lo sviluppo della cultura nel bambino n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO PowerPoint Presentation
Download Presentation
LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 36

LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO - PowerPoint PPT Presentation


  • 276 Views
  • Uploaded on

Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO. Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004 Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO. Appropriazione della cultura.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO' - Jimmy


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

Appropriazione della cultura

I soggetti trasformano la cultura nel momento stesso in cui si appropriano dei suoi sistemi di credenze, valori e pratiche.

Attenzione rivolta non su gli esiti, ma sul processo e i modi in cui il soggetto diventa competente.

L’appropriazione della cultura avvieneall’interno della nicchia di sviluppo

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino1
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

Appropriazione della cultura

I

Nicchia di sviluppo

Un sistema locale che collega lo sviluppo del bambino con le caratteristiche dell’ambiente culturale generate dalle condizioni fisiche e sociali, dai processi di socializzazione, dalle pratiche educative e dalla psicologia degli adulti di riferimento

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino2
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

Appropriazione della cultura

Processo di partecipazione guidata dall’adulto (esperto) nei confronti del bambino (novizio)

  • Il novizio è una memoria dinamica in continua evoluzione (il passato è nel presente e il futuro è nel presente)
  • L’esperto ha la funzione di fornire situazioni e contesti nei quali le azioni del novizio possano diventare dotate di significato
anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino3
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

Trasmissione della cultura

Un processo di trasmissione lineare dei saperi (esperto  novizio)

  • Processo di internalizzazione a quattro livelli:
  • regolazione esterna: l’individuo si conforma alla cultura in funzione di un’autorità esterna
  • regolazione introiettata: l’individuo si conforma alla cultura a causa di imperativi interni come senso di colpa, vergogna…
  • regolazione identificata: l’individuo si identifica con il sistema esterno di regolazione
  • regolazione integrata: l’individuo si identifica con il sistema esterno e lo integra nei suoi valori
anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino4
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

La prole della specie umana alla nascita presenta una condizione di immaturità e mantiene alcune caratteristiche embrionali (Neotenia)

Svantaggio

il neonato muore se abbandonato a se stesso

Vantaggi

  • il cervello si sviluppa dopo la nascita favorendo la flessibilità e l’apprendimento
  • la dipendenza prolungata trasforma il bambino da organismo biologico a soggetto culturale (Inculturazione)
anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino5
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

L’ontogenesi della cultura nel bambino

… Ovvero gli snodi evolutivi, i meccanismi e gli aspetti interpersonali che consentono al bambino di passare da…

Condizione aculturale (nascita)  Condizione culturale

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino6

Premesse per l’appropriazione della cultura in cui il bambino è nato

Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

La dotazione di partenza

Il bambino piccolo è un soggetto attivo e dotato di competenze

Percettive

Sociali

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino7
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

Le competenze percettive

Dispositivi per acquisire in via diretta e immediata informazioni sull’ambiente e per mantenere con esso un contatto appropriato

  • Percezione fetale: sviluppo delle abilità percettive già nell’utero materno
  • Percezione fonetica della lingua: capacità discriminativa delle caratteristiche acustiche dei suoni linguistici

L’ambiente linguistico orienta selettivamente le disposizioni innate del neonato

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino8
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

Le competenzesociali

“Lo sviluppo cognitivo e culturale del bambino dipende dalla rete di interazioni sociali in cui egli è inserito” (Vigotskij, 1934).

Zona di Sviluppo Prossimale

La distanza tra ciò che il bambino è in grado di fare da solo e ciò che è in grado di fare col supporto dell’adulto

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino9
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

Già nell’allattamento il bambino è in grado di stabilire con la madre un’attività coordinata e armoniosa in base a una sincronizzazione reciproca di attività di suzione e di pause

Secondo Vygostkij, il bambino acquisisce un sistema di criteri per comprendere e interpretare l’esperienza attraverso l’interazione con gli altri in base al contesto socio-culturale di riferimento (Zona di Sviluppo Prossimale)

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino10
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

Preferenza per il volto

Il volto veicola una grande quantità di informazioni, come l’identità, il gruppo di appartenenza, i segnali emotivi e quelli legati alla parola.

I tratti più salienti per il neonato sono i capelli, gli occhi, la bocca e il contorno globale

Preferenza del volto della madre rispetto a quello di un’altra donna: 12 ore sono sufficienti per discriminarlo e riconoscerlo

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino11
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

Il sorriso sociale

Nelle prime settimane di vita si assiste alla comparsa delsorriso endogeno: manifestazioni automatiche e riflesse.

