scenario economico e scelte finanziarie n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Scenario economico e scelte finanziarie PowerPoint Presentation
Download Presentation
Scenario economico e scelte finanziarie

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 131

Scenario economico e scelte finanziarie - PowerPoint PPT Presentation


  • 139 Views
  • Uploaded on

Scenario economico e scelte finanziarie. Cosa sta succedendo a mercati finanziari ed economie?. A che punto siamo della crisi?. Cosa possiamo aspettarci e come dobbiamo comportarci nelle decisioni finanziarie per la congregazione?. A che punto siamo della crisi?. Fase 1. 2007/2008

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

Scenario economico e scelte finanziarie


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
a che punto siamo della crisi

Cosa sta succedendo a mercati finanziari ed economie?

A che punto siamo della crisi?

Cosa possiamo aspettarci e come dobbiamo comportarci nelle decisioni finanziarie per la congregazione?

slide4

Fase 1

2007/2008

Lo scoppio della

crisi

slide5

Fase 1

I paesi sviluppati

scoprono di

essere troppo indebitati,

deboli economicamente e

instabili

slide6

Troppo debito

Troppi strumenti finanziari

Troppa poca trasparenza

Sistema finanziario drogato

Troppi squilibri internazionali

slide8

Fase 2

2008/2010

La reazione

slide9

Fase 2

Prima di tutto

sopravvivere

Tassi a zero, interventi

pubblici mai visti e

salvataggi per

evitare il collasso.

slide10

Gli stati hanno speso la

loro ‘credibilita’ per salvare

il sistema.

slide13

Il debito totale e’ aumentato

sia in termini assoluti che

rispetto al

Prodotto Interno lordo

slide16

Fase 3

2011/?

Paura

Dilemma politico

Ritorno alla

instabilità

slide17

Da giugno si è scoperto

di nuovo che il mondo

è fragile

Ancor piu’ di prima

slide18

Per la prima volta

si e’ temuto il default degli

USA

slide19

Per la prima volta

Si è abbassato il rating

Degli USA..

slide20

In Europa si è temuto

Il collasso dei debiti pubblici

slide24

Portogallo, Irlanda,

Spagna…Italia

slide36

Per questo il credito fa paura.

Anche quello degli stati

quanto costa proteggersi dal rischio stati
Quanto costa proteggersi dal rischio ‘Stati’?

Greece 23 % UK 0,80%

Port 10,50% German 0,80%

Ireland 8,5%

Spain 3,8%

Italy 3,8%

France 1,7%

USA 0,51%

slide38

Il dilemma per gli stati oggi è

Salvaguardare il creditore o

l’economia?

Continuare a privilegiare il

mercato o la economia reale?

slide39

E in questo fa i conti con gli

Incubi della propria storia.

slide40

In USA il grande ‘incubo’ è

la recessione

In Europa la iperinflazione

Nei paesi emergenti il collasso

slide41

E con una finanza troppo

grande e troppo libera per

le dimensioni nazionali..

a che punto siamo della crisi2

Cosa sta succedendo a mercati finanziari ed economie?

A che punto siamo della crisi?

Cosa possiamo aspettarci e come dobbiamo comportarci nelle decisioni finanziarie per la congregazione?

slide44
Le politiche monetarie restano espansive

… tassi a zero per finanziare le banche.

slide46
Le obbligazioni dei paesi ‘rifugio’ rendono pochissimo

… tassi reali negativi.

0,70%

-0,12%

0,20%

Swiss 2 anni

Treasury 2 anni

Bund 2 anni

slide47
Tutto il resto …varia ogni giorno e rende sempre piu’ difficile per un investitore orientarsi

0,70%

-0,12%

0,20%

Swiss 2 anni

Treasury 2 anni

Bund 2 anni

slide48

Non una ma tante

Curve di credito

Dopo il ‘riassestamento’

ogni paese ha una

remunerazione diversa

per chi presta denaro.

slide52

Le banche?

Oggi sono costrette a pagare

Premi di rendimento elevati

Per finanziarsi.

