serina proteasi n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Serina proteasi PowerPoint Presentation
Download Presentation
Serina proteasi

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 80

Serina proteasi - PowerPoint PPT Presentation


  • 62 Views
  • Uploaded on

Proteasi della Matrice. Serina proteasi. http://en.wikipedia.org/wiki/Serine_protease. Nature/ Scitable : Serina proteasi (a). Le serina proteasi sono coinvolte in un gran numero di processi biologici.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Serina proteasi' - candra


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
serina proteasi
Proteasi della MatriceSerina proteasi

http://en.wikipedia.org/wiki/Serine_protease

nature scitable serina proteasi a
Nature/Scitable: Serina proteasi (a)
  • Le serina proteasi sono coinvolte in un gran numero di processi biologici.
  • Sono enzimi molto potenti che digeriscono il cibo, contribuiscono alla formazione dei coaguli, combattono le infezioni e collaborano alla fecondazione.
  • Aiutano i batteri a digerire materiale (e.g. «mangiatori di carne») e i virus ad infettare le cellule (epatite C).
  • Regolano lo sviluppo degli organismi e degradano la carne dopo il morso di un serpente.
  • Nell’uomo sono prevalenti in molte funzioni fisiologiche, sia normali che correlate a malattie.

http://www.nature.com/scitable/topicpage/enzyme-catalysis-the-serine-proteases-14398894

nature scitable serina proteasi b
Nature/Scitable:Serina proteasi (b)

The protease wheel

Unrooted phylogenetic tree of human and mouse proteases. Proteases are distributed in five catalytic classes and 63 different families. The code number for each protease family is indicated in the outer ring. Protein sequences that correspond to the protease domain from each family were aligned using the ClustalX program. Phylogenetic trees were constructed for each family using the Protpars program. A global tree was generated using the protease domain from one member of each family, and individual family trees were added at the corresponding positions. The figure shows the non-redundant set of proteases. Orthologous proteases are shown in light grey, mouse-specific proteases are shown in red and human-specific proteases in blue. Metalloproteases are the most abundant class of enzymes in both organisms, but most lineage-specific differences are in the serine protease class, making this sector wider. The 01 family of serine proteases can be divided into 22 smaller subgroups on the basis of involvement in different physiological processes, to facilitate the interpretation of differences.

http://www.nature.com/scitable/resource?action=showFullImageForTopic&imgSrc=/scitable/content/ne0000/ne0000/ne0000/ne0000/14462436/f1_puente_nrg1111-f1.jpg

serina proteasi 1
SERINA PROTEASI - 1
  • Il sito attivo di ogni serina proteasi include un residuo di serina (Ser), un residuo di istidina (His) e un residuo di aspartato(Asp): «triade catalitica».

http://www.rpi.edu/dept/bcbp/molbiochem/MBWeb/mb2/part1/protease.htm

serina proteasi 1a
Serina proteasi: 1a
  • Nella struttura tridimensionale dell’enzima il gruppo imidazolico dell’istidina 57 è molto vicino al gruppo idrossilico della serina 195, sufficientemente vicino per formare un ponte d’idrogeno.
  • Anche l’acido aspartico 102 è vicino al gruppo laterale dell’istidina, ma dal lato opposto della serina.
  • Questa disposizione permette il movimento dei protoni e delle cariche nel sito attivo dell’enzima: l’istidina è in posizione per fungere da base (accettore di protoni) e rimuovere il protone dal gruppo –OH della serina. Con questo cambiamento la serina è molto più reattiva e può facilmente formare un nuovo legame con l’atomo di carbono del legame peptidico del substrato.
  • La carica negativa del gruppo carbossilico dell’acido aspartico starebbe allora nella posizione corretta per stabilizzare la catena laterale carica dell’istidina.
  • Questa disposizione spaziale dell’acido aspartico, istidina e serina è stata individuata in centinaia di enzimi: TRIADE CATALITICA.

http://www.nature.com/scitable/topicpage/enzyme-catalysis-the-serine-proteases-14398894

serina proteasi 1b aspetti strutturali comuni
Serina proteasi: 1bAspetti strutturali comuni
  • Aminoacidi specifici (acido aspartico, istidina e serina) in un speciale allineamento che permette il facile trasferimento di protoni verso o fuori dal sito attivo;
  • Tasca rivestita da gruppi carichi che stabilizzano i passi intermediari della reazione per creare o rompere un legame esterico («buco ossianionico»);
  • Regione più variabile che sta alla base della specificità dell’enzima.

http://www.nature.com/scitable/topicpage/enzyme-catalysis-the-serine-proteases-14398894

slide7

Un possibilemeccanismo per l’azionedellachimotripsina:

Passo di acilazione;

Passo di deacetilazione.

