infiammabili che, in combinazione con l’ossigeno, possono originare miscele esplosive.A particolari concentrazioni una sostanza infiammabile, con sufficiente apporto di energia, può dare luogo ad una reazione esplosiva. La scienza che studia questo fenomeno prende il nome di esplosimetria.Se da un lato vengono impiegate sostanze infiammabili, le industrie sfruttano molto anche sostanze la cui tossicità rappresenta un serio pericolo per la salute.Si comprende allora la necessità di sviluppare dei metodi e apparecchiature di rilevamento di gas tossici.Parallelamente all’esplosimetria è sorta allora, un’altra scienza che prende il nome di tossimet

  10. H come h2o (acqua) L’acqua è l’alimento principale di ogni essere vivente, consumato con continuità e di più di ogni altro alimento dall’uomo. Ma l’acqua assolve anche la funzione di pulire ed igienizzare, contribuendo così a prevenire le malattie ed assicurare un miglior livello di qualità della vita.     A condizione però che l’acqua sia salubre dal momento che, in caso contrario, essa costituisce un formidabile fattore di diffusione delle malattie.     La crescente produzione di rifiuti industriali ed urbani ha infatti costretto a far uso di acque superficiali e sotterranee come ricettori di scarichi, spesso inquinati da sostanze tossiche o cancerogene (quali metalli, solventi, pesticidi, oli).

  11. L'ambiente in cui vive è spesso fonte di pericolo per la nostra salute. I residui delle lavorazioni industriali, chimiche, i veleni impiegati in agricoltura per combattere gli insetti e le erbe infestanti inquinano il suolo e le acque, mentre i fumi delle ciminiere e i gas di scarico delle auto mobili si riversano nell'atmosfera, alterandone gli elementi. Malattie respiratorie, allergie, tumori sono alcuni dei mali più diffusi, che in gran parte dipendono dall'aria che respiriamo, dall'acqua che beviamo, dai cibi che mangiamo. Ma non bisogna credere che l'inquinamento e il degrado dell'ambiente siano il prezzo che ogni società industrializzata inevitabilmente deve pagare in cambio di più alti livelli di consumo e di un maggiore benessere materiale. Essi sono piuttosto le disastrose conseguenze di uno sviluppo economico lasciato a se stesso. Le imprese private, impegnate a trarre il massimo guadagno dalla loro attività, si dimostrano in genere poco preoccupate del rispetto dell'ambiente e della salute dei cittadini. Spetta allo Stato fissare, nell'interesse collettivo, le regole e i limiti entro i quali si deve svolgere l'attività produttiva. Lo Stato può intervenire per eliminare, o quanto meno contenere in limiti accettabili, ogni forma di inquinamento nociva alla salute. Con apposite leggi può vietare o limitare l'impiego di certe sostanze nelle lavorazioni industriali e nell'agricoltura e prevedere l'obbligo del trattamento e dello smaltimento dei residui inquinanti attraverso filtri, depuratori, inceneritori e via dicendo. Negli ultimi anni anche nel nostro Paese sono state approvate alcune leggi a difesa dell'ambiente. In particolare, nel 1986 la legge n. 349 ha istituito il Ministero dell'ambiente. Esso ha il preciso compito di tutelare il patrimonio ambientale e di coordinare il risanamento di quelle aree particolarmente colpite dall'inquinamento. Ma sino a oggi sono purtroppo mancati controlli capillari e sistematici delle possibili fonti di inquinamento, senza i quali anche sistemati delle possibili fonti di inquinamento, senza i quali anche le migliori leggi risultano inutili.  I come Inquinamento

