Slide1 l.jpg
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 43

Auditorium Piazza Mercurio Massa 27 Giugno 2007 PowerPoint PPT Presentation


  • 98 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Regione Toscana Giunta Regionale. Direzione Generale della Presidenza. Settore Strumenti per la Valutazione integrata e per lo Sviluppo Sostenibile. Arch. Pietro Novelli. “Incentivi per la ecoefficienza”. Gli sgravi fiscali per l’ecoefficienza nella finanziaria 2007. Auditorium

Download Presentation

Auditorium Piazza Mercurio Massa 27 Giugno 2007

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Slide1 l.jpg

Regione Toscana

Giunta Regionale

Direzione Generale della Presidenza

Settore Strumenti per la Valutazione integrata

e per lo Sviluppo Sostenibile

Arch. Pietro Novelli

“Incentivi per la

ecoefficienza”

Gli sgravi fiscali per l’ecoefficienza nella finanziaria 2007

Auditorium

Piazza Mercurio

Massa

27 Giugno 2007


Il protocollo di kyoto 11 12 1997 l.jpg

Il Protocollo di Kyoto (11.12.1997)

Lo Stato italiano ha ratificato il protocollo di Kyoto con la legge n. 120 del 1 giugno 2002.

Gli obiettivi di Kyoto prevedono per l'Italia una riduzione entro il 2012 del 6,5% delle emissioni di gas serra rilevate nel 1990.

In Toscana i gas serra sono circa 40 milioni di tonnellate di CO2 equivalenti,

bisogna arrivare a un volume di emissioni di circa 34 milioni di tonnellate annue con una riduzione del 13,9%.


Quantit di emissioni di co 2 l.jpg

Quantità di emissioni di CO2


Il protocollo di kyoto 11 12 19974 l.jpg

Il Protocollo di Kyoto (11.12.1997)

In realtà nel 2004 avevamo aumentato le emissioni di CO2 eq.di circa il 9% quindi il nuovo obbiettivo è 6,5+9= 15,5% di riduzione

corrispondente a circa 100 Milioni di tonn. di CO2

Nel mercato delle Emission Trading il valore di una tonnellata di CO2 è circa 25 euro

Potremmo dover pagare circa 2,5 miliardi di euroai paesi più ecoefficienti


Protocollo di kyoto l.jpg

Protocollo di Kyoto


Rilevanza del settore l.jpg

RILEVANZA DEL SETTORE

Domanda di energia in Europa nel 2000 per percentuali di utilizzazione

Dati ENEA - EPA


Rilevanza del settore7 l.jpg

RILEVANZA DEL SETTORE

Il costo energetico di realizzazione di una unità abitativa di 100 mq.

5-6 Tep circa

il consumo energetico medio annuo per il riscaldamento di una unità abitativa di 100 mq.

1 Tep circa


Slide8 l.jpg

Gli incentivi previsti dalla Legge Finanziaria 2007Legge 27.12.2006 n.296 per la efficienza energetica


La legge finanziaria 2007 l 296 2006 l.jpg

La Legge Finanziaria 2007L.296/2006

  • Prevede sgravi fiscali consistenti nella detrazione d’imposta pari al 55% dei costi sostenuti, per interventi di riqualificazione energetica degli edifici esistenti


Fonti normative l.jpg

Fonti normative

  • L. 296/2006 – Finanziaria 2007– art. 1 co. da 344 a 351

  • Decreto Interministeriale 19/02/2007 – “Disposizioni in materia di detrazioni per le spese di riqualificazione energetica del patrimonio edilizio esistente.”

  • La Circolare n. 36 31 maggio 2007 dell’Agenzia delle Entrate

    Altre norme di riferimento

  • Direttiva 2002/91/CEsul rendimento energetico nell’edilizia

  • D.Lgs n° 192 del 19/08/2005 – “Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell'edilizia” e successive modificazioni e integrazioni (D.Lgs. n° 311 del 29/12/2006)

  • L. 449/1997 – Art. 1 “Disposizioni tributarie concernenti interventi di recupero del patrimonio edilizio.”

  • Decreto Interministeriale n° 41 del 18/02/1998 – “Regolamento recante norme di attuazione e procedure di controllo […] in materia di detrazioni per le spese di ristrutturazione edilizia.”