http://www.nature.com/scitable/resource?action=showFullImageForTopic&imgSrc=/scitable/content/ne0000/ne0000/ne0000/ne0000/14462460/f2_nietzel_npg_ksm.jpg

serina proteasi 1c quali aspetti permettono alle serina proteasi di attaccare substrati diversi
Serina proteasi: 1cQuali aspetti permettono alle serina proteasi di attaccare substrati diversi?
  • La differenza sta nella tasca di specificità.
  • Nella chimotripsina la tasca è rivestita da aminoacidi idrofobici, e quindi le proteine substrato con aminoacidi idrofobici quali la leucina o l’isoleucina si legano fortemente e nell’orientamento corretto perché la triade funzioni.
  • Dall’altra parte, la tasca della tripsina ha un acido aspartico carico negativamente nella tasca e quindi i substrati che la tripsina decompone debbono avere un aminoacido carico positivamente, quali la lisina o l’arginina, nella posizione giusta.
  • Un altro esempio è l’elastasi in cui la tasca è molto piccola in cui solo le proteine con aminoacidi con catene laterali relativamente piccole, quali la glicina o l’alanina, possono essere degradate da quest’enzima.
  • Questi sono enzimi digerenti in grado di rompere i legami peptidici in un’ampia gamma di proteine.
  • Viceversa, in alcune vie, come nel processo di coagulazione del sangue o nel sistema immunitario, una serina proteasi può essere talmente specifica che può soltanto rompere un singolo legame peptidico in una singola e specifica proteina substrato.

http://www.nature.com/scitable/topicpage/enzyme-catalysis-the-serine-proteases-14398894

serina proteasi 2
SERINA PROTEASI - 2
  • Famiglia di enzimi che frammentano alcuni legami peptidici di altre proteine.
    • Questa attività dipende da un insieme di residui aminoacidi nel sito attivo dell’enzima – uno dei quali è sempre la serina (da cui il loro nome) che funge da agente nucleofilo.
  • Nei Mammiferi le serina proteasi coordinano diverse funzioni fisiologiche importanti, specialmente nella:
    • Digestione
    • Coagulazione del sangue
    • Sistema del complemento
    • Sistema delle chinine

http://www.rpi.edu/dept/bcbp/molbiochem/MBWeb/mb2/part1/protease.htm

serina proteasi 3
SERINA PROTEASI - 3
  • ENZIMI DIGESTIVI
    • Tre degli enzimi digestivi secreti dal pancreas sono delle serina proteasi:
      • Chimotripsina
      • Tripsina
      • Elastasi
  • Questi tre enzimi condividono strutture molto simili (terziarie e non solo primarie).
    • Infatti, il loro residuo di serina attivo è nella stessa posizione (Ser-195) in tutti i tre.
  • Tuttavia, nonostante queste somiglianze, hanno diverse specificità di substrato, ossia, scindono legami peptidici diversi durante la digestione delle proteine.
serina proteasi digestive 1 clan della chimotripsina
Serina Proteasi digestive1. Clan della chimotripsina
  • 1. Clan della chimotripsina
    • Sono caratterizzate da una struttura caratteristica che consiste in due domini a -foglietto che convergono nel sito catalitico.
    • I più noti sono la chimotripsina, tripsina ed elastasi.
    • Questi tre enzimi, sintetizzati dalle cellule acinari del pancreas e secreti nell’intestino tenue, sono responsabili della catalisi dell’idrolisi dei legami peptidici.
    • Le differenze riguardano il legame peptidico che viene idrolizzato: legame scindibile.
    • I tre tipi, come la maggior parte degli enzimi, sono altamente specifici nelle reazioni che catalizzano.
    • Ciascun tipo di queste serina-proteasi digestive ha come bersaglio regioni diverse della catena polipeptidica, individuabili dalle catene laterali dei residui di aminoacidi che circondano il sito di scissione.

http://en.wikipedia.org/wiki/Serine_protease

slide12

Triade catalitica delle serina proteasi

http://www.biochem.arizona.edu/classes/bioc471/pages/Lecture3/Lecture3.html

http://www.biochem.arizona.edu/classes/bioc462/462a/NOTES/ENZYMES/catalytic_triad.gif

clan della chimotripsina 2
Clan della chimotripsina - 2
  • La CHIMOTRIPSINA è responsabile dalla rottura di legami peptidici che seguono un residuo aminoacidico ingombrante e idrofobico.
    • I residui preferiti includono la fenilalanina, il triptofano e la tirosina, che si inseriscono bene nella tasca idrofobica dell’enzima.

http://www.mpcfaculty.net/mark_bishop/chymotrypsin.htm

http://en.wikipedia.org/wiki/Serine_protease

slide14

CHIMOTRIPSINA

http://maptest.rutgers.edu/drupal/?q=node/48

clan della chimotripsina 3
Clan della chimotripsina - 3

La TRIPSINAè responsabile dalla rottura di legami peptidici che seguono un residuo di aminoacidi carico positivamente (es. lisina o arginina).

Invece di avere una tasca idrofobica (come nel caso della chimotripsina), possiede un residuo di acido aspartico alla base della tasca.