E conti correnti elevati.

slide53

Le banche?

Se una banca italiana o spagnola

oggi paga il 3% su un conto corrente

o il 4% su un titolo a tre anni

é perché il rischio è aumentato

per il paese e per la banca.

slide54

Le banche?

Una banca irlandese, portoghese

o greca pagherà un

premio rispetto ai tassi già alti del

suo paese.

slide55

Le banche?

Ma anche una banca francese,

Americana o

Tedesca pagherà di piu’ perche’

Detiene titoli rischiosi nel suo

Portafoglio investimenti

slide57

Il fisco è allegro, ma comincia il

dibattito…

In Europa sono cominciate le prime

manovre di rientro

In USA se ne comincia a parlare

slide60

Il mondo ha ripreso a

crescere…anche per i

paesi occidentali

gli ultimi dati
Gli ultimi dati

Cina

+9,5%

India

+7,8%

Zona

Euro

+1,7%

USA

+1,5%

slide69

Resta il problema

immobiliare…

Ancora troppe case

case vuote
Case vuote

14,3 milioni di case vuote

Molte sono deteriorate

Meno famiglie possono

permettersi case

(66.5%, piu’ basso dal 98)

case vuote1
Case vuote

Prezzi in discesa

slide73

Le famiglie?

Avevano troppo debito

soprattutto nei paesi

anglosassoni e in Spagna

slide74

Le famiglie?

Hanno cominciato

a risparmiare…

Ma continuano ad avere

troppo debito

slide76

Consumano meno ma…

si sono impoverite

i redditi non crescono per tutti

l’immobiliare è fermo

il risparmio non è remunerato

slide80

E i debiti pubblici significano:

Future tasse

Meno sicurezza sociale

Meno pensioni

Meno trasferimenti di solidarietà.

slide81

Instabilità finanziaria:

squilibri internazionali

Il mondo è cambiato,

ma l’occidente continua a

consumare a credito.

slide87

Africa e Medio Oriente

restano sotto tensione

slide91

Soprattutto verso

le cosiddette

Valute rifugio

slide93

Nel breve (6mesi/1anno) dovrebbe

recuperare parte della svalutazione

con la ripresa della

Economia USA e delle attese

sui tassi

Nel medio i rimedi sono piu’ difficili.

slide94

Verso Euro una altalena…

Nonostante le tante paure l’Euro è

Sempre piu’ valuta di riserva

alternativa

slide97

Tuttavia…

In termini di competività e parità di

Potere d’acquisto il cambio di

equilibrio si situa tra 1.10 e 1,25

slide99

In questa fase il focus sull’america

Porta ad un cambio 1.40/1.50

slide101

nella seconda parte dell’anno

potrebbe rivedere 1,20-1,30

In ogni caso.. Non aspettate il picco

ma profittate della forza relativa

dell’euro per diversificare.

slide103

Non solo Euro e USD

AUD

CAD

CHF

GBP

….

slide105

Soprattutto continua la

‘corsa al fisico’

slide107

La Cina spinge i consumi

di tutte le materie prime

industriali

slide112

Nell’ultimo mese anche

alcune materie prime sono

state ridimensionate per

la paura…

ma restano su aumenti

medi del 10/20%

a che punto siamo della crisi3
A che punto siamo della crisi?

Cosa fanno le autorità e come reagiscono i mercati?

Cosa possiamo aspettarci per domani?

slide115

Incertezza….inevitabile.

Con qualche opportunità di breve

quando si diventa troppo pessimisti

slide116

Il mondo cammina su un

filo di lana

Se non si spezza…

slide121

Le imprese hanno molta cassa da

investire, poche scorte e

fanno utili

slide125

I mercati obbligazionari resteranno

Illiquidi ma con opportunità

Di investimento su rischi moderati.

slide129

Inflazione… ?

…sta già avvenendo

slide130

Il consiglio è quindi di

Diversificare

Prodotti semplici e trasparenti

Rischio moderato

Durata bassa ma non c/c.