slide1 l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
A SPASSO CON LA FANTASIA PowerPoint Presentation
Download Presentation
A SPASSO CON LA FANTASIA

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 29

A SPASSO CON LA FANTASIA - PowerPoint PPT Presentation


  • 502 Views
  • Uploaded on

ISTITUTO COMPRENSIVO “E. MESTICA” DI CINGOLI. PROGETTO CINQUESETTE. SCUOLA DELL’INFANZIA DI CINGOLI SEZIONI II A E II B . SCUOLA PRIMARIA DI CINGOLI CLASSE I A E I B. IN COMPAGNIA DI . A SPASSO CON LA FANTASIA. ULISSE. CHI PARTECIPA AL PROGETTO?. i bambini e le insegnanti

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'A SPASSO CON LA FANTASIA' - Mia_John


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

ISTITUTO COMPRENSIVO “E. MESTICA” DI CINGOLI

PROGETTO CINQUESETTE

SCUOLA DELL’INFANZIA DI CINGOLI SEZIONI II A E II B

SCUOLA PRIMARIA DI CINGOLI CLASSE I A E I B.

IN COMPAGNIA DI

A SPASSO CON LA FANTASIA

ULISSE

slide2

CHI PARTECIPA AL PROGETTO?

i bambini e le insegnanti

delle sezioni II A e II B

della SCUOLA dell'INFANZIA

dell'Istituto Comprensivo

"E. Mestica" di CINGOLI

e

i bambini e le insegnanti

delle classi I A e I B

della SCUOLA PRIMARIA

dell'Istituto Comprensivo

"E. Mestica" di CINGOLI

slide3

LA SCUOLA DELL'INFANZIA DI CINGOLI

...SEZIONE II A...

...SEZIONE II B...

BARTOLUCCI CHIARA

BRAVI MARIO

CAROTTI BENEDETTA

COMPAGNUCCI NIKO

CORINALDI MATTEO

CRESCIMBENI VALENTINA

DEL BIANCO MIRJANA

EL KHARCHI MOUHCINE

EMINI DALIP

FABRIZI ALESSIO

FAUSTI GABRIELE

MANGONI MARCELLO

MOGIANESI ILARIA

NARDI CESARINI MATTEO

OTTOBRI FRANCESCO

PICCININI MARCO

SIMONETTI GIOVANNI

TEMPESTINI GIACOMO

TITTARELLI FEDERICO

TONINI MOEMI

ULTIMI CLARA

URBINATI GRILLI MATTEO

INSEGNANTI: GAGLIARDINI CARLA

SANTORI FIORELLA

NARDI LOREDANA

BRATTI SASHA

BRAVI GINEVRA

BRUNACCI SAURO

BURY SIMONE

BUZZATI BENEDETTA MARIA

CHERUBINI GIOIA

CISSE KAHADY

FAGGI MIRKO GILDO

GIULIONI GAIA

HELSHANI NEDA

MANGONI NICCOLO’

NOCIONI MARTA

ORTOLANI KAREN

ORTOLANI ROBIN

PAOLUCCI SIMONE

PIERINI ANGELICA

PUCCITELLI SARA

SANDRONI MICHELE

SANTAMARIANOVA GIULIO

SBAFFI KATIA

STORONI ELISA

TAHER BIN TANJIL

UDDIN MD SHARIF

INS.: GAGLIARDINI RITA

ZOCCARI GABRIELLA

slide4

SCUOLA PRIMARIA DI CINGOLI

....CLASSE I B

....CLASSE I A

AHAFID YOUSEF

COMPAGNUCCI ANDREA

DAUTI FATIME

EL KHARCHI IBTISSAM

FABRIZI GABRIELE

FALAPPA EDOARDO

FRATICELLI ELISABETTA

GRASSETTI EDOARDO

HELSAMI LARISSA

JOHN JASON NZUBE GLORIA

MARCONI MARICA

MINNITI ALESSIA

NARDI MELISSA

PAOLANTONI JESSICA

TOBALDI BENEDETTA

ZENELLI ALBRIM

INS.: COLOMBI ANNA MARIA FAGIOLI ANNA MARIA

VIOLINI GADE

BALAN ELENA IULIANA

BALDUCCI ELEONORA

BRANCHESI CRISTIAN

CEKU FIORELLA

COMPAGNUCCI ERICA

COPPARI MICHAEL

DORIC AMELA

FARIS KAWTAR

KALAM NOORSAT JAHAN

LIMANI SEFKI

LOSA MATTEO

MATELLICANI LUCA

MAZZUFERI SAMANTHA

NERUDINI MENDIM

ROMALDI DANIELE

TOBALDI NICOLETTA

VITTORI FEDERICA

ZAZZARINI MICOLE

INS.: COLOMBI ANNA MARIA

FAGIOLI ANNA MARIA

VIOLINI GADE

slide5

PRESENTAZIONE

La continuità nasce dall'esigenza primaria di garantire il diritto dell'alunno ad un percorso formativo organico e completo che mira a promuovere uno sviluppo articolato e multidimensionale del soggetto il quale, pur nei cambiamenti evolutivi e nelle diverse istituzioni scolastiche, costruisce così la sua particolare identità.