Questo residuo del sito attivo dell’enzima può interagire con residui carichi positivamente come l’arginina e la lisina nel peptide substrato da essere degradato.

clan della chimotripsina 4
Clan della chimotripsina - 4
  • La ELASTASIè responsabile dalla rottura di legami peptidici che seguono un piccolo residuo aminoacidico neutro, quale l’alanina, la glicina e la valina (questi aminoacidi formano molto del tessuto connettivo della carne).
    • Rispetto a quella della tripsina o della chimotripsina, la tasca in questo caso è parzialmente riempita con valina e treonina, rendendola una depressione poco profonda, che può accomodare piccoli residui aminoacidici.

http://en.wikipedia.org/wiki/Serine_proteases

clan della chimotripsina 5
Clan della chimotripsina - 5
  • L’azione combinata di tripsina, chimotripsina ed elastase rende il team digestivo incredibilmente efficace, e fondamentalmente responsabile dalla digestione delle proteine.

se

http://en.wikibooks.org/wiki/Structural_Biochemistry/Enzyme/Catalytic_Triad_and_S1_Pocket

2 clan della subtilisina
2. Clan della Subtilisina
  • La Subtilisina è una serina proteasi dei Procarioti.
    • Non ha una omologia evolutiva con il clan della chimotripsina, ma condivide lo stesso meccanismo catalitico che usa una triade catalitica per creare una serina nucleofilica.
    • Questo è un classico esempio di evoluzione convergente, dato che lo stesso meccanismo è evoluto due volte indipendentemente durante l’evoluzione.

http://en.wikipedia.org/wiki/Serine_proteases

meccanismo catalitico dei clan della chimotripsina e subtilisina
Meccanismocataliticodei clan dellachimotripsina e subtilisina
  • Il ruolo principale nel meccanismo catalitico degli enzimi dei clan della chimotripsina e della subtilisina è giocato dalla TRIADE CATALITICA.
    • La triade è contenuta nel sito attivo dell’enzima, dove ha luogo la catalisi, ed è preservata in tutti gli enzimi di tipo serina proteasi.
    • La triade è una struttura coordinata che consiste in tre aminoacidi essenziali: l’istidina (His 57), la serina (Ser 195) (da qui il termine serina proteasi) e l’acido aspartico (Asp 102).
    • Localizzati molto vicini uno all’altro nel cuore dell’enzima, ciascuno di questi tre aminoacidi chiave gioca un ruolo essenziale per la capacità di scissione delle proteasi.
importanza degli inibitori
Importanza degli inibitori
  • Ci sono alcuni inibitori che somigliano all’intermediari tetraedrico che si forma durante la reazione catalitica e che quindi riempiono il sito attivo, impedendo l’enzima di lavorare adeguatamente.
    • La tripsina, un potente enzima digerente, è generata nel pancreas.
    • Il rischio di autodigestione del pancreas stesso richiede degli inibitori di questi enzimi.
zimogeni delle serina proteasi 1
Zimogeni delle Serina proteasi - 1
  • Gli ZIMOGENIsono i precursori inattivi di un enzima.
  • Se gli enzimi digerenti fossero attivi quando sintetizzati, essi iniziarebbero immediatamente a digerire gli organi e tessuti che li hanno sintetizzati.
    • La PANCREATITE ACUTA è una di queste condizioni in cui vi è una attivazione prematura degli enzimi digestivi del pancreas che provoca la auto-digestione (autolisi).

http://en.wikipedia.org/wiki/Serine_proteases

slide24

Secrezione di Zimogeni da una cellula acinare del pancreas

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK22589/figure/A1387/

zimogeni delle serina proteasi 2
Zimogeni delle Serina proteasi - 2
  • Gli zimogeni sono strutture di grandi dimensioni, inattive, che hanno la capacità di rompersi o modificarsi dando origine agli enzimi attivati di minori dimensioni.
  • La differenza fra zimogeno ed enzima attivo sta nel fatto che negli zimogeni il sito attivo di catalisi è distorto.
    • Quindi, il peptide substrato non riesce a legarsi in modo efficace e la proteolisi non può avere luogo.
  • Solo dopo l’attivazione, durante la quale la conformazione e la struttura dello zimogeno vengono modificati e il sito attivo si apre, può avere luogo la proteolisi.

http://en.wikipedia.org/wiki/Serine_proteases

zimogeni delle serina proteasi 3
Zimogeni delle Serina proteasi - 3
  • L’attivazione del tripsinogeno a tripsina è essenziale, perchè attiva la sua stessa attività catalitica ed anche quella della chimotripsina e della elastasi.
  • E’ perciò essenziale che questa attivazione non abbia luogo prematuramente.
  • Ci sono diverse misure prottetiveche l’organismo adopera per impedire l’autodigestione:
    • L’attivazione del tripsinogeno mediante la tripsina è relativamente lenta.
    • Gli zimogeni sono immagazzinati in granuli di zimogeno, vescicole che hanno pareti che si ritiene siano resistenti alla proteolisi.

http://en.wikipedia.org/wiki/Serine_proteases

slide27

Attivazione degli zimogeni mediante scissione proteolitica

La enteropeptidasi inizia l’attivazione degli zimogeni pancreatici attivando la tripsina, che a sua volta attiva altri zimogeni. Gli enzimi attivi sono illustrati in giallo; gli zimogeni sono illustrati in arancione.