Alla fine del II mese compare ilsorriso esogenoattivato dalla voce materna e dal volto umano, associato alcontatto oculare: conserva ancora alcuni aspetti di automaticità

Durante il III-IV mese compare ilsorriso sociale, rivolto in modo più frequente ai familiari esincronizzatocon il loro sorriso, prevede unoscambio reciproco

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino12
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

La condivisione dell’attenzione

Verso i 6 mesi le interazioni tra adulto e bambino da diadiche diventanotriadiche: all’interno del processo interattivo viene inserito unoggetto esterno

Grazie alla condivisione dell’attenzione, adulto e bambino orientano la loro attenzione sullo stesso oggetto (guardano il medesimo oggetto e poi si guardano reciprocamente) co-orientazione degli sguardiche consente la condivisione dell’oggetto di mutuo interesse

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino13
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

Ciò costituisce lareferenzadi un discorso: gli interlocutori parlano di qualcosa d’altro esistente nel mondo e ne condividono l’interesse.

Questo è il presupposto per:

  • la teoria della mente nel mondo  il bambino è sintonizzato insieme ad altre menti sullo stesso mondo
  • lapredicazione il bambino imita l’adulto nell’accompagnare l’oggetto di attenzione con frasi, espressioni e sorrisi
  • l’incontro di menti bambino e adulto prendono parte al medesimo contesto, costruendolo e convenzionalizzandolo secondo gli standard della propria cultura
anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino14
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

Ilsistemaculturale “adulto – bambino”

Per la psicologia della cultura il sistema “adulto-bambino” costituisce unamicro-culturache consente al bambino di prendere progressivamente parte allamacro-cultura,in modo da diventarne – nel tempo – protagonista a tutti gli effetti.

Sequenza di scambi adulto – bambino…

… All’interno di cornici consensuali…

formazione culturale del bambino

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino15
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

Il dispositivo culturale dell’imitazione

All’interno dellecornici consensualiil sistema culturale “adulto-bambino” si fonda su

IMITAZIONE RECIPROCA

Attraverso l’attività di rispecchiarsi, favorisce la partecipazione e lacondivisione delle condottee deisignificati delle interazioni

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino16
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

L’adultocome “struttura di supporto”

Nella specie umana l’adulto svolge la funzione di scaffolding(impalcatura)favorendone…

… Lo sviluppo globale del bambino e rendendolo socialmente attivo attraverso sequenze interattive routinarie

SCRIPT

L’apprendimento avviene quindi attraversoprocedure culturalmente convenzionalizzate

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino17
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

Comparsa dell’intenzionalitàe genesi della cultura

La comparsadell’intenzionalità costituisce unatappa

fondamentale nello sviluppo delle competenze culturali ed è stata oggetto di studio secondo tre approcci:

  • approccio innatista
  • approccio socio – costruzionista
  • approccio cognitivista
anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino18
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

Approccio innatista

Il neonato già alla nascita presenta un repertorio diazioni intenzionali con cui interagisce con gli altri

Esigenza di partecipare e condividere le proprie esperienze ed emozioni anche con gli altri

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino19
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

Approccio socio – costruzionista

Il neonato si comporta in modo non intenzionale, ma lesue azioni e i suoi gesti sono dotati di intenzionalità da parte degli adulti che…

… Trattano gli infanti come agenti consapevoli, dotati di intenzioni,desideri e scopi

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino20

Sequenze Proto-richiestive Sequenze Proto-dichiarative

Il bambino usa un oggetto/evento da condividere con l’adulto

Il bambino usa l’adulto come strumento

Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

L’approccio cognitivista

L’intenzionalità compare quando il bambino ha una rappresentazione mentale dell’interlocutore come capace di avere intenzioni e comprendere le intenzioni degli altri

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino21
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

La svolta dei nove mesi

Insieme di condotte che emergono tra gli otto e nove mesi a partire dalle competenze preliminari:

  • dissociazione tra mezzi e scopi
  • apprendimento imitativo
  • segmentazione del flusso delle azioni
anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino22
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

Dissociazione tra mezzi e scopi

Il bambino ha uno scopo in mente prima di tradurlo in azione

Riesce a distinguere tale scopo dai mezziper raggiungerlo

La comprensione degli altri come agenti intenzionali da parte degli infanti è strettamenteassociataall’emergenza della propria intenzionalità

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino23
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

L’apprendimento imitativo

L’atteggiamento emulativo presente fin dalla nascita diventa ora un vero apprendimento per imitazione

Il bambino impara inmodo volontariocomportamenti intenzionali

Questa forte tendenza di trattare gli altri come “simili a sé”

Nascita del Sé Intenzionale

(proiezione di sé sull’altro e appropriazione dell’altro dentro sé)

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino24
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

La segmentazione del flusso delle azioni

Capacità di discriminare, all’interno del flusso dei comportamenti degli individui, singole unità di azioneCompito

… Mediante processi dall’alto in basso top-down(attribuire all’interlocutore uno stato motivazionale)

Mediante processi dal basso in altobottom-up (individuare e riconoscere la struttura stabile delle azioni) e…

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino25

Oggetto

Adulto

Bambino

Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

Gesti deittici

Gesti di natura triadica che vedono coinvolti

Dal punto di vista culturale e comunicativo possono assumere valenza:

richiestiva

dichiarativa

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino26
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

Gesti deittici (continua)

Gesti deittici dichiarativi:

quando intendono condividere con l’adulto un punto di vista e un commento su certi aspetti di un contesto

Gesti deittici richiestivi:

quando intendono influenzare il comportamento dell’adulto per raggiungere un proprio scopo, altrimenti non raggiungibile

Vs.

Gli aspetti finora descritti costituiscono le basi per le origini ontogenetiche della cultura e per lo sviluppo dell’apprendimento culturale da parte del bambino

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino27
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

La Teoria della Mente

Secondo la psicologia della cultura una tappa fondamentale per l’acquisizione delle competenze culturali consiste nello sviluppo della cosiddetta

Teoria della Mente

Capacità di attribuire stati mentali alle altre persone, interpretare, spiegare e prevedere le loro azioni

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino28
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

Cure parentali e cultura

Anche durante l’adolescenza e la giovinezza i genitori continuano a svolgere unafunzione di riferimentoimportante per i figli

Le cure parentali svolgono un ruolo decisivo nel produrredifferenze culturali

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino29
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

Le cure parentali sono influenzate in primo luogo dalle condizioni climatiche, dai valori e dalle credenze generali della cultura di riferimento

etnoteorie parentali

Allevamento a vicinanza

Culture non alfabetizzate

I bambini piccoli sono continuamente a contatto cutaneo con la madre  non piangono

Costruzione di una personalità passiva e dipendente

Allevamento a distanza

Culture occidentali

I bambini sono separati fisicamente dalla madre  pianto come sistema di comunicazione

Costruzione di una personalità indipendente, attiva e competitiva

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino30
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

Le etnoteorie parentali alimentano glistilieducativimessi in atto nei confronti dei figli, finalizzati a favorire lo sviluppo di specifiche competenze ritenute prioritarie all’interno della propria cultura

Stile assertivo

Controllo rigoroso sul comportamento del figlio

Sistema di punizioni e di restrizioni

Obbedienza, sottomissione, rispetto, armonia e cooperazione

Stile permissivo

Spiegazione e persuasione

Assunzione di responsabilità e di autonomia da parte del bambino

Capacità di prendere decisioni e libertà di esplorazione

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino31
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

I processi di attaccamento e cultura

Il legame di attaccamento sorge dalla condizione di debolezza del neonato e dal bisogno biologico di trovare nella madre protezione e cura (Bowlby, 1969)

Fondamenti:

  • ipotesi della sensibilità: una madre sensibile è in grado di rispondere in modo accurato alle esigenze del figlio
  • ipotesi della competenza: la competenza del figlio è l’esito di un attaccamento sicuro e consiste in un processo di individuazione riuscito
  • ipotesi della base sicura: se il bambino sente che la madre è in grado di proteggerlo si sente sicuro di allontanarsi per esplorare l’ambiente
anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino32
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

Strange Situation (Ainsworth, 1971)

  • attaccamento insicuro-evitante (tipo A)
  • attaccamento sicuro (tipo B)
  • attaccamento ambivalente-ansioso (tipo C)
  • attaccamento insicuro-disorganizzato (tipo D)

Dubbi sull’universalità e sulla base evoluzionistica della teoria dell’attaccamento (Rothbaum, 2000)

Aspetti universali: ricerca della prossimità e della protezione, sofferenza in caso di separazione e perdita

Ipotesi fondamentali presentano rilevantivariazioni culturali

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino33
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

La prolessi

I genitori si rappresentano nel presente il futuro del loro figlio e si creano un sistema diaspettativeche diventano effettive linee guida per i loro interventi educativi

Costituisce un dispositivo importante nello sviluppo della personalità e dei format culturali del bambino

anolli psicologia della cultura il mulino 2004 capitolo 4 lo sviluppo della cultura nel bambino34
Anolli, Psicologia della cultura, Il Mulino, 2004Capitolo 4. LO SVILUPPO DELLA CULTURA NEL BAMBINO

Considerazioni conclusive

Biologia

disposizioni biologiche innate

Comunità sociale

incontro con altre menti

Continuità evolutiva

Sviluppo culturale del bambino

Processo senza fine soggetto a continui apprendimenti e modificazioni