molecole che possiedono gruppi ionizzabili n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
MOLECOLE CHE POSSIEDONO GRUPPI IONIZZABILI PowerPoint Presentation
Download Presentation
MOLECOLE CHE POSSIEDONO GRUPPI IONIZZABILI

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 56

MOLECOLE CHE POSSIEDONO GRUPPI IONIZZABILI - PowerPoint PPT Presentation


  • 697 Views
  • Uploaded on

nucleotidi. Acidi nucleici. Aminoacidi. proteine. ELETTROFORESI. MOLECOLE CHE POSSIEDONO GRUPPI IONIZZABILI . Metodo di separazione basato sulla diversa velocità di Migrazione di particelle cariche sotto l’influenza di un Campo elettrico . ELETTROFORESI.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'MOLECOLE CHE POSSIEDONO GRUPPI IONIZZABILI' - Jimmy


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
molecole che possiedono gruppi ionizzabili

nucleotidi

Acidi nucleici

Aminoacidi

proteine

ELETTROFORESI

MOLECOLE CHE POSSIEDONO GRUPPI IONIZZABILI

Metodo di separazione basato sulla diversa velocità di

Migrazione di particelle cariche sotto l’influenza di un

Campo elettrico

slide2

ELETTROFORESI

Migrazione di particelle cariche sotto l’azione di un campo elettrico.

Tecnica soprattutto ANALITICA ma anche PREPARATIVA.

E’ un mezzo di separazione molto potente, fra i piu’ usati in biochimica

  • Metodi FRONTALI - in soluzione libera
  • Metodi ZONALI – attraverso un mezzo poroso

Acetato di cellulosa

gel

carta

un metodo analitico
UN METODO ANALITICO
  • NUMERO di proteine presenti in una miscela
  • GRADO DI PUREZZA
  • PUNTO ISOELETTRICO
  • PESO MOLECOLARE
fattori che influenzano la velocita di migrazione
FATTORI CHE INFLUENZANO LA VELOCITA’ DI MIGRAZIONE
  • Natura del supporto
  • Campo elettrico applicato
  • Caratteristiche della particella:
    • Massa
    • Carica
    • Dimensioni
    • forma

m mobilità elettroforetica

m = velocità di migrazione

V

E

Campo elettrico applicato

natura del supporto
NATURA DEL SUPPORTO
  • assorbimento – ritenzione di molecole da parte del supporto (coda)
  • Elettroendosmosi – per la presenza di gruppi carichi sulla superficie del mezzo di supporto
  • Carta – COOH
  • Agarosio – SO4-
  • pareti di vetro – Si-OH
  • Filtrazione molecolare – effetto setaccio
campo elettrico applicato voltaggio corrente resistenza
CAMPO ELETTRICO APPLICATOVoltaggio – Corrente - Resistenza
  • La differenza di potenziale tra gli elettrodi genera:
  • E = V / d
  • E = gradiente di potenziale
  • V = voltaggio applicato
  • d = distanza fra gli elettrodi
  • Intensità di corrente = Voltaggio applicato / Resistenza
slide7

Aumentare della distanza fra

Gli elettrodi

+

  • RESISTENZA

_

Aumenta la forza ionica del tampone

Aumenta la temperatura

influenza del tampone
INFLUENZA DEL TAMPONE
  • ha la funzione di mantenere le molecole del campione in uno stato di ionizzazione
  • COMPOSIZIONE:non deve legarsi ai composti da separare
  • CONCENTRAZIONE: da 0.05 a 0.10 M
  • pH : determina, influenza, stabilizza la velocità di migrazione
  • RISULTATI RIPRODUCIBILI
  • VOLTAGGIO O AMPERAGGIO COSTANTI
caratteristiche della particella carica dimensioni massa
CARATTERISTICHE DELLA PARTICELLACarica – dimensioni - massa
  • A PARITA’ DI CONDIZIONI ELETTROFORETICHE
  • Le molecole si separano sulla base del rapporto:
  • CARICA / MASSA

