slide1 n.
Download
Skip this Video
Loading SlideShow in 5 Seconds..
INDICE PowerPoint Presentation
Download Presentation
INDICE

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 19

INDICE - PowerPoint PPT Presentation


  • 168 Views
  • Uploaded on

ESERCIZI. INDICE. Esercizio n.1 . . . . Esercizio n.2 . . . Esercizio n.3 . . . Esercizio n.4 . . . ESERCIZIO n.1. Leggi il testo seguente di 180 parole e poi svolgi gli esercizi di seguito riportati. Il cervo e il leone

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about 'INDICE' - Antony


Download Now An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

ESERCIZI

INDICE

Esercizio n.1 . . .

Esercizio n.2 . . .

Esercizio n.3 . . .

Esercizio n.4 . . .

slide2

ESERCIZIO n.1

Leggi il testo seguente di 180 parole e poi svolgi gli esercizi

di seguito riportati

Il cervo e il leone

Un cervo, oppresso giunse presso una fonte; mentre beveva, scorse la propria immagine nell'acqua e si rallegrò, vedendo che le sue corna erano così grandi e ramificate. Gli dispiacquero invece le gambe che trovava troppo deboli ed esili. Stava ancora facendo queste riflessioni quando comparve un leone che cominciò a inseguirlo, ma il cervo nella fuga lo precedeva di un buon tratto. E, finché davanti a lui si estendeva la pianura priva di piante, riusciva a correre più del leone,

ma quando poi cominciò una zona selvosa il cervo, a causa delle corna, rimase impigliato fra i rami e, non potendo più correre, fu ghermito dal leone. Mentre veniva ucciso esclamò: "Sono stato proprio uno sciocco a non avere fiducia in ciò che costituiva la mia salvezza fidandomi invece di ciò che è stato la mia rovina".

Spesso ci capita nella vita, quando ci troviamo nei pericoli, che diventino nostri salvatori coloro, fra gli amici, che avevano suscitato in noi dei sospetti e si rivelino, invece, traditori quelli che avevano guadagnato la nostra fiducia.

(Esopo, Favole, a cura di F. Maspero, Bompiani.) 

slide3

Esercizio1a: riassumi il testo, in modo da crearne uno lungo circa la metà (90 parole), poi salva il lavoro con il nome riassunto1a.doc:

Esempio di svolgimento dell'alunno ROSSI Francesco

Esercizio 1b: riassumi il testo, in modo da crearne uno di circa 40 parole, poi salva il lavoro con il nome riassunto1b.doc:

Esempio di svolgimento dell'alunno ROSSI Francesco

Esercizio 1c: riassumi il testo, in modo da crearne uno di circa lungo circa 20 parole, poi salva il lavoro con il nome riassunto1c.doc:

Esempio di svolgimento dell'alunno ROSSI Francesco

Esercizio 1d: dai un titolo a questa favoletta (il titolo è una sorta di riassunto brevissimo), poi salva il lavoro con il nome riassunto1d.doc:

Esempio di svolgimento dell'alunno ROSSI Francesco

slide4

ESERCIZIO SUL RIASSUNTO n.1a

Un cervo assetato giunge presso una fonte; rispecchiandosi nell’acqua si compiace delle le sue corna ampie e ramificate, ma si dispiace per le sue gambe piccole ed esili. In quel momento giunge un leone. Il cervo, fuggendo attraverso una pianura priva di piante, è più veloce del felino, ma quando entra in una zona boscosa si trova nei guai: le sue corna si impigliano tra i rami e il leone lo sbrana.

Spesso nel pericolo coloro che avevano suscitato sospetti diventano la nostra salvezza, viceversa quelli su cui credevamo di poter contare finiscono per tradirci.

Rossi Francesco

slide5

Esercizio sul riassunto n.1b

Un cervo si compiace perché possiede corna ampie, mentre

si dispiace per le sue esili gambe. Inseguito da un leone, le corna lo tradiscono perché si impigliano in alcuni rami: il leone lo sbrana. Spesso coloro sui quali contiamo ci tradiscono.

Rossi Francesco

slide6

Esercizio sul riassunto n.1c

Un cervo, inseguito da un leone, viene tradito

dalle corna, perché si impigliano nei rami.

Spesso ci si fida di chi ci tradirà.

Rossi Francesco

slide7

Esercizio sul riassunto n.1d

TITOLO: I falsi amici.

Rossi Francesco

slide8

ESERCIZIO n. 2

Leggi il testo seguente di 130 parole e poi svolgi gli esercizi

che ti vengono proposti.

Londra - La Carica dei 101 approda in Europa. Il film, ispirato al celebre cartoon Disney, è stato proiettato in pompa magna a Londra. Per il colosso hollywoodiano non si è badato a spese; l'Albert Hall si è trasformata con un ingegnoso gioco di luci in maculato stile dalmata. Porte spalancate per circa 3500 spettatori: pochi i bambini, tantisimi i vip. Prsenti gli interpreti capitanati da Glenn Close (Crudelia). Per i 101, Paul Gascoigne è riapparso in pubblico con la famiglia a Londra. Non si vedeva da settembre, quando sconcertò l'opinione pubblica picchiando la moglie Sheryl. Trai vip, Patsy Kensi, Mick Jagger, Jeremy Irons, Bob Gendolf, i Queen. Da marzo il film sarà in Italia. (P.D.C.)

