Sistemi e tecnologie della comunicazione
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 27

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione PowerPoint PPT Presentation


  • 89 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione. Lezione 5: strato fisico: limitazione di banda, formula di Nyquist; caratterizzazione del canale in frequenza. Rappresentazione spettrale di un segnale.

Download Presentation

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Sistemi e tecnologie della comunicazione

Sistemi e Tecnologie della Comunicazione

Lezione 5: strato fisico: limitazione di banda, formula di Nyquist; caratterizzazione del canale in frequenza


Rappresentazione spettrale di un segnale

Rappresentazione spettrale di un segnale

  • Il grafico delle ampiezze rispetto alle frequenze di cui e’ composto il nostro segnale si chiama rappresentazione spettrale

  • Le righe della rappresentazione spettrale mostrano il contributo alla ampiezza del segnale dovuto alle relative frequenze

  • Se il segnale ha un valore medio non nullo (cioe’ il coefficiente a0non e’ nullo) il segnale ha una componente continua (a frequenza nulla)


Spettri continui e discreti

Spettri continui e discreti

  • Una funzione periodica e’ esprimibile come somma di funzioni sinusoidali a frequenze che sono multipli interi della frequenza del segnale, quindi ha uno spettro discreto, cioe’ costituito da un insieme discreto di frequenze

  • Una funzione non periodica e’ esprimibile come integrale di funzioni sinusoidali; le sue componenti possono avere qualsiasi frequenza, quindi avra’ uno spettro continuo


Esempio di spettro continuo

Esempio di spettro continuo

  • Il segnale di impulso quadro di ampiezza A e periodo T ha per trasformata di Fourier la funzioneil cui spettro e’ mostrato in figura


Potenza di un segnale

Potenza di un segnale

  • Si definisce potenza media del segnale periodico la quantita’:

  • In base alle trasformazioni di Fourier, si puo’ dimostrare che la potenza media del segnale periodico e’ data da (teorema di Parseval):

  • Spesso la rappresentazione spettrale viene fatta graficando il modulo dei coefficienti di Fourier dello sviluppo, evidenziando il contributo alla potenza del segnale dovuto alle diverse armoniche

  • Al limite per n ∞ il contributo alla potenza delle armoniche tende a zero (altrimenti la potenza sarebbe infinita) quindi i contributi principali vengono dalle armoniche piu’ basse


Spettro dei contributi alla potenza

Spettro dei contributi alla potenza


Larghezza di banda di un segnale

Larghezza di banda di un segnale

  • La larghezza di banda di un segnale e’ data dall’intervallo delle frequenze di cui e’ composto il suo spettro

  • Generalmente un segnale ha banda infinita

  • Tuttavia spesso la potenza del segnale e’ contenuta per la maggior parte in un insieme limitato di frequenze

  • Questo intervallo limitato di frequenze si dice banda efficace del segnale


Limitazione della banda in trasmissione

Limitazione della banda in trasmissione

  • Nella trasmissione dei segnali e’ impossibile trasmettere tutte le frequenze di cui e’ composto il segnale stesso

  • Il mezzo trasmissivo, la tecnologia che genera il segnale o scelte volontarie impongono una limitazione alla banda utilizzabile

  • La trasmissione di un numero limitato delle armoniche del segnale fa si che in ricezione il segnale apparira’ differente

  • Maggiore e’ il numero di armoniche trasmesse, migliore apparira’ il segnale in ricezione


Effetto della limitazione di banda

Effetto della limitazione di banda

  • Il segnale che rappresenta il carattere di 8 bit avra’ un periodo di 8/2000 secondi, quindi una frequenza fondamentale pari a 250 Hz

  • La trasmissione su un canale con banda limitata permettera’ di trasmettere solo le prime armoniche

  • Vediamo nella figura seguente come un canale con 2 KHz di banda (8 armoniche) permette una ricostruzione agevole del segnale inviato, mentre un canale con banda ridotta a 500 Hz (2 armoniche) rende molto piu’ problematica la ricostruzione dei bit trasmessi, che diventa impossibile lasciando passare solo la prima armonica

  • Supponiamo di voler trasmettere ripetutamente il carattere ASCII ‘B’, che secondo la codifica e’ dato dalla sequenza di bit 01100010, ad una velocita’ di trasferimento di 2000 bps


Effetti della limitazione di banda

Effetti della limitazione di banda


Velocita di trasmissione e larghezza di banda

Velocita’ di trasmissione e larghezza di banda

  • Da questo esempio possiamo intuire come la presenza di un canale a banda limitata di fatto limita la velocita’ di trasmissione dati ottenibile sul canale

  • Supponiamo di avere una linea telefonica, la cui larghezza di banda e’ circa 3.1 KHz, e di trasmettere il carattere di prima alla velocita’ di B bit al secondo

  • La frequenza del segnale (cioe’ la frequenza della prima armonica) sara’ B/8 Hz

  • Ne segue che l’armonica piu’ alta che potra’ attraversare il canale avra’ n=3000/(B/8), cioe’ 24000/B.

  • Da questo consegue che, ad esempio, una trasmissione a 9600 bps lascera’ passare soltanto le prime due armoniche, compromettendo la ricostruibilita’ dei bit in ricezione, mentre una trasmissione a 2400 o 4800 bps sara’ efficace.


