paziente traumatizzato n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Paziente traumatizzato PowerPoint Presentation
Download Presentation
Paziente traumatizzato

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 19

Paziente traumatizzato - PowerPoint PPT Presentation


  • 241 Views
  • Uploaded on

Paziente traumatizzato. Paziente con museruola e contenimento. - Valutare le lesioni conseguenti il trauma: 1- ferita cutanea 2- ustione 3- contusione muscolare 4- lesione tendinea /legamentosa 5- frattura chiusa 6- frattura esposta 7- trauma cranico- spinale 8-trauma addominale

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

Paziente traumatizzato


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
    Presentation Transcript
    1. Paziente traumatizzato • Paziente con museruola e contenimento. - Valutare le lesioni conseguenti il trauma: • 1- ferita cutanea • 2- ustione • 3- contusione muscolare • 4- lesione tendinea /legamentosa • 5- frattura chiusa • 6- frattura esposta • 7- trauma cranico- spinale • 8-trauma addominale • 9-trauma toracico

    2. Ferite cutanee 1-4h. • Terapia del dolore ev,im: Butorfanoloflac 10 ml 0,1–0,2 ml/10 kg Dolorex Tramadolo cloridrfiale 1 ml0,4-0,8 ml /10kg Contramal/costoAltadol 1-lavare con soluzione fisiologica tiepida o acqua corrente 2-bendaggio protettivo (tre strati): a) garza sterile con betadine pomata/sapone pvd liquido su tutta la ferita, b) Cotonina c) Cerotto o Vetrap .

    3. Ustioni • Cause: • Termiche: fuoco, liquidi caldi, oggetti caldi (motore, marmitte, tappeti riscaldati, ferri da stiro ecc.) • Elettriche: contatto con fili elettrici • Chimici: acidi, alcali • I grado: solo epidermide-dolore-arrossamento- no vesciche- i peli non si staccano • II grado: distruzione epidermide-edema-dolore-vesciche • IIIgrado: tutto spessore cute-grave edema-no sensibilità- • IV grado: coinvolgimento cute, sottocute, muscoli, fascia – • fino alla carbonizzazione

    4. Stima di estensione ustione sulla superficie corporea un arto anteriore 9% - un arto posteriore 18% testa e collo 9% - dorso 18% - tronco 18% - area genitale 1% Importante! Ustione I al 15% sup.corpo terapia di sostegno-medicazione USTIONE GRAVE ? Ustione II al 50% superficie corporea prognosi grave eutanasia Ustione III al 30% superficie corporea prognosi grave eutanasia Ustioni

    5. Ustioni • Valutare edema della laringe, ustione prime vie aeree, stato di shock • Fluidoterapia (ringer lattato, fisiologica) • Terapia del dolore Dolorex/Altadol • Lavaggio e raffreddamento della parte con abbondante soluzione • Fisiologica/acqua in bottiglia a 20°C o acqua corrente • (NO GHIACCIO!) • ATTENZIONE alle ustioni chimiche!!! Evitare che il paziente lecchi la parte toccata dal caustico. Apposizione di uno spesso strato di pomata antibiotica/ antibiotico cortisonica e bendaggio come nelle ferite

    6. Traumi vari • Con grave contusione dei tessuti molli spesso è presente una forte contaminazione o comunque dobbiamo prevedere una successiva infiltrazione ematico/linfatica con degenerazione dell’area tissutale coinvolta • Danno direttamente proporzionale alla taglia dell’animale (sindrome cane grande/cane piccolo) • Arti (frattura ossee) • Testa /Collo (rottura trachea, esofago,frattura vertebre) • Addome (emoperitoneo,ernie addominali) • Torace(frattura coste,emotorace,pneumotorace)

    7. Investimenti, cadute dall’alto, Tumefazione, calda, cute rosso bluastra, dolore lieve Se associata a frattura marcata tumefazione, forte dolore, rumore di scroscio. Che fare? Terapia del dolore : Carprofen 1ml/10 kg EV,SC Rimadyl Meloxicam0,4 ml /10 kg EV,SC Metacam Ghiaccio per 20/30 minuti non a diretto contatto con la cute. Contusione muscolare

    8. Lesioni tendinee e legamentose • Estensori e flessori nelle porzioni distali arti • Causate da traumatismi con oggetti taglienti, ferite da schiacciamento o sfregamenti. • Presente soluzione di continuo cute, emorragia imponente se coinvolge grossi/medi vasi- forte dolore.

