slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Osso PowerPoint Presentation
Download Presentation
Osso

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 33

Osso - PowerPoint PPT Presentation


  • 246 Views
  • Uploaded on

Osso È un organo specializzato per dare sostegno , protezione , locomozione (con i muscoli); contiene il tessuto emopoeitico e il grasso; è, inoltre, la riserva di ioni Ca ++ .

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Osso' - alaina


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Osso

  • È un organo specializzato per dare sostegno, protezione, locomozione (con i muscoli); contiene il tessuto emopoeitico e il grasso; è, inoltre, la riserva di ioni Ca++.
  • È un tessuto altamente dinamico, continuamente rinnovato per riassorbimento del tessuto osseo vecchio e deposizione di tessuto osseo nuovo. E’ rivestito da un connettivo, periostio (endostio nel canale midollare) eccetto che nelle articolazioni le cui superfici sono rivestite da cartilagine ialina articolare, che non viene rigenerata. Pertanto un pezzo scheletrico osseo è un organo che contiene tessuto osseo, cartilagineo, adiposo ed emopoietico.

Cartilagine articolare

Spugoso

compatto

slide2

TESSUTO OSSEO è caratterizzato dalla mineralizzazione della MEC

  • è costituito da:
  • cellule: osteoblasti, osteociti, osteoclasti
  • sostanza intercellulare:
  • inorganica 65% peso secco (Fosfato e carbonato di calcio)
  • organica 35% peso secco
  • (Fibre collagene, proteoglicani e altre glicoproteine)
slide3

La SOSTANZA INTERCELLULARE è fortemente mineralizzata. I Sali sono cristalli di idrossi-apatite organizzati in prismi esagonali allungati e di spessore limitato. Tali cristalli vanno ad intonacare le fibre collagene.

slide4

OSSO NON LAMELLARE o ALAMELLARE

  • nei vertebrati non
  • Mammiferi e nelle ossa
  • embrionali dei mammiferi
  • OSSO LAMELLARE
  • tipico dei Mammiferi adulti

spugnoso

compatto

slide5

TESSUTO OSSEO NON LAMELLARE:

E’ IL PIU’ PRIMITIVO

Ha l’aspetto di una massa unica di matrice calcificata nel cui interno sono scavate le lacune ossee contenenti gli osteociti. Nella matrice extracellulare le fibre collagene hanno un andamento intrecciato o approssimativamente parallelo.

slide6

Dal punto di vista anatomico le ossa vengono distinte in: OSSA LUNGHE, BREVI , PIATTE e IRREGOLARI

Nei mammiferi, in base alla organizzazione strutturale, le ossa presentano una struttura compatta o spugnosa.

slide7

OSSO LAMELLARE

LAMELLA OSSEA:

È una sorta di tavoletta in cui sono scavate le lacune ossee contenenti gli osteociti e nella matrice extracellulare le fibre collagene sono disposte in maniera rigorosamente parallela tra loro.

Il tessuto osseo può presentarsi in formaSPUGNOSAO COMPATTA.

Aspetto di una epifisi di un femore.

Nella parte centrale l’osso ha struttura spugnosa. Ogni spicola del trabecolatoha struttura lamellare

Nelle cavità del trabecolato è contenuto midollo osseo

slide8

2 tipi di osso:

Entrambi presentano la stessa struttura lamellare, gli stessi tipi di cellule e sostanza intercellulare simile; differiscono invece per la disposizione delle lamelle.

osso spugnoso (aspetto alveolare, costituito da sottili trabecole o spicole, formate da lamelle addensate organizzate in una rete tridimensionale nelle cui maglie è accolto il midollo osseo)

osso compatto (le lamelle si associano parallelamente formando strutture compatte e molto più regolari)

slide9

Epifisi

Sezione trasversa

Tessuto osseo Spugoso

Cavità

midollare

C

Diafisi:solo osso compatto

Tessuto osseo compatto

Epifisi

slide11

Tessuto osseo lamellare spugnoso

Le lamelle ossee sono irregolari e formano le trabecole dell’osso spugnoso nelle cui cavità è contenuto il tessuto emopoietico o il tessuto adiposo.

slide13

Le lamelle dell’osso compatto si dispongono a formare tre tipi diversi di strutture:

  • Osteoni
  • Sistemi interstiziali
  • Sistemi circonferenziali
slide15

CONCETTO DIOSTEONE :

