apparato riproduttivo maschile l.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
Apparato Riproduttivo Maschile PowerPoint Presentation
Download Presentation
Apparato Riproduttivo Maschile

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 46

Apparato Riproduttivo Maschile - PowerPoint PPT Presentation


  • 1077 Views
  • Uploaded on

Apparato Riproduttivo Maschile. Apparato Genitale Maschile. Può essere diviso in quattro principali componenti funzionali: Testicoli o Gonadi Maschili: Organi pari posti nella Borsa Scrotale e sono responsabili della produzione dei gameti maschili, gli Spermatozoi , e della

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'Apparato Riproduttivo Maschile' - Jimmy


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
apparato genitale maschile
Apparato Genitale Maschile

Può essere diviso in quattro principali componenti funzionali:

  • Testicoli o Gonadi Maschili:

Organi pari posti nella Borsa Scrotale e sono responsabili della

produzione dei gameti maschili, gli Spermatozoi, e della

secrezione degli ormoni sessuali maschili.

  • Sistema pari di dotti formato da:

Duttuli Efferenti, Epididimo, Dotto Deferente e Dotto

Eiaculatorio; questo sistema raccoglie, immagazzina, e veicola

gli Spermatozoi da ogni testicolo. I Dotti Eiaculatori

convergono verso l’Uretra, da cui gli Spermatozoi vengono

espulsi nel Sistema Genitale Femminile durante l’accoppiamento.

apparato genitale maschile4
Apparato Genitale Maschile
  • Due ghiandole esocrine, le Vescicole Seminali, e una singola

Ghiandola Prostatica, secernono un mezzo liquido, nutritivo e

lubrificante, il Liquido Seminale, mediante il quale gli

Spermatozoi sono convogliati verso l’ApparatoGenitale

Femminile. Il liquido seminale, gli Spermatozoi, e le cellule

desquamate dall’epitelio di rivestimento del sistema duttulale

formano il Liquido Spermatico o Seme.

  • Il Pene:

E’ l’organo della copulazione. Un paio di piccole ghiandole

accessorie, le Ghiandole Bulo-Uretrali di Kowper, secernono un

fluido che prepara l’uretra al passaggio di liquido durante

l’eiaculazione.

anatomia
Testicoli:

Organo pari, produzione gameti maschili e Spermatozoi.

Sistema di Dotti:

Duttuli efferenti.

Epididimo.

Dotto deferente.

Uretra.

Ghiandole accessorie:

Vescicole Seminali.

Ghiandola Prostatica.

Ghiandole Bulbo-Uretrali.

Strutture di supporto:

Scroto, sacche che contengono i testicoli.

Pene, organo copulatorio.

Anatomia
testicolo
Tonaca Vaginale:

Strato di rivestimento peritoneale, residuo della discesa del testicolo dalla cavità peritoneale.

Forma una cavità sierosa che avvolge il testicolo.

Secerne fluido e permette al testicolo di muoversi all’interno dello scroto.

Tonaca Albuginea:

Denso strato di connettivo fibroso che avvolge tutto il testicolo.

Setti di connettivo che dividono il testicolo in circa 250Lobuli Testicolari.

Testicolo
testicolo8
Testicolo
  • Tubuli Seminiferi:
    • In ogni lobulo ci sono da 1 a 4 anse molto convolute, i Tubuli Seminiferi Contorti, in cui sono prodotti gli Spermatozoi.
      • Cellule del Sertoli
      • Cellule di Leydig
      • Cellule della serie spermatogenica
  • Rete Testis:
    • Rete di tubuli originata dalla convergenza dei Tubuli Seminiferi.
  • Duttuli deferenti:
    • 15-20 piccoli dotti che convogliano gli spermatozoi dalla Rete Testis all’Epididimo.
spermatogenesi e spermiogenesi
Spermatogenesi e Spermiogenesi

Entrambe avvengono nel Testicolo. Le cellule germinali

primitive del maschio, gli Spermatogoni, sono presenti solo in

piccolo numero nelle gonadi maschili prima della maturità

sessuale. Dopo la maturità sessuale gli spermatogoni si

moltiplicano continuamente per mitosi e forniscono una

riserva di cellule che, andando incontro a meiosi, formano i

Gameti Maschili. La produzione di questi è chiamata

Spermatogenesi e il successivo sviluppo del gamete maschile

in uno spermatozoo mobile è definito Spermiogenesi. Questi

due processi sono sincronizzati e avvengono sequenzialmente

a onde lungo il tubulo. Il processo completo dura

approssimativamente 70 giorni. La maturazione finale degli

spermatozoi avviene nell’Epididimo.

slide14

SA

SB

S1

S4

S3

StCellule del Sertoli

MMiofibroblasti fusiformi

spermatogenesi16
Spermatogoni:

Cellule staminali germinaliDiploidi, situati nelcompartimento basale dei Tubuli Seminiferi dove si dividono per mitosi.

