Competenze standard certificazioni
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 36

Competenze, standard, certificazioni PowerPoint PPT Presentation


  • 71 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Competenze, standard, certificazioni. Gestire l’innovazione. Competenze, standard, certificazioni. I riferimenti: Edgar Morin: la testa ben fatta Howard Gardner: le intelligenze multiple Daniel Goleman: l’intelligenza emotiva Michele Pellerey: la valutazione autentica.

Download Presentation

Competenze, standard, certificazioni

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Competenze standard certificazioni

Competenze, standard, certificazioni

Gestire l’innovazione

Grazia Fassorra


Competenze standard certificazioni1

Competenze, standard, certificazioni

I riferimenti:

Edgar Morin: la testa ben fatta

Howard Gardner: le intelligenze multiple

Daniel Goleman: l’intelligenza emotiva

Michele Pellerey: la valutazione autentica

Grazia Fassorra


Tre premesse

Tre premesse

1. Trovare il tesoro

“Un tempo

la mia vita era facile.

La terra

mi dava fiori frutti in abbondanza.

Or dissodo un terreno secco e duro.

La vanga

urta in pietre, in sterpaglia. Scavar devo

profondo, come chi cerca un tesoro”.

U. Saba “Lavoro”

Grazia Fassorra


Tre premesse1

Tre premesse

ovvero

“scuola di massa”

Uguaglianza

e

diversità

Grazia Fassorra


Tre premesse2

Tre premesse

2. Quali “conoscenze”

“La conoscenza si sviluppa in forme diverse da persona a persona in relazione all’età, alle condizioni, ai contesti di vita e di lavoro. Non è il dato finale di attività intenzionali, nell’ambito di strutture preposte allo scopo. E’ l’esito, costantemente mutevole, di un’elaborazione sia di saperi volutamente trasmessi e accolti, sia di idee, informazioni, abilità acquisite in via informale o attraverso l’esperienza. E’ il risultato di itinerari non lineari nel corso dei quali si costruisce e ricostruisce un personale modo di porsi di fronte alla realtà, si assumono riferimenti di valore, nascono legami di appartenenza, si definisce un’identità legata a condizioni e valutazioni di carattere sociale, storico, di genere, di classe, civile, etnico e culturale.”

(S. Meghnagi, Il sapere professionale. Competenze, diritti, democrazia, Feltrinelli,Milano, 2005)

Grazia Fassorra


Tre premesse3

Tre premesse

ovvero

Curricolo implicito

e

curricolo esplicito

Grazia Fassorra


Tre premesse4

Tre premesse

3. Quale valutazione

Misurazione dell’apprendimento degli studenti

(condizioni di partenza e contesto) cioè del “valore aggiunto” della formazione rispetto ad un insieme di criteri condivisi

Sistema standardizzato di valutazione degli apprendimenti: punto di riferimento esterno rispetto alla valutazione formativa dei docenti, da cui comparabilità trasversale dei risultati conseguiti

Grazia Fassorra


Tre premesse5

Tre premesse

ovvero

Indicatori

Descrittori

Standard

Standard a-priori

Misurazione e valutazione

Tecniche e strumenti di misurazione e valutazione

Grazia Fassorra


Competenze abilit conoscenze

competenze, abilità, conoscenze

  • competenze: comprovata capacità di usare conoscenze ed abilità in modo autonomo in situazioni di lavoro o di studio e nello sviluppo personale o professionale

  • abilità: capacità di applicare conoscenze per portare a termine compiti e risolvere problemi

  • conoscenze: fatti, principi, teorie relativi al settore di studio o di lavoro

Grazia Fassorra


Competenze abilit conoscenze1

competenze, abilità, conoscenze

  • citando Pellerey: “…alcune competenze sono della stessa natura dalla prima classe della scuola primaria all’ultima classe del secondo ciclo, ma variano nel loro livello di complessità e adattabilità a situazioni molteplici. Un esempio è dato dalla competenze nella lingua italiana, che tradizionalmente sono distribuite secondo quattro categorie: ascoltare, parlare, leggere e scrivere, con l’aggiunta oggi dell’interagire.”

Grazia Fassorra


Competenze abilit conoscenze2

competenze, abilità, conoscenze

Come valutare le competenze

  • principio di triangolazione (Pellerey), tipico delle metodologie qualitative: la rilevazione di una realtà complessa richiede l’attivazione e il confronto di più livelli di osservazione per consentire una ricostruzione articolata e pluriprospettica dell’oggetto di analisi. Non è sufficiente un unico punto di vista per comprendere lo sviluppo della competenza, occorre osservarlo da molteplici prospettive e tentare di comprenderne l’essenza attraverso il confronto tra i diversi sguardi che esercitiamo, la ricerca delle analogie e delle differenze che li contraddistinguono.