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK22589/figure/A1396/

serpine
SERPINE
  • Le Serpine sono inibitori delle Serine Proteasi
come funzionano le serpine
COME FUNZIONANO LE SERPINE?
  • Inibiscono l’azione delle rispettive serina proteasi simulando la struttura tridimensionale del normale substrato delle proteasi.
  • Ma la serpina ha un ulteriore “trucco” da giocare:
    • La proteasi fanno un taglio nella serpina che porta a:
      • Formazione di un legame covalente fra le due molecole.
      • Un’alterazione allosterica massiccia nella struttura della serpina che sposta la proteasi legata verso un sito dove possa essere distrutta.
importanza della serpine
IMPORTANZA DELLA SERPINE
  • Circa il 20% delle proteine che si trovano nel plasma sanguigno sono serpine.
  • La loro abbondanza riflette la loro importanza: fermare l’attività proteolitica quando è necessario che si concluda.
  • Questo è specialmente importante per i sistemi di:
    • coagulazione
    • complemento
  • … che sono processi in cui un piccolo evento iniziale porta ad una cascata di attività in rapida amplificazione.
slide32
Serine proteasiSEMINARIO: SISTEMI DELLA COAGULAZIONE, DEL COMPLEMENTO e delle chinine in cui sono coinvolte delle serina proteasi
infiammazione sistemi di proteine plasmatiche
INFIAMMAZIONE & SISTEMI DI PROTEINE PLASMATICHE
  • L’infiammazione è mediata da tre sistemi chiave di proteine plasmatiche: il sistema del complemento, il sistema della coagulazione e il sistema delle chinine.
  • Ciascuno di questi sistemi consiste in una serie di enzimi inattivi, o proenzimi.
  • Quando il primo proenzima della serie è convertito in un enzima attivo, esso inizia una cascata in cui il substrato dell’enzima attivato è il componente seguente del sistema.
  • Perciò, l’intera cascata può essere attivatamediante l’attivazione del primo componente.
  • L’attivazione di solito coinvolge il taglio catalizzato da un enzima del precursore inattivo (proenzima) in due o più componenti.
  • Il maggiore è un enzima attivo il cui substrato è il componente seguente del sistema.
  • Il componente di minori dimensioni è spesso un potente mediatore biochimico della risposta infiammatoria.
  • La maggior parte di questi componenti hanno una durata corta, in quanto sono inattivati rapidamente da altre proteine plasmatiche.

Rote & Huether: Inflammation» In: UnderstandingPathophysiology (Huether & McCance,eds.) Mosby, 3° ed

coagulazione del sangue blood clotting
COAGULAZIONE DEL SANGUE(“BLOOD CLOTTING”)
  • La coagulazione del sangueinizia quando il tessuto è danneggiato e quando le piastrine sono esposte al collagene della lamina basale.
  • Le piastrine si attivano e, degranulando, rilasciano citochine che inducono alterazioni in una serie complessa di fattori plasmatici.
  • Alla fine la proteina circolante protrombina viene attivata a trombina.
  • La trombina converte il fibrinogeno inattivo in fibrina, che forma il coagulo.
slide35

http://fig.cox.miami.edu/~lfarmer/BIL265/BIL2001/bloodflow9.jpghttp://fig.cox.miami.edu/~lfarmer/BIL265/BIL2001/bloodflow9.jpg

slide36

http://www.thrombosisadviser.com/scripts/include/TFW/tools/download.php?f=/html/images/library/haemostasis/fibrinolysis-clot-formation-HR.jpghttp://www.thrombosisadviser.com/scripts/include/TFW/tools/download.php?f=/html/images/library/haemostasis/fibrinolysis-clot-formation-HR.jpg

slide37

Mc Cance K: «Structure and function of the hematologicsystem» In: UnderstandingPathophysiology (Huether & McCance,eds.) Mosby, 3° ed

coagulo
Coagulo

http://www.emc.maricopa.edu/faculty/farabee/biobk/BioBookcircSYS.html

sistema della coagulazione 1
Sistema della coagulazione - 1
  • Il sistema della coagulazione («clotting») è un sistema di proteine plasmatiche che forma una rete fibrosa nel sito inflammato per intrappolare gli esudati, i microorganismi e i corpi estranei.
  • Ciò:
    • Impedisce la disseminazione dell’infezione e dell’infiammazione ai tessuti vicini.
    • Mantiene i microorganismi e i corpi estranei nel sito di maggiore attività fagocitica
    • Forma un coagulo che ferma il sanguinamento e fornisce un’impalcatura per il successivo riparo e guarigione.
  • La principale sostanza di questa rete è una proteina insolubile, la fibrina, che è il prodotto finale della cascata della coagulazione.

Rote & Huether: Inflammation» In: UnderstandingPathophysiology (Huether & McCance,eds.) Mosby, 3° ed

sistema della coagulazione 2
Sistema della coagulazione - 2
  • Tale come avviene con il sistema del complemento, la cascata della coagulazione può essere attivata mediante due vie diverse che producono la stessa sostanza.
  • Nella cascata della coagulazione le vie estrinseca e intrinseca convergono nel fattore X.

