VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 9

APPRENDIMENTO PowerPoint PPT Presentation


  • 67 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE. VALUTAZIONE. COMPETENZA. INSEGNAMENTO. APPRENDIMENTO. QUALI SFIDE PER LA SCUOLA?. Maria abita a due chilometri di distanza dalla scuola, Martina a cinque. Quanto abitano lontane Maria e Martina l’una dall’altra?. Casa di Maria.

Download Presentation

APPRENDIMENTO

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Apprendimento

VALUTAZIONE AUTENTICA E APPRENDERE PER COMPETENZE

VALUTAZIONE

COMPETENZA

INSEGNAMENTO

APPRENDIMENTO

Mario Castoldi Marzo 2009


Apprendimento

QUALI SFIDE PER LA SCUOLA?

Maria abita a due chilometri di distanza dalla scuola, Martina a cinque. Quanto abitano lontane Maria e Martina l’una dall’altra?

Casa di Maria

Casa di Martina

5 km

2 km

scuola

distanza massima

(5+2)

distanza minima

(5-2)

Mario Castoldi Marzo 2009


Un esempio il problema del carpentiere

QUALI SFIDE PER LA SCUOLA?

UN ESEMPIO: IL PROBLEMA DEL CARPENTIERE

Mario Castoldi Marzo 2009


Un esempio il problema del carpentiere1

QUALI SFIDE PER LA SCUOLA?

UN ESEMPIO: IL PROBLEMA DEL CARPENTIERE

Mario Castoldi Marzo 2009


Apprendimento

QUALI SFIDE PER LA SCUOLA?

Il Consiglio comunale ha deciso di mettere un lampione in un piccolo parco triangolare in modo che l’intero parco sia illuminato. Dove dovrebbe essere collocato il lampione?

  • Partire da un problema reale

  • Occorre localizzare il punto di un parco in cui mettere un lampione.

2. Strutturare il problema in base a concetti matematici

Il parco può essere rappresentato con un triangolo e l’illuminazione di un lampione come un cerchio con un lampione al centro.

3. Formalizzare il problema matematico

Il problema viene riformulato in “localizzare il centro del cerchio circoscritto al triangolo”.

4. Risolvere il problema matematico

Poiché il centro di un cerchio circoscritto a un triangolo giace nel punto di incontro degli assi dei lati del triangolo occorre costruire gli assi su due lati del triangolo. Il loro punto di intersezione è il centro del cerchio.

5. Tradurre la soluzione matematica in rapporto alla situazione reale

Si tratta di applicare la soluzione alla situazione reale, considerando le caratteristiche degli angoli, l’ubicazione e la dimensione degli alberi, etc.

Mario Castoldi Marzo 2009


Un modello di problem solving matematico schoenfeld

LA COMPETENZA COME PAROLA CHIAVE

UN MODELLO DI PROBLEM SOLVING MATEMATICO (Schoenfeld)

4 condizioni per avere successo nella soluzione di problemi:

  • Risorse cognitive (conoscenze e procedure)

  • Euristiche (regole per procedere in situazioni difficili)

  • Controllo (capacità di planning, monitoraggio, valutazione)

  • Belief system (concezione della disciplina, contesto psicologico)

Mario Castoldi Marzo 2009


Apprendimento

LA COMPETENZA COME PAROLA CHIAVE

L’ICEBERG DELLA COMPETENZA

CHE COSA SI APPRENDE?

COME SI APPRENDE?

Mario Castoldi Marzo 2009


Apprendimento

VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI

ALLA RICERCA DELLA SIGNIFICATIVITA’

SCOMPOSIZIONE DEL SAPERE IN UNITA’ DISCRETE

RIPRODUZIONE DI UN SAPERE PREDEFINITO

RIFERIMENTO AD UNA CONOSCENZA INERTE

ATTENZIONE ESCLUSIVA ALLA PRESTAZIONE

SCARSA RICADUTA FORMATIVA

DERESPONSABILIZZAZIONE DELLO STUDENTE

Mario Castoldi Marzo 2009


Apprendimento

VALUTARE GLI APPRENDIMENTI: UN PERCORSO A TRE STADI

3° STADIO: LA VALUTAZIONE AUTENTICA

PORTFOLIO

SIGNIFICATIVITA’ DEI COMPITI VALUTATIVI

RESPONSABILIZZAZIONE DELLO STUDENTE

INTEGRAZIONE PROCESSO/PRODOTTO

SUPERAMENTO DEI CONFIN DISCIPLINARI

VALENZA METACOGNITIVA DELLA VALUTAZIONE

“Si tratta di accertare non ciò che lo studente sa, ma ciò che sa fare con ciò che sa.” (Wiggins, 1993)

Mario Castoldi Marzo 2009


  • Login