Corriere della sera, 6 dicembre 1996

slide9

Esercizio2a: riassumi il testo, in modo da crearne uno lungo circa la metà (60 parole), poi salva il lavoro con il nome riassunto2a.doc:

Esempio di svolgimento dell'alunno ROSSI Francesco

Esercizio 2b: riassumi il testo, in modo da crearne uno di circa 30 parole, poi salva il lavoro con il nome riassunto2b.doc:

Esempio di svolgimento dell'alunno ROSSI Francesco

Esercizio 2c: riassumi il testo, in modo da crearne uno di circa  5 parole, poi salva il lavoro con il nome riassunto2c.doc:

Esempio di svolgimento dell'alunno ROSSI Francesco

slide10

ESERCIZIO SUL RIASSUNTO n.2a

A Londra è stato proiettato per la prima volta in Europa il film “La carica dei centouno”. Non si è badato a spese: l’Albert Hall ha ospitato pochi bambini e molti VIP per un totale di 3500 persone. Tra gli invitati gli interpreti. Da marzo il film sarà proiettato anche in Italia.

ROSSI Francesco

slide11

Esercizio sul riassunto n.2b

A Londra è stato proiettato in anteprima europea il film “La carica dei centouno”. L’Albert Hall ha ospitato, tra bambini e VIP, 3500 persone. In marzo il film sarà proiettato anche in Italia.

Rossi Francesco

slide12

Esercizio sul riassunto n.2c

TITOLO: “I centouno approdano a Londra”

RossiFrancesco

slide13

Leggi il testo seguente e poi svolgi l'esercizio in fondo alla pagina

Fratellini abbandonati a scuola I genitori attesi invano fino a tarda sera all'istituto di via Muzio. Aperta un'inchiesta

I genitori li abbandonano a scuola. Loro trovano rifugio per una notte a casa delle maestre. È una brutta storia quella dei due bimbi "dimenticati" in classe da mamma e papà. Sono i figli di due filippini: un fratellino e una sorellina nati entrambi a Milano. Il maschietto è il più grandicello: ha appena sette anni ed è un bambino gracile e vivace; la sorellina, invece, è capace di spiaccicare solo qualche parola. Frequentano tutti e due la scuola di via Muzio, dalle parti di Via Melchiorre Gioia, un istituto che accoglie sia i bambini delle elementari sia quelli delle materne. Giovedì, così come ogni giorno, sono entrati in aula, davanti alla propria maestra. La mattinata è passata tranquilla: compitini, giochi di gruppo, prima colazione e, alla fine, tanta voglia di tornare a casa. La scuola chiude alle 16.30. Capita qualche volta che i genitori tardino ad arrivare, ma in genere avvertono. I due filippini, invece, hanno scelto la via del silenzio. Non un avviso al mattino e nemmeno una chiamata nel pomeriggio. Le maestre hanno aspettato un paio d'ore, poi hanno chiamato i vigili urbani della zona Garibaldi. "Che cosa facciamo?". I vigili hanno allora tentato di rintracciare mamma e papà a casa, ma è stato un buco nell'acqua. Nell'appartamento dalle parti di Melchiorre Gioia, non c'era nessuno e nessuno sapeva dove fossero i due genitori.(continua…)

Esercizio n.3

slide14

(cont…)

Così si è deciso di chiedere il parere del Tribunale dei minori. Ma prima di interpellare il magistrato sono state le stesse maestre a offrire ospitalità ai due piccoli: ognuna al proprio allievo. Per la dottoressa Del Moro, pm di turno, nulla in contrario. L'autorizzazione all'affido temporaneo è arrivata alle 20 e a quell'ora erano ancora tutti a scuola: maestre, bambini e vigili urbani. In pochi minuti la questione si è risolta. Con una raccomandazione: caso mai mamma e papà fossero arrivati nella notte dai carabinieri o dalla polizia a chiedere dei bimbi, che non si azzardassero a disturbare i piccoli nel sonno Per riportarli a casa. È stata una raccomandazione che però non è servita a nulla, dato che nella notte nessuno si è fatto vivo. I due bimbetti hanno così trascorso ore tranquille, coccolati dalle "mamme-maestre". Probabilmente, però, anche i genitori hanno passato la notte senza preoccupazioni per la testa. Almeno così si direbbe a giudicare dalla giustificazione che hanno dato per l'abbandono dei figli: hanno raccontato ai vigili che ognuno aveva dato all'altro l'incarico di andare a prendere a scuola i piccoli. Insomma: lei pensava ci andasse lui e viceversa. Così nessuno si è presentato ai cancelli di via Muzio. E, sempre stando al loro racconto, poiché entrambi non sono rientrati a casa per la notte il "disguido" non si è scoperto che ieri mattina all'alba. La versione è sembrata a tutti decisamente poco convincente. Così adesso il magistrato ha aperto un fascicolo sulla vicenda e la squadra di polizia giudiziaria dei vigili sta raccogliendo informazioni sulla famiglia. Mentre i bambini sono stati riconsegnati ai due filippini, a carico dei quali per il momento non è ipotizzato alcun reato. Sembra che i due bambini abbiano già avuto delle disavventure. Almeno in un'occasione il maschietto sarebbe arrivato a scuola con giornali osé: "Li ho trovati in giro per casa" avrebbe raccontato al direttore.

