Preadolescenza adolescenza nodi critici
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 33

Preadolescenza - Adolescenza nodi critici PowerPoint PPT Presentation


  • 328 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Preadolescenza - Adolescenza nodi critici. Annalisa Palermiti Università della Calabria. Mappa. Gli studi sull’adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio. Pubertà. SVILUPPO PUBERALE. CARATTERISTICHE PREADOLESCENZIALI.

Download Presentation

Preadolescenza - Adolescenza nodi critici

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Preadolescenza adolescenza nodi critici

Preadolescenza - Adolescenzanodi critici

Annalisa Palermiti

Università della Calabria


Mappa

Mappa

Gli studi sull’adolescenza

Adolescenza

Preadolescenza

Crisi di identità

Gruppi formali ed informali

Fattori di rischio

Pubertà


Sviluppo puberale

SVILUPPO PUBERALE


Caratteristiche preadolescenziali

CARATTERISTICHE PREADOLESCENZIALI

  • USCITA DAL GUSCIO:

  • ATTIVO MA ANCORA NEL GUSCIO (10-11 ANNI)

  • ROTTURA DEL GUSCIO (11-12 ANNI)

  • USCITA ALL’APERTO (12-13 ANNI)

  • SOSTA (13-14 ANNI)


Preadolescenza adolescenza nodi critici

  • LA PUBERTA’: cambiamenti rapidi del corpo, nei maschi e nelle femmine

  • aumento altezza e peso

  • maturazione caratteri sessuali


Preadolescenza adolescenza nodi critici

Evoluzione sessuale

Maschi : testicoli, pene, pelosità pubica, pelosità ascellare, barba e baffi, voce

Femmine:seno, bacino, apparato genitale, pelosità pubica, pelosità ascellare, primo ciclo mestruale (menarca)


Preadolescenza adolescenza nodi critici

  • Reazione psicologica ai cambiamenti fisici:

  • Scuotono la fiducia dell’individuo (adolescente) circa il suo mondo e la stabiltà del mondo in generale

  • Sono motivo di orgoglio per la percezione di distanza dal mondo infantile verso quello adulto


Preadolescenza adolescenza nodi critici

  • Anticipo nelle ragazze

    1.Problemi di internalizzazione: sintomi depressivi, disagi nella percezione dell’immagine corporea, disturbi alimentari e nell’autostima

    2.Problemi di esternalizzazione: comportamenti devianti e antisociali

    Analoghe reazioni negative possono derivare dal fenomeno opposto di una insorgenza della puberta’ ritardata.

  • Anche nei maschi , sebbene in modo meno marcato si possono rilevare reazioni di analoga insicurezza e disagio (dovuti ad anticipi o ritardi insorgenza puberale).


Preadolescenza adolescenza nodi critici

Presenza di lievi difetti fisici può diventare fonte INGIUSTIFICATA di preoccupazione

Dismorfofobia: paura di avere qualcosa di anomalo nel proprio aspetto a cui si associa il pensiero doloroso di apparire brutti agli occhi degli altri.


Preadolescenza adolescenza nodi critici

Se tutto si prepara nell’infanzia, tutto

si gioca nell’adolescenza.

(E. Kestemburg)


Preadolescenza adolescenza nodi critici

Ma ecco che all’improvviso diventi grande,

maturo, responsabile; di colpo cresci senza

riuscire a capire come, senza riuscire a

capire cosa e’ cambiato all’infuori delle

reazioni che gli adulti hanno nei nostri

confronti….


Adolescenza

ADOLESCENZA

L’adolescenza e’ la fase di passaggio che divide

l’infanzia dall’età’ adulta

cio’ cui assomiglia maggiormente e’ la nascita.

E’ come una seconda nascita che si realizzerà

in tappe progressive.

E’ necessario abbandonare a poco a poco la

protezione familiare. Lasciare l’infanzia,

cancellare il bambino che e’ in noi, e’ una

mutazione.

(F. DOLTO, 1988)


Alle origini dell adolescenza

Alle origini dell’adolescenza

L’adolescenza ha iniziato ad essere trattata come fase della vita umana intorno al 1900 sia in Europa che in America, quando di tale tema iniziarono ad occuparsi psicanalisti,pedagogisti, sociologi, letterati.

Per quanto riguarda la psicologia uno dei primi studiosi ad occuparsi di adolescenza fu Hall con la sua opera Adolescenze, nella quale l’adolescenza viene paragonata ad una seconda nascita,in quanto si verifica un rinnovamento di tutti gli aspetti della personalità.

Secondo l’autore questo periodo è caratterizzato da

stress, conflitti e contraddizioni.


L adolescenza

L’adolescenza

L’età adolescenziale è identificata come il periodo della vita più complesso e problematico, dovuto ai molteplici cambiamenti che si verificano.

