Da bozzolo a farfalla le trasformazioni dell adolescente
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 32

DA BOZZOLO A FARFALLA: LE TRASFORMAZIONI DELL'ADOLESCENTE PowerPoint PPT Presentation


  • 81 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

DA BOZZOLO A FARFALLA: LE TRASFORMAZIONI DELL'ADOLESCENTE. Dott. Roberto Giostra Dott.ssa Paola Bastarelli. PREGIUDIZI SULL’ADOLESCENZA. IN REALTÀ L’ ADOLESCENZA…. Durante questo periodo si va incontro a cambiamenti radicali che riguardano: il corpo (pubertà) la mente (sviluppo cognitivo)

Download Presentation

DA BOZZOLO A FARFALLA: LE TRASFORMAZIONI DELL'ADOLESCENTE

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Da bozzolo a farfalla le trasformazioni dell adolescente

DA BOZZOLO A FARFALLA:LE TRASFORMAZIONI DELL'ADOLESCENTE

Dott. Roberto Giostra

Dott.ssa Paola Bastarelli


Pregiudizi sull adolescenza

PREGIUDIZI SULL’ADOLESCENZA


In realt l adolescenza

IN REALTÀ L’ADOLESCENZA…


Da bozzolo a farfalla le trasformazioni dell adolescente

Durante questo periodo si va incontro a cambiamenti radicali che riguardano:

  • il corpo (pubertà)

  • la mente (sviluppo cognitivo)

  • i comportamenti (rapporti e valori sociali)


Il corpo cambia

IL CORPO CAMBIA

Reazionepsicologicaaicambiamentifisici:

  • Scuotono la fiduciadell’individuo circa ilsuomondo e la stabiltà del mondo in generale: sentono che sta accadendo qualcosa di importante ma sono impreparati ad affrontarlo

  • Sonomotivodiorgoglio per la percezionedidistanzadalmondo infantile verso quelloadulto


Il corpo cambia1

IL CORPO CAMBIA

Effettisvilupposessualeprecoce e ritardato:

Off time hypothesis: la pubertàcheinsorge in un periodochesidiscostadalla media deicoetanei è un FATTORE DI RISCHIO


Il corpo cambia2

IL CORPO CAMBIA

Manifestazioni della sessualità

  • Autocentrate (masturbazione, presente sia nei ragazzi che nelle ragazze, accompagnata da sensi di colpa che possono incidere sull’autostima)

  • Eterocentrate (è ciò che spinge a cercare l’attenzione di ragazzi/e di sesso opposto, cercando situazione di iniziale contatto e intimità)


Il corpo cambia3

IL CORPO CAMBIA

  • Intensificazione delle condotte di genere

    • Ragazzi e ragazze sentono l’esigenza di adottare condotte ed esprimere interessi tipicamente maschili e femminili.

    • E’ il periodo delle bande e dei club


La mente cambia

LA MENTE CAMBIA

Stadio

Età

Descrizione

Sensomotorio

0-2 anni

Il bambino “comprende” il mondo in base

a ciò che può fare con gli oggetti

e con le informazioni sensoriali

Preoperatorio

2-7 anni

Si rappresenta mentalmente gli oggetti

e può usare i simboli (le parole e le immagini mentali)

Operatorio

concreto

7-12

anni

Compare il pensiero logico e la capacità di compiere operazioni mentali

Operatorio

formale

dai 12

anni

È capace di organizzare le conoscenze in modo sistematico e pensa in termini ipotetico-deduttivi


La mente cambia1

LA MENTE CAMBIA

Questo cambiamento comporta nell’adolescente:

  • Atteggiamento speculativo/introspettivo

  • Capacità di formulare ipotesi e di trarre conclusioni

  • Interesse e ragionamento rivolto al “possibile”

  • Propensione alla discussione e al pensiero critico

  • Idealismo

  • Capacità di astrazione

  • Capacità di valutare diverse combinazioni tra variabili


La morale cambia

LA MORALE CAMBIA

PREADOLESCENZA

ADOLESCENZA

Raggiungimento del livello postconvenzionale in cui le leggi morali vanno rispettate, in modo da garantire sia i diritti individuali sia i valori universali

Raggiungimento del livello convenzionale in cui conta il rispetto delle norme socialmente approvate e non più le conseguenze immediate delle azioni individuali

Per Kohlberg gli stadi morali più elevati possono essere raggiunti solo da coloro che hanno pienamente conseguito il pensiero operatorio formale


La morale cambia1

LA MORALE CAMBIA

Nell’adesione alle norme morali giocano un ruolo determinante:

Status socioeconomico

Stile familiare

Valori della cultura di appartenenza


La morale cambia2

LA MORALE CAMBIA

Secondo Bandura esistono meccanismi di controllo interno che, indipendentemente dal livello morale raggiunto, possono attivare o disattivare il comportamento morale, allentando o riducendo le forme di autosanzione che hanno la funzione di mantenere alto il livello morale.

In adolescenza :

lapressione del gruppo dei pari

lapressione dei mass media

larappresentazione del sociale indotta dalla TV

Possono portare al

DISIMPEGNO MORALE


La morale cambia3

LA MORALE CAMBIA

La famiglia, attraverso uno stile educativo fondato sull’attenzione alle conseguenze delle azioni negative sugli altri, sia sulla tendenza a fornire spiegazioni più che punizioni, svolge un ruolo diretto:

sullo sviluppo della morale

sulla interiorizzazione delle norme

sulla assunzione di responsabilità

In particolare, il genitore dello stesso sesso, se portatore di valori centrati sulla comprensione e sulla salvaguardia del benesserealtrui, ha una forte incidenza socializzante in senso prosociale e morale


Da bozzolo a farfalla le trasformazioni dell adolescente

COMPITI DI SVILUPPO

Il ciclo di vita è composto da una serie di “compiti di sviluppo” ovvero problemi concreti che un individuo deve affrontare, o obiettivi che deve raggiungere, in un determinato momento della propria vita per poter proseguire nello sviluppo (Havighurst, 1952).

