L analisi di investimento
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 22

L’analisi di investimento PowerPoint PPT Presentation


  • 74 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

L’analisi di investimento. Il Valore Economico. Il valore economico di un’impresa è esprimibile come la differenza tra i flussi finanziari in ingresso e quelli in uscita che l’impresa è in grado di generare nei confronti dei suoi azionisti da un certo istante in avanti.

Download Presentation

L’analisi di investimento

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


L analisi di investimento

L’analisi di investimento

Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/2009


Il valore economico

Il Valore Economico

  • Il valore economico di un’impresa è esprimibile come la differenza tra i flussi finanziari in ingresso e quelli in uscita che l’impresa è in grado di generare nei confronti dei suoi azionisti da un certo istante in avanti

PROBLEMA OPERATIVO: come tenere conto, nel calcolo del Valore

Economico, del fatto che i flussi futuri fanno riferimento ad istanti temporali diversi?

Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/2009


Il valore finanziario del tempo

Il valore finanziario del tempo

  • Per tenere conto che il valore del denaro cambia nel tempo, è necessario rendere equivalenti i flussi finanziari relativi ad istanti diversi.

  • Si deve determinare il Valore Economico Presente (Present Value) di un’impresa

  • E’ quindi necessario riportare i flussi finanziari previsti all’istante in cui effettuo la valutazione (istante 0).

OPERATIVAMENTE, si introduce una funzione di equivalenza

Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/2009


L attualizzazione dei flussi finanziari

L’attualizzazione dei flussi finanziari

  • A questo livello, si definiscono due ipotesi per operare l’attualizzazione di flussi finanziari corrispondenti ad istanti temporali diversi:

  • Ipotesi 1: non c’è inflazione (il denaro mantiene lo stesso potere di acquisto nei diversi istanti di tempo)

  • Ipotesi 2:i flussi futuri sono noti a priori in modo deterministico(non c’è variabilità dei risultati attesi, quindi no rischio)

  • Denominato i il tasso di interesse risk (and inflation) free, il valore equivalente della cifra Xo all’anno t è dato da:

Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/2009


Rilascio ipotesi 1 calcolo del tasso barriera in condizioni di inflazione

Rilascio Ipotesi 1: calcolo del tasso barriera in condizioni di inflazione

  • Nel caso in cui il tasso di inflazione non sia nullo il denaro perde potere d’acquisto nel tempo; è quindi necessario introdurre un fattore correttivo:

    • k’ = i +  dove

       = tasso di inflazione

  • Questo tasso coincide (a grandi linee) con tassi d’interesse garantiti da investimenti “certi” (a rischio nullo), quali i titoli di stato (BOT a un anno, per esempio)

  • In realtà, questo non è propriamente vero perché:

    • non tutti i titoli di stato sono a rischio nullo (“rischio Paese”);

    • il rendimento della singola emissione è influenzato da incrocio tra domanda e offerta

Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/2009


Rilascio ipotesi 2 calcolo del tasso barriera in condizioni di rischio

Rilascio Ipotesi 2: calcolo del tasso barriera in condizioni di rischio

  • Rimovendo l’ipotesi 2 è necessario introdurre dei fattori correttivi per comparare flussi finanziari caratterizzati da diverso grado di incertezza (quindi non noti a priori in modo deterministico)

  • Prendendo in esame il caso di decisori avversi al rischio – per i quali il rendimento atteso da un investimento cresce al crescere del livello di rischio ad esso associato - è necessario introdurre un fattore correttivo detto premio di rischio

  • In questo caso il costo del capitale, ossia il rendimento atteso da coloro che intendono impiegare il loro capitale in uno specifico investimento, è definito come:

    • k = Costo del capitale = i +  +  dove:

       = “premio di rischio”

Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/2009


La misura indiretta del valore economico

NCFt

______

V =

t

(1+k)

t =0

V(T)

NCFt

T

______ ______

+

V =

t

(1+k)

