Download
calendario n.
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
CALENDARIO PowerPoint Presentation

CALENDARIO

266 Views Download Presentation
Download Presentation

CALENDARIO

- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

  1. CALENDARIO Tempo sacro e tempo profano

  2. Calendario di Romolo • calendario di 10 mesi • durata 304 giorni • inizio 15 marzo (luna piena) • Marzo (31 giorni), • Aprile (30 giorni), • Maggio (31 giorni), • Giugno (30 giorni), • Quintile (31 giorni), • Sestile (30 giorni), • Settembre (30 giorni), • Ottobre (31 giorni), • Novembre (30 giorni) • Dicembre (30 giorni).

  3. Calendario di Numa Pompilio • calendario di 12 mesi • durata 355 giorni • inizio 15 marzo (luna piena) • Gennaio (29 giorni), • Febbraio (28 giorni), • Marzo (31 giorni), • Aprile (29 giorni), • Maggio (31 giorni), • Giugno (29 giorni), • Quintile (31 giorni), • Sestile (29 giorni), • Settembre (29 giorni), • Ottobre (31 giorni), • Novembre (29 giorni) • Dicembre (29 giorni). • Mercedonio (27 giorni) - ogni due anni, alla fine di febbraio, venne inserito un mese (compensatorio) di 22 o 23 giorni e contemporaneamente il mese di febbraio venne accorciato di 4 o 5 giorni

  4. Calendario della prima età regia secondo A. Carandini

  5. Santuario di Anna Perenna

  6. Dedica ad Anna Perenna Nymphis sacratis Svetonius Germanus cum Licinia coniuge Annae Perennae votum quod susceperant si se victo- res statuerent aram mar- moream se posituros, denuo victores facti, votum me- riti solvimus Ded(icata) non(is) Apr(ilis), Silvano et Augurino co(n)s(ulibus) (5 aprile 156 d.C.)

  7. Calendario di Giulio Cesare • calendario di 12 mesi • durata 365 giorni • inizio I Gennaio • Gennaio (31 giorni), • Febbraio (28 giorni), • Marzo (31 giorni), • Aprile (30 giorni), • Maggio (31 giorni), • Giugno (30 giorni), • Quintile (31 giorni), • Sestile (31 giorni), • Settembre (30 giorni), • Ottobre (31 giorni), • Novembre (30 giorni) • Dicembre (31 giorni). • ogni quattro anni, dopo il 24 febbraio, (sexto die ante Kalendas Martias) venne inserito il dies bisextus. • tra il 24 febbraio ed il 1°marzo (le Calende di marzo) si contano 6 giorni (24-25-26-27-28-1)

  8. Calendario postgiuliano • Il mese quintilis nel 44 a.C. per iniziativa di Marco Antonio fu dedicato a Giulio Cesare, e assunse il nome di IULIUS (luglio) • Il mese sextilis nell’8 a.C. attraverso la lex Pacuvia de mense Augusto fu dedicato ad Augusto e assunse il nome di AUGUSTUS (agosto)

  9. Struttura del calendario

  10. Macrobio, I Saturnali, I 15, 9-12. Nei tempi antichi, prima che i fasti fossero resi pubblici, contro il parere dei senatori, dallo scriba Gneo Flavio(304 a.C.), un pontefice minore aveva l'incarico di osservare il primo apparire della luna nuova e di annunziarlo al re dei sacrifici. Il re ed il pontefice minore compivano un sacrificio; poi il pontefice, "calata" – cioè chiamata - la plebe in Campidoglio presso la Curia Calabra vicino alla capanna di Romolo, proclamava il numero dei giorni che restavano per giungere dalle calende alle none: se diceva cinque volte la parola calo, voleva significare che le none cadevano il 5; se la ripeteva sette volte, che cadevano il 7. Quanto a calo è un verbo greco che significa 'chiamo', e quindi sembrò bene chiamare calende questo giorno, in quanto era il primo dei giorni" calati" ovvero chiamati 6. Stessa origine è da attribuirsi al nome della Curia presso cui erano chiamati, detta Calabra, e così pure a " classe" perché ad essa era chiamato tutto il popolo. Ed ecco il motivo per cui il pontefice minore proclamava "calando" il numero dei giorni che restavano per giungere alle none: dopo la luna nuova bisognava che nel giorno delle none gli abitanti della campagna confluissero nella città per apprendere dal re dei sacrifici le cause dei giorni festivi e per sapere che cosa c'era da fare in quel mese.

  11. Fasti Anziati Roma, Museo Nazionale Romano

  12. Ricostruzione dei Fasti Anziati

  13. Fasti Caeretani (12 a.C.) Roma, Musei Capitolini

  14. Roma, Museo Nazionale Romano Fasti Praenestini 6-9 d.C. Frammenti del mese di Aprile In evidenza la festa dei Robigalia

  15. Fasti Amiternini (dopo il 20 d.C.)

  16. Veroli, Casa Reali Fasti Verulani (14-37 d.C.) Gennaio Febbraio Marzo

  17. I colonna Litterae nundinales ogni giorno era distinto da una lettera che andava dalla A alla H. Questo gruppo di otto giorni veniva chiamato NUNDINAE; nel primo giorno si svolgeva il mercato.

