Sesto rapporto provinciale sulle poverta
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 27

SESTO RAPPORTO PROVINCIALE SULLE POVERTA’ PowerPoint PPT Presentation


  • 76 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

SESTO RAPPORTO PROVINCIALE SULLE POVERTA’. Capitolo 3 Il sistema operativo della Caritas Diocesana. Centro di Ascolto diocesano. Nel 2010 gli utenti ufficialmente registrati dal CdA diocesano con schede individuali sono stati 1223. Centro di Ascolto diocesano. Centro di Ascolto diocesano.

Download Presentation

SESTO RAPPORTO PROVINCIALE SULLE POVERTA’

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Sesto rapporto provinciale sulle poverta

SESTO RAPPORTO PROVINCIALE SULLE POVERTA’

Capitolo 3

Il sistema operativo della Caritas Diocesana


Centro di ascolto diocesano

Centro di Ascolto diocesano

Nel 2010 gli utenti ufficialmente registrati dal CdA diocesano con

schede individuali sono stati 1223.


Centro di ascolto diocesano1

Centro di Ascolto diocesano


Centro di ascolto diocesano2

Centro di Ascolto diocesano


Centro di ascolto diocesano3

Centro di Ascolto diocesano


Centro di ascolto diocesano4

Centro di Ascolto diocesano

Le 5 nazionalità più presenti sono state:


Centro di ascolto diocesano5

Centro di Ascolto diocesano


Centro di ascolto diocesano6

Centro di Ascolto diocesano


Centro di ascolto diocesano7

Centro di Ascolto diocesano


Centro di ascolto diocesano8

Centro di Ascolto diocesano


Servizio latte e pannolini

Servizio Latte e pannolini

Nel 2010 sono state 192 le famiglie che vi hanno avuto accesso, per un totale di 195 bambini

Distinzione per nazionalità delle famiglie

Nel corso dell’anno sono state erogate 4824 confezioni di pannolini e 493 confezioni di latte in polvere


Casa d accoglienza s vincenzo

Casa d’accoglienza “S. Vincenzo”

Nel corso del 2010 sono state ospitate 144 persone

Le 5 nazionalità più presenti sono state:


Servizi alimentari

Servizi alimentari

  • Mensa diurna “Sacro Cuore”

  • Nel 2010 sono stati erogati 14.718 pasti caldi

  • Gli utenti italiani sono stati il 42,6% del totale degli utenti, seguiti

  • da quelli rumeni (15,4%) e marocchini (11,2%)

  • Mense serali

  • 493 buoni per un totale di 8.329 cene consumate

  • Buoni spesa

  • Il CdA ha erogato209 buoni

  • Prodotti “freschi”

  • Nel corso del 2010 sono stati raccolti e distribuiti 25.605 Kg di

  • prodotti alimentari freschi


Ambulatorio diocesano

Ambulatorio diocesano

Nel corso del 2010 sono state effettuate 788 visite mediche per un totale di circa 250 utenti nominali

Le nazionalità marocchina e rumena sono quelle più presenti.

Gli italiani registrati (10,5%) sono costituiti da persone senza residenza o in particolare disagio economico.

Prevista possibilità di richiedere visite specialistiche presso l’Ospedale cittadino


Fondo di solidariet

Fondo di solidarietà

  • Nel corso del 2010 sono state registrate 140 domande di accesso al fondo di solidarietà e 100 famiglie hanno ricevuto un sostegno economico sulla base del regolamento di accesso.

  • Principali nazionalità: Italia 42%; Romania 11%; Marocco 8%; Albania 6%.

  • Il 38% di questi nuclei familiari risulta comprendere 2 figli, mentre il 29% ben 3 figli minori.

  • Il totale erogato in 100 interventi è stato di 35.250,00 euro


Fondo di solidariet1

Fondo di solidarietà

Distinzione per

motivazione d’intervento


Appartamenti solidali

Appartamenti solidali

Il sistema dell’housing sociale parte dal mettere al centro la persona umana e dal considerare la casa come un bene essenziale di sussistenza e di piena cittadinanza.

Dal 2006 è nata l’esperienza Caritas degli «Appartamenti Solidali», nati per attivare forme di convivenza tra donne e uomini singoli, microstrutture di accoglienza in contesti normalizzanti e condominiali basati sulla logica dell’autogestione controllata.

Tale esperienza nel corso degli anni ha riguardato sempre più l’inserimento di nuclei familiari.

