slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
VIDEO 20 Maggio 2014 PowerPoint Presentation
Download Presentation
VIDEO 20 Maggio 2014

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 40

VIDEO 20 Maggio 2014 - PowerPoint PPT Presentation


  • 121 Views
  • Uploaded on

Il !!! TASI IMU IMI. VIDEO 20 Maggio 2014. PROGRAMMA. Intervento Claudio Carpentieri. TASI Tributo sui servizi indivisibili. IUC: IMPOSTA UNICA COMUNALE. PRESUPPOSTI IMPOSITIVI IUC. IL PRIMO:

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'VIDEO 20 Maggio 2014' - abra-collier


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Il !!!

TASI

IMU

IMI

VIDEO

20 Maggio 2014

slide2

PROGRAMMA

  • Intervento Claudio Carpentieri
slide3

TASI

  • Tributo sui servizi indivisibili
slide4

IUC: IMPOSTA UNICA COMUNALE

PRESUPPOSTI IMPOSITIVI IUC

IL PRIMO:

COSTITUITO DAL POSSESSO DI IMMOBILI E COLLEGATO ALLA LORO NATURA E VALORE (IMU)

  • IL SECONDO:
  • COLLEGATO ALLA EROGAZIONE E ALLA FRUIZIONE DEI SERVIZI COMUNALI:
  • TASI
  • TARI
slide5

c. 639/640

IUC: IMPOSTA UNICA COMUNALE

PRESSIONE FISCALE IMU/TASI

  • IMU: di natura patrimoniale dovuta dal possessore con esclusione delle abitazioni principali
  • +
  • TASI (Tributo sui servizi indivisibili): destinato a finanziare i servizi indivisibili e dovuto sia dal possessore che dall’utilizzatore

SOGLIA MASSIMA

D.L. 16/2014

slide6

TASI

  • PRESUPPOSTO IMPOSITIVO:
  • Possesso o detenzione a qualsiasi titolo:
  • fabbricati compresa l’abitazione principale
  • aree edificabili
  • N.B.: non si verifica il presupposto impositivo in riferimento ai terreni agricoli e alle aree scoperte

Adibiti a qualsiasi uso

La definizione degli immobili è la stessa dell’IMU

slide7

TASI

SPECIFICHE ESENZIONI

  • gli immobili posseduti dallo Stato, nonché gli immobili posseduti nel proprio territorio dalle regioni, dalle province, dal comune, dalle comunità montane, dai consorzi fra detti enti, ove non soppressi, dagli enti del servizio sanitario nazionale, destinati esclusivamente ai compiti istituzionali
  • i rifugi alpini non custoditi, i punti di appoggio ed i bivacchi
  • i fabbricati classificati o classificabili nelle categorie catastali da E/1 a E/9
  • i fabbricati con destinazione ad usi culturali di cui all'articolo 5-bis del DPR 601/1973, e successive modificazioni
  • i fabbricati e le relative pertinenze destinati esclusivamente all'esercizio del culto

Segue …

slide8

TASI

… segue

SPECIFICHE ESENZIONI

  • i fabbricati di proprietà della Santa Sede indicati negli artt. 13, 14, 15 e 16 del Trattato Lateranense
  • i fabbricati appartenenti agli Stati esteri e alle Organizzazioni internazionali per i quali è prevista l'esenzione dall'imposta locale sul reddito dei fabbricati in base ad accordi internazionali resi esecutivi in Italia
  • i fabbricati utilizzati dai soggetti di cui all’art. 73, c. 1, lett. c) del TUIR (enti non commerciali) destinati esclusivamente allo svolgimento con modalità non commerciali di attività assistenziali, previdenziali, sanitarie, didattiche, ricettive, culturali, ricreative e sportive, nonché delle attività di cui all’art. 16, lett. a), della L. n. 222/1985
    • In riferimento a tali fabbricati sono applicabili le disposizioni di cui all’Art.91 bis del D.L. 1/2012
slide9