  12. L come Liquidi chimici Per assorbire iliquidi industriali sporchi dispersi in ambiente di lavoro. Sostituiscono vantaggiosamente la segatura ed altri materiali sfusi, rendendo l'ambiente più sicuro, pulito e produttivo. Quindi niente più segatura, scope e pale che lasciano comunque residui dannosi. Gli ASSORBITORI sono essenziali ed insostituibili per ovviare alle dispersioni di liquidi nocivi. Una volta utilizzati possono essere racchiusi in appositi contenitori da inviare allo smaltimento con estrema sicurezza.  Nei processi di lavorazione vengono usati oli o oli emulsionati per abbattere il calore sviluppato nelle macchine. Tali liquidi si mescolano con le scorie prodotte e non possono essere riutilizzati se queste ultime non vengono eliminate. Di qui la necessità di filtrare i liquidi attraverso dei depuratori in grado di restituirli puliti.  Ne deriva un notevole risparmio di consumi. Finora si sono utilizzati in generale dei rotoli di carte particolari per filtrare gli oli.  Oggi disponiamo di un macchinario d'avanguardia.

  13. M come Malattie tumorali Tra le numerose patologie che si possono giovare dell'uso dell'ozono medicale citiamo:  Patologie da carente apporto di ossigeno, come nei problemi di circolazione arteriosa (es. arteriosclerosi) o venosa (es. ulcere flebostatiche), ulcere da decubito dove, all'azione trofica e di riepitelizzazione della autoemoterapia maggiore, si associa l'uso dei sacchetti che hanno effetto topico disinfettante.Maculopatia diabetica Maculopatia ischemicaMaculopatia retinica degenerativa senile Malattie croniche. L'autoemoterapia maggiore trova indicazione nei pazienti defedati perché affetti da malattie croniche (broncopneumopatie ostruttive, diabete, ecc.) oppure perché di età avanzata. Malattie tumorali (es. plasmacitoma anche se complicata da amiloidosi) Malattie degenerative. Ultimamente sto utilizzando questa metodica per alcuni tipi di malattie di tipo degenerativo su base immunitaria (es. artrite reumatoide) oppure da cause tuttora da definire come la sclerosi a placche o la sclerosi laterale amiotrofica, che sembra avere una base fisiopatologica di origine mitocondriale. In questi ultimi casi ho associato all'ozonoterapia anche farmaci intropi del sistema nervoso centrale, arrivando nella maggioranza dei casi a fermare il progredire della malattia. Decorso post-operatorio. L'uso della autoemoterapia maggiore ha ridotto del 40% i giorni di convalescenza dopo interventi altamente demolitivo. Per evitare i fenomeni degenerativi legati all'invecchiamento: Disordini della circolazione del sistema nervoso centrale e periferico;Disordini della circolazione periferica. Trattamento dei soggetti affetti da irradiazione atomica acuta Lesioni della pelle: piaghe da decubito e gangrene diabetiche, Ulcus cruris, funghi e parassitosi Malattie su base autoimmunitaria: tiroidi, Lupus eritematoso sistemico, eritemanodoso malattie virali su base autoimmunitaria (epatiti A, B, C), Aids, immuno deficienze su base ignota, Herpes zooster e simplex Stati patogeni dell'osso: osteoporosi, osteogenesi imperfecta di tipo I, II, III e IV Malattie dell'intestino: proctiti, coliti, rettocolite ulcerosa, fistola anale Malattie gastriche: gastriti da Elicobacter pilori, esofagiti Malattie del sistema scheletrico. Al primo posto ci sono le ernie e le protrusioni  discali, che possono essere disidratate e quindi rientrare in sede con puntureintramuscolari paravertebrali eliminando così la causa del dolore. Le ernie possono  essere a livello cervicale, toracico, lombarte e possono essere singole o multiple. Il  soggetto già dopo pochissime sedute ha la scomparsa del dolore e può riprendere la propria normale attività lavorativa. Le coxo-artrosi e le gonartrosi possono essere curate, quando la degenerazione non è imponente, con punture intra-articolari di ossigeno-ozono.