Mc Cance K: «Structure and function of the hematologicsystem» In: UnderstandingPathophysiology (Huether & McCance,eds.) Mosby, 3° ed

sistema della coagulazione 3
Sistema della coagulazione - 3
  • Il sistema della coagulazione può essere attivato da molte sostanze rilasciate durante la distruzione tissutale e l’infezione, incluso collagen, proteasi, kallikreina, plasmina ed endotossine batteriche.
  • Inoltre, l’attivazione della cascata produce due fibrinopeptidi a basso peso molecolare.
  • Questi sono rilasciati dal fibrinogeno durante la produzione di fibrina (sopratutto il fibrinopeptide B), sono chemotattici per i neutrofili ed aumentano la permeabilità vascolare, aumentando gli effetti della bradichinina (formata dal sistema della chinina).

Rote & Huether: Inflammation» In: UnderstandingPathophysiology (Huether & McCance,eds.) Mosby, 3° ed

slide42

CASCATA DELLA COAGULAZIONE

Serina proteasi

Serina proteasi

http://ocw.tufts.edu/Content/29/lecturenotes/368617/368643

slide43

CASCATA DELLA COAGULAZIONE

Serina proteasi

Serina proteasi

formazione di un coagulo di fibrina
Formazione di un coagulo di fibrina
  • Formazione di un coagulo di fibrina.
  • La trombina taglia via i fibrino-peptidi A e B dalla zona globulare centrale del fibrinogeno.
  • I domini globulari nelle estremità carbossi-terminali delle catene β e γ interagiscono con “protuberanze” esposte nelle estremità amino-terminali delle catene β e α formando i coaguli.
slide45

http://media-cache-ak0.pinimg.com/736x/73/62/7c/73627c934150bcf261dcf8c0e078f476.jpghttp://media-cache-ak0.pinimg.com/736x/73/62/7c/73627c934150bcf261dcf8c0e078f476.jpg

fibrinolisi 1
FIBRINOLISI - 1
  • Processo fisiologico che ha come evento terminale la dissoluzione del reticolo di fibrinaformatosi in conseguenza della coagulazione del sangue.
  • La fibrinolisi ha lo scopo di mantenere l’integrità del coagulo solo per il tempo strettamente necessario all’arresto dell’emorragia ed anche di impedire la formazione di trombi intravascolari che si può verificare per attivazione spontanea della coagulazione.
  • La fibrinolisi inizia con la conversione del plasminogeno in plasmina ad opera degli attivatori del plasminogeno, i più noti dei quali sono l’urochinasi (U-PA), varie sostanze di origine tessutale e vascolare (liberate in seguito ad esercizio fisico, ipoglicemia, shock ipovolemico) e una sostanza di origine batterica, la streptochinasi.
  • La plasminaè un enzima proteolitico capace di scindere la fibrina ed il fibrinogeno (formando i cosiddetti FDP), i fattori V e VIII. La sua liberazione incontrollata avrebbe effetti disastrosi se non esistessero in circolo gli inibitori della plasmina, cioè sostanze in grado di neutralizzarla.
fibrinolisi
Fibrinolisi

http://en.wikipedia.org/wiki/File:Fibrinolysis.png

fibrinolisi 2
FIBRINOLISI - 2
  • Esistono condizioni caratterizzate da un aumento della fibrinolisi: coagulazione intravascolare disseminata (CID), carcinoma della prostata, della mammella e del pancreas, leucemie acute, interventi chirurgici sul cuore in circolazione extracorporea.
  • Gli attivatori del plasminogeno (soprattutto l’urochinasi) sono molto usati in terapia come agenti trombolitici nell’infarto miocardico, nell’embolia polmonare, nella trombosi venosa.
plasmina 1
Plasmina - 1
  • La Plasmina è un importante enzima (EC 3.4.21.7) presente nel sangue che degrada molte proteine plasmatiche, in particolare i coaguli di fibrina. La degradazione della fibrina viene chiamata fibrinolisi.
  • E una serina proteasi che viene rilasciata nella circolazione sotto forma di precursore inattivo, il plasminogeno
  • E’ attivata:
    • dall’attivatoredel plasminogeno tissutale (tPA);
    • dall’attivatoredel plasminogeno di tipo urochinasi (uPA);
    • dalla trombina;
    • dalla fibrina;
    • dal fattore XII (fattore di Hageman) della coagulazione
  • E’ inattivata:
    • dalla alfa-2-antiplasmina, un inibitore delle serina proteasi (serpina)
plasmina 2
Plasmina - 2
  • Oltre ad essere coinvolta nella fibrinolisi, la plasmina proteolizza proteine di diversi altri sistemi:
    • Attiva le collagenasi, alcuni mediatori del sistema del complemento ed indebolisce la parete del follicolo di Graaf (provocando l’ovulazione).
    • Degrada la fibrina, la fibronectina, la trombospondina, la laminina, e il fattore di von Willebrand della coagulazione.
  • Un deficit di plasmina può portare alla trombosi, perchè i coaguli non vengono degradati come si deve.
famiglia degli attivatori del plasminogeno 1
FAMIGLIA DEGLI ATTIVATORI DEL PLASMINOGENO-1
  • Gli attivatori del plasminogeno (PAs) sono serina-proteasi che convertono il plasminogeno inattivo in plasmina attiva, un enzima simile alla tripsina che degrada una grande varietà di proteine, quali la fibrina, la fibronectina, il collagene di tipo IV, la vetronectina e la laminina.
  • Il PA esiste sotto forma di:
    • attivatore del plasminogeno di tipo tissutale (tPA)
    • attivatore del plasminogeno di tipo urochinasi (uPA).
ruolo degli attivatori del plasminogeno nella rimodulazione della matrice 1
RUOLO DEGLI ATTIVATORI DEL PLASMINOGENO NELLA RIMODULAZIONE DELLA MATRICE [1]
  • Gli attivatori del plasminogeno (Pas), in particolare quelli di tipo urochinasi (u-PA) e di tipo tissutale (t-PA) sono serina proteasi che frammentano uno zimogeno circolante, il plasminogeno, per generare una serina-proteasi meno specifica, la plasmina.
  • Il sistema PA/plasminogeno è stato implicato nel processo di rimozione della fibrina (fibrinolisi) nonché nella rimodelazione dei tessuti e nella migrazione cellulare che ha luogo in processi sia fisiologici che patologici.
    • La U-PA si lega al recettore specifico sulla superficie cellulare (U-PAR)2 e parte della sua azione sembra coinvolgere una proteolisi, mediata dalle cellule, di proteasi della matrice presenti allo stato latente o di fattori di crescita.