TASI

POTESTA’ REGOLAMENTARE DEL COMUNE: ESENZIONI

  • abitazioni con unico occupante
  • abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale o discontinuo
  • abitazioni occupate da soggetti che risiedono o abbiano la dimora per più di sei mesi annui all’estero
  • locali ad uso non abitativo adibiti ad uso stagionale o ad uso non continuativo ma ricorrente
  • fabbricati rurali ad uso abitativo

Le esenzioni accordate agli immobili posseduti da nuclei familiari possono essere rapportate alla capacità contributiva della famiglia come attestata dall’ISEE da produrre al Comune ai fini dell’agevolazione

slide10

TASI

  • SOGGETTO PASSIVO:
  • Chiunque:
  • possieda(proprietario, usufruttuario, titolare del diritto di abitazione, coniuge affidatario titolare del diritto di abitazione, superficiario)
  • o
  • detenga a qualsiasi titolo (affittuario, comodatario, ecc.)
  • gli immobili soggetti a TASI
  • UNITÀ IMMOBILIARE OCCUPATA DA SOGGETTO DIVERSO DAL TITOLARE DEL DIRITTO REALE:
      • AUTONOME OBBLIGAZIONI TRIBUTARIE
slide11

TASI

PARTICOLARITA’ SOGGETTO PASSIVO:

  • Pluralità di possessori: solidarietà nell’obbligazione tributaria
  • Pluralità di detentori: solidarietà nell’obbligazione tributaria
  • N.B.: NO SOLIDARIETA’ tra possessori e detentori
  • Detenzione temporanea fino a sei mesi nel corso dello stesso anno solare: imposta dovuta dal possessore dei locali e delle aree a titolo di proprietà, usufrutto, abitazione o superficie
slide12

TASI

PARTICOLARITA’ SOGGETTO PASSIVO:

  • Locazione finanziaria: soggetto passivo è il locatario dalla data di stipula del contratto e per tutta la durata dello stesso
  • Durata:periodo intercorrente dalla data di stipula del contratto alla data di riconsegna del bene al locatore comprovata da verbale di riconsegna
  • Locali in multiproprietà e di centri commerciali integrati: soggetto passivo tenuto al versamento è il soggetto che gestisce i servizi comuni
slide13

TASI

BASE IMPONIBILE:

QUELLA PREVISTA PER L’APPLICAZIONE DELL’IMU

Fabbricati di interesse storico/artistico o inagibili: riduzione 50% ???

Occorre previsione regolamentare

slide14

TASI

  • DETERMINAZIONE IMPOSTA
  • E’ dovuta per anni solari proporzionalmente alla quota di possesso o di detenzione e si ritieneai mesi dell’anno nei quali gli stessi si sono protratti
  • Ai fini del calcolo del periodo di possesso o di detenzione si computa per intero il mese durante il quale il possesso o la detenzione si sono protratti per almeno 15 giorni
  • calcolo imposta:
    • BASE IMPONIBILE X ALIQUOTA
    • ALIQUOTA DI BASE PARI A 1 PER MILLE

POTESTA’ REGOLAMENTARE DEI COMUNI

Fabbricati rurali strumentali: aliquota massima 1 per mille (aliquota base)

slide15

TASI

  • ALIQUOTE: POTESTA’ REGOLAMENTARE DEI COMUNI
    • Il comune può ridurre l’aliquota fino al completo azzeramento
    • Il comune può determinare l’aliquota (anche in aumento) rispettando il vincolo:
        • (IMU + TASI) < all’aliquota massima consentita per l’IMU per ciascuna tipologia di immobile nel 2013 (10,6 – 6)
    • Per il 2014 l’aliquota massima non può eccedere il 2,5 per mille
  • N.B.: D.L. 16/2014:
  • Per anno 2014 possibilità di incremento misura massima aliquota TASI dello 0,8 per mille

Segue …

slide16

TASI

Riepilogo ALIQUOTE TASI anno 2014:

Considerazioni

slide17

TASI

  • POTESTA’ REGOLAMENTARE DEI COMUNI:
    • Il Comune può prevedere riduzioni (anche di aliquota) per i fabbricati ad uso abitativo in determinati casi:
      • abitazioni con unico occupante
      • abitazioni tenute a disposizione per uso stagionale o discontinuo
      • abitazioni occupate da soggetti che risiedano o abbiano la dimora per più di sei mesi annui all’estero
      • locali ad uso non abitativo adibiti ad uso stagionale o ad uso non continuativo, ma ricorrente
      • fabbricati rurali ad uso abitativo
    • Per l’anno 2014 in riferimento all’abitazione principale e relative pertinenze potranno essere previste specifiche detrazioni
    • Le aliquote TASI possono essere differenziate in ragione del settore di attività e della tipologia e destinazione degli immobili
slide18

TASI

  • DETRAZIONI
  • Finalità: evitare che il carico fiscale TASI sulle abitazioni principali ed equiparate risulti maggiore di quello prodotto con l’applicazione dell’IMU
  • Sono riconosciute a condizione che il loro finanziamento derivi dall’aumento dello 0,8 per mille
  • Sono riconosciute in riferimento all’abitazione principale e alla unità immobiliari ad esse equiparate
  • Il Consiglio Comunale ne stabilisce l’ammontare e le modalità di applicazione

POTESTA’ REGOLAMENTARE DEI COMUNI

slide19

TASI

  • AMPIA POTESTÀ REGOLAMENTARE DEI COMUNI NELLA DEFINIZIONE DELLA MISURA E DELLA MODALITÀ DELLA DETRAZIONE:
  • fissa per ogni punto di aliquota
  • differenziata per scaglioni di rendita catastale
  • percentuale da applicare in riferimento all’imposta dovuta
  • algoritmi per regressione applicati in riferimento alla rendita
  • ecc.
  • Il Comune potrà anche:
    • • agganciare le detrazioni alla situazione reddituale della famiglia anagrafica del soggetto passivo
    • • accordare una detrazione rapportata al numero dei figli eventualmente limitandola a quelli esclusivamente a carico
    • • accordare una detrazione in presenza di portatori di handicap
    • • limitare il riconoscimento della detrazione a determinate categorie di contribuenti
slide20

TASI

MODALITA’ DI ATTRIBUZIONE DELLA DETRAZIONE:

NON OPERA IN FUNZIONE DELLA QUOTA DI DESTINAZIONE (come in IMU)

  • VA RIPARTITA IN RAGIONE DELLA QUOTA DI PAGAMENTO DELL’IMPOSTA E CIOE’:
  • Solo possessori: in base alla quota di possesso di ognuno
  • Possessore e detentore: in base alla quota determinata dal comune all’interno del range previsto:
    • dal 70 al 90% per i possessori
    • dal 30 al 10% per i detentori
slide21

TASI

  • UNITÀ IMMOBILIARE OCCUPATA DA
  • SOGGETTO DIVERSO DAL PROPRIETARIO
  • O DAL TITOLARE DEL DIRITTO REALE
    • Occupante: versamento nella misura stabilita dal regolamento comunale che deve essere compresa tra il 10% e il 30% (potestà regolamentare del Comune) dell’ammontare complessivo della TASI
    • Proprietario o titolare del diritto reale: versamento della restante parte
  • N.B.: In caso di detenzione temporanea (non superiore a sei mesi nel corso dell’anno il versamento è dovuto al 100% dal proprietario o dal titolare del diritto reale di godimento

Dubbio: nascono due obbligazioni autonome in presenza di concessioni, unità immobiliari assimilate alle abitazioni principali, case assegnate al coniuge affidatario, ecc. ?

slide22

TASI

UNITÀ IMMOBILIARE OCCUPATA DA

SOGGETTO DIVERSO DAL TITOLARE

DEL DIRITTO REALE:

Unità immobiliare assegnata al coniuge assegnatario di proprietà 100% del coniuge non assegnatario

Aliquota TASI: quella applicabile all’abitazione principale

N.B.: necessitano chiarimenti

slide23

TASI

UNITÀ IMMOBILIARE OCCUPATA DA

SOGGETTO DIVERSO DAL TITOLARE

DEL DIRITTO REALE:

Unità immobiliare data in locazione

N.B.: necessitano chiarimenti

slide24

TASI

UNITÀ IMMOBILIARE OCCUPATA DA

SOGGETTO DIVERSO DAL TITOLARE

DEL DIRITTO REALE:

Unità immobiliare data in comodato al figlio

(si condizioni per assimilazione ad abitazione principale)

N.B.: necessitano chiarimenti

slide25

TASI

UNITÀ IMMOBILIARE OCCUPATA DA

SOGGETTO DIVERSO DAL TITOLARE

DEL DIRITTO REALE:

Unità immobiliare strumentale in leasing

N.B.: necessitano chiarimenti

slide26

TASI

UNITÀ IMMOBILIARE OCCUPATA DA

SOGGETTO DIVERSO DAL TITOLARE

DEL DIRITTO REALE:

Immobili in concessione (Es.: stabilimenti balneari - D12)

N.B.: necessitano chiarimenti

slide27

TASI

UNITÀ IMMOBILIARE OCCUPATA DA

SOGGETTO DIVERSO DAL TITOLARE

DEL DIRITTO REALE:

Immobili in concessione (Es.: stabilimenti balneari - D12)

N.B.: necessitano chiarimenti

slide28

TASI

TERMINI DI VERSAMENTO TASI A REGIME:Art. 9, c. 3, D.lgs 23/2011

«I soggetti passivi effettuano il versamento dell'imposta dovuta al comune per l'anno in corso in due rate di pari importo, scadenti la prima il 16 giugno e la seconda il 16 dicembre.

Resta in ogni caso nella facoltà del contribuente provvedere al versamento dell'imposta complessivamente dovuta in unica soluzione annuale, da corrispondere entro il 16 giugno»

slide29

TASI

  • TERMINI DI VERSAMENTO TASI 2014: REGOLE PARTICOLARI IN BASE:
  • alla tipologia di immobili:
    • immobili diversi da quelli adibiti ad abitazione principale
    • immobili adibiti ad abitazione principale
  • al fatto che entro il 31 maggio 2014 siano state deliberate e/o pubblicate sul sito www.finanze.it le deliberazioni delle aliquote e delle detrazioni.

DOPPIA

VERIFICA

  • Dubbio: e le relative pertinenze?
  • La disposizione normativa non richiama le pertinenze
  • Si ritiene che alle pertinenze siano applicabili le stesse disposizioni applicabili all’immobile di cui costituiscono pertinenze
slide30

TASI

TERMINI DI VERSAMENTO TASI 2014:

IMMOBILI ADIBITI AD ABITAZIONE PRINCIPALE E RELATIVE PERTINENZE

ENTRO SETTEMBRE 2014**

(*) Invio telematico al sito del MEF entro 23/5/2014

(**) Comunicato MEF n. 128 del 19/5/2014

slide31

TASI

TERMINI DI VERSAMENTO TASI 2014:

UNITA’ IMMOBILIARI E RELATIVE PERTINENZE DIVERSE DA ABITAZIONE PRINCIPALE

ENTRO SETTEMBRE 2014**

(*) Invio telematico al sito del MEF entro 23/5/2014

(**) Comunicato MEF n. 128 del 19/5/2014

slide32

TASI

MODALITA’ DI VERSAMENTO TASI:

D. L. 16/2014

« il versamento della TASI è effettuato, in deroga all’Art.52 del D.lgs 446/1997, secondo le disposizioni dell’Art. 17 del D.lgs 241/1997, ovvero tramite bollettino di conto corrente postale al quale si applicano le disposizioni di cui al citato Art. 17 in quanto compatibili»

MODELLO F24

(ANCHE SEMPLIFICATO)

BOLLETTINO POSTALE

CENTRALIZZATO

N.B.: Non possono essere utilizzate le altre modalità di pagamento offerte dai servizi elettronici di incasso e di pagamento interbancari e postali

slide33

TASI

CODICI TRIBUTO DA UTILIZZARE - RISOLUZIONE 46/E DEL 24/4/2014

slide34

TASI

MODALITA’ DI VERSAMENTO:

2014: VERSAMENTO PRIMA RATA

DO IT YOURSELF ?!?!