SUPPORTO

CAMPO ELETTRICO

un apparato per elettroforesi costituito da
Un apparato per elettroforesi è costituito da
    • ALIMENTATORECAMERA ELETTROFORETICA

Verticale Orizzontale

  • SUPPORTO
  • SOLIDO POROSO SU GEL

(su carta da filtro o acetato di cellulosa) (poliacrilammide o Agarosio)

  • Sulla base alla composizione del mezzo in cui avviene l’elettroforesi :
  • · Elettroforesi in condizioni native – denaturanti - riducenti
  • Isoelettrofocalizzazione (IEF)
  • · Elettroforesi bidimensionale
  • · Elettroforesi su gradiente
slide14
GEL DI AGAROSIO:

usato per separare frammenti di DNA grandi (da 500 bp a 20 Kb)

  • GEL DI ACRILAMMIDE:

usato per separare frammenti di DNA piccoli (da 1 nucleotide a 2 Kb) I FRAMMENTI DI DNA SI MUOVONO VERSO IL POLO POSITIVO

  • AD UNA VELOCITA’ INVERSAMENTE PROPORZIONALE AL LOGARITMO DELLA LORO LUNGHEZZA(rapporto CARICA / MASSA è COSTANTE)
elettroforesi su gel di poliacrilammide
ELETTROFORESI SU GEL DI POLIACRILAMMIDE
  • Utilizzata per la separazione di PROTEINE e di ACIDI NUCLEICI
  • Il gel si ottiene dalla polimerizzazzione di molecole di ACRILAMMIDE e con la formazione di legami crociati in presenza di METILEN-BIS-ACRILAMMIDE
  • Il processo di polimerizzazione è innescato dall’aggiunta di TEMED (tetrametilendiammina) e persolfato
  • GEL DI ACRILAMMIDE: usato per separare frammenti di DNA piccoli ( da 1 nucleotide a 2 Kb)
rivelazione stima quantitativa e recupero da gel
Rivelazione, stima quantitativa e recupero da gel

elettro-eluizione

densitometria

a scansione

Comparison of the sensitivity achieved with SYPRO, silver and Coomassie brilliant blue stains. Identical SDS-polyacrylamide gels were stained with A) SYPRO Orange protein gel stain, B) SYPRO Red protein gel stain; C) silver stain and D) Coomassie brilliant blue stain, according to standard protocols.

elettroforesi in condizioni denaturanti gel di poliacrilammide in urea
ELETTROFORESI IN CONDIZIONI DENATURANTI (gel di poliacrilammide in UREA)
  • Separazione di frammenti di DNA
  • UREA 7 M aggiunta al gel mantiene denaturati

(a singolo filamento) i frammenti di DNA

  • Gel lungo (fino a 50-60 cm) e sottile
  • Ad alto voltaggio (circa 2000V)
  • I frammenti migrano solo in base alla loro lunghezza
  • DETERMINAZIONE DELLA SEQUENZA NUCLEOTIDICA
elettroforesi su gel di agarosio
ELETTROFORESI SU GEL DI AGAROSIO
  • Separazione ed analisi di campioni contenenti DNA o RNA
  • Si scioglie l’agarosio in polvere nel tampone in seguito ad EBOLLIZIONE della sospensione
  • Dopo raffreddamento fino alla temperatura di 45°C la soluzione si versa in uno stampo dove gelificherà
  • Un pettine genera gli spazi per depositare i campioni
  • Il gel viene immerso completamente nel tampone
  • Migrazione orizzontale verso il polo positivo (anodo)
  • separazione in BASE ALLA LORO MASSA poiché il loro rapporto CARICA / MASSA è costante
slide21

La velocita’ di migrazione dipende:

  • 1) dalle dimensioni dei frammenti
  • 2) dalla percentuale dell’agarosio nel gel
  • 3) dal voltaggio applicato.
  • Frammenti lineari piu’ piccoli migrano piu’ velocemente rispetto a quelli piu’ grandi, mentre, a parita’ di peso molecolare, il DNA circolare migra piu’ velocemente di un DNA lineare, in quanto assume una conformazione detta super avvolta (super coiled DNA)
come si rivelano gli acidi nucleici
Come si rivelano gli acidi nucleici?
  • Colorazione con ETIDIO BROMURO (colorante fluorescente)
  • Questo composto contiene un gruppo planare che si intercala tra le coppie di basi del DNA.
  • il colorante viene quindi visualizzato irradiando con raggi U.V. (ad esempio con un transilluminatore) e fotografandolo su un film polaroid.
  • la sensibilità del rilevamento è solitamente migliore di 0.1 mg di DNA.
  • Dal momento che l'etidio è un agente intercalante, è un potenziale mutageno.
slide24

SOUTHERN BLOT

IMPRONTA DEL DNA basata sui polimorfismi di sequenza cioè piccole differenze di sequenza presenti in media ogni 500 – 1000 coppie di basi e

Diverse da individuo ad individuo ( polimorfismi della lunghezza dei frammenti di restrizione o RFLP)

slide25
ELETTROFORESI DI PROTEINEsu gel di poliacrilammideLa porosità del gel dipende dal rapporto ACRILAMIDE/BIS-ACRILAMIDE
  • LA VELOCITA’ DI MIGRAZIONE DIPENDE
  • Carica netta
  • Dimensione
  • Corrente applicata
  • Dal valore di pH del tampone

A pH fisiologici la maggior parte delle proteine è sotto forma di ANIONI (-)

elettroforesi in condizioni native
ELETTROFORESI IN CONDIZIONI NATIVE
  • Permette di individuare un enzima o proteina per la sua ATTIVITA’ BIOLOGICA
  • Le proteine conservano la loro carica nativa
  • Separazione: rapporto CARICA / MASSA
  • nel gel è possibile incubare un substrato: l’enzima si lega e sviluppa un prodotto colorato
  • PAGE al 7,5 % in sistema refrigerato per evitare denaturazione
slide28
Le proteine si denaturano con molecole di SDS ogni due residui di Aminoacidi
  • La carica nativa della proteina viene eliminata dalle molecole di SDS cariche negativamente
  • SI ALLESTISCE:
  • Running gel matrice al 10% di PAGE in cui avviene la separazione
  • Staking gel al 4%
  • TUTTE LE PROTEINE SONO CARICHE NEGATIVAMENTE (migrano verso l’anodo)
  • SEPARAZIONE BASATA SULLE DIMENSIONI
  • (gel come setaccio molecolare)
slide29

SDS-PAGE

(Sodium Dodecyl Sulfate Poly-Acrylamide Gel Electrophoresis)

slide34

Fissaggio del gel in metanolo e acido acetico

  • Colorazione con Blu di Coomassie
  • Valutazione della PUREZZA DEI CAMPIONI
  • DETERMINAZIONE DEL PESO MOLECOLARE rispetto a STANDARD DI RIFERIMENTO
slide35

La mobilità di una proteina è direttamente proporzionale al logaritmo decimale

della MASSA MOLECOLARE

ief isoelettrofocalizzazione
IEF ISOELETTROFOCALIZZAZIONE
  • separazione di sostanze anfotere
  • Separazione sulla base del pi
  • GEL con GRADIENTE DI pH
  • Si usano GLI ANFOLITI (elettroliti anfoteri)
  • Sono miscele di acidi alifatici sintetici poliammino-policarbossilici che formano un gradiente di pH nella matrice prima della sua polimerizzazione
  • Gli analiti migrano verso la zona di pH corrispondente al proprio punto isoelettrico (FOCALIZZAZIONE)
  • E’ utile una CALIBRAZIONE con proteine a pi noto
slide37

Il gradiente di pH e’ formato dall’ introduzione nel gel di composti conosciuti come “anfoliti”, che sono miscele complesse di acidi poliammino-policarbossilici sintetici.

