breve viaggio nella storia dell astronomia l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
BREVE VIAGGIO NELLA STORIA DELL’ASTRONOMIA PowerPoint Presentation
Download Presentation
BREVE VIAGGIO NELLA STORIA DELL’ASTRONOMIA

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 11

BREVE VIAGGIO NELLA STORIA DELL’ASTRONOMIA - PowerPoint PPT Presentation


  • 445 Views
  • Uploaded on

BREVE VIAGGIO NELLA STORIA DELL’ASTRONOMIA. Alessandro Bona 5°A. INDICE. Introduzione Il mondo Greco Il mondo latino ed il “Somnium Scipionis” Dante e il primo canto del Paradiso Cenni di astronomia moderna: Edwin Hubble. Astronomia. Motivazioni di tipo pratico:

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'BREVE VIAGGIO NELLA STORIA DELL’ASTRONOMIA' - Jimmy


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
indice
INDICE
  • Introduzione
  • Il mondo Greco
  • Il mondo latino ed il “Somnium Scipionis”
  • Dante e il primo canto del Paradiso
  • Cenni di astronomia moderna: Edwin Hubble
astronomia
Astronomia
  • Motivazioni di tipo pratico:
  • Alternarsi delle stagioni
  • Lavoro agricolo
  • Viaggi per mare

Stupore per il meraviglioso

  • Tre periodi
  • Alba
  • Età di mezzo
  • Età dell’oro
slide4

IL MONDO GRECO

  • I filosofi della scuola ionica (V secolo a.C.)
  • Platone (IV secolo a.C.)
  • Aristotele (IV secolo a.C.)
  • Tolomeo (II secolo d.C.)
il mondo latino
IL MONDO LATINO
  • Caratteri pragmatici della scienza romana (Plinio il Vecchio)
  • Cicerone e il “Somnium Scipionis”

Paragrafi: 16 / 17 / 18

paragrafo 16
PARAGRAFO 16

“... erant autem eae stellae quas numquam ex hoc loco vidimus, et eae magnitudines omnium quas esse numquam suspicati sumus, ex quibus erat minima quae ultima a caelo, citima terris, luce lucebat aliena...”

“… c’erano inoltre quelle stelle che noi non vediamo mai, e di tali dimensioni che noi non avremmo mai sospettato che ci fossero, tra le quali c’era la più piccola che più lontana dall’ultimo cielo, più vicina alla Terra, risplendeva di luce non sua …”

paragrafo 17
PARAGRAFO 17

Esposizione sintetica della Teoria Aristotelica

“… novem tibi orbibus vel potius globis conexa sunt omnia, quorum unus est caelestis, extumus, qui reliquos omnes complectitur, summus ipse deus arcens et contines ceteros; in quo sunt infixi illi, qui volvuntur, stellarum cursus sempiterni; cui subiecti sunt septem, qui versantur retro contrario motu atque caelum …”

“… tutto il mondo è costituito da nove orbite, o piuttosto sfere, delle quali una sola di esse è celeste, la più esterna, che comprende tutte le altre; il dio sommo che racchiude e contiene in sé le restanti; in essa sono fissate le eterne orbite circolari delle stelle, cui sottostanno sette sfere che ruotano con moto contrario rispetto al cielo …”

paragrafo 18
PARAGRAFO 18

Esposizione sintetica della Teoria dell’armonia celeste (origine Pitagorica)

…”Quid? Hic quis est, qui complet aures meas tantus et tam dulcis sonus?” “Hic est ille, qui intervallis disiunctus imparibus, sed tamen pro rata parte ratione distinctis impulsu et motu ipsorum orbium efficitur et acuta cum gravibus temperans varios aequabiliter concentus efficit; nec enim silentio tanti motus incitari possunt …”

…”Ma che suono è questo, così intenso ed armonioso, che riempie le mie orecchie?” “E’ il suono che sull’accordo di intervalli regolari, eppure distinti da una radiale proporzione, risulta dalla spinta e dal movimento delle orbite stesse e, equilibrando i toni acuti con i gravi, crea accordi uniformemente variati; del resto movimenti così grandiosi non potrebbero svolgersi in silenzio …”

dante alighieri canto primo
DANTE ALIGHIERI Canto Primo

Il “trasumanar” di Dante

“La novità del suono e ‘l grande lume

Di lor cagion m’accesero un disio

Mai non sentito di cotanto acume” (vv. 82-84)

“O voi ch’avete li ‘ntelletti sani,

Mirate la dottrina che s’asconde

Sotto ‘l velame de li versi strani”

(“Inferno” IX, vv. 61-63)

Riferimento nascosto

astronomia moderna edwin powell hubble
ASTRONOMIA MODERNAEdwin Powell Hubble

Repulsione cosmologica

Albert Einstein

L’universo è statico (1917)

Metodo delle Cefeidi

(Henrietta Leavitt, 1908)

Metodo del redshift

Legge di Hubble: v = H d

H la “costante incostante”

La questione della materia oscura

L’universo è in espansione (1929)

1/H : l’età attuale dell’universo

bibliografia
BIBLIOGRAFIA
  • “L’Astronomia prima del telescopio”, Christopher Walker, edizioni Dedalo
  • “Astronomia”, Mario Cavedon, Guide pratiche Mondatori
  • “I nove numeri del cosmo”, Michael Rowan-Robinson, Editori Riuniti
  • “Circulata melodia”, saggio a cura di Chiara Richelmi
  • “Memoria maiorum vol. 1”, Diotti-Dossi-Signoracci, edizioni Sei
  • “La Divina Commedia”, Dante Alighieri
  • “Geografia Generale”, Neviani-Pignocchino, edizioni Sei