Grazia Fassorra


Competenze abilit conoscenze3

competenze, abilità, conoscenze

  • La natura polimorfa del concetto di competenza, la compresenza di componenti osservabili e latenti presuppone una molteplicità di punti di vista: si tratterà di abbinare una prospettiva soggettiva, una intersoggettiva e una oggettiva per arrivare a cogliere la complessità del fenomeno e inserirla in un quadro di insieme coerente ed integrato.

Grazia Fassorra


Competenze abilit conoscenze4

competenze, abilità, conoscenze

  • A queste tre dimensioni dell’osservazione dovranno corrispondere diversi strumenti di valutazione, evidentemente abbastanza lontani da quelli tradizionali. Sul piano soggettivo svolgeranno una funzione importante il diario di bordo, le liste di controllo, i dossier e altri processi di carattere “metacognitivo”. Sul piano dell’osservazione intersoggettiva opereranno modalità di osservazione e valutazione delle prestazioni del soggetto costituite da strumenti quali le rubriche valutative, protocolli di osservazione strutturati e non strutturati, questionari o interviste intesi a rilevare le percezioni dei diversi soggetti coinvolti nel processo, note e commenti valutativi.

Grazia Fassorra


Competenze abilit conoscenze5

competenze, abilità, conoscenze

  • Infine la dimensione oggettiva della valutazione sarà perseguita con l’analisi delle prestazioni dell’individuo impegnato in compiti operativi: prove di verifica, più o meno strutturate, compiti di realtà, realizzazione di prodotti assunti come espressione di competenza.

Grazia Fassorra


Competenze standard certificazioni

Segnali di innovazione

Progettare per competenze

Grazia Fassorra


Competenze standard certificazioni

La progettazione per competenze

Il significato di educazione per MORIN

  • Fornire una cultura che permetta di

  • DISTINGUERE CONTESTUALIZZARE,

  • GLOBALIZZARE AFFRONTARE

  • i problemi multidimensionali, globali e fondamentali

  • Preparare le menti……..alla complessità dei problemi

  • Preparare ad affrontare l’incertezza ……

    ……..favorendo l’intelligenza strategica

  • (E.Morin, La testa ben fatta, riforma dell’insegnamento, riforma del pensiero)

Grazia Fassorra


Competenze standard certificazioni

La progettazione per competenze

QUALE CURRICOLO PER L’EDUCAZIONE DI DOMANI?

CURRICOLO COME ACCUMULO DI UNITÀ DIDATTICHE

Insegnamento come trasmissione descrittiva di tipo statico e oggettivo

Produce CONOSCENZA

CURRICOLO COME RETE DI MODULI

come rete di competenze, di basi di conoscenze

Percorso di apprendimento dinamico e soggettivo

PRODUCE COMPETENZA

Grazia Fassorra


Competenze standard certificazioni

La progettazione per competenze

  • MODULO

  • Offerta formativa ESPERTA

    che collega diversi livelli di esperienze e conoscenze

    in termini di economicità ed efficacia

    Riorganizzazione di saperi dichiarativi e procedurali

    Esplorazione di relazioni, connessioni, modelli…

Grazia Fassorra


Due modelli di riferimento

…due modelli di riferimento

…MODELLO PER UNITA’ DIDATTICHE

- Taglio oggettivista e razionalista

- Conoscenze e competenze delimitabili, rappresentabili, riducibili in parti più semplici

- Percorso didattico: obiettivi, approccio top-down, carattere sistematico e sequenziale

- Apprendimento in forma astratta e decontestualizzata

- Valutazione con test di ingresso, in itinere, finali

- Possibile uso di tecnologie didattiche, come istruzione programmata, tutoring, mastery learning…

Salvaguardia del principio dell’uguaglianza: portare tutti alla stessa meta

Grazia Fassorra


Due modelli di riferimento1

Due modelli di riferimento

MODELLO PER PROGETTI DIDATTICI

- Taglio costruttivista ed ermeneutico

- Percorso di natura partecipata e flessibile, non predeterminato

- Gli obiettivi si sviluppano sulla base di bisogni emergenti nel contesto didattico

Si valorizzano:

- Autonomia progettuale

- Strategie metacognitive

- Apprendimento nel contesto

- Costruzione negoziata del significato

- Ricorsività poliprospettica

- Cooperazione, distribuzione, alternanza dei ruoli

Grazia Fassorra


Due modelli di riferimento2

Due modelli di riferimento

- Il concetto di valutazione si discosta da quello della misurazione obiettiva a favore di forme di autovalutazione (dossier, portfolio), di valutazione situata, intersoggettiva (pluralità di osservatori, triangolazione)

- Ci si può avvalere di tecnologie quali: ipertestualità, comunicazione in rete

- Si afferma lo “sharing” o condivisione e distribuzione delle risorse.