L’adolescenza va considerata non solo come una fase di cambiamento ma anche di consolidamento.

Sino agli anni ’60 l’adolescenza è stata studiata come passaggio o crisi da attraversare per giungere all’età adulta: correnti di studio come la psicologia dell’arco di vita e la cognizione sociale hanno contribuito a rinnovare questi studi.


Preadolescenza adolescenza nodi critici

Ormai lontani dalla rappresentazione sociale di questa fase della vita come “crisi” caratterizzata da conflitti e da ribellioni, gli studi si indirizzano su una visione dell’adolescente come protagonista e costruttore del proprio percorso evolutivo.

(Palmonari)


Definizione di adolescenza

DEFINIZIONE DI ADOLESCENZA

  • Fase del ciclo della vita caratterizzata dal cambiamento fisico, sessuale e psicologico, come implica l'etimologia della parola: "crescere" dal latino "adolescere". In tale fase di passaggio si evidenziano processi di sviluppo diversi come l'avvento della pubertà, le trasformazioni del corpo, l'acquisizione del pensiero astratto operativo-formale, il disinvestimento dei legami infantili e lo sviluppo dell'identità. Si può affermare che l'adolescenza è oggi considerata non soltanto come un evento critico che riguarda il ragazzo o la ragazza che si avviano a diventare adulti, ma soprattutto come «un’impresa evolutiva congiunta» di genitori e figli, volta a rendere possibile il reciproco distacco senza rotture irreparabili.

    (Palmonari, 2001)


Le teorie

Le teorie

Diversi autori concordano nel non considerare più l’adolescenza per stadi definiti ma, come un processo di transizione che vede l’individuo passare da uno stato infantile ad uno di maturità attraverso una serie di processi e cambiamenti non solo fisici ma anche e soprattutto psicologici.

Queste transizioni avvengono a seguito di pressioni interne (fisiologiche, emotive) ed esterne (legate ai coetanei, ai genitori ecc.).


Preadolescenza adolescenza nodi critici

INDUSTRIOSITA’ VS INFERIORITA’

IO SONO CIO’ CHE RIESCO A

COSTRUIRE

(SCUOLA ELEMENTARE E MEDIA:

COSTRUZIONE DI ABILITA’)


Preadolescenza adolescenza nodi critici

IDENTITA’ VS

DISPERSIONE DI IDENTITA’

IO SONO

(TENTATIVO DI SINTETIZZARE IDENTIFICAZIONI PASSATE

SENSO DI SE’ E DEGLI ALTRI)


Compito di sviluppo

Compito di sviluppo

“Un compito che emerge in un certo momento nella vita dell’individuo e il cui esito porta al conseguimento della felicità e del successo, nei compiti che seguiranno, mentre il fallimento porta all’infelicità, alla disapprovazione da parte della società e all’emergere di difficoltà con i compiti successivi”.

(Havighurst,1972)


Compiti di sviluppo in adolescenza

Compiti di sviluppoin adolescenza

ACQUISIZIONE DI IDENTITA’ POSITIVA E STABILE

EMANCIAPAZIONE DA

FIGURE PARENTALI

INDIPENDENZA


Compiti di sviluppo in adolescenza1

Compiti di sviluppo in adolescenza

Preadolescenza

Adolescenza

Giovane adulto

Pubertà fisiologica:

Rapporti con il corpo (10-15 anni)

1-adottare una identità di genere

2-costruire l’immagine del corpo

3-vivere la propria intimità sessuale

Vivere nel sociale:i rapporti con gli altri (12-17 anni)

1- processo di emancipazione-distacco dalla famiglia

2-sviluppo delle relazioni con i pari nel gruppo formale ed informale

Costruzione dell’identità:i rapporti con il sé (13-20 anni)

1-percorso scolastico

2-prospettive del mondo del lavoro

3-sviluppo morale e valori

4-convinzioni religiose

5-rapporti con l’altro sesso

6-eventuali disagio e devianza:

-nella società;-in famiglia;-a scuola;-nel gruppo dei pari

Lo schema è ripreso da Oliverio Ferraris et al.2002


Preadolescenza adolescenza nodi critici

Compiti di sviluppo riguardano:

Sviluppo fisico

Sviluppo cognitivo

Sviluppo emotivo


Adolescenza e famiglia

Adolescenza e famiglia

L’adolescente rappresenta per la famiglia uno dei tanti eventi critici che richiama una riorganizzazione e il ripristino di un equilibrio tra due tendenze antagoniste tra loro: da una parte la tendenza da parte della famiglia al mantenimento dei legami affettivi e del senso di appartenenza dall’altro la tendenza alla differenziazione e all’autonomia.


