Trattamento del dolore nel cancro della cervice uterina
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 19

Trattamento del dolore nel cancro della cervice uterina PowerPoint PPT Presentation


  • 187 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Trattamento del dolore nel cancro della cervice uterina. CASO CLINICO. C. L., donna, età 39 anni DIAGNOSI: carcinoma della cervice uterina; sottoposta ad isteroannessectomia

Download Presentation

Trattamento del dolore nel cancro della cervice uterina

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Trattamento del dolore nel cancro della cervice uterina

Trattamento del dolore nel cancro della cervice uterina


Caso clinico

CASO CLINICO

C. L., donna, età 39 anni

  • DIAGNOSI: carcinoma della cervice uterina;

    sottoposta adisteroannessectomia

  • TAC ADDOME: lesione espansiva in sede iliaca, ingloba uretere sin, infiltra v. iliaca esterna sin (trombosi completa); lesione adesa al muscolo ileopsoas sin, infiltrazione vescicale

  • Dolore al fianco sinistro, irradiato alla gamba sinistra fino al malleolo


Carcinoma cervice uterina epidemiologia

CARCINOMA CERVICE UTERINA Epidemiologia

  • 3° posto al mondo tra i tumori più frequenti e 4° causa di morte nelle donne

  • In Italia: 1,6% delle nuove diagnosi di tumore e 0,6% di tutti i decessi per tumore nella popolazione femminile

  • 8,6 casi per 100.000 donne

  • Fattoridi rischio: HPV, contraccettivi orali, abitudini

    sessuali, fumo di tabacco,

    abitudini alimentari, infezioni

    sessualmente trasmesse non HPV


Anatomia del retroperitoneo

ANATOMIA DEL RETROPERITONEO

DEFINIZIONE

Spazio anatomico retrosieroso occupato da tessuto connettivo

areolare lasso che, insieme al grasso bruno, costituisce

l’atmosfera in cui sono contenuti numerosi organi

LIMITI

anteriore peritoneo parietale

posteriore fascia trasversale

superiore diaframma

inferiore pavimento pelvico e vasi iliaci

laterali inserzioni posteriori dei muscoli della

parete addominale


Anatomia del retroperitoneo1

ANATOMIA DEL RETROPERITONEO

SPAZIO ANATOMICO

  • reni, ureteri, surreni

  • pancreas

  • grossi vasi

  • colon ascendente e discendente

  • linfonodi

  • II e III porzione duodenale

  • zona nuda epatica

  • Nervi: - Plesso lombare(nervi

    ileoinguinale, ileoipogastrico,

    genitofemorale, femorale,

    cutaneo laterale della coscia);

    - Tronco lombosacrale(nervo

    sciatico)


Quale dolore mi aspetto

QUALE DOLORE MI ASPETTO?

Infiltrazione delle strutture nervose, viscerali, muscolari ed osteotendinee

DOLORE DI TIPO MISTO

Nocicettivo Neuropatico


Caso clinico1

CASO CLINICO

La paziente giunge alla nostra osservazione con la seguente terapia:

  • Fentanyl td 125 mcg/h

  • Morfina sl 30 mg

  • Paracetamolo 1000 mg x 3

  • Lyrica 75 mg


Caso clinico2

CASO CLINICO

Nei successivi 4 mesi aumento del dosaggio di Fentanyl td fino a

200 mcg/h

dolore non controllato, VAS 10

  • Sospeso Fentanyl td

  • Iniziata somministrazione di Morfina (bolo 10 mg ev + infusione continua con elastomero)

  • Aumentato Lyrica a 75 mg x 2

  • In seguito VAS 1-2. Buon controllo per circa 2 mesi


Caso clinico3

CASO CLINICO

Invasione neoplastica progressiva:

  • Linfoadenopatie inguinali edema arti inferiori

  • Infiltrazione intestinale occlusione intestinale

    recidivanteresezione

  • Coinvolgimento ureteri nefrostomia bilaterale

  • Aumento della dose di Morfina IC

  • Controllo del dolore sempre più difficoltoso!