Da: Cook AD, Braine EL, Campbell IK, Hamilton JA. Differing roles for urokinase and tissue-type plasminogen activator in collagen-induced arthritis. Am J Pathol. 160: 917-926, 2002.

ruolo degli attivatori del plasminogeno nella rimodulazione della matrice 2
RUOLO DEGLI ATTIVATORI DEL PLASMINOGENO NELLA RIMODULAZIONE DELLA MATRICE [2]
  • Una delle funzioni principali del t-PA è probabilmente quella della rimozione della fibrina (fibrinolisi) perché essa richiede una superficie simile a quella cellulare per attività ottimale.
  • Questo sistema proteolitico può essere dannoso o benefico, a seconda di quale componente della matrice viene bersagliato.
sistema del complemento a
Sistema del complemento - a
  • E’ il principale mediatore dela difesa immunitaria innata.
  • La sua funzione è quella di riconoscere, e in seguito opsonizzare o lisare materiali particolati, incluso batteri, funghi e altri microorganismi.
  • Il riconoscimento ha luogo mediante legame delle proteine del complemento a insiemi di saccaridi o di cariche elettriche.
  • Dopo il riconoscimento, viene attivata una serie di serina proteasi culminando con l’assemblamento di proteasi complesse e instabili, dette C3/C5 convertasi.
  • Queste attivano la proteina C3 del complemento, che funge da opsonina.
  • Le serina proteasi del sistema del complemento includono le proteine strettamente correlate C1r, C1s, MASPs 1-3 (80-90 kDa), C2 e fattore B (100 kDa), Fattore D (25 kDa) e il Fattore 1 (85 kDa)
  • Ciascuno di questi ha una specificità insolitamente ristretta e bassa attività enzimatica.

Sim RB, Laich A. Serine proteases of the complement system. BiochemSoc Trans. 2000 Oct;28(5):545-50.

complemento
Complemento

C1s: Serina proteasi

Tutte tre le vie generano un’attività enzimatica cruciale che, a sua volta, genera molecole effettrici del complemento. Le tre principali conseguenze dell’attivazione del complemento sono l’opsonizzazione dei patogeni, il richiamo di cellule infiammatorie e l’uccisione diretta dei patogeni.

http://www.ncbi.nlm.nih.gov/books/NBK26846/figure/A4680/?report=objectonly

sistema del complemento 2
Sistema del complemento - 2
  • Il sistema del complemento consiste in almeno 10 proteine e costituisce fino al 10% delle proteine seriche circolanti.
  • Probabilmente è il più importante dei sistemi di proteine plasmatiche coinvolte nell’infiammazione dato che partecipa a praticamente tutti gli aspetti della risposta infiammatoria.

Rote & Huether: Inflammation» In: UnderstandingPathophysiology (Huether & McCance,eds.) Mosby, 3° ed

sistema del complemento 3
Sistema del complemento - 3
  • Può essere attivato da complessi antigene-anticorpo, da prodotti rilasciati dai batteri o da componenti di altri sistemi di proteine plasmatiche.
  • Tuttavia, anche quando il sistema del complemento è attivato da un meccanismo specifico, esso media l’infiammazione, che è un processo non specifico.
  • Perciò, le proteine del sistema del complemento («componenti del complemento») sono fra i sistemi più potenti dell’organismo di ifesa contro le infezioni batteriche.
  • Nella figura sono illustrate due vie di attivazione del complemento:
    • VIA CLASSICA: attivata quando un complesso antigene-anticorpo contenente IgG o IgM interagisce con il primo componente della cascata, C1.
    • VIA ALTERNATIVA: attivata da diverse sostanze biologiche, sopratutto polisaccaridi della parte cellulare di batteri o funghi (specialmente l’endotossina dei batteri gram-negativi).

