GLI ATTORI DEL PROCESSO
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 11

GLI ATTORI DEL PROCESSO DI INTERMEDIAZIONE – I CAMBIAMENTI NORMATIVI Lezione 3 PowerPoint PPT Presentation


  • 89 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

GLI ATTORI DEL PROCESSO DI INTERMEDIAZIONE – I CAMBIAMENTI NORMATIVI Lezione 3. GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE. I soggetti del mercato finanziario. BANCHE ASSICURAZIONI SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO Fondi aperti Fondi chiusi (mobiliari ed immobiliari) Fondi speculativi

Download Presentation

GLI ATTORI DEL PROCESSO DI INTERMEDIAZIONE – I CAMBIAMENTI NORMATIVI Lezione 3

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Gli attori del processo di intermediazione i cambiamenti normativi lezione 3

GLI ATTORI DEL PROCESSO DI INTERMEDIAZIONE –

I CAMBIAMENTI NORMATIVI

Lezione 3

GESTIONE FINANZIARIA DELLE IMPRESE


I soggetti del mercato finanziario

I soggetti del mercato finanziario

BANCHE

ASSICURAZIONI

SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

Fondi aperti

Fondi chiusi (mobiliari ed immobiliari)

Fondi speculativi

FONDI PENSIONE

IMPRESE DI INVESTIMENTO (SIM)

SOCIETÀ FINANZIARIE/FIDUCIARIE

2


Le principali attivit riconducibili oggi ad una sgr

Le principali attività riconducibili oggi ad una SGR

1. GESTIONE FONDI DI INVESTIMENTO (retail o riservati ad investitori qualificati)

Fondi mobiliari aperti

Fondi chiusi mobiliari ed immobiliari

Fondi speculativi

2. GESTIONE DI FONDI PENSIONE

3


La sgr ed i fondi comuni di investimento

La SGR ed i Fondi Comuni di Investimento

4

Società di Gestione del Risparmio

Banca Depositaria

Fondo A

Sottoscrittori

Fondo B

Sottoscrittori

IMPRESE


Una sintesi

Una sintesi

5

FONDI APERTI

Titoli azionari e obbligazionari

Società QUOTATE

FONDI CHIUSI

Titoli azionari e obbligazionari

Società NON QUOTATE

FONDI IMMOBILIARI

Progetti Immobiliari

FONDI SPECULATIVI

Mix di attività finanziarie


I fondi mobiliari chiusi

I Fondi Mobiliari Chiusi

I fondi mobiliari chiusi, introdotti nel nostro ordinamento solo con la Legge n. 344 del 1993, sono investitori istituzionali che investono professionalmente le risorse finanziarie a loro affidate.

La principale e più significativa differenza rispetto ai fondi di tipo aperto risiede nel fatto che è prevista la possibilità di sottoscrizione e di riscossione delle quote unicamente a scadenze predefinite, aventi orizzonte temporale di medio/lungo termine.

6


I fondi mobiliari chiusi1

I Fondi Mobiliari Chiusi

CARATTERISTICHE:

Liquidità non elevata (in relazione a tipologia di investimento)

2. Orizzonte temporale dell’investimento medio/lungo

3. Necessità per il gestore di disporre di capitale stabile, non soggetto a continue richieste di liquidazione (da qui la natura chiusa dei fondi)

4. Investimento prevalente in imprese non quotate caratterizzate da un elevato potenziale di sviluppo

5. Rendimento atteso elevato

7


Fondi mobiliari chiusi vs fondi aperti

Fondi Mobiliari Chiusi vs Fondi Aperti

8

Diverse caratteristiche strutturali dei fondi chiusi

Fondi aperti: Titoli quotati

Fondi chiusi: Titoli non quotati

Diversa natura delle attività finanziarie in portafoglio (in particolare: differente grado di liquidità)

Diverso ruolo dei fondi chiusi nel finanziamento d’impresa


L attuale contesto normativo

L’attuale contesto normativo

La Direttiva AIFM

Regolamento relativo ai fondi europei di venture capital

La Direttiva AIFM (Alternative InvestmentFundManagers)

La Direttiva AIFM istituisce un quadro regolamentare e normativo comune a livello comunitario per quelle tipologie di strumenti finanziari caratterizzate da un elevato livello di rischio, tra cui i fondi di private equity.

I fondi che aderiscono alla Direttiva beneficiano del Passaporto europeo, grazie al quale potranno effettuare investimenti e commercializzare le proprie quote presso investitori su tutto il territorio dell’Unione Europea, con un’unica autorizzazione presso le autorità di supervisione del proprio Paese di origine.

La Direttiva dovrà essere implementata negli ordinamenti nazionali entro il 2013.

9


L attuale contesto normativo1

L’attuale contesto normativo

Regolamento relativo ai fondi europei di venture capital

Il 7 dicembre 2011 la Commissione Europea ha pubblicato una proposta di Regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo ai fondi europei di venture capital (COM (2011) 860 definitivo).

Il provvedimento prevede la creazione di un Passaporto europeo che permetta ai fondi di venture capital registrati di commercializzare le proprie quote ai soggetti investitori nell’intero territorio dell’Unione con un’unica autorizzazione presso le autorità di vigilanza finanziaria del proprio Paese di origine.

L’approvazione del testo definitivo e l’entrata in vigore del Regolamento dovrebbe avvenire entro l’estate del 2013.

10


Gli organi di controllo italiani ed europei

Gli organi di controllo italiani ed europei

Banca d’Italia

Consob (Commissione Nazionale per le Società e la Borsa)

ESMA (European Securities and Markets Authority)

11


  • Login