  18. II colonna • I Numeri contraddistinguono i giorni del mese rispetto alle • Calende • None • Idi • Il giorno precedente le date principali viene indicato con le lettere PR Pr(idie) Il conteggio avviene a ritroso

  19. III colonna • K • Calendae (il primo giorno del mese) • NON • Non(ae) (5 o 7 del mese) • EID • Idus (13 o 15 del mese) • Questi tre giorni costituivano l’ossatura dell’intero mese

  20. Nomi dei giorni • Calendae da calare=annunciare, chiamare Al primo apparire della luna il Pontifex annunciava l’accaduto al Rex il quale fissava le scadenze principali del mese • Nonae Nono giorno prima delle Idi • Idus da iduare=dividere in due Cfr. Macrobio I 15,17: ‘iduare…Etrusca lingua dividere est’ Giorno della luna piena, divide in due parti uguali il mese

  21. IV colonna • Nome delle ricorrenze civili • Nome delle feste in onore degli dèi (in lettere più grandi quelle principali) • 5 luglio: Poplifugia • 19 luglio: Lucaria • 23 luglio: Neptunalia • 25 luglio: Furrinalia

  22. * V colonna * • Tipologia dei giorni • N nefastus Non sono consentite le attività civili a causa interdizioni religiose o anniversari funesti • NP ? Distingue tutte le Idi e tutte le feste • C comitialis Sono consentite tutte le attività pubbliche comprese quelle comiziali • F fastus Sono consentite tutte le attività pubbliche comprese quelle giudiziarie • EN endotercisus Nefasti all’inizio e allla fine, fasti nella parte centrale del giorno • Q R C Fquando rex comitiavit fas 24 marzo e 24 maggio • Q ST D Fquando stercus delatum fas • 15 giugno * * *

  23. Napoli, Museo Archeologico nazionaleTavola nundinale

  24. Napoli, Museo Archeologico nazionaleMenologium Colotianum I Menologi fornivano per ogni mese il numero dei giorni, la lunghezza del giorno e della notte, il nume tutelare, il segno zodiacale, le operazioni agricole, le feste ed i riti più importanti

  25. Gennaio Febbraio Marzo Luglio Agosto Settembre Aprile Maggio Giugno Ottobre Novembre Dicembre

  26. GENNAIO FEBBRAIO MARZO • Giorni 31 Giorni 28 giorni 31 • None al 5 None al 5 none al 7 • Ore di giorno Ore di giorno Ore di giorno Ore 9 e 3/4 Ore 10 e 3/4 Ore 12 • Ore di notte Ore di notte Ore di notte Ore 14 e 1/4 Ore 13 e 1/4 Ore 12 EQUINOZIO 25 marzo • Sole in Sole in Sole in Capricorno Acquario Pesci • Dio protettore Dio protettore Dio protettore Giunone Nettuno Minerva • Affilatura Sarchiatura dei Puntellare dei pali campi di grano le viti • Tagliare salici Cura delle Potare le viti e canne viti Semina del Bruciare le grano canne • Sacrificio Parentalia Navigium Isidis agli Dei Penati Lupercalia Rito per Mamurio Cara Cognatio Liberalia Terminalia Quinquatrus Rito in onore della Magna Mater

  27. Le ore • Il giorno iniziava al levare del sole. Il periodo tra l'alba ed il tramonto veniva diviso in 12 ore (horae). • La durata delle ore era variabile in quanto dipendeva dal tempo effettivo di luce. • All'equinozio la durata di un'ora era pari ad una nostra ora, ma al solstizio d'inverno era minore ed al solstizio d'estate era maggiore. • Il punto mediano era l'hora sexta, mezzogiorno (meridies). • Nella vita militare la notte era divisa in 4 vigiliae o turni di guardia, ciascuna di 3 ore in media. • Nella vita civile si usavano dei termini più generici per le varie parti della notte.

  28. Calendario astrologico i giorni della settimana sono raffigurati in forma di divinità: Saturno (barba e falce), Sole (raggi), Luna (crescente lunare), Marte (lancia ed elmo), Mercurio (elmo alato e bastone medico), Giove (barba e fulmini), Venere (personaggio femminile con acconciatura)

  29. Calendario a inserimentoTreviri, Rheinisches Landsmuseum Saturno, Sole, Luna, Marte, Mercurio, Giove Venere Primavera, Estate, Autunno, Inverno

  30. Calendario di Trimalcione Petronio, Satyricon, 30 Nos iam ad triclinium perveneramus, in cuius parte prima procurator rationes accipiebat. Et, quod praecipue miratus sum, in postibus triclinii fasces erant cum securibus fixi, quorum imam partem quasi embolum navis aeneum finiebat, in quo erat scriptum:[2] «C. Pompeio Trimalchioni, seviro Augustali, Cinnamus dispensator». [3] Sub eodem titulo et lucerna bilychnis de camera pendebat, et duae tabulae in utroque poste defixae, quarum altera, si bene memini, hoc habebat inscriptum: «III. et pridie kalendas Ianuarias C. noster foras cenat», [4] altera lunae cursum stellarumque septem imagines pictas; et qui dies boni quique incommodi essent, distinguente bulla notabantur. Noi eravamo ormai giunti al triclinio, nella cui anticamera un cassiere ritirava i conti. E, cosa che mi lasciò particolarmente sorpreso, agli stipiti del triclinio erano affissi fasci con scuri, che terminavano in fondo con una specie di rostro navale in bronzo, su cui stava scritto: [2] «A C. Pompeo Trimalcione, seviro augustale, Cinnamo tesoriere». [3] Con sopra la medesima dedica, pendeva dal soffitto anche una lampada a due becchi, e all'uno e all'altro stipite erano infisse due tavole, di cui l'una, se ben ricordo, aveva questa scritta: «L'antivigilia e la vigilia di gennaio il nostro C. è fuori a cena», [4] un quadro l'altra del corso della luna e delle immagini dei sette pianeti; e come fossero i giorni, se buoni o se cattivi, c'era una borchia distintiva ad indicarlo.