Giusi Fasano

(«Corriere della Sera», 14 dicembre 1996)

slide15

Esercizio sul riassunto n.3a

Riassumi il testo, in modo da crearne uno di circa 50 parole, poi salva il lavoro con il nome riassunto3a.doc:

Esempio di svolgimento dell'alunno ROSSI Francesco

Un fratellino e una sorellina di sette e tre anni sono stati dimenticati a scuola dai genitori filippini. Alle 16.30 nessuno si è presentato per riprenderli. Dopo alcune ore le maestre, avvisato il magistrato, hanno ospitato i bambini per la notte. L’indomani i genitori hanno dato giustificazioni poco convincenti

Rossi Francesco

slide16

Il riassunto del romanzo

"La tregua" di Primo Levi

Il libro inizia con l'arrivo dell'Armata Rossa al campo di Buna-Monowitz che costrinse i tedeschi a ritirarsi, infatti con l'arrivo dei Russi i tedeschi abbandonarono i campi, dandosi alla fuga, dopo aver distrutto i Lager e i loro occupanti. Dei dodicimila internati sopravvissero solo ottocento la maggior parte dei quali malati. L'arrivo dei Russi rappresentò il sicuro il sicuro ritorno a casa, la libertà e la fine della guerra , ma per i sopravvissuti l'aria della libertà "suonò grave e chiusa" , infatti molti di loro si sentirono "smarriti, svuotati e incapaci di essere liberi". I Russi portarono i primi soccorsi e i prigionieri ancora in vita, i malati, i moribondi vennero trasferiti al Campo Grande di Auschwitz ("una sterminata metropoli" al cui confronto Buna-Monowitz, in cui fu tenuto Levi, sembrava un villaggio), che fu adibito ad un centro di raduno per i deportati. Qui Levi, appena vi giunse, si ammalò di scarlattina ed ebbe modo di conoscere molti personaggi, però rimase stupito dai volti e dagli sguardi vuoti dei bambini tra cui il piccolo Hurbinek, Henek, Kleine Kiepura e Pavel. Ristabilitosi, abbandonò il campo unendosi a coloro che erano in grado di affrontare il viaggio di ritorno nei rispettivi paesi.

slide17

Esercizio di didattica del riassunto

Da questo testo occorre estrarre una scheda riassuntiva, in modo da avere quelle pochissime informazioni, simili a quelle che si trovano sulla quarta di copertina.

Sottolinea le parole più significative del testo, passando da 279 parole a circa 70 (un quarto del testo originario) con una tolleranza di 10 parole in più o in meno

slide18

PASSAGGIO 1 :

evidenzio in grassetto le parole più significative

Il libro inizia conl'arrivo dell'ArmataRossa al campo di Buna-Monowitz checostrinse i tedeschi a ritirarsi, infatti con l'arrivo dei Russi i tedeschi abbandonarono i campi, dandosi alla fuga, dopo aver distrutto i Lager e i loro occupanti. Dei dodicimila internati sopravvissero solo ottocento la maggior parte dei quali malati. L'arrivo dei Russi rappresentò il sicuro il sicuro ritorno acasa, la libertà e la fine della guerra , ma per i sopravvissuti l'aria della libertà "suonò grave e chiusa" , infatti molti di loro si sentirono "smarriti, svuotati e incapaci di essere liberi". I Russi portarono i primi soccorsi e i prigionieri ancora in vita, i malati, i moribondi vennero trasferiti al Campo Grande di Auschwitz ("una sterminata metropoli" al cui confronto Buna-Monowitz, in cui fu tenuto Levi, sembrava un villaggio), che fu adibito ad un centro di raduno per i deportati. Qui Levi, appena vi giunse, si ammalò di scarlattina ed ebbe modo di conoscere molti personaggi, però rimase stupito dai volti e dagli sguardi vuoti dei bambini tra cui il piccolo Hurbinek, Henek, Kleine Kiepura e Pavel. Ristabilitosi, abbandonò il campo unendosi a coloro che erano in grado di affrontare il viaggio di ritorno nei rispettivi paesi.

slide19

PASSAGGIO 2 :

Si forma così una breve scheda riassuntiva del romanzo

Il libro inizia con l’arrivo dell'Armata Rossa al campo che costrinse i tedeschi a ritirarsi.

L'arrivo dei Russi rappresentò il sicuro il sicuro ritorno a casa, la libertà e la fine della guerra.

I Russi portarono i primi soccorsi e i prigionieri ancora in vita, i malati, i moribondi vennero trasferiti al Campo Grande di Auschwitz.

Ristabilitosi Primo Levi, abbandonò il campo unendosi a coloro che erano in grado di affrontare il viaggio di ritorno nei rispettivi paesi.