slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
ASPETTI TERMICI PowerPoint Presentation
Download Presentation
ASPETTI TERMICI

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 34

ASPETTI TERMICI - PowerPoint PPT Presentation


  • 152 Views
  • Uploaded on

ASPETTI TERMICI. RICHIAMI DI TRASMISSIONE DEL CALORE Il calore si propaga, fra corpi diversi o nei corpi, dalle zone a temperatura superiore alle zone a temperatura inferiore sostanzialmente per: Conduzione; Convezione; Irraggiamento. CONDUZIONE

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'ASPETTI TERMICI' - beryl


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide2

RICHIAMI DI TRASMISSIONE DEL CALORE

  • Il calore si propaga, fra corpi diversi o nei corpi, dalle zone a temperatura superiore alle zone a temperatura inferiore sostanzialmente per:
  • Conduzione;
  • Convezione;
  • Irraggiamento.
slide3

CONDUZIONE

La trasmissione del calore avviene senza trasporto di massa.

slide4

CONVEZIONE

La trasmissione del calore avviene con movimento di molecole che formano il corpo.

Si può avere questo tipo di propagazione solo nei liquidi e nei gas.

slide5

IRRAGGIAMENTO

La trasmissione del calore avviene quando i corpi emettono energia raggiante o ne ricevono da quelli circostanti.

L’energia si propaga anche in assenza di materia.

slide6

Le grandezze relative a ciascun materiale permettono di calcolare le caratteristiche termofisiche dei componenti edilizi, le principali sono:

  • Conducibilità termica;
  • Calore specifico;
  • Densità.
slide7

CONDUCIBILTA’ TERMICA (λ) [W/m·K]

È la quantità di calore passante attraverso un corpo di materiale omogeneo di spessore e superficie unitari nella unità di tempo e con un salto termico di 1 °C

Vetro λ = 1

Laterizio generico λ = 0,36

Isolante λ = 0,04

slide8

CALORE SPECIFICO (c) [J/kg·K]

È la quantità di calore necessaria per innalzare di 1 °C la temperatura di 1 kg di sostanza

Vetro c = 840

Laterizio generico c = 840

Isolante c = 970

slide9

DENSITA’ (ρ) [kg/m³]

Indica il peso di un m³ di materiale

Vetro ρ = 2200

Laterizio generico ρ = 1000

Isolante ρ = 30

slide10

Queste grandezze si riferiscono a materiali omogenei.

  • Per conoscere le caratteristiche termofisiche di pareti multistrato è necessario determinare altre grandezze:
  • -Trasmittanza;
  • Capacità termica;
  • Sfasamento.
slide11

TRASMITTANZA (K) [W/m²·K]

Esprime la quantità di calore che si propaga in un’ora attraverso 1 m² di parete di spessore s con una differenza di temperatura di 1 °C

slide12

CAPACITA’ TERMICA (C) [J/m²·K]

Esprime l’energia termica immagazzinata nella parete per ogni grado di aumento della sua temperatura.

SFASAMENTO (φ) [ore]

Esprime il tempo necessario perché una certa quantità di calore accumulata nella parete fluisca tra le due superfici estreme

slide14

ASPETTI COSTRUTTIVI

Per contenere le dispersioni termiche si deve tener conto delle proprietà isolanti delle murature, delle malte e degli intonaci e dello spessore e del peso della muratura e dei materiali isolanti nelle intercapedini.

slide15

Un sistema per migliorare il comportamento termico è quello di aumentare lo spessore delle murature.

Si deduce così il concetto di inerzia termica: essa misura l’attitudine di un materiale ad accumulare calore e rimetterlo verso gli ambienti a diretto contatto con esso.

slide16

Un altro sistema per migliorare il comportamento termico è quello di contenere la trasmittanza termica

  • Ciò si ottiene con:
  • Strutture murarie a intercapedine;
  • Murature con strato di isolante all’esterno (isolamento a cappotto);
  • Murature con strato di isolante all’interno.
slide17

STRUTTURE MURARIE A INTERCAPEDINE

L’intercapedine può essere libera o riempita di materiale isolante (pannelli di polistirolo espanso, di lana di roccia, fibre di vetro, argilla espansa ….).