È una struttura cilindrica costituita da una serie di lamelle disposte concentricamente attorno ad una cavità contenente vasi e nervi (canale di Havers). Nello spessore di ciascuna lamella: lacune con osteociti e fibre collagene disposte parallelamente tra di loro.

slide16

Disposizione delle fibre collagene nelle lamelle dell’osteone

In una lamella le fibre collagene sono parallele tra loro ma con andamento elicoidale. Nella lamella consecutiva l’elicazione è antiparallela. Ne consegue che tra due lamelle le fibre collagene formano un angolo di 90°. I corpi cellulari degli osteociti pertanto si dispongono inclinati tra due fasci di fibre collagene e se l’inclinazione in una lamella è verso destra, nella consecutiva sarà verso sinistra.

slide17

Gli OSTEOBLASTI si avvicinano tra loro e cominciano a depositare la matrice organica intercellulare. Successivamente all’interno della matrice cominciano a depositati i sali minerali, e gli osteoblastivengono racchiusi in piccole cavità (lacune) e si trasformano in OSTEOCITI.

slide18

Osteociti

Osteoblasti

slide20

Disposizione degli osteociti nell’osteone

Gli osteociti sono contenuti in lacune ossee. Tramite prolungamenti citoplasmatici scavano dei canalicoli prendondo contatto (gap junctions) con i prolungamenti degli osteociti adiacenti.

slide21

Le giunzioni tra i prolungamenti osteocitari consentono alle cellule ossee di nutrirsi.

La matrice mineralizzata non consente la diffusione delle sostanze nutritive , che vengono captate dai prolungamenti più vicini ai vasi sanguigni e distribuiti a cascata verso gli osteociti più lontani.

slide22

L’osso è rivestito esternamente da tessuto connettivo denso detto PERIOSTIO, ancorato sull’osso sottostante mediante fibre collagene perforanti. Le cellule dello strato interno del periostio mantengono potenzialità osteogeniche.

Le cavità midollari sono rivestite da una lamina connettivale più sottile detta ENDOSTIO.

slide23

Osteociti – lacune osse – Canalicoli e processi osteocitari- Gap junctions tra processi osteocitari di differenti osteociti

slide24

OSTECLASTO

Gli osteoclasti sono sincizi polinucleati forniti di attività erosiva verso la matrice ossea, accolti in fossette scavate sulla superficie della trabecola ossea (lacune di Howship). Derivano dal sistema monociti-macrofagi e, dopo esser migrati nel tessuto osseo, si trasformano in osteoclasti. Sono caratterizzati da numerosi nuclei e numerosissimi lisosomi. Hanno la funzione di demolire il tessuto osseo preesistente.

slide25

Non polarizzato

Polarizzato

slide26

L’osso origina sempre da un tessuto mesenchimale preesistente. Si riconoscono due tipi di osteogenesi:

  • INTRAMEMBRANOSA (o diretta) che avviene direttamente in seno al mesenchima per differenziamento delle cellule mesenchimali in osteoblasti. Riguarda le ossa della volta del cranio e parte delle ossa della faccia.
  • ENDOCONDRALE (o indiretta) che avviene per sostituzione di un precedente modello cartilagineo. Riguarda le ossa della base del cranio, della colonna vertebrale, del bacino e degli arti.
slide27

Ossificazione intramembranosa (o diretta)

Riguarda le ossa piatte della volta del cranio – frontale, parietale, squama del temporale ed occipitale) e parte delle ossa della faccia – mascellare, zigomatico e parte della mandibola

slide28

Il primo osso che si forma per ossificazione diretta non ha struttura osteonica. Successivamente per l’arrivo di un vaso (che porta osteoclasti) l’osso si riorganizzerà nella struttura osteonica.

slide29

1

1

2

2

3

3

Ossificazione intramembranosa

slide30

Nell’ossificazione indiretta, l’osso si forma su un preesistente modello cartilagineo che verrà demolito per far posto al tessuto osseo. La maggior parte delle ossa lunghe ei vertebrati (eccetto ciclostomi e selaci) hanno questa modalità di ossificazione.

slide31

Ossificazione

encondrale

(o indiretta)

slide32

Tra l’epifisi e la diafisi di un osso lungo rimane una listarella di cartilagine, denominata cartilagine di coniugazione (o di accrescimento) che presenta continue divisioni. Questa cartilagine provvede all’accrescimento in lunghezza dell’osso. Le divisioni delle cellule cartilaginee di tale zona sono stimolate dall’ormone somatotropo.

Al termine dell’accrescimento anche tale cartilagine si ossifica, per cui l’osso non può più accrescere in lunghezza.