(v. A. Calvani, 1998)

Grazia Fassorra


Competenze standard certificazioni

Analisi disciplinare

Analisi disciplinare

Trasformazione delle sequenze del manuale

in mappe di conoscenze

Scelta dei nodi essenziali

per il raggiungimento degli standard

Grazia Fassorra


La progettazione per moduli

La progettazione per moduli

Per impostare la progettazione per moduli occorre

  • Definire le finalità del processo formativo

  • Analizzare la valenza formativa della disciplina

  • Partire dalla struttura della disciplina

    (statuti e mappe concettuali)

  • definire gli esiti in termini di competenze

  • definire gli standard per la certificazione

    (di competenze, conoscenze ecc.)

Grazia Fassorra


Competenze standard certificazioni

La progettazione per moduli

  • Fasi della progettazione

  • Organizzazione dei concetti(definizione del percorso cognitivo)

  • Descrizione dei processi

  • Definizione degli standard e modalità di certificazione

  • Modalità di scansione dell’intervento didattico

  • Collocazione nel curricolo

Grazia Fassorra


Organizzare la didattica

Organizzare la didattica

Esempi di organizzazione

1. I dipartimenti sono articolazioni disciplinari del Collegio dei docenti ed hanno la funzione di definire:

-         Gli obiettivi generali delle singole discipline

- I criteri uniformi di valutazione

-        Gli standard minimi (in termini di competenze) comuni a tutte le classi parallele e/o in uscita dai periodi

-         Prove di ingresso per la valutazione iniziale degli allievi

-         Prove di valutazione comuni per classi parallele e/o per livelli

-         Proposte per attività didattiche non curricolari attinenti l’area disciplinare propria

-         Attività e strumenti di documentazione         

Grazia Fassorra


Organizzare la didattica1

Organizzare la didattica

  • I dipartimenti sono coordinati da un docente nominato dal Dirigente su proposta dei docenti delle discipline.

  • Il coordinatore ha il compito di raccogliere e coordinare le varie proposte provenienti dai docenti di  dipartimento e inoltrarle agli organi competenti per le eventuali delibere.

  • Ha inoltre il compito di raccogliere le prove di verifica ritenute dai singoli docenti più significative per destinarle alla formazione di una banca dati.

  • Il coordinatore di dipartimento fa parte del Comitato Scientifico Didattico della scuola

Grazia Fassorra


Organizzare la didattica2

Organizzare la didattica

2. Compiti del consiglio di classe/interclasse/team docenti

  • ORGANIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI RECUPERO E DI SOSTEGNO;

  • ORGANIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI APPROFONDIMENTO PER CHI NON HA EVIDENZIATO LACUNE;

  • OBIETTIVI COMUNI (comportamentali e cognitivi);

  • STRATEGIE DA METTERE IN ATTO PER IL LORO CONSEGUIMENTO;

  • STRUMENTI DI OSSERVAZIONE, DI VERIFICA E DI VALUTAZIONE:

  • Griglie comuni di osservazione dei comportamenti e del processo di apprendimento;

  • Strumenti da utilizzare per le verifiche formative;

Grazia Fassorra


Organizzare la didattica3

Organizzare la didattica

  • Strumenti per le verifiche sommative;

  • Fattori che concorrono alla valutazione periodica e finale;

  • Definizione dei criteri comuni per la corrispondenza tra voti e livelli di competenze, abilità e conoscenze;

  • DEFINIZIONE CARICHI MASSIMI DI LAVORO SETTIMANALE  DOMESTICO;

  • DEFINIZIONE NUMERO MASSIMO PROVE SOMMATIVE SETTIMANALI E GIORNALIERE;

  • ATTIVITA’ INTEGRATIVE PREVISTE.