Rote & Huether: Inflammation» In: UnderstandingPathophysiology (Huether & McCance,eds.) Mosby, 3° ed

sistema del complemento 4
Sistema del complemento - 4
  • L’attivazione dei componenti C1 fino a C5 produce subunità che aumentano l’infiammazione:
    • Opsonizzando i batteri
    • Attraendo i leucociti mediante chemiotassi
    • Agendo come agenti anafilatici, ossia, inducendo la degranulazione delle «mast cells».
  • I componenti C6 fino a C9 formano complessi che possono creare pori sulle membrane delle cellule o dei battari.
  • I pori rompono le rigide membrane esterne dei batteri e permettono l’entrata di acqua e di ioni, provocando lo scoppio della cellula o almeno impediscono la sua riproduzione.

Rote & Huether: Inflammation» In: UnderstandingPathophysiology (Huether & McCance,eds.) Mosby, 3° ed

il sistema del complemento a
IL SISTEMA DEL COMPLEMENTO - a
  • Cascata complessa che coinvolge la scissione proteolitica di glicoproteine seriche, spesso attivata da recettori cellulari.
  • Questa cascata ha come risultato finale l’induzione della risposta infiammatoria, la chemotassi e l’opsonizzazione dei fagociti e la lisi cellulare.
  • I fattori C3a, C5a e C4 possono indurre vasodilatazione, aumentata permeabilità capillare ed espressione di molcole di adsione nei leucociti.
  • I fattori C3a e C4b sono opsonine che collegano i fagociti ai microorganismi e promuovono la chemotassia dei fagociti. [Opsonina: qualsiasi molecola che intensifichi il legame nel processo di fagocitosi, ad es. rivestendo le molecole cariche negativamente sulla membrana; http://en.wikipedia.org/wiki/Opsonin]
  • Il fattore C3b del complement C3b può essere un’opsonina per i complessi antigene-anticorpo che aiuta ad impedire il danno indotto dalla formazione di grandi immunoaggregati insolubili.
il sistema del complemento b
IL SISTEMA DEL COMPLEMENTO - b
  • Il fattore C5a, come il C3a, è un’anafilotossina, ed è un agente di attrazione chemotattica per l’induzione del rilascio, da parte dei granulociti, di proteasi antimicrobiche e di ossiradicali.
  • Un complesso dei fattori C5b, C6, C7, e C8 del complemento media la polimerizzazione di fino a 19 molecole di C9 in un complesso tubolare di attacco alle membrane che viene inserito nella membrana plasmatica di un organismo non desiderato quali i batteri gram-negativi o cellule infette da virus.
    • Questo canale attraverso il doppio strato lipidico provoca la lisi delle cellule.
il sistema del complemento c
IL SISTEMA DEL COMPLEMENTO - c
  • Anche l’infarto ischemico può provocare l’attivazione della cascata del complemento e la formazione di depositi eccessivi di complessi di attacco alle membrane nei tessuti.
  • Altri effetti deleteri dell’attivazione del complemento includono:
    • degranulazione di neutrofili, basofili e mastociti.
    • rilascio non desiderato di prodotti dei neutrofili quali l’elastasi e ossiradicali
    • circolazionesanguignaextracorporea.
  • Inibitori del complemento sono studiati come potenziali agenti terapeutici per le malattie autoimmuni e l’ Alzheimer.
complement component 1 s subcomponent
Complement component 1,s subcomponent

http://en.wikipedia.org/wiki/C1S

sistema delle chinine 1
Sistema delle chinine - 1

Serina proteasi

Rote & Huether: Inflammation» In: UnderstandingPathophysiology (Huether & McCance,eds.) Mosby, 3° ed

sistema delle chinine 2
Sistema delle chinine - 2
  • La principale chinina, la bradichinina, che a basse dosi provoca la vasodilatazione, agisce con le prostaglandine per indurre dolore, contrazione della muscolatura lisce vascolare, aumentare la permeabilità vascolare e aumentare la chemotasssi dei leucociti.
  • La bradichinina induce la contrazione della muscolatura lisce più lentamente dell’istamina e potrebbe essere più importante durante le fasi più tardive dell’infiammazione.
  • Con le prostaglandine, probabilmente provoca la retrazione delle cellule endoteliali ed aumenta la permeabilità vascolare.

Rote & Huether: Inflammation» In: UnderstandingPathophysiology (Huether & McCance,eds.) Mosby, 3° ed

sistema delle chinine 3
Sistema delle chinine - 3
  • Il sistema delle chinine è attivato mediante stimolazione della cascata delle chinine plasmatiche.
  • La pre-callicreina viene convertita in callicreina mediante una subunità, l’attivatore della precallicreina, generata nella cascata della coagulazione.
  • La callicreina [serina proteasi] a sua volta converte il chininogeno in chinina, la principale bradichinina.
  • Le callicreine tissutali della saliva, sudore, lacrime, urina e feci convertono il chininogeno del siero in callidina (lisina-bradichinina) che può essere convertita in bradichinina.
  • Le chinine sono rapidamente degradate e quindi controllate dalle chininasi, enzimi presenti nel plasma e nei tessuti.