La legge 27 12 2006 n 296 commi 344 345 346 347 l.jpg

La Legge 27/12/2006 n.296commi 344-345-346-347

1) Soggetti interessati

2) Interventi agevolabili

3) Spese agevolabili

4) Importo della detrazione e modalità di ripartizione

5) Adempimenti


1 soggetti interessati art 2 dm 19 02 2007 l.jpg

1. Soggetti interessati (art.2 DM 19/02/2007)

Persone fisiche, Enti e Soggetti di cui all’art. 5 TUIR non titolari di reddito d’impresa

(professionisti, anche associati, o imprenditori agricoli)

Titolari di reddito d’impresa

(ditte individuali, società di persone, società di capitali)


1 soggetti interessati l.jpg

1. Soggetti interessati

Requisito necessario è il possesso (documentato): possono usufruire dell’agevolazione :

  • il proprietario

  • il titolare di un diritto reale,

  • il conduttore,

  • il comodatario,

  • i condomini,

  • l’utilizzatore dell’immobile condotto in locazione finanziaria (in base al costo sostenuto dal concedente).

    (art. 109, 2° comma TUIR – concetto di “sostenimento” dei costi).


2 interventi agevolabili l.jpg

2. Interventi agevolabili

Comma 344

Riqualificazione energetica di edifici esistenti

Comma 345

Interventi su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o unità immobiliari, riguardanti strutture opache verticali, strutture opache orizzontali (coperture e pavimenti), finestre comprensive di infissi

Comma 346

Installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda

Comma 347

Sostituzione (integrale o parziale) di impianti di climatizzazione invernale.


Riqualificazione complessiva l.jpg

Riqualificazione complessiva

Riqualificazione energetica di edifici esistenti, che conseguano un valore limite di fabbisogno di energia primaria annuo per la climatizzazione invernale inferiore di almeno il 20% rispetto ai valori riportati nell'Allegato C, del Dlgs 192/2005, (art.1, comma 344,legge 296/2006)

Importo max 100.000 euro


Interventi parziali su edifici l.jpg

Interventi parziali su edifici

parti di edifici esistenti o unita' immobiliari, riguardanti strutture opache verticali, strutture opache orizzontali (coperture e pavimenti),

finestre comprensive di infissi e persiane

(art. 1 comma 345 L.296/2006)

Importo max 60.000 euro


Pannelli per solare termico l.jpg

Pannelli per solare termico

  • Installazione di pannelli solari per la produzione di acqua calda per usi domestici o industriali e per la copertura del fabbisogno di acqua calda in :

  • piscine

  • strutture sportive,

  • case di ricovero e cura,

  • istituti scolastici ed universitari

    (art. 1, comma 346, legge 296/2006)

Importo max 60.000 euro


Caldaie per riscaldamento l.jpg

Caldaie per riscaldamento

Interventi di sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con impianti i dotati di caldaie a condensazione e contestuale messa a punto del sistema di distribuzione .

(art.1, c. 347, legge n. 296/2006)

Importo max 30.000 euro


Slide19 l.jpg

3. Spese agevolabili

Le spese devono essere sostenute entro il 31/12/2007.

- per le persone fisiche si applica il principio di cassa, ovvero le spese pagate nel corso del 2007;

- per i titolari di reddito d’impresa, si applica il principio di competenza le spese sostenute nell’esercizio comprendente” il 31/12/2007


3 spese agevolabili l.jpg

3. Spese agevolabili

L’agevolazione riguarda esclusivamente interventi su edifici o unità immobiliari “esistenti”

- edifici esistenti, parti di edifici esistenti o unità immobiliari esistenti;

- di qualsiasi categoria catastale.

quindi oltre agli edifici “residenziali” sono compresi anche quelli a uso commerciale o strumentali all’esercizio dell’attività d’impresa o professionale.


3 spese agevolabili21 l.jpg

3. Spese agevolabili

Tipologie di spese che fruiscono della detrazione:

(art. 3 DM 19/02/2007)

1. Interventi di riqualificazione energetica (art. 6 DM 19/02/2007)

- interventi diretti al miglioramento del rendimento energetico degli edifici;

- interventi diretti alla riduzione del fabbisogno di energia per il soddisfacimento dei bisogni connessi ad un uso standard dell’edificio (riscaldamento, riscaldamento dell’acqua, illuminazione…)

- tutti gli altri interventi previsti nei punti successivi


3 spese agevolabili22 l.jpg

3. Spese agevolabili

2. Interventi sugli involucri degli edifici(art. 7 DM 19/02/2007).

fornitura e posa in opera di :

  • materiale coibente,

  • materiale ordinario,

  • nuove finestre e infissi;

  • demolizione e ricostruzione dell’elemento costruttivo al fine di ottenere un miglioramento delle caratteristiche termiche delle strutture esistenti (riduzione della trasmittanza termica U).