Poggiano sulla lamina basale.

Nella pubertà sono stimolati da Testosterone ad iniziare il ciclo cellulare.

Spermatogoni A Scuri:

Cellule piccole, grande nucleo ovale ed abbondante Eterocromatina.

Cellule di riserva, per mitosi originanoA ScurieA Chiari.

Spermatogoni A Chiari:

Come A Scuri, ma nucleo con Eucromatina (colorazione debole).

Per Mitosi originanoA ChiarieSpermatogoni B.

Spermatogoni B:

Simili adA Chiari, per Mitosi originanoSpermatociti Primari.

Spermatogenesi
spermatogenesi17
Spermatogenesi
  • Spermatociti:
    • Migrano dal comparto basale verso quello luminale del Tubulo Seminifero prima di iniziare la prima divisione meiotica.
    • Spermatociti Primari
      • Cellule grosse, nucleo vescicolare con cromosomi in diverse fasi di condensazione.
      • Duplicano il corredo cromosomico (diventa 4n) e vanno incontro alla Prima Divisione Meiotica, cellule figlie 2n. Il processo dura circa 3 settimane. Dopo vengono definite Spermatociti Secondari.
    • Spermatociti Secondari
      • Originano dalla I meiotica dei primari e vanno immediatamente incontro alla Seconda Divisione Meiotica, cellule figlie (Spermatidi) aploidi.
meiosi
Meiosi
  • Processo di divisione cellulare, tramite il quale si originano le cellule germinali.
  • Risultati di questo processo:
    • Riduzione del numero Diploide (2n) dei cromosomi ad Aploide (1n). Assicura che ognuno dei gameti porti una quantità aploide sia di DNA che di cromosomi.
    • Ricombinazione dei geni, assicurando la variabilità e diversità genica.
meiosi i divisione riduzionale
Meiosi Idivisione riduzionale
  • Le coppie di cromosomi omologhi si allineano ed ogni membro della coppia si allontana verso il polo opposto della cellula che si divide.
  • Riduzione da Diploide (2n) ad Aploide (1n).
  • Inizia alla fine dell’Interfasedel ciclo cellulare.
  • Nella gametogenesi, la quantità di DNA così come il numero di cromosomi è 4n.
  • 4 fasi:
    • Profase I - Metafase I
    • Anafase I - Telofase I
slide20

Cromosomi si spiralizzano, formando grossi filamenti nel nucleo.

Coppie di cromosomi omologhi si affiancano in registro, dando origine alla tetrade.

Cromosomi si condensano maggiormente, si ha Crossing-over in corrispondenza dei Chiasmi.

Cromosomi si spiralizzano ulteriormente e cominciano a separarsi.

Cromosomi massima condensazione, scompaiono nucleolo e membrana nucleare. Cromosomi liberi nel citoplasma.

meiosi ii divisione equazionale
Meiosi IIdivisione equazionale
  • Avviene senza precedente sintesi di DNA.
  • Molto simile a Mitosi.
  • Procede velocemente attraverso le 4 fasi.
    • Profase II - Anafase II
    • Telofase II - Citodieresi
  • Risultato:
    • 4 cellule figlie, con numero Aploide (1n) di cromosomi.
spermiogenesi25
Spermiogenesi
  • Processo tramite il quale gliSpermatidimaturano inSpermatozoi.
  • Spermatidi:
    • Cellule Aploidi, piccole e tonde.
    • “Cloni” di uno spermatogonio, legati tra loro da ponti intracitoplasmatici.
    • Abbondante RER, numerosi mitocondri, Golgi ben sviluppato.
spermiogenesi26
Spermiogenesi
  • Fase del Golgi:
    • Sintesi da parte del Golgi di enzimi idrolitici, accumulati in Granuli pre-acrosomiali, che si fondono a formare la Vescicola Acrosomica. Essa è a stretto contatto con la membrana nucleare, forma il polo anteriore dello spermatozoo in formazione.
spermiogenesi27
Spermiogenesi
  • Fase Acrosomiale:
    • La Vescicola Acrosomica si applica ad un polo del nucleo (che si allunga progressivamente) a formare il Cappuccio Acrosomico.
    • Cellula assume forma allungata.
    • Centrioli migrano all’estremità della cellula opposta al Cappuccio e il centriolo disposto parallelamente all’asse del nucleo si allunga e forma un flagello.
    • Mitocondri si spostano.
spermiogenesi28
Spermiogenesi
  • Fase Iniziale di Maturazione:
    • Microtubuli formano il Manicotto, poi sostituito dall’Anello, punto d’unione tra parte intermedia e principale.
    • Il Nucleo si addensa.
    • Il citoplasma migra.
    • I Mitocondri cominciano a concentrarsi attorno al flagello.
spermiogenesi29
Spermiogenesi
  • Fase Iniziale di Maturazione:
    • Perdita del citoplasma.
    • Interruzione dei sincizi citoplasmatici e liberazione degli spermatozooi dalla massa cellulare.
    • Residui citoplasmatici fagocitati da Cellule del Sertoli prima che lo spermatide venga rilasciato nel lume.
    • Spermatozoi liberi nel tubulo.
    • Sono immobili, devono attraversare il processo di Capacitazione.
    • Si forma una Guaina Mitocondriale intorno alla parte intermedia della coda.
spermatozoo
Spermatozoo
  • È una cellula molto allungata (circa 65 μm di lunghezza) formata da tre componenti principali.
    • Testa:

Nell’uomo è lunga circa 7 μm e ha forma appiattita, a

pera. Il Nucleo che occupa la maggior parte della testa, è

formato da Cromatina estremamente addensata.

Nell’uomo, il nucleo è caratterizzato da un numero

variabile di Vacuoli Nucleari, aree di Cromatina dispersa.

    • Collo:

Segmento molto corto che connette la Testa con la Coda.

Contiene i resti dei Centrioli, uno dei quali dà origine all’

Assonema del flagello. Nell’uomo, rimane spesso una

significativa quantità di Citoplasma.

spermatozoo32
Spermatozoo
  • Coda:
    • Parte Intermedia:

Parte iniziale della coda. Esternamente Mitocondri

allungati disposti ad elica che hanno funzione di

generare energia per il movimento flagellare. L’Anello

(Anulus), ispessimento fibroso sotto la membrana

plasmatica, impedisce ai mitocondri di passare nella

Parte Principale.

    • Parte Principale:

La più lunga è divisa in due compartimenti funzionali

asimmettrici, ritenuti responsabili della maggiore

potenza del movimento del flagello.

    • Parte Terminale:

Corta porzione affusolata della coda che contiene

solamente l’Assonema.

cellule del sertoli
Poggiano sulla Membrana Basale del Tubulo Seminifero.

Cellule colonnari alte.

Membrane laterali, numerose pieghe.

Membrana apicale, numerose pieghe proiettano all’interno del lume.

Nucleo ovale, chiaro, orientato perpendicolarmente alla Membrana Basale sulla base della cellula, grosso Nucleolo centrale. Numero moderato di Mitocondri. Molte gocciole lipidiche. sER molto abbondante.

Sono legate tra loro tramite Giunzioni occludenti che formano due comparti:

Comparto Basale, sottile, disposto all’esterno delle giunzioni che circonda il Comparto Adluminale.

Cellule del Sertoli
cellule del sertoli34
Funzioni:

Barriera Emato-Testicolare, protegge gameti in via di sviluppo dal sistema immunitario in quanto sono antigenicamente differenti dalle cellule somatiche.

Secrezione fattori che regolano la Spermatogenesi e la Spermiogenesi.

Secrezione di fattori che regolano la funzione delle Cellule di Leydig e delle Cellule Peritubulari.

Fagocitosi del citoplasma di scarto degli Spermatidi.

Supporto nutrizionale e strutturale.

Fagocitosi del citoplasma.

Sintesi e secrezione Proteina legante gli androgeni(ABP), aumenta concentrazione di Testosterone nei tubuli.

Sintesi e secrezione Ormone Anti-Mulleriano, differenziazione maschile.

Sintesi e secrezione Inibina, inibisce rilascio di FSH dall’Ipofisi.

Secrezione medium ricco di fruttosio, nutrimento e trasporto spermatozoi.

Sintesi e secrezione TransferrinaTesticolare, Ferro ai gameti.