slide19

MURATURE CON ISOLANTE ESTERNO (isolamento a cappotto)

Questo sistema consente di eliminare i ponti termici. Presenta un maggiore tempo di messa a regime dell’impianto di riscaldamento e un più lento raffreddamento degli ambienti dopo lo spegnimento

slide21

MURATURE CON ISOLANTE INTERNO

La messa a regime ed il raffreddamento sono più rapidi, per cui sono consigliabili per residenze temporanee.

slide22

I PONTI TERMICI

si hanno in quelle zone dove c’è concentrazione di passaggi di calore cioè dove la trasmittanza è maggiore

slide27

Alcune ricerche hanno messo a confronto chiusure verticali massive monostrato senza isolante e multistrato con isolante concentrato, caratterizzate da stessa massa

superficiale, stesso spessore e stessa trasmittanza.

slide28

Da analisi in regime dinamico e da analisi igrometriche è emerso che in entrambi i casi la soluzione omogenea

senza isolante si comporta meglio delle altre mentre la soluzione muraria con isolante interno concentrato è risultata essere la più soggetta alla formazione di condensa interstiziale.

Dal calcolo, in regime

dinamico, del flusso termico entrante nell’ambiente interno è emerso come, anche in questo caso, sia la parete omogenea senza isolante a fornire la migliore prestazione.

Da queste analisi, gli studiosi hanno così concluso che la parete monostrato omogenea offre il migliore comportamento termoigrometrico, soprattutto nelle condizioni climatiche tipiche di stagioni intermedie ed estive, nelle regioni mediterranee.

slide30

Il settore edilizio rappresenta un’attività altamente distruttiva, capace di produrre:

  • Consumo di territorio, relativo principalmente all’estrazione dei materiali;
  • Spreco di energia legata alla produzione dei materiali edilizi;
  • Spreco di energia legata alla gestione degli edifici (manutenzione e condizionamento);
  • Produzione di rifiuti (da attività di demolizione e costruzione);
  • - Effetti negativi sulla salute per tecniche e comportamenti non appropriati.
slide31

Al fine di ridurre gli impatti occorre effettuare valutazioni economiche ed ambientali

globali lungo tutto il ciclo di vita di un prodotto o di

un edificio (LCA).

Infatti, valutazioni limitate a singole fasi

possono trarre in inganno, nascondendo informazioni

importanti relative ad altre fasi.

Migliorare gli aspetti

economico-ambientali di una fase potrebbe inoltre

portare a spostare i problemi da una fase ad un’altra

del ciclo di vita senza ottenere un reale

miglioramento.

slide32

Una ricerca ha definito il costo di

diverse soluzioni di involucro in laterizio.

Dall’analisi dei costi di costruzione emerge che la soluzione in muratura portante risulta essere la più economica, seguita da quella in muratura armata, dalla struttura intelaiata con tamponamento monostrato, dalla struttura intelaiata con

tamponamento a doppio strato ed infine dalla soluzione in muratura portante con rivestimento faccia a vista.

slide33

Un ulteriore elemento di analisi è rappresentato dall’analisi dell’ENERGIA INCORPORATA

Questa rappresenta la quantità di energia spesa per la

trasformazione delle materie prime in prodotti edilizi.

Tiene conto dell’energia consumata durante le fasi di acquisizione

delle materie prime, di trasporto, di trasformazione delle materie

prime in prodotto finito e della messa in opera dei prodotti.

E’ un indicatore ambientale sintetico e può essere utilizzata per

confrontare prodotti o materiali alternativi.

Minore è il valore dell’energia incorporata e meno impattante è il prodotto o il materiale.

slide34

Per quel che riguarda l’involucro edilizio paragonare alternative tecniche

solo a parità di trasmittanza può

essere riduttivo:

tra una soluzione leggera e una massiva, a parità di trasmittanza termica, la soluzione leggera ha una

inferiore energia incorporata.

Questo è abbastanza ovvio, perché il peso della soluzione massiva la svantaggia nel

bilancio ambientale.

L’energia incorporata, dunque, deve essere calcolata rispetto ad una unità funzionale valida, nel caso dell’involucro sarà un metro quadrato di parete.