3 spese agevolabili23 l.jpg

3. Spese agevolabili

3. Installazione di pannelli solari

(art. 8 DM 19/02/2007)

- spese per pannelli solari, anche realizzati in autocostruzione;

- spese per accessori e componenti elettrici ed elettronici utilizzati per la produzione di acqua calda;

- opere murarie e forniture di apparecchiature termiche, meccaniche, elettriche, elettroniche per la realizzazione di impianti solari termici collegati alle utenze.


3 spese agevolabili24 l.jpg

3. Spese agevolabili

4. Sostituzione impianti di climatizzazione invernale(art. 9 DM 19/02/2007)

- fornitura e posa in opera di apparecchiature termiche, meccaniche, elettriche, elettroniche;

- opere idrauliche e murarie per l’installazione di caldaie a condensazione;

- trasformazione degli impianti individuali autonomi in impianti centralizzati con gestione del calore individualizzata attraverso l’installazione di contabilizzatori.;

- smontaggio e dismissione impianto esistente.


3 spese agevolabili25 l.jpg

3. Spese agevolabili

Tra le spese agevolabili rientrano anche le prestazioni professionali necessarie alla realizzazione dei suddetti interventi, compresa la redazione dell’attestato di certificazione o di qualificazione energetica.


Pagamento tramite bonifico l.jpg

PAGAMENTO TRAMITE BONIFICO

i soggetti non imprenditori(privati, lavoratori autonomi, ecc.) devono pagare le spese mediante bonifico bancario o postale, con indicazione della:

  • causale,

  • codice fiscale del beneficiario della detrazione,

  • partita IVA o cod. fisc. del soggetto percipiente.

    I soggetti titolari di reddito d’impresa potranno invece avvalersi delle proprie ordinarie modalità di pagamento.


4 importo della detrazione e modalit di ripartizione l.jpg

4. Importo della detrazione e modalità di ripartizione

La detrazione non è cumulabile con altre agevolazioni fiscali previste da leggi nazionali per i medesimi interventi (ad esempio, detrazione 36%).

L’agevolazione è compatibile con :

  • la richiesta di titoli di efficienza energetica di cui al DM 24/07/2004

  • incentivi disposti da Regioni, Province e Comuni.

    il numero di anni su cui “spalmare” la detrazione è di 3 anni


5 adempimenti art 4 dm 19 02 2007 l.jpg

Tutta la documentazione va conservata per il periodo in cui può essere esperita l’attività di accertamento

L’attestato e la scheda vanno trasmessi a ENEA a mezzo raccomandata o via Internet.

5. Adempimenti (art. 4 DM 19/02/2007)

Asseverazione di un tecnico abilitato circa la rispondenza degli interventi ai requisiti richiesti dal decreto.

Attestato di certificazione energetica, ovvero attestato di qualificazione energetica.

Scheda informativa sugli interventi secondo lo schema dell’all. E del DM 19.01.2007.

Conservazione documenti: Fatture e ricevute fiscali comprovanti le spese.

Per i soggetti non imprenditori: copia bonifici; copia delibera condominio; copia assenso proprietario.


5 adempimenti l.jpg

5. Adempimenti

A)Asseverazione

Asseverazione: attestazione che accerta la conformità dell’intervento ai requisiti previsti dal decreto.

Tecnico abilitato: soggetto abilitato alla progettazione di edifici e impianti, iscritto all’Ordine degli Architetti o degli Ingegneri o degli Agronomi, dei Forestali o al Collegio dei Geometri o dei Periti Industriali, o dei Periti Agrari.


5 adempimenti30 l.jpg

5. Adempimenti

Condizioni da asseverare da parte del tecnico

  • Interventi di riqualificazione energetica(art. 6 DM 19/02/2007):

    Riduzione del fabbisogno di energia di almeno il 20% rispetto agli indici di prestazione energetica individuati nell’allegato C al decreto(art. 6 DM 19/02/2007).

  • Interventi sugli involucri degli edifici(art. 7 DM 19/02/2007):

    Raggiungimento della capacità di isolamento termico rispondente ai parametri di trasmittanza termica riportati nell’allegato D al decreto.


5 adempimenti31 l.jpg

5. Adempimenti

Condizioni da asseverare da parte del tecnico

  • Installazione di pannelli solari(art. 8 DM 19/02/2007):

    Garanzia di almeno 2 anni per i pannelli e di almeno 5 per accessori e altre componenti. Certificazione di qualità (Uni 12975) per i pannelli.

  • Sostituzione di impianti di climatizzazione invernale(art. 9 DM 19/02/2007):

    Rispetto dei rendimenti termici previsti all’articolo 9 del decreto.