Cellule del Sertoli
cellule di leydig
Cellule di Leydig
  • Disposte singolarmente o in aggregati, sono intimamente associate con ricchi plessi di capillari ematici e linfatici.
  • Responsabili della sintesi e secrezione degli ormoni sessuali maschili. Testosterone.
  • L’attività secretoria è controllata dall’OrmoneLuteinizzante (LH) che nel maschio è noto come Ormone Stimolante le Cellule Interstiziali (ICSH).
  • Tipo principale di cellule presenti nel tessuto connettivo dei Tubuli Seminiferi.
  • Cellule interstiziali, poligonali. Nucleo rotondo, Cromatina dispersa. Citoplasma Eosinofilo. Mitocondri con creste tubulari. Esteso sER e Golgi. RER e goccie lipidiche, ma non vescicole secretorie. Testosterone secreto immediatamente appena prodotto.
  • Cristalli di Reinke, proteine cristallizzate nel citoplasma. Funzione ignota.
vie seminali
Vie Seminali
  • Tubuli retti
    • Corti e rettilinei.
    • Trasportano gli spermatozoi alla Rete Testis.
    • Cellule del Sertoli all’inizio, poi epitelio cubico, con corti e tozzi microvilli.
  • Rete Testis
    • Sistema di spazi labirintici.
    • Epitelio cubico semplice, corti microvilli.
  • Dotti efferenti
    • 10-20, condottini efferenti che portano dalla Rete Testis all’Epididimo.
    • Zone di Epitelio Cubico Semplice alternato a Epitelio Colonnare Cigliato.
    • L’azione cigliare delle cellule cigliate spinge gli spermatozoi ancora non mobili verso l’epididimo.
    • Le altre riassorbono una parte di fluido testicolare secreto dalla Cellule del Sertoli.
epididimo
Tubulo estremamente contorto, lungo 4-6 cm. Si estende dalla parte posteriore del testicolo al polo inferiore, dove si continua nel dotto deferente.

Accoglie, accumula, e fa maturare gli spermatozoi. Qui gli spermatozoi acquisiscono la mobilità.

Testa, polo superiore, formata dall’unione di 15-20 dotti efferenti, numerosi riavvolgimenti.

Corpo, margine posteriore, come la testa.

Coda, polo inferiore, perde la morfologia e si continua nel dotto deferente.

Epididimo
slide39

Epitelio pseudostratificato

  • Cellule basali:
    • Forma poligonale o piramidale.
    • Nucleo tondo, abbondante Eterocromatina.
    • Citoplasma pallido, pochi granuli.
    • Staminali?
  • Cellule principali:
    • Nucleo ovale, irregolare, più chiaro.
    • RER e Golgi abbondanti.
    • Numerose vescicole pinocitotiche.
    • Stereociglia.
    • Riassorbono fluido e fagocitano residui di citoplasma.
    • Producono Glicerofosfocolina inibisce Capacitazione.

Muscolatura lisciaall’esterno, contrazioni peristaltiche.

dotto deferente
Dotto Deferente
  • Conduce gli spermatozoi dall’Epididimo all’Uretra. E’ un tubo muscolare dalla parete spessa, formato da uno strato interno e uno esterno di muscolatura longitudinale e da uno spesso strato intermedio di muscolatura circolare.
  • E’ innervato dal sistema nervoso simpatico e, durante l’eiaculazione, si contrae fortemente, producendo onde peristaltiche che espellono il suo contenuto nell’uretra.
  • Epitelio pseudostratificato.
prostata
Prostata
  • Ha approssimativamente le dimensioni di una noce. Circonda il collo della vescica e la prima parte dell’uretra, conosciuta come Uretra Prostatica.
  • E’ costituita da una serie di ghiandole tubulo-acinose ramificate, incluse nel tessuto stromatico.
  • La secrezione prostatica, che costituisce metà del volume del liquido seminale ha aspetto lattescente e viscoso; esso è ricco di acido citrico ed enzimi idrolitici.

Pene

E’ formato da tre masse cilindriche di tessuto erettile: due Corpi Cavernosi del Pene sul lato dorsale e un Corpo Cavernoso dell’Uretra nella parte mediana (Corpo Spongioso) che circonda e fa da sostegno all’Uretra Peniena e forma distalmente il Glande. I corpi cavernosi sono rivestiti da un tessuti fibro-elastico denso, la cosidetta Tonaca Albuginea.

sperma
Sperma
  • E’ composto di Spermatozoi e FluidoSeminale.
  • Fluido Seminale contenente Fruttosio e Citrato.
    • Prodotto dalle ghiandole sessuali accessorie (vescichette seminali, prostata, ghiandole bulbo-uretrali).
    • Funzione di nutrire e proteggere gli spermatozoi.
il percorso degli spermatozoi
Il percorso degli spermatozoi
  • Trasporto nelle vie spermatiche.
  • Trasporto nelle vie genitali femminili.
  • Capacitazione.
  • Attivazione.
  • Penetrazione.
capacitazione
Capacitazione
  • Avviene nelle vie genitali femminili (utero e ovidotti).
  • Permette di esprimere la capacità di fecondare.
  • Rimozione delle glicoproteine assunte durante il passaggio nell’epididimo.
attivazione
Attivazione
  • Rigonfiamento dell’acrosoma.
  • Movimenti della coda “a colpo di frusta”.
  • Modificazioni della membrana plasmatica.