    9. Lesioni tendinee e legamentose • Terapia del dolore : Carprofen 1ml/10 kg EV,SC Rimadyl • Meloxicam0,4ml/10 kg EV,SC Metacam • Emostasi per compressione o con laccio emostatico posto a monte della lesione • Lavaggio con soluzione fisiologica • Bendaggio: 1) garze con betadine 2) bendaggio con cotonina 3) bendaggio compressivo con vetrap o cerotto • Rimozione laccio emostatico (se mantenuto ricordarsi di allentarlo ogni 5-10 minuti) • Immobilizzazione arto

    10. Frattura • Terapia del dolore: Rimadyl 1 ml/10 kg • Metacam 0,4 ml /10 kg • Dolorex 0,2-1ml /10kg • Altadol 0,4-0,8ml/10 kg • Ghiaccio non a contatto diretto • Immobilizzazione della frattura: - con cotonina e stecche, - pannolini da bambino, - giornale arrotolato • Cerotto e vetrap per fissare • Regola generale: per tener fermi fra loro i due monconi dell'osso fratturato, occorre bloccare anche le articolazioni alle estremità dell'osso stesso.

    11. Frattura esposta • Soluzione di continuo cute, esposizione dei capi di frattura. • Contusione dei tessuti molli. • Terapia del dolore: come sopra Rimadyl/Dolorex • Metacam/Altadol • Lavaggio abbondante con soluzione fisiologica • copertura con garze sterile • Bendaggio ed immobilizzazione anche con mezzi di fortuna

    12. Trauma cranico Cosa fare? • Valutare: • Segni esterni (ecchimosi, sangue liquido dal naso o dalle orecchie) • Alterazioni neurologiche: agitazione, sopore, coma convulsioni perdita feci/urine paresi alterazione delle pupille: anisocoria miosi midriasi • Trattare l’animale con cautela • e delicatezza • 2) Immobilizzare il rachide cervicale • 3) Non tamponare il sangue che esce dalle • orecchie e dal naso • Tamponare le ferite cutanee della testa • Fluidoterapia con ringer lattato • Dose di Desashock 1ml/10 kg.

    13. Trauma spinale • Qualunque paziente traumatizzato può avere danni alle vertebre!!!!!! • Valutare: • Deformazioni visibili rachide • Lo stato di coscienza • Sensibilità profonda • Che fare? • Dolorex/ Altadol • Domitor 0,4-0,8 ml / 10 Kg • Dose di Desashock 1ml/ 10 kg. • Trasportare su piano rigido assicurato con cerotti o nastro isolante

    14. In incidenti stradali è spesso concomitante ad altri traumi Emorragia addominale (emoperitoneo) per rottura fegato, milza, reni o vasi grosso calibro. Peritonite per rottura organi cavi Uroperitoneo per rottura vescica Contusioni, ferite penetranti, ematomi della parete Trauma addominale

    15. Trauma addominale • Sintomi: • Mucose pallide • Aumento di volume addome • Prova di succussione positiva • Dolore addominale • Astenia, letargia • Che fare? • Terapia del dolore • Fluidoterapia • Paracentesi se compromissibile la respirazione • Bendare addome • Antiemorragico ( 1 fiala di Ugurol 5 ml di tranexamico) • Tenere fermo il pz.

    16. Frattura coste: Crepitio e movimento anomalo di alcuni segmenti di coste Movimenti paradosso del torace, si infossa durante l’inspirazione si espande nell’espirazione Difficoltà respiratoria per contusione al polmone, diminuzione della ventilazione polmonare indotta dal dolore Che fare? Coricare paziente sul lato sano Antidolorifico NO bendaggio toracico!!! Supporto di O²? Trauma toracico

    17. Pneumotorace: Aperto (ferita torace) Chiuso (rottura pleura) Difficoltà respiratoria (dilatazione narici, bocca aperta, coinvolgimento mm.parete addominale, estensione collo, cianosi) Valutare integrità parete toracica Cosa fare? Antidolorifico Bendaggio occlusivo torace O²per maschera ? Toracocentesi bilaterale (ago nel margina craniale VII/VIII costa ½ dorsale.) Aspirare aria da entrambi i lati Trauma toracico

    18. Riassumendo : Rendere inoffensivo il paziente (museurola, laccio, sedazione), valutare in linea di massima il danno ed intervenire per garantire la sopravvivenza immediata stabilizzando il paziente con antidolorifici,cortisonici, antinfiammatori,bendaggi protettivi e garantendo la ventilazione e la circolazione ( fluidoterapia) • Non muovere eccessivamente il paziente • Coprire con coperte, abiti ecc TUTTI i pazienti ed in particolare: con traumi complessi,in stato di shock, con emorragie importanti, con fratture degli arti vanno protetti dall’ ambiente freddo Su tutte le zone gonfie e tumefatte NO su ustioni Non a diretto contatto con la pelle Utilizzo del ghiaccio

    19. Non dimenticare mai di valutare tutto il paziente! Valutare la profondità della ferita e l’eventuale coinvolgimento osseo Presenza di corpi estranei (non estrarli ma fissare con cerotti) Presenza , tipi di emorragia, intervento effettuato Inviarlo al più presto presso una struttura di pronto soccorso NON DIMENTICARE DI RENDERE NOTE, CON UNA LETTERA DI ACCOMPAGNAMENTO, LE TERAPIE EFFETTUATE. SIATE CHIARI E LEGGIBILI!!!!!!!!