Formula di nyquist

Formula di Nyquist

  • Nyquist ha dimostrato una relazione tra la velocita’ massima di trasmissione attraverso un canale senza rumore ed a banda limitata in funzione della larghezza di banda:

    • il tasso di trasmissione dati massimo ottenibile attraverso un canale privo di rumore con larghezza di banda H e’ dato da

    • Se si trasmettono segnali multilivello, con molteplicita’ M, il tasso di trasmissione massimo e’ dato da:


Linee di trasmissione e circuiti

Linee di trasmissione e circuiti

  • Una linea di trasmissione dati puo’ essere vista come un circuito che fa corrispondere ad un segnale in ingresso un segnale in uscita

  • Il comportamento di un circuito viene descritto dalla sua risposta in frequenza, vale a dire dalle caratteristiche del segnale in uscita in corrispondenza ad un segnale sinusoidale in ingresso

  • Si definisce funzione di trasferimento il rapporto tra il segnale in uscita e quello in ingresso, che in genere dipendera’ dalla frequenza del segnale in ingresso


Circuiti lineari

Circuiti lineari

  • Un circuito lineare soddisfa le seguenti caratteristiche: detto I il segnale di ingresso e U il segnale in uscita:

    • U = f(I)

    • f(I1+I2) = f(I1)+f(I2)

    • f(aI) = af(I)

  • Il criterio di linearita’ implica che la risposta di un circuito lineare ad un segnale sinusoidale sara’ un segnale sinusoidale alla stessa frequenza, con fase ed ampiezza eventualmente differenti

  • L’effetto del circuito sul segnale di ingresso cambiera’ al variare della frequenza del segnale di ingresso

  • Il comportamento in funzione della frequenza e’ la caratterizzazione del circuito in frequenza (cioe’ la definizione di come variano l’ampiezza e la fase dell’uscita in funzione della frequenza)


Root mean square amplitude

Root Mean Square Amplitude

  • La potenza di un segnale sinusoidale del tipo:dove V e’ l’ampiezza ed fla frequenza, e’ data da:

  • Il valoree’ detto ampiezza quadratica media del segnale

  • Ad esempio, l’alimentazione elettrica domestica e’ data da un segnale di tensione a 50 Hz, con VRMS=220 volt


Decibel

Decibel

  • Per confrontare potenze o ampiezze si fa utilizzo di una misura del loro rapporto in scala logaritmica, detto decibel:

  • In caso di segnali sinusoidali, il decibel si puo’ esprimere come:

  • Ad esempio:


Diagrammi di bode

Diagrammi di Bode

  • La rappresentazione grafica della funzione di trasferimento e’ realizzata tipicamente graficando il suo modulo in dB in funzione della frequenza, usualmente in scala logaritmica (diagramma di Bode)e la sua fase, anch’essa in funzione della frequenza sempre espressa in scala logaritmica


Esmpio circuito rc

Esmpio: circuito RC

  • Come esempio, calcoliamo la funzione di trasferimento di un circuito RC misurando la tensione in uscita ai capi del condensatore;qui ed in seguito si esprimera’ la frequenza in termini di pulsazione:


Diagramma del circuito rc

Diagramma del circuito RC


Frequenza di taglio

Frequenza di taglio

  • Il circuito RC di esempio lascia passare pressoche’ inalterate le frequenze inferiori ad un certo valore, mentre attenua l’ampiezza di quelle superiori

  • Il circuito si comporta quindi come un filtro che elimina le alte frequenze

  • I filtri di questo tipo si chiamano filtro passa basso

  • Si definisce frequenza di taglio la frequenza per la quale si ha un valore di -3dB del rapporto tra le ampiezze (corrispondente al dimezzamento del livello del segnale)

  • Nel caso del circuito RC visto ora, la frequenza di taglio corrisponde alla frequenza


Filtro passa alto

Filtro passa alto

  • Analizzando la risposta ad un circuito RC misurando la tensione ai capi della resistenza si ha:


Filtro passa alto1

Filtro passa alto

  • In questo caso le frequenze che passano inalterate sono quelle alte, mentre vengono filtrate le basse frequenze

  • La frequenza di taglio, valutata sempre come la frequenza a -3 dB, vale ancora


Diagramma filtro passa alto

Diagramma filtro passa alto


Filtro passa banda

Filtro passa banda

  • Un filtro passa banda e’ un circuito che lascia passare solo le frequenze entro un certo intervallo

  • In questo caso avremo due frequenze di taglio, e si definisce banda passante del circuito:


Canali trasmissivi come filtri

Canali trasmissivi come filtri

  • Un canale trasmissivo e’ sostanzialmente un circuito dotato della sua funzione di trasferimento

  • Le condizioni ideali per la trasmissione dati e’ che la funzione di trasferimento abbia le seguenti caratteristiche:

    • Modulo di H costante ed indipendente dalla frequenza (per non alterare in ricezione il rapporto di intensita’ delle diverse armoniche del segnale)

    • Fase di H funzione lineare della frequenza. Infatti:


Esempio di canale ideale

Esempio di canale ideale


Effetti della non linearita

Effetti della non linearita’

  • Un circuito la cui risposta non sia lineare presenta un comportamento che non puo’ essere descritto come abbiamo visto

  • Per dare una idea di cosa puo’ accadere, in approssimazione di piccoli segnali di input la risposta (temporale) puo’ essere approssimata da un polinomio

  • L’effetto dei termini non lineari si evidenzia nel caso di segnale sinusoidale in ingresso: ponendosi ottengono in uscita termini a frequenza 2ω, 3ω, 4ω, …, cioe’ armoniche della frequenza del segnale in ingresso


  • Login