Continuità del processo educativo non significa, infatti, né uniformità, né mancanza di cambiamento; consiste piuttosto nel considerare il percorso formativo secondo una logica di sviluppo coerente, che valorizzi le competenze già acquisite dall'alunno e riconosca la specificità e la pari dignità educativa dell'azione di ciascuna scuola,

nella dinamica della diversità dei loro ruoli e delle loro funzioni.

L'esperienza del progetto Cinquesette nasce dalla voglia di inventare nuove vie per la continuità didattica tra la scuola dell'infanzia e quella primaria e per l'accoglienza nella scuola primaria oltre che dall'esigenza di attuare alcuni orientamenti pedagogici e normativi.Cinquesette è un percorso di amicizia tra i bambini dell'ultimo anno della scuola dell'infanzia e quelli del primo anno della scuola primaria.

Cinquesette è un progetto di condivisione di parole, immagini,

idee ed emozioni tra bambini di età diverse all'interno del tema CONTINUITA'.

Grazie ai racconti, ai disegni, ai giochi,ai laboratori creativi, alle visite e all'aiuto reciproco abbiamo creato collaborazione, amicizia, accoglienza.

Abbiamo fatto sperimentare ambienti diversi ma identiche disponibilità, utilizzato tecnologie innovative e prassi consuete, abbiamo posto nuovi obiettivi per superare antichi timori.

Cinquesette vuole essere il racconto di un'avventura,la storia dell'imparare insieme, una strada possibile per insegnanti e bambini.

slide6

FINALITA’ E METODOLOGIA

  • Garantire al bambino un percorso scolastico unitario che valorizzi le competenze già acquisite.
  • Riconoscere la pari dignità educativa di ogni scuola.
  • Favorire la conoscenza e la socializzazione tra i bambini di 5 anni e gli alunni di classe prima della scuola primaria.
  • Consentire ai bambini della scuola dell’infanzia di conoscere in modo graduale l’ambiente della scuola primaria.
  • Stimolare, negli alunni della scuola primaria, senso di responsabilità nei confronti dei loro compagni più piccoli.
  • Attenuare le difficoltà che spesso si presentano nel passaggio tra i diversi ordini di scuola.
  • Sviluppare, negli alunni di entrambi gli ordini di scuola, il desiderio di comunicare ad altri le proprie esperienze e conoscenze.
  • Vivere la continuità tra la Scuola d’Infanzia e Primaria nel gioco favorendo situazioni di amicizia, cooperazione e valorizzazione delle individualità.
  • A livello generale si cercherà di creare per quanto possibile una scuola del fare: organizzando occasioni concrete per una varietà di attività  pratiche, utilizzando tutti i mediatori didattici, in modo che i bambini imparino a porsi domande, osservare, formulare ipotesi, raccogliere dati, discutere in gruppo, collegare problemi e concetti.
  • Promuovere la collaborazione con altri ordini di scuola o altre associazioni.
  • Scelta di strumenti di lavoro adatti a conoscere, valutare, orientare il percorso d’apprendimento degli bambini.
  • Attività di collaborazione nella pratica dei “Giochi in Continuità” (memory, gioco dei dadi,viaggio di Ulisse,il rischiapuzzle…).
obiettivi formativi obiettivi specifici di apprendimento
CORPO MOVIMENTO SALUTE

Organizzare lo spazio per le proprie esigenze di movimento.

Muoversi nello spazio in base a suoni, rumori, musica.

IL BAMBINO:

Sperimentare, verbalizzare e rappresentare percorsi su imitazione e consegne verbali e scritte

Capacità di associare movimenti al tempo e al ritmo di musiche.

OBIETTIVI FORMATIVI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO
  • IL SE’ E L’ALTRO
  • Esprimere i propri sentimenti.
  • Stabilire relazioni positive con adulti e
  • compagni.
  • Riconoscere il valore degli altri.
  • IL BAMBINO:
  • Rafforzare lo spirito di amicizia.
  • Assumere comportamenti

adeguati alle varie situazioni.