Essi rappresentano l’incontro tra la maturazione individuale e le richieste poste dal contesto e in adolescenza sono orientati alla conquista dell’autonomia ed all’inserimento nel mondo adulto, attraverso una ridefinizione dell’identità e delle relazioni sociali.


Da bozzolo a farfalla le trasformazioni dell adolescente

COMPITI DI SVILUPPO

  • Instaurare relazioni nuove e più mature con coetanei di entrambi i sessi

  • Acquisire un ruolo sociale connesso al proprio genere sessuale

  • Accettare le trasformazioni e il nuovo assetto del proprio corpo

  • Rendersi indipendenti affettivamente ed economicamente dai propri genitori

  • Prepararsi per una professione

  • Orientarsi verso una relazione sessuale/ affettiva stabile

  • Assumere un comportamento socialmente e civilmente responsabile

  • Acquisire un sistema di valori, una coscienza etica, un’ideologia di riferimento.


Da bozzolo a farfalla le trasformazioni dell adolescente

COMPITI DI SVILUPPO

Secondo Palmonari possono essere ricondotti a tre obiettivi fondamentali, che sono tra loro interconnessi:


Da bozzolo a farfalla le trasformazioni dell adolescente

COMPITI DI SVILUPPO

  • Esplorazione: ricerca di strategie adeguate per risolvere i compiti di sviluppo

  • Impegno: rispetto alla soluzione scelta per il compito da affrontare

  • Fedeltà: interiorizzazione della scelta fatta come componente del concetto di sé

    Così l’adolescente di volta in volta affronta i compiti evolutivi con un concetto di sé più elaborato ed un’autostima maggiore


Da bozzolo a farfalla le trasformazioni dell adolescente

CREAZIONE IDENTITÀ

Se si superano in modo positivo l’individuo si percepirà come:

  • in grado di incidere sul contesto sociale,

  • di essere tenuto in considerazione dagli altri significativi,

  • di sentirsi lo stesso in tutte le circostanze relazionali

    Se non si superano in modo positivo si realizzerà:

  • Un’identità diffusa: una personalità frammentata, con conseguente confusione a livello dei ruoli sociali e un senso di inadeguatezza rispetto ai compiti della vita

  • Un’identità negativa: una personalità fondata su identificazioni e ruoli socialmente indesiderabili e pericolosi


Adolescenza e autorita

ADOLESCENZA E AUTORITA’

AUTORITA’

come capacità di prendere decisioni esistenziali


Adolescenza e autorita1

ADOLESCENZA E AUTORITA’

FAMIGLIA

INDIVIDUO

(M. Bowen)


Adolescenza e autorita2

ADOLESCENZA E AUTORITA’

I sistemi viventi sono aperti e chiusi:

strutturalmente aperti

organizzativamente chiusi


Adolescenza e autorita3

ADOLESCENZA E AUTORITA’

Allora l’evoluzione dalla famiglia all’individuo non si svolge all’interno del sistema famigliare, ma si svolge attraverso altri sistemi di cui il bambino diventerà di volta in volta partecipe.


Adolescenza e autorita4

ADOLESCENZA E AUTORITA’

I bambini si appoggiano ai genitori oppure si contrappongono ai genitori per prendere le decisioni

GENITORE = parte del conflitto interno

Posizione schizoparanoide

Posizione depressiva

(M Klein)


Adolescenza e autorita5

ADOLESCENZA E AUTORITA’

PRENDERE UNA DECISIONE

ANSIA

Il bambino scarica l’ansia appoggiandosi ai genitori e facendo preoccupare loro


Adolescenza e autorita6

ADOLESCENZA E AUTORITA’

ADOLESCENZA COME ESPERIENZA

DI INSIEME CHIUSO

chiuso organizzativamente nella sua testa


Adolescenza e autorita7

ADOLESCENZA E AUTORITA’

CONTRODIPENDENZA

cioè il primo passaggio verso l’indipendenza è la ribellione alla dipendenza.

E nel gruppo dei pari?


Adolescenza e autorita8

ADOLESCENZA E AUTORITA’

Monarchia  democrazia

Uscita dal gruppo dei pari

Uscita dalla famiglia


Adolescenza e autorita9

ADOLESCENZA E AUTORITA’

E GLI INSEGNANTI?

Ritagliare spazi per farsi concedere l’autorità


Adolescenza e autorita10

ADOLESCENZA E AUTORITA’

E GLI ADOLESCENTI “DIFFICILI”?

perdita totale di aspettativa che è stata preceduta da una iper aspettativa (Winnicott)


Adolescenza e autorita11

ADOLESCENZA E AUTORITA’

L'inferno dei viventi non qualcosa che sarà; se ce n‘é uno e’ quello che e’ già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme.Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più.Il secondo e’ rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e che cosa, in mezzo all'inferno, non e’ inferno e farlo durare e dargli spazio.

Italo Calvino  da: Le citta’ invisibili (1972) 


Grazie per l attenzione

GRAZIE PER L’ATTENZIONE

Dott. Roberto Giostra

Dott.ssa Paola Bastarelli


  • Login