Preadolescenza adolescenza nodi critici

“I genitori hanno bisogno di essere indispensabili ai figli. I figli hanno bisogno di non aver bisogno dei genitori”

(Ginott,1971).


Emancipazione

Emancipazione

Emancipazione significa non rottura con i familiari ma capacità di trasformare quei rapporti in modo da renderli più paritari e reciproci; l’indipendenza non sta a significa andare via di casa bensì libertà di assumersi responsabilità in diversi ambiti e instaurare nuove relazioni.

Inoltre l’adolescenza di un figlio porta inevitabilmente il genitore a dover fare i conti con la propria adolescenza.


Famiglie invischiare e disimpegnate

Famiglie invischiare e disimpegnate

-Invischiate:

Cercano gratificazioni soprattutto all’interno della famiglia. Sopprimono i sentimenti negativi ed esaltano quelli positivi

Tendono a legare i figli e a renderne difficile l’emancipazione

-Disimpegnate:

Cercano le gratificazioni soprattutto all’esterno, tendono

ad espellere i propri figli prima che il processo di individuazione sia completo

-Bilanciate

Manifestano abilità nel risolvere tensioni. Esse sono coinvolti in attività del mondo esterno e da questi rapporti sanno arricchire la propria vita familiare.


Confini familiari

Confini familiari

Una famiglia deve essere flessibile e permettere l’interscambio tra autonomia e interdipendenza

Se consideriamo le distanze interpersonali abbiamo differenti tipologie di famiglia


L adolescente e il suo gruppo

L’ adolescente e il suo gruppo

“Il gruppo dei pari è un laboratorio sociale dove il ragazzo e la ragazza possono sperimentare scelte e comportamenti autonomi”(Sherif,1964).

Il gruppo dei pari viene considerato come fondamentale per la costruzione dell’identità.

Nel periodo che va dalla fine dell’infanzia ai primi anni dell’adolescenza sembra essere privilegiato il rapporto diadico (l’amico del cuore).

Durante i 13/14 anni i ragazzi stanno insieme e la loro relazione è più basata sul fare delle cose insieme (gruppi formali) e successivamente sperimentano modalità di aggregazione spontanea (gruppi informali).


Gruppi informali formali

Gruppi informali/formali

I gruppi formali

sono caratterizzati dalla condivisone da parte dei membri del gruppo a precisi valori di riferimento e dallo svolgimento di alcune attività concrete.

Durante la scuola superiore si assiste ad un allontanamento da questi gruppi per diversi motivi tra i quali: caduta di interesse verso gli obiettivi del gruppo;mancanza di autonomia nelle decisioni;difficile rapporto con gli adulti

I gruppi informali

riguardano gruppi spontanei che si presentano in adolescenza verso i 15/17 anni. Questi gruppi sono partecipati da individui di diverse classi sociali, studenti, di diverso genere.

Lo stare insieme senza uno scopo preciso e il parlare rappresentano attività importanti per il gruppo.


Preadolescenza adolescenza nodi critici

Il rischio è una sfida ad uscire incolumi dallo spostamento e dal superamento continuo del confine

Rischio

cambiamento

individuale

sociale

Rischio fisiologico dell’adolescenza

La famiglia La noia

(funzione affettiva e protettiva) (insoddisfazione e senso di vuoto)


Sensation seeking

Sensation-seeking

Il sensation-seeking (ricerca delle sensazioni) è un processo di ricerca di sensazioni intense, inedite, complesse e variegate, correlate alla disponibilità a correre rischi a livello fisico, sociale, legale e finanziario.

I comportamenti “spericolati” dei ragazzi devono essere interpretati come manifestazione di un tratto di personalità connotato dal desiderio di vivere sensazioni nuove ed eccitanti.

Il rischio permette di sperimentarsi come entità e offre un senso “magnifico” del proprio IO.


L assunzione del rischio

L’assunzione del rischio permette all’adolescente di sviluppare una propria identità e costituisce un’esperienza di valorizzazione.

Bisogna essere consapevoli della bontà implicita in molte delle azioni a rischio degli adolescenti (molte attività di assunzione del rischio includono la partecipazione ad attività sportive, di volontariato, ecc..).

Attività negative di assunzione del rischio includono l’uso di alcol, tabacco, droghe, promiscuità sessuale, atti di microcriminalità ecc.

Azioni a rischio pericolose per la salute possono apparire come gesti di ribellione, azioni premeditatamente rivolte contro i genitori.

Un adolescente potrebbe ritrovarsi intrappolato in un comportamento intrapreso a fini positivi e poi degenerato con pericoli gravi ed evidenti (es.:disturbi del comportamento alimentare, ecc.).

L’assunzione del rischio


  • Login