  • Partecipare in gruppo ad attività comuni.
  • Rispettare le regole.
  • Collaborare con i compagni.
slide8

FRUIZIONE E PRODUZIONE DI MESSAGGI:

  • Campo linguistico
  • Parlare, descrivere, raccontare….( Indicazioni Nazionali).
  • Ascoltare, comprendere, riesprimere…(Indicaz. Naz.).
  • Leggere semplici brani e cogliere le informazioni principali.
  • Produrre brevi frasi in sequenza con stimoli iconici e verbali.
  • IL BAMBINO:
  • Usa il linguaggio per esprimere e raccontare.
  • Utilizza termini nuovi.
  • Ascolta e comprende storie.
  • Racconta del proprio vissuto.
  • Campo espressivo:
  • Disegnare, dipingere, modellare….individualmente e in
  • gruppo con una varietà creativa di strumenti e materiali.
  • IL BAMBINO:
  • Utilizza alcune tecniche grafiche e pittoriche.
  • Ritaglia, incolla, assembla materiali.
  • Sperimenta tecniche diverse.
  • Sa leggere semplici immagini.
slide9

ATTIVITA’

  • Incontri tra gli insegnanti per programmare attività didattiche in comune per i bambini delle sezioni II A e II B della scuola dell’infanzia e per gli alunni di classe prima della scuola primaria.
  • Scambio di informazioni utili sui percorsi didattici effettuati., si decide di lavorare e concludere insieme il percorso già intrapreso dalle insegnanti della scuola dell’infanzia di Cingoli “Il viaggio di Ulisse”.
  • Si incomincia col leggere, raccontare con diverse modalità (le insegnanti della scuola dell’infanzia decidono che a raccontare alcuni episodi sarà la nonna di Angelica un’insegnante di lettere.
  • Le insegnanti della scuola primaria invitano il “maestro Quinto” che legge e anima il viaggio di Ulisse.
  • Vengono proposti ai  bambini alcuni episodi : Ulisse, Polifemo, la Maga Circe, Scilla e Cariddi le Sirene…..racconti avventurosi dove i personaggi affrontano ostacoli, superano ardue prove per giungere ad una, spesso felice, soluzione.
slide10
I vari racconti e le conversazioni scaturite verranno rielaborate nelle singole sezioni e classi prime con la:
    • produzione di cartelloni,
    • rielaborazioni in sequenza logica dell’avventura che più è piaciuta,
    • la costruzione di oggetti usati dai soldati e dalle donne greche da usare a carnevale per la sfilata nelle vie del paese;
    • realizzazione di una mappa tridimensionale del viaggio di Ulisse;
    • realizzazione di un segnalibro da regalare agli amici delle classi prime;
    • realizzazione orologio e matite per gli amici della scuola dell’infanzia;
    • medaglie e attestato di partecipazione ai giochi, coppe per i vincitori…;
    • schede di prescrittura e di pregrafismo ;
    • rappresentazioni grafiche ;
    • scelta e preparazione di due puzzle giganti da utilizzare per il gioco a squadre il rischiapuzzle;
    • schede varie;
    • cruciverba, domino schede di lettura e comprensione del testo.
slide11
Utilizzo di materiali occasionali e materiali di uso giornaliero quali carta, colla, tempere, cartoncini, raffia, corde, tessuti, scatoloni……..
  • Incontro presso i locali della scuola dell’infanzia, con Frontalini Elena l’autrice di un libro sui miti ,le chiediamo di raccontarci il ritorno di Ulisse ad Itaca.
  • Conversiamo insieme, nascono le prime curiosità e domande spontanee che i bambini faranno all’autrice.
  • Si organizzano momenti di gioco e di condivisione presso la scuola dell’infanzia dove verranno utilizzati i giochi costruiti dalle singole sezioni e classi:
    • nel salone vengono organizzati quattro angoli dove vengono posti i giochi;
    • vengono formati gruppi misti di bambini che provengono dalle due sezioni
    • e delle due classi prime;
    • le insegnanti a turno seguono i vari gruppi.
  • Per il gioco finale vengono formate due squadre miste :
    • OLIMPO
    • NETTUNO.
slide12
Giochi di socializzazione.
  • Merenda
  • Giornata di visita dei bambini dell’ultimo anno della scuola dell’infanzia alla scuola primaria per:
    • conoscere il nuovo ambiente;
    • ascoltare i consigli dei compagni;
    • utilizzare i nuovi materiali;
    • assistere ad una lezione.
  • Preparazione , allestimento e apertura di una mostra presso i locali della scuola dell’infanzia di Cingoli ,dove verranno presentate le esperienze con fotografie , cartelloni ,disegni individuali ….del le attività svolte.
  • Mostra come momento finale di comunicazione e confronto degli elaborati prodotti .
slide13

DOCUMENTAZIONE

DELLE:

ESPERIENZE,

ATTIVITA',

GIOCHI...

slide14

QUI COMINCIA L’AVVENTURA!!!...

