Introduzione alla fisica
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 4

Introduzione alla fisica PowerPoint PPT Presentation


  • 102 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

FISICA. GRANDEZZE FISICHE. S.I. SISTEMA INTERNAZIONALE. UNITA’ DI MISURA. STRUMENTI DI MISURA. MISURA. LEGGI FISICHE. lunghezza. Metro - m. Meccanica Onde Termodinamica Elettromagnetismo Relatività Meccanica quantistica Fisica nucleare Etc. massa. Massa - Kg. FONDAMENTALI.

Download Presentation

Introduzione alla fisica

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Introduzione alla fisica

FISICA

GRANDEZZE FISICHE

S.I.

SISTEMA

INTERNAZIONALE

UNITA’ DI MISURA

STRUMENTI DI MISURA

MISURA

LEGGI FISICHE

lunghezza

Metro - m

Meccanica

Onde

Termodinamica

Elettromagnetismo

Relatività

Meccanica quantistica

Fisica nucleare

Etc..

massa

Massa - Kg

FONDAMENTALI

tempo

secondo - s

DERIVATE

angolo

Radiante - rad

Introduzione alla fisica

Definite partendo dalle fondamentali

Quantità di materia

Mole – mol

Indaga la natura con gli strumenti

Intensita di corrente

Ampere - A

MATEMATICA

Possono essere:

temperatura

Kelvin - K

SCALARI

Intensità luminosa

VETTORIALI

Candela - cl

Con lo scopo di elaborare

SISTEMATICI

Relazioni

matematiche

Si propagano

nelle misure

indirette

CASUALI

Che sono assolute, ma valgono solo fino a quando non vengono smentite da nuove ricerche

ERRORI

Il loro valore viene ricavato in laboratorio tramite

DIRETTA

ESPERIENZA

Viene eseguita in laboratorio e poi sottoposta a verifica sperimentale

INDIRETTA

Effettuata

tramite

Sono tarati tramite

Uniformate e condivise nel


Introduzione alla fisica

osservazione

ipotesi

verificato

esperimento

modello

Legge fisica

Tra modello e datti ci sono scostamenti significativi?

Dall’esperimento alla legge fisica : il metodo sperimentale

l’osservazione di un fenomeno permette di identificare i sistemi fisici coinvolti e stabilire quali problemi possono essere affrontati da un indagine e quali obbiettivi si vogliono raggiungere.

una volta identificati i problemi(fatte le domande a cui vogliamo risposta) si devono formulare delle ipotesi, facendo attenzione ad eliminare a priori quelle che difficilmente potrebbero essere provate tramite esperimento. Le ipotesi sono delle spiegazioni provvisorie né vere né false, né giuste né sbagliate.

L’esperimento scientifico non è altro che la riproduzione del fenomeno in condizioni semplificate e controllabili. Durante l’esperimento si eseguono misurazioni per identificare le variabili indipendenti (cioè grandezze scelte dallo sperimentatore) e le variabili dipendenti (cioè valori che dipendono da quelli indipendenti).

NO

SI

SI

serve per raccogliere e rappresentare i dati sperimentali, solitamente si usano tabelle e grafici. Il modello è una rappresentazione grafica semplificata del fenomeno osservato.

Se tutti gli step precedenti sono corretti si arriva a formulare la vera e propria legge fisica che descrive in modo sintetico e generale il comportamento di certe grandezze significative nell’ambito di un fenomeno, rappresentando per mezzo del linguaggio matematico la relazione tra le grandezze. LE LEGGI FISICHE ESPRIMONO LE RELAZIONI ESISTENTI TRA I VALORI ASSUNTI DALLE GRANDEZZE FISICHE CHE INTERVENGONO IN UN FENOMENO.


Introduzione alla fisica

Nulla si crea e nulla si distrugge... tutto si trasforma

SALE

SALE

SALE

SALE

La materia: quantità e qualità

Principio di conservazione delle massa:

in qualunque trasformazione la massa totale

di un sistema isolato

rimane costante.

Con il volume

Con la massa

Volume sale =10

Massa sale = 5

Volume acqua =20

Massa acqua = 15

il volume della miscela ottenuta è sistematicamente inferiore alla somma dei volumi

Volume acqua + sale = 25

La massa è sempre invariata

Massa acqua + sale = 20

Siccome il volume può subire variazioni durante una trasformazione mentre la massa no, è giusto dire che la massa è la grandezza ficica più idonea a descrivere la “quantità di materia”.


Introduzione alla fisica

SOLVENTE

sostanza presente in quantità maggiore

SOLUTO

sostanza presente in quantità minore

1 cm3

Tot. soluto

1 cm3

Tot. soluto

1 cm3

Tot. soluto

Concentrazione

massima

Come esprimere la concentrazione?

concentrazione

SALE

ETEROGENEO: sistema che manifesta proprietà diverse in punti diversi del suo volume.

OMOGENEO: sistema che manifesta le stesse proprietà in tutti i punti del suo volume

Dipende da:

Temperatura

Pressione esterna

Quantità di soluto contenuta in un volume unitario di soluzione.

+

In una soluzione ogni cm3 di solvente contiene la stessa quantità di soluto, questa quantità si utilizza come misura della concentrazione.

SOLUZIONE

sistema omogeneo formato da due o più sostanze mescolate insieme.

% DI MASSA:

rapporto tra la massa del soluto e una massa di 100g di soluzione(o di solvente)

% IN VOLUME:

rapporto tra il volume del soluto e un volume di 100 cm3 di soluzione(o di solvente)

soluzione acquosa in 10% di acido solforico significa che in 100g di soluzione ci sono sciolti 10g di cloruro di sodio = (100*10)/10 =10g

soluzione di acido oleico in alcol allo 0,5% vol Significa che in 100ml di soluzione sono presenti 0,5ml di acido oleico = (100*0,5) /100

SOLUZIONE SATURA

a una data temperatura, il soluto ha la massima concentrazione

SOLUBILITA’

proprietà di una sostanza di mescolarsi con un’altra in modo da produrre un sistema omogeneo


  • Login