5 adempimenti32 l.jpg

5. Adempimenti

Per gli interventi di dimensioni contenute, quali ad es. la sostituzione di finestre, l’asseverazione può essere sostituita da una certificazione del produttore che attesti il rispetto dei requisiti richiesti dal decreto (art 7 comma 2 DM 19/12/2007).


5 adempimenti33 l.jpg

5. Adempimenti

B)Attestato di Certificazione energetica

Documento finalizzato a definire la prestazione energetica degli impianti di cui l’edificio è dotato e contenente la descrizionedeiparametrienergetici caratteristici dell’edificio.

In mancanza delle procedure regionali, l’attestato di certificazione energetica è sostituito dall’attestato di qualificazione energetica predisposto e asseverato da un tecnico abilitato (anche lo stesso che produce l’asseverazione).


5 adempimenti34 l.jpg

5. Adempimenti

Invio documentazione all’ENEA entro 60 giorni dalla fine dei lavori e comunque non oltre il 29/02/2008

per i soggetti con periodo d’imposta noncoincidente con l’anno solare, non oltre 60 giorni dalla chiusura del p.i. in corso al 31/12/2007.


5 adempimenti riepilogo l.jpg

5. Adempimenti riepilogo

1) attestato di certificazione o qualificazione energetica di cui all’allegato A del DM 19.02.2007

Documentazione

da inviare

2) scheda informativa di cuiall’allegato E del DM 19.02.2007

Modalità

per l’invio

in via telematica attraverso il sito www.acs.enea.it dal quale si ottiene una ricevuta informatica

oppure

ENEA

Dipartimento ambiente, cambiamenti globali e

sviluppo sostenibile, via Anguillarese 301

00123 Santa Maria di Galleria (Roma)

tramite raccomandata all’indirizzo:


Gli incentivi della regione toscana per la sostenibilit e la ecoefficienza nell abitare l.jpg

Gli incentivi della Regione Toscana per la sostenibilità e la ecoefficienza nell’abitare


Incentivi per le fonti rinnovabili l.jpg

Incentivi per le fonti rinnovabili

Solare termico

Con la delibera GRT n. 14 del 15 gennaio 2007 sono definiti incentivi in conto capitale per il solare termico che coprono fino al 20% del costo complessivo dell’impianto

gli incentivi si sommano agli sgravi fiscali previsti dallo Stato


Incentivi per le fonti rinnovabili38 l.jpg

Incentivi per le fonti rinnovabili

Impianti fotovoltaici

Con la delibera GRT n.208 del 26.03.2007 sono definiti incentivi in conto capitale che coprono fino al 20% del costo di impianto per gli impianti solari fotovoltaici

gli incentivi si sommano a quelli previsti dallo Stato


Incentivi per le fonti rinnovabili39 l.jpg

Incentivi per le fonti rinnovabili

Altri impianti

la stessa delibera GRT n.208 del 26.03.2007 definisce incentivi in conto capitale che coprono fino al 30% del costo di impianto per:

  • impianti mini e micro eolici

  • impianti cogenerazione, trigenerazione a biomasse

  • micro idroelettrici

  • utilizzo diretto calore geotermico

  • impianti centralizzati di cogenerazione

    gli incentivi si sommano a quelli previsti dallo Stato


Incentivi per le fonti rinnovabili40 l.jpg

Incentivi per le fonti rinnovabili

Con il decreto n. 715 del 20.02.2007 (in applicazione della L.R. 70/2005), definisce per i Comuni, contributi del 50 % in conto capitale per impianti di produzione di energia termica e/o elettrica prodotta da biomasse agroforestali e rivolta ai territori non urbani.

potenza nominale complessiva installata compresa tra 100 kW e 1500 kW

http://www.artea.it.


Slide41 l.jpg

Fondo di garanzia per l’energia

  • La delibera GRT n.291 del 02.05.2006 ha Istituito un fondo di garanzia regionale di 2,3 milioni di euro presso la “Fidi Toscana s.p.a.” per incentivare la produzione di energia da fonti rinnovabili e l'ecoefficienza in campo energetico attraverso una garanzia fino all’80% dei costi di investimento previsti

www.fiditoscana.it


Incentivi per le fonti rinnovabili42 l.jpg

Incentivi per le fonti rinnovabili

I Distretti Energetici Abitativi

la delibera GRT n.227 del 02.04.2007 definisce incentivi per interventi edilizi che garantiscano un fabbisogno di Energia primaria inferiore al 50 % dei limiti di legge esistenti.

55% extracosti per edifici nuovi

100% extracosti per edifici