Rote & Huether: Inflammation» In: UnderstandingPathophysiology (Huether & McCance,eds.) Mosby, 3° ed

sistema chinina callicreina a
Sistema chinina-callicreina - a
  • Il Sistema dellechinine-callicreina (“Sistema dellechinine”) è un sistemaancorapoconoto.
  • Consiste in proteineplasmatichechegiocano un ruolonell’infiammazione, controllodellapressionesanguigna, coagulazionee dolore.
  • I suoiimportantimediatori, la bradichinina e la callidinasonovasodilatatoricheagisconosumolti tipi cellulari.

http://en.wikipedia.org/wiki/Kinin%E2%80%93kallikrein_system

sistema chinina callicreina b
Sistema chinina-callicreina - b

Proteine

  • “High-molecular weight kininogen” (HMWK) e “low-molecular weight kininogen” (LMWK) sonoprecursorideipolipeptidi. Non hannoattivitàpropria.
  • Il HMWK è prodotto dal fegatoinsiemeallaprecallicreina. Agiscesopratutto come cofattoredellacoagulazione e dell’infiammazione e non ha attivitàcataliticaintrinseca.
  • Il LMWK è prodottolocalmenteda moltitesuti e secretoinsiemeallacallicreinatissutale.

http://en.wikipedia.org/wiki/Kinin%E2%80%93kallikrein_system

sistema chinina callicreina c
Sistema chinina-callicreina - c

Polipeptidi

  • La bradichinina (BK), cheagiscesulrecettore B2 e moderatamentesulrecettore B1, è prodottaquando la callicreina la rilascia a partire del HMWK. E’ un nonapeptide con la sequenza di aminoacidi Arg–Pro–Pro–Gly–Phe–Ser–Pro–Phe–Arg.
  • La callidinavienerilasciata(KD) a partiredallacallicreina del LMWK. E’ un decapeptide. La KD ha la stessasequenza di aminoacidi dellabradichinina con l’aggiunta di unalisinaall’aminoterminale, e vienetalvoltadescritta come Lys-bradichinina.
  • La HMWK e la LMWK sonoformatemediante splicing alternative dellostesso gene.

http://en.wikipedia.org/wiki/Kinin%E2%80%93kallikrein_system

sistema chinina callicreina d
Sistema chinina-callicreina - d

Enzimi

  • Le callicreine (callicreine tissutale e plasmatica) sono serina proteasi che rilasciano le chinine (BK e KD) a partire dai chininogeni, proteine plasmatiche che vengono convertite in peptidi vasoattivi. La pre-callicreina è il precursore della callicreina plasmatica. Può attivare le chinine soltanto dopo essere stata attivata dal fattore XIIa della coagulazione o da altri stimoli.
  • Le carbossipeptidasi sono presenti sotto due forme: la BN è circolante e la M è legata alle membrane. Esse rimuovono residui di arginina dal carbossiterminale della BK e della KD.
  • Il «Angiotensinconvertingenzyme» (ACE), anche noto come chininasi II, inattiva un gran numero di mediatori peptidici, incluso la bradichinina. E’ meglio noto per l’attivazione dell’angiotensina.
  • La endopeptidasi neutra disattiva anche le chinine e altri mediatori.

http://en.wikipedia.org/wiki/Kinin%E2%80%93kallikrein_system

slide72

Borgoño CA, Diamandis EP. The emerging roles of human tissue kallikreins in cancer. Nat Rev Cancer. 2004 Nov;4(11):876-90.

slide73

Borgoño CA, Diamandis EP. The emerging roles of human tissue kallikreins in cancer. Nat Rev Cancer. 2004 Nov;4(11):876-90.

slide74

Cathepsins

cathepsins

Borgoño CA, Diamandis EP. The emerging roles of human tissue kallikreins in cancer. Nat Rev Cancer. 2004 Nov;4(11):876-90.

slide75

Borgoño CA, Diamandis EP. The emerging roles of human tissue kallikreins in cancer. Nat Rev Cancer. 2004 Nov;4(11):876-90.

slide76

Borgoño CA, Diamandis EP. The emerging roles of human tissue kallikreins in cancer. Nat Rev Cancer. 2004 Nov;4(11):876-90.

slide77

Borgoño CA, Diamandis EP. The emerging roles of human tissue kallikreins in cancer. Nat Rev Cancer. 2004 Nov;4(11):876-90.

slide78

Borgoño CA, Diamandis EP. The emerging roles of human tissue kallikreins in cancer. Nat Rev Cancer. 2004 Nov;4(11):876-90.

slide79

Borgoño CA, Diamandis EP. The emerging roles of human tissue kallikreins in cancer. Nat Rev Cancer. 2004 Nov;4(11):876-90.

slide80

Kontos CK, Mavridis K, Talieri M, Scorilas A. Kallikrein-relatedpeptidases (KLKs) in gastrointestinalcancer: mechanistic and clinicalaspects. ThrombHaemost. 2013 Sep;110(3):450-7.