…“LE AVVENTURE DI ULISSE”

LA NONNA DI ANGELICA E’ VENUTA A SCUOLA A RACCONTARCI…….

…RICORDIAMO.. RIELABORIAMO.. E RAPPRESENTIAMO…..

slide15

...I NOSTRI LAVORI…

..PER VOLARE CON LA……

….. FANTASIA..

..

“ULISSE NELL’ISOLA DEI CICLOPI”

RAPPRESENTAZIONE GRAFICA DEL RACCONTO A SEQUENZE:

slide16

COSI’ IMMAGINIAMO…

..."ULISSE”…. “LA MAGA CIRCE”…. “POLIFEMO”

LAVORO DI GRUPPO

slide17

DOPO AVER SCOPERTO …….

...ECCOCI AL LAVORO…

….PER….

…PROGETTARE E ..

REALIZZAERE OGGETTI…

…CI SERVIRANNO ..

PER LA SFILATA ….

slide19

DA NOI E’ ANDATA COSI’…

…IL MAESTRO QUINTO CI HA LETTO…..

…“LE AVVENTURE DI ULISSE”

E NOI….. ABBIAMO ….

RIELABORATO, CONVERSATO, PRODOTTO …

LIBRI ANIMATI E REGALI PER I NOSTRI AMICI….

finalmente ulisse ritorna ad itaca
…FINALMENTE ULISSE RITORNA AD ITACA

INCONTRO CON L’AUTRICE

LUNEDI’ 26 MARZO…

slide21

Nascono curiosità’!!!!... e… tante domande!!!...

  • BENEDETTA: PERCHE’ HAI SCRITTO UN LIBRO SUI MITI?
  • NOEMI: COME HAI FATTO AD INVENTARE LE STORIE?
  • MARCELLO: COME HAI FATTO A COSTRUIRE QUESTO LIBRO?
  • MATTEO C. : HAI SCRITTO ALTRI LIBRI? QUALI?
  • CLARA: ULISSE HA TANTO CERVELLO?
  • MICHELE: COME HA FATTO ULISSE A DIVENTARE FURBO?
  • NICCOLO’: PERCHE’ LI HA TRASFORMATI IN MAIALI?
  • MARTA: PERCHE’ LE SIRENE ODIAVANO GLI UOMINI?
  • SIMONE B. : PERCHE’ ULISSE HA ACCECATO POLIFEMO
  • NEDA:PERCHE’ IL CANE E’ MORTO QUANDO ULISSE E’ TORNATO A CASA?
  • ANGELICA: PERCHE’ SULLA VELA DELLA NAVE C’ERA DISEGNATO UN OCCHIO?
slide22

23 aprile 2007

un giorno passato insieme tra ai bambini delle Classi prime della Scuola Primaria e i

bambini delle sezioni II A e II B della Scuola dell’Infanzia

Il programma è stato concordato precedentemente tra le insegnanti delle due scuole.

PROGRAMMA:

ore 10,00 ARRIVO dei bambini e delle insegnanti della Scuola Elementare. Sono presenti anche la vice preside e i ragazzi della seconda media con la funzione strumentale Continuita’.

Ore 10,10 RITROVO in salone per i saluti e la presentazione dei giochi.

Ore 10,15 SALONE GIOCHI.... Giochiamo, giochiamo , giochiamo con i giochi preparati dai bambini stessi sul tema del viaggio di Ulisse.

Ore 10,30 COLAZIONE: i bambini e le insegnanti delle tre scuole condividono il momento della colazione

Ore 11,00 GIOCO A SQUADRE nel salone

Ore 11,30 PREMIAZIONE E SCAMBIO DI DONI

I bambini della Scuola dell'Infanzia regalano un segnalibro costruito da loro e i bambini della Scuola Primaria un orologio con le fasi della storia di Ulisse con una matita.

La giornata ha offerto ai bambini e alle insegnanti la possibilità di attuare momenti di interscambio e di continuità tra gli ordini di scuola.

L'esperienza è stata molto positiva e si è potuta realizzare grazie all'interesse e all'entusiasmo dei bambini.

slide23

ED ORA TOCCA A NOI…..

...E ALLORA...

...LUNEDI' 23 APRILE....

i bambini

della SCUOLA dell'INFANZIA sezione II A e II B e

i bambini

delle classi I A e I B della SCUOLA PRIMARIA

si incontrano per trascorrere una giornata insieme...