T

(1+k)

t =0

La misura indiretta del valore economico

Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/2009


L analisi di investimento

Lo schema di riferimento

  • Ipotesi di base:

  • mancanza di indebitamento

  • mancanza di serbatoio di cassa

Dove NCF(t) = CF(t) – I(t)

Sotto queste ipotesti:

NCF = NCG

Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/2009


L analisi di investimento

Lo schema di riferimento

In presenza di indebitamento:

  • L’investimento deve essere corretto con le variazioni di indebitamento

  • Il cash flow deve essere corretto con gli oneri finanziari

  • La presenza di un serbatoio di cassa fa si che non tutti i flussi di cassa disponibili vengano effettivamente distribuiti agli azionisti

Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/2009


Logica incrementale e costi affondati

Logica incrementale e costi affondati

  • Nell’analisi di investimento:

  • I NCF devono essere calcolati in termini incrementali rispetto a un caso base;

  • Di conseguenza, occorre trascurare i costi affondatiche non sono differenziali tra caso base e caso investo

Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/2009


Logica incrementale e costi affondati1

Logica incrementale e costi affondati

  • Investimenti non obbligati (caso base: non faccio l’investimento; caso investo: faccio l’investimento)

  • Investimenti obbligati (confronto due o più alternative, dove una delle alternative è presa come riferimento come caso base)

Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/2009


L analisi di investimento

Investimenti non obbligati

Un errore tipico è quello di considerare che nel caso base

i risultati dell’impresa rimarranno invariati

Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/2009


L analisi di investimento

Il calcolo del net cash flow

Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/2009


Le componenti del ncf

V(T)

NCFt

T

______ ______

+

V =

t

(1+k)

T

(1+k)

t =0

Le componenti del NCF

  • Se questo è il criterio di riferimento dobbiamo capire:

  • Come calcolare il NCF NCF = Cash Flow – Investimento

  • Come calcolare il valore terminale

Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/2009


Il valore terminale

Il valore terminale

  • Per gli investimenti in capitale fisso, si considera il valore di

  • alienazione del bene

  • Per gli investimenti in capitale circolante, il valore di bilancio,

  • al netto di eventuali perdite per inesigibilità dei crediti o

  • obsolescenza dei beni

Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/2009


In assenza di imposte

In assenza di imposte…

Se ragioniamo al lordo delle imposte e non c’è possibilità di ricorrere a finanziamenti esterni

NCF=CF-I

CF = F – CL – ACQ

Dove: F: fatturato, CL: costo del lavoro; ACQ: acquisti di MP e servizi

I = Icf+ Icc

Icc = Variazione CC (f-i) + Variazione SC (f-i) + Variazione DC (i-f)

Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/2009


Effetto fiscale

Effetto fiscale

  • Se però introduciamo le imposte e ragioniamo al netto delle imposte, dobbiamo considerare l’effetto fiscale

  • L’effetto fiscale riguarda:

  • Ammortamenti

  • Plusvalenze/ minusvalenze

Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/2009


Lo scudo fiscale

Lo scudo fiscale

  • Lavorando al netto delle imposte si ha:

CF = F – CL – ACQ – IMP

IMP = U * t

U = F – CL – ACQ – AMM – ACC

CF = (F-CL-ACQ) * (1-t) + (AMM+ACC) * t

L’effetto è esprimibile in questi termini solo in presenza di utili elevati

Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/2009


Plusvalenze minusvalenze

Plusvalenze / Minusvalenze

Si ha:

NCF = valore di realizzo – imposte incrementali =

= valore di realizzo – (v. di realizzo – v. di libro) * t =

= valore di realizzo * (1 – t) + valore di libro * t

Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/2009


L analisi di investimento

Le modalità di finanziamento

Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/2009


L analisi di investimento

Le modalità di finanziamento

Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/2009


L analisi di investimento

Considerazioni di sintesi

Marika Arena - Economia e Organizzazione Aziendale B - A.A. 2008/2009


  • Login