Grazia Fassorra


Organizzare la didattica4

Organizzare la didattica

3. Comitato tecnico - scientifico

  • Discute le proposte di innovazione strutturale fatte dal dirigente, dai dipartimenti, dai gruppi di progetto, dai singoli docenti sulle scelte progettuali e sui singoli progetti

  • Elabora progetti e percorsi innovativi

  • Prepara le proposte per le delibere del Collegio dei docenti sui progetti e sui percorsi innovativi

Grazia Fassorra


Organizzare la didattica5

Organizzare la didattica

Autonomia didattica e di ricerca

Criticità

  • Frammentarietà didattica e scarso collegamento fra i vari dipartimenti

  • Curricolo verticale incompleto

  • Progettazione modulare incompleta

  • Dicotomia tra curricolo e laboratori

  • Prove d’ingresso non correlate all’effettiva progettazione didattica

  • Mancanza di un lessico condiviso

Grazia Fassorra


Organizzare la didattica6

Organizzare la didattica

Ipotesi di miglioramento

  • Ricondurre a unitarietà e sistematicità il processo primario di apprendimento/insegnamento

  • Completamento moduli e curricoli verticali

  • Interrelare: curricolo, laboratori, area di progetto

  • Mettere al centro dell’azione didattica: lotta al disagio e orientamento

  • Fare emergere ed evidenziare il carattere orientativo dei laboratori

  • Prove d’ingresso correlate all’effettiva progettazione didattica

  • Fare un glossario dei termini più significativi

  • Nuove valutazioni connesse agli Ob. Trasversali/formativi sia per le aree disciplinari, sia per i laboratori.

Grazia Fassorra


Organizzare la didattica7

Organizzare la didattica

  • Autonomia organizzativa

    Criticità

  • Accumulo e sovraccarico di responsabilità su pochi docenti

  • Inadeguata integrazione/cooperazione

  • Conoscenza non sempre diffusa dei processi di cambiamento in atto

  • Uso non ottimale del tempo programmato

  • Uso disomogeneo di  strumenti di documentazione e rendicontazione del lavoro svolto

  • Mancanza di interazione e scambio tra FF.SS , Membri del Comitato Tecnico Scientifico, Coordinatori di C.d.C, Coordinatori dei progetti e delle attività collaterali al curricolo

Grazia Fassorra


Organizzare la didattica8

Organizzare la didattica

Ipotesi di miglioramento

  • Maggiore distribuzione di responsabilità

  • Previsione  di tempi e spazi per:coordinamento delle attività; svolgimento delle attività; documentazione delle attività;  autovalutazione delle attività

  • previsione di un budget di spesa a disposizione dei vari docenti con incarichi di funzioni strumentali; coordinatori di progetti/processi/attività

  • Uso di modalità e strumenti  unitari di verbalizzazione/documentazione delle varie attività

  • Raccordo tra funzioni strumentali, coordinatori di progetti/processi/attività e Uffici Amministrativi.

  • I docenti funzioni strumentali, coordinatori di progetti/processi/attività  dovranno raccogliere e conservare tutta la documentazione attestante il lavoro svolto : chi (presenze/assenze),che cosa (attività di coordinamento/insegnamento), quando (tempi/ore).

Grazia Fassorra


Organizzare la didattica9

Organizzare la didattica

Processo comunicativo

Criticità

  • mancanza di un coordinatore della comunicazione che:

    segua le comunicazioni dalla sorgente alla foce;

    segnali l’avvenuta presa visione delle comunicazioni da parte di tutti;

    intervenga per ripianare in tempo reale omissioni di comunicazione;

  • mancanza di un luogo fisico in cui lasciare le comunicazioni tra docenti coinvolti nello stesso progetto/attività

Grazia Fassorra


Organizzare la didattica10

Organizzare la didattica

Ipotesi di miglioramento

  • individuazione per ciascun progetto/attività un referente mittente e ricevente dei messaggi

  • individuazione di modalità e strumenti condivisi per le comunicazioni in casi d’emergenza

  • individuazione di modalità e strumenti condivisi per le comunicazioni tra docenti dello stesso C.d.C.

  • individuazione di filtri per accedere al diritto di critica e protesta dallo staff al dirigente

Grazia Fassorra


Per finire

…per finire

Alcuni esempi di competenze:

  • IFTS

  • Percorsi triennali istruzione/formazione professionale: area comune (Conf. Unificata 2004)

  • Obbligo di istruzione (DM 22.08.2007)

  • Percorsi triennali istruzione/formazione professionale: area professionale (Conf. Unificata 2007)

  • Area Lingua 2: Unione Europea

Grazia Fassorra


  • Login