.. PER IMMERGERSI NEL MERAVIGLIOSO….

…VIAGGIO INTRAPRESO INSIEME

“A SPASSO CON LA FANTASIA… IN COMPAGNIA DI ULISSE"

slide24

E’ IL MOMENTO DEL … GIOCO FINALE...PRONTI...

COME SI GIOCA…..

SE VINCERE VORRAI....

..ALLE DOMANDE DEL

"RISCHIAPUZZLE"

RISPONDERE DOVRAI....

slide25
CON QUALE INGANNO I GRECI RIUSCIRONO AD ENTRARE NELLA CITTA’ DI TROIA? (CAVALLO DI LEGNO).

CHI ERA NASCOSTO DENTRO IL CAVALLO DI LEGNO? (I GRECI).

DOVE VIVEVANO GLI DEI? (NELL’OLIMPO).

CHI ERA IL PADRE DI TUTTI GLI DEI? (GIOVE).

CHI ABITAVA NELL’ISOLA DEI CICLOPI? (POLIFEMO).

CHI ERA IL PADRE DI POLIFEMO? (NETTUNO).

CHI ERANO I CICLOPI? (GIGANTI CON UN OCCHIO SOLO).

QUANDO ULISSE INCONTRA POLIFEMO COME DICE DI CHIAMARSI? (NESSUNO).

COME ULISSE E I SUOI COMPAGNI RIUSCIRONO AD USCIRE DALLA GROTTA DOVE POLIFEMO LI TENEVA PRIGIONIERI? (AGGRAPPATI SOTTO LA PANCIA DEI MONTONI).

QUAL’E’ IL NOME DELLA MAGA CHE AVEVA IL VIZIO DI TRASFORMARE GLI UOMINI IN ANIMALI? (CIRCE).

IN QUALE ANIMALE LA MAGA CIRCE HA TRASFORMATO GLI AMICI DI ULISSE? (MAIALI).

COME SI CHIAMA IL MOSTRO CON SEI TESTE E DODICI PIEDI? (SCILLA).

COME LE SIRENE RIUSCIRONO AD INCANTAREI COMPAGNI DI ULISSE? (CON IL CANTO).

PERCHE’ ULISSE NON FU RAPITO DAL CANTO DELLE SIRENE? (SI ERA FATTO LEGARE ALL’ALBERO MAESTRO DELLA NAVE ED AVEVA I TAPPI DI CERA).

DI QUALE CITTA’ ERA IL RE ULISSE? (ITACA).

COME SI CHIAMAMAVA LA MOGLI DI ULISSE? (PENELOPE).

COME SI CHIAMAMAVA IL FIGLIO DI ULISSE? (TELEMACO).

COME SI CHIAMAMAVA IL CANE DI ULISSE? (ARGO).

COME RIESCE LA NUTRICE EURICLEA A RICONOSCERE ULISSE? (DALLA CICATRICE).

DA CHI ULISSE RITORNA AD ITACA SI PRESENTASOTTO LE SPOGLIE DI UN MENDICANTE PER LIBERARE LA SUA PATRIA DA CHI? (DAI PROCI).

DOMANDE:

slide26

LE PREMIAZIONI!!!!

LA VICEPRESIDE TARASCIO EMANUELA E

LA FUNZIONE STRUMENTALE CONTINUITA’ GIRETTI ANNA

HANNO CONDIVISO INSIEME A NOI QUESTA…. GIORNATA SPECIALE!!!!!....

...ED ORA PREMIERANNO I VINCITORI!!!

slide27

QUI FINISCE ….

..L’AVVENTURA!!!!..

Noi

"cinque"

Loro

”sette”

+

=

“CINQUESETTE”

slide28

VISITIAMO LA SCUOLA PRIMARIA,…

FACCIAMO TANTE DOMADE,

ASSISTIAMO AD UNA LEZIONE,

SCOPRIAMO COSA TENGONO I NOSTRI AMICI NELLO ZAINO,

INCONTRIAMO LE MAESTRE CHE CI FARANNO SCUOLA.

SICURAMENTE LA NUOVA SCUOLA ORA NON CI FA PIU’……

……" PAURA”...

PERCHE’ L’ABBIAMO CONOSCIUTA…SCOPERTA …VISITATA….

…MA SOPPRATTUTTO SAPPIAMO CHE

AD ACCOGLIERCI CI SARANNO TANTI …MA TANTI….

...”AMICI”

slide29

VALUTAZIONE FINALE

SIAMO STATI FANTASTICI!!!