2014: MODELLI DI VERSAMENTO PRECOMPILATI

slide35

TASI

MODALITA’ DI VERSAMENTO:

N.B.: comma 689 L. 147/2013 istitutiva della IUC prevede:

«Con uno o più decreti del Direttore generale del Dipartimento delle finanze del MEF, di concerto con il direttore dell’Agenzia delle entrate e sentita l’Associazione nazionale dei comuni italiani (ANCI), sono stabilite le modalità di versamento, assicurando in ogni caso la massima semplificazione degli adempimenti da parte dei soggetti interessati e prevedendo, in particolare, l’invio di modelli di pagamento preventivamente compilati da parte degli enti impositori»

slide36

TASI

DICHIARAZIONE:

« I SOGGETTI PASSIVI DEVONO PRESENTARE LA DICHIARAZIONE ENTRO IL 30 GIUGNO DELL’ANNO SUCCESSIVO ALLA DATA DI INIZIO DEL POSSESSO O DELLA DETENZIONE DEI LOCALI E DELLE AREE ASSOGGETTATE AL TRIBUTO»

(c. 684 L. 147/2013)

« PER LA DICHIARAZIONE TASI SI APPLICANO LE DISPOSIZIONI CONCERNENTI LA PRESENTAZIONE DELLA DICHIARAZIONE DELL’IMU»

(c. 688 L. 147/2013)

N.B.: VIENE PREVISTA LA REDAZIONE SU MODELLO MESSO A DISPOSIZIONE DAL COMUNE

(c. 685 L. 147/2013)

MANCANO REGOLE TRANSITORIE !!!!!!!!!!

slide37

TASI

PROROGA

SCADENZA VERSAMENTO PRIMA RATA TASI

???

COMUNICATO STAMPA MEF n. 128 del 19/5/2014

«Dopo aver incontrato l’ANCI, per venire incontro da un lato alle esigenze determinate dal rinnovo dei Consigli comunali, e dall’altro all’esigenza di garantire al contribuente certezza sugli adempimenti fiscali, Il Governo ha deciso che nei Comuni che entro il 23 maggio non avranno deliberato le aliquote la scadenza per il pagamento della prima rata della TASI è prorogata da giugno a settembre. Per tutti gli altri Comuni la scadenza per il pagamento della prima rata della TASI resta il 16 giugno»

slide38

TASI

RICHIESTE:

  • 8 MAGGIO 2014
  • Versamento della prima rata del tributo, indipendentemente dalla pubblicazione delle delibere, al 30 / 9 / 2014 senza applicazione di sanzioni e interessi
  • In subordine:
  • Versamento intero tributo abitazioni principali al 16/12/2014 senza sanzioni e interessi
  • Versamento intero tributo detentorial 16/12/2014 senza sanzioni e interessi
  • Versamento prima rata 16/6/2014 solo per proprietari e titolari diritti reali (calcolo imposta: aliquota base 1 per mille in riferimento al 70% della base imponibile / 2)
  • Possibilità in fase di saldo di compensazione TASI / IMU
slide39

TASI

RICHIESTE:

  • 14 maggio 2014
  • INTERVENTO D’URGENZA
  • Differimento termine di pagamento del primo acconto unificandolo con il saldo al 16/12
  • Richiesta di esenzione o di esclusione dalla TASI per:
    • immobili strumentali delle imprese
    • Immobili merce imprese di costruzione/ristrutturazione

Emendamento: no sanzioni per errati/omessi versamenti

slide40

TASI

RICHIESTE:

  • INTERVENTO D’URGENZA
  • Differimento termine di pagamento del primo acconto unificandolo con il saldo al 16/12
  • Richiesta di esenzione o di esclusione dalla TASI per:
    • immobili strumentali delle imprese
    • Immobili merce imprese di costruzione/ristrutturazione

Emendamento: no sanzioni per errati/omessi versamenti