  14. N come N

  15. Relativo alla troposfera, regione inferiore dell’atmosfera, dove hanno sede i fenomeni metereologici, che si estende dal suolo sino a 7-8 km circa al polo e 16-18 circa all’equatore. Esso è un composto chimico dannoso sia per la salute umana sia per la stessa esistenza delle piante. O come Ozono

  16. P come Piogge acide

  17. R come Radiazioni Se si dorme in un ambiente dove il campo elettromagnetico è elevato, l’organismo umano fa da vero e proprio accumulatore perché durante il sonno l’organismo è più ricettivo, la posizione orizzontale senza contatto con il suolo non consente di scaricare elettricità e nelle ore notturne l'intensità della rete H è maggiore. Inoltre trascorriamo molto tempo della nostra vita a letto. Durante il sonno, la ghiandola pineale, situata nella parte posteriore del cervello, produce la melatonina, ormone che regola oltre l’umore, il sistema endocrino e riproduttivo. La produzione di melatonina è massima durante la fase di rigenerazione notturna poiché la luce inibisce il funzionamento della ghiandola pineale. La melatonina agisce come scavenger dei radicali liberi e sembra essere in grado di proteggere l’organismo dai tumori. La sua riduzione in soggetti esposti in modo prolungato alle radiazioni elettromagnetiche, spiegherebbe , oltre la promozione di tumori, i vari disturbi riproduttivi e neurologici segnalati da alcune ricerche epidemiologiche. Le conseguenze non sono immediate, ma è a lungo e medio termine che si manifestano disturbi vari e malattie anche gravi. Lo stato prepatologico talvolta è asintomatico e talvolta si presenta con sintomi tanto differenziati da non consentire di individuarne la causa. Le statistiche si riferiscono a:

  18. S come Suolo Il suolo è una risorsa finita e non rinnovabile. Negli ultimi anni il suolo è stato sfruttato e inquinato dall'uomo attraverso: L'accumulo di sostanze tossiche per le piante, per gli animali e per l'uomo a causa dell'impiego di concimi chimici, diserbanti, pesticidi. Il lento ed inesorabile passaggio degli agenti inquinanti attraverso lo strato permeabile del terreno potrà arrivare ad inquinare le falde acquifere sotterranee. Questo inquinamento è persistente e interferirà con tutte le attività umane, soprattutto quelle vitali che necessitano di acque potabili.Inoltre se il pesticida si depositerà solo sulla superficie esterna del vegetale potrà essere eliminato facilmente prima del consumo, se invece la sostanza penetra nel tessuto profondo del vegetale o ancor peggio viene trasportato nel sistema linfatico della pianta rimarrà depositata e potrà essere assunta facilmente nell'uomo o nell'animale. (vedi latte inquinato dalla diossina in Campania) L'accumulo di quantità sempre maggiori di rifiuti.           Le società abituate al comportamento dell'usa e getta producono enormi quantità di rifiuti domestici.I rifiuti non biodegradabili vengono spesso scaricati insieme ai rifiuti organici solidi, cosicchè diventa quasi impossibile qualsiasi loro utilizzazione a meno che venga attuata un raccolta differenziata. Inoltre sono presenti rifiuti proveniente da attività industriali, difficilmente smaltibili. L'agricoltura intensiva, le deforestazioni, l'allevamento e le attività minerarie Causata normalmente dall'azione di agenti atmosferici naturali, quali acqua e vento, l'erosione, è la più importante causa di trasformazioni improvvise ed indesiderate del terreno. Le attività dell'uomo riescono ad incrementare gli effetti negativi dell'erosione naturale rendendoli a volte irreversibili.