Il progetto è in collaborazione con gli Enti interessati al problema della casa.


Una possibile proposta progettuale in ambito di housing sociale

Una possibile proposta progettuale in ambito di housing sociale

  • Nascita di un nuovo organismo giuridico (fondazione, associazione, cooperativa…), appoggiato da tutti i soggetti interessati al tema della casa nella Provincia di Arezzo che abbia la capacità di adottare modalità operative innovative e la forza di sviluppare l’incrocio controllato e monitorato della domanda/offerta.

  • Possibili funzioni e vantaggi:

  • Funzione di garante verso gli Enti proprietari di immobili o verso i singoli proprietari attraverso azioni di gestione e monitoraggio continuo.

  • Possibili avviamenti di progetti personalizzati di inserimento abitativo.

  • Fondo Cassa per coprire le spese ordinarie e intervenire in caso di ritardi di pagamenti da parte degli utenti.

  • Possibili regimi tariffari agevolati per l’ente, costi di locazione calmierati

  • Certezza della riscossione per i proprietari


Focus mercato del lavoro dati generali

Focus mercato del lavoro – Dati generali

% di disoccupazione in Provincia di Arezzo

Analisi dei dati raccolti dai Centri per l’Impiego territoriali

Tasso di disoccupazione per genere e fascia d’età – Arezzo – Anno 2004-2010


Focus mercato del lavoro valdarno

Focus mercato del lavoro – Valdarno


Focus mercato del lavoro valdarno1

Focus mercato del lavoro – Valdarno


Focus mercato del lavoro valdarno2

Focus mercato del lavoro – Valdarno


Focus mercato del lavoro valdarno3

Focus mercato del lavoro – Valdarno

Valdarno – Demografia delle imprese – Dati di flusso


Anno 2011 uno sguardo preoccupante

Anno 2011: uno sguardo preoccupante

  • Nel corso del 2011 sono state registrate 1747 persone/famiglie, con un incremento di oltre il 40% rispetto al 2010.

  • Principali ambiti tematici registrati:

  • Presa in carico e interventi di sostegno Cda: 749 persone/famiglie

  • Primo ascolto (consulenza, piccole distribuzioni, informazioni, docce, ritiro prodotti…): 434 persone/famiglie

  • Servizio mense (diurne e serali): 173 persone

  • Case di accoglienza Caritas diocesana: 145 persone

  • Ambulatorio Caritas: 169 persone

  • CdA parrocchiali Cortona e San Donato (Ar): 77 persone/famiglie


Anno 2011 uno sguardo preoccupante1

Anno 2011: uno sguardo preoccupante

  • I dati in sintesi:

  • Presenza maschile (54,3%) maggiore di quella femminile (presso il solo CdA il dato è inverso, con 59,3% femminile);

  • Fascia età più registrata 30-39 anni (32,2% dei casi) seguita da

  • 40-49 con il 28,3%. In crescita presenza di ultrasessantenni (7,5%).

  • Principali nazionalità: italiana (34,2%); rumena (19,2%); marocchina (10,9%);

  • Principali problemi evidenziati: povertà/problemi economici (30,4%) e problemi di occupazione/lavoro (24%);

  • Condizione abitativa più registrata è in affitto con il 49,3%;

  • Il 49,4% delle persone registrate ha dichiarato di vivere in nucleo familiare;

  • Il 39,5% dichiara di essere in possesso di licenza media inferiore;

  • Nel 2011 sono stati erogati 387 buoni spesa (209 nel 2010).


Anno 2011 uno sguardo preoccupante2

Anno 2011: uno sguardo preoccupante

  • Alcune considerazioni finali:

  • Impoverimento del territorio aretino (aumento di: disoccupazione, sfratti esecutivi, richieste aiuto per alimenti e utenze, indebitamento, dipendenze, problemi depressivi, separazioni; calo di: consumi, qualità della vita, socializzazione, livello culturale, educazione e risparmi)

  • Le famiglie straniere vivono in maggiore disagio (minore rete parentale/amicale)

  • Inclusione sociale tema centrale delle politiche sociali

  • Percorso di informatizzazione delle 36 Caritas parrocchiali diocesane permetterà la conoscenza e l’analisi di un maggior numero di casi registrati.


Sesto rapporto provinciale sulle poverta1

SESTO RAPPORTO PROVINCIALE SULLE POVERTA’

Capitolo 3

Il sistema operativo della Caritas Diocesana


  • Login