Caso clinico4

CASO CLINICO

Posizionamento dicatetere subaracnoideo

tunnellizzato con Port con ingresso a livello lombare

L1-L2 e risalita fino a T6-T8


Caso clinico5

CASO CLINICO

Bolo di morfina e preparazione di pompa two days

Scarso controllo del dolore

Pompa seven days con morfina e bupivacaina a concentrazioni crescenti

Efficace controllo della sintomatologia


Caso clinico6

CASO CLINICO

  • Stabilizzazione del controllo dei sintomi

  • Graduale riduzione del fabbisogno dei farmaci con l’avanzare della malattia

  • A distanza di un anno dall’inizio del trattamentodecesso con ottimo controllo della sintomatologia dolorosa


Uso degli oppioidi

USO DEGLI OPPIOIDI

  • La via di somministrazione di prima scelta della morfina è quellaorale(raccomandazioni OMS ed EAPC)

  • La via orale è la più accettata e la più semplice da gestire

  • In oltre il 50% dei pazienti è necessario ricorrere prima o poi ad una o più vie alternative


Who 1995

WHO (1995)


Analgesici spinali selezione dei pazienti

ANALGESICI SPINALISelezione dei pazienti

  • Analgesici sistemici non tollerati

  • Vomito non controllato

  • Alto rischio di occlusione intestinale

  • Dolore non responsivo

  • Dolore incident (al movimento)*

  • Dolore neuropatico*

    * prevedere infusione di anesteticolocale


Linee guida farmaci intratecali

LINEE GUIDA: FARMACI INTRATECALI

  • Morfina (MO) o idromorfone (HY)

  • MO o HY + bupivacaina o clonidina

  • MO o Hy + bupivacaina + clonidina

  • Fentanyl, sufentanyl, midazolam, baclofen

  • Ziconotide

  • DOSAGGI FARMACI PER VIA INTRATECALE

  • Morfina peridurale: 1/10 della dose orale, 1/3 della dose

    s.c. ed e.v.

  • Morfina intratecale: 1/10 dose peridurale (range 0,1-50

    mg/die)

  • Bupivacaina: 5-50 mg/die intratecali

  • Clonidina: 0,01 mg – 0,9 mg/die intratecali


Indicazione a via spinale

INDICAZIONE A VIA SPINALE

Se dolore non controllato

nonostante:

  • Aumento dosaggio oppioide

  • Rotazione oppioide per os

  • Modifica via somministrazione (da orale a sc o ev)

  • Uso adiuvanti a dosi piene

  • Trattamento effetti collaterali

  • Ottimizzazione trattamento DEI


Altri farmaci iniettabili per via subaracnoidea principali adiuvanti

ALTRI FARMACI INIETTABILI PER VIA SUBARACNOIDEA PRINCIPALI ADIUVANTI

  • Ziconotide

  • Clonidina

  • Baclofen

  • Corticosteroidi

  • Gabapentin

  • Midazolam

  • Droperidolo

  • Adenosina


Algoritmo terapia intratecale

1st LineMorphine/Hydromorphone/

Ziconotide

6th Line

Experimental Agents: Gabapentin, Octreotide, Conpeptide

Neostigmine, Adenosine, XEN2174, AM336, XEN, ZGX 160

ALGORITMO TERAPIA INTRATECALE

2st Line

Fentanyl

Morphine/Hydromorphone

+Ziconotide

Morphine/Hydromorphone/ Bupivacaine /Clonidine

3rd Line

Clonidine

Morphine/ Hydromorphone / Fentanyl/

Bupivacaine+Clonidine+ Ziconotide

4rd Line

Sufentanil

Sufentanil+Bupivacaine+

Clonidine+Ziconotide

5h Line

Ropivacaine, Buprenorphine, Midazolam, Meperidine,Ketorolac


  • Login