  19. T come Terra la terra è affetta da: piogge acide effetto serra HELP ME!!!! buco nell'ozono

  20. U come Uomo

  21. Effetto Serra • I principali gas che causano l'effetto serra sono: • Anidride carbonica; • metano; • protossido di azoto; • clorofluorocarburi; • ozono. • Siete mai entrati in una serra? Li dentro l'aria è più calda rispetto all'esterno perché il vetro ha la capacità di far passare i raggi del Sole e di trattenerne il calore all'interno. Lo stesso succede nell'atmosfera della Terra, dove alcuni gas, come l'anidride carbonica, si comportano come il vetro, trattenendo una giusta quantità di calore favorevole alla vita. Senza effetto serra naturale vi sarebbero forti differenze tra giorno e notte, e la temperatura terrestre sarebbe glaciale. L'anidride carbonica inmessa nell'aria a causa del crescente sviluppo industriale sta alterando il fragile equilibrio climatico naturale: la quantità in eccesso è come se andasse a ispessire il vetro della "serra", trattenendo una maggior quantità di energia solare.  Infatti quando noi, usando l'auto, il riscaldamento, la corrente elettrica prodotta da centrali termiche, bruciamo combustibili fossili (carbone, petrolio, metano),   restituiamo rapidamente  all'atmosfera quell'anidride carbonica che le piante avevano catturato milioni di anni fa e che a lungo era stata intrappolata sottoterra.   Tra il 1765 (inizio dell'era industriale) e il 1990, ben l'81% delle emissioni  di  anidride carbonica sono  state causate dai soli Paesi industrializzati.  E tuttora le attività dell'uomo liberano ogni anno nell'atmosfera circa 7 miliardi di tonnellate di carbonio. Una quantità impossibile da riassorbire per le piante, anche se la superficie dei boschiraddoppiasse di colpo.   L'Organizzazione Meteorologica Mondiale ha calcolato che un aumento della temperatura media di 4 gradi (atteso attorno al 2100), causerebbe l'innalzamento del livello del mare di 1 metro. Interi arcipelaghi verrebbero sommersi e almeno la metà della popolazione mondiale (che vive sulle coste) sarebbe costretta a cercare rifugio altrove. Agricoltura, disponibilità d'acqua dolce, migrazioni di specie vegetali e animali cambierebbero il paesaggio terrestre. Sono previsioni complesse e ancora incerte, ma sempre più avvalorate dall'andamento della temperatura globale, in continuo aumento. il 1997 e il 1998 sono stati gli anni più caldi da quando esistono misure affidabili, e nell'ultimo secolo il livello degli oceani è già salito di 12 centimetri.

  22. Buco nell'Ozono L'estate antartica (il nostro inverno) è l'appuntamento annuale con il problema ozono. Quando i raggi del sole tornano a illuminare il polo sud, il "buco" sopra l'Antartide si allarga e scatta l'allarme. L'ultimo bollettino Nasa ha avvertito che il buco ha raggiunto i livelli massimi registrati da quando il buco è stato scoperto. L'area è ormai grande 30 volte l'Italia e si estende sopra l'Antartide e l'America meridionale. La situazione è davvero drammatica? Forse no: 300 scienziati si sono riuniti e hanno avvertito che il buco si richiuderà entro 50 anni. Negli ultimi 25 anni la preoccupazione di conoscere come le attività umane possono alterare l'atmosfera della terra e` drammaticamente cresciuta. La composizione atmosferica sta cambiando a causa dei grandi problemi dell'impoverimento dell'ozono, dell'effetto serra e della diffusione planetaria dell'inquinamento dell'aria. Questi grandi problemi sono collegati tra loro in vari modi: l'impoverimento dello strato d'ozono stratosferico e l'effetto serra sono strettamente connessi in quanto i clorofluorocarburi (CFC), che giocano un ruolo molto importante per l'impoverimento dell'ozono atmosferico, sono anche dei gas ad effetto serra molto potenti. Inoltre esistono connessioni tra l'effetto serra e l'inquinamento dell'aria causato dall'uso dei combustibili fossili. Durante gli ultimi 10 anni sono notevolmente aumentati gli studi sui processi che controllano l'ozono; infatti questo e' l'unico gas nell'atmosfera capace di evitare che le radiazioni solari ultraviolette più dannose raggiungano la superficie terrestre.