Gli anfoliti possono essere acquistati per diversi range di pH, sia a banda larga (ad es. da pH 3 a pH 10) che a banda stretta (ad es. da pH 7 a pH 8)

slide40

USO: per separare forme isoenzimatiche e per determinare

il punto isoelettrico di una proteina

slide42

MAPPA DI PROTEINE: confronto tra normale e malato

SEQUENZIAMENTO di proteina da singola macchia

Analisi con SPETTROMETRIA DI MASSA

slide44

FOCALIZZAZIONE ISOELETTRICA

Un’altra tecnica, oltre alla cromatografia a scambio ionico, che permette la separazione di macromolecole sulla base della loro carica. Estremamente potente

Catodo (-)

Anodo (+)

 Miscela di anfoliti

Focalizzazione isoelettrica di alcune varianti della stessa proteina, l’emoglobina :

slide47

Nel punto in cui è localizzata la proteina che interessa si forma una banda

Colorata- L’immunoblot consente di identificare proteine anche in quantità

Molto piccole e di definire il loro peso molecolare

una applicazione clinica del western blot
Una applicazione clinica del Western Blot

Viral Proteins

HIV, like any other virus, is composed of a number of different proteins. The Western Blot positive control lane contains proteins from patient sera as well as HIV proteins. HIV positivity can therefore only be confirmed by the presence of the following types of proteins:

gp160viral envelope precursor (env)

gp120 viral envelope protein (env) binds to CD4

p24 viral core protein (gag)

p31 Reverse Transcriptase (pol)

Band pattern interpretation

In 1987 the Centers for Disease Control along with several other organizations established criteria for serologic interpretation of HIV Western blot tests. The criteria are listed below.

No bands present  Negative

Bands at either p31 OR p24 AND

bands present at either gp160 OR gp120  Positive

Bands present, but pattern does not meet criteria for

positivity  Indeterminate

Lane 1, HIV+ serum

(positive control)

Lane 2, HIV- serum

(negative control)

Lane A, Patient A

Lane B, Patient B

Lane C, Patient C

capillary electrophoresis ce
Capillary Electrophoresis (CE)

Advantages of Capillary Electrophoresis

High separation efficiency (105 to 106 theoretical plates)

Small sample size required (1-10 ul)

Fast separation (1 to 45 min)

Easy and predictable selectivity

Automation

Quantitation (linear)

Reproducibility

Couple to mass spectrometer

Types of Molecules that can be separated by Capillary Electrophoresis

Proteins, Peptides, Amino acids Nucleic acids

Inorganic ions, Organic bases, Organic acids Whole cells

slide50

Fissaggio del gel in metanolo e acido acetico

  • Colorazione con Blu di Coomassie
  • Valutazione della PUREZZA DEI CAMPIONI
  • DETERMINAZIONE DEL PESO MOLECOLARE delle proteine rispetto a STANDARD DI RIFERIMENTO
  • Nell’esempio la purificazione dell’enzima RNA Polimerasi da E.Coli
elettroforesi di proteine in condizioni native
Elettroforesi di proteine in condizioni native

(A) Analysis of binding of the b subunit cytoplasmic domain (bsol) to ECF1 and ECF1 (-). Mixtures of polypeptides were first analyzed by native agarose gel electrophoresis (A) through a 1% agarose gel.

Lanes from left to right:

I, ECF1 (-)

II, bsol ; III, 

IV, bsol +  ;

V, bsol + ( 1-134);

VI, bsol + ECF1 (-);

VII,  + ECF1 (-);

VIII, bsol +  + ECF1 (-);

IX, ECF1 (-) + ( 1-134);

X, bsol + ECF1 (-) + ( 1-134).

(B) Bands were excised from the agarose gel and separated on a 10-18% gradient of polyacrylamide in SDS.

Rodgers et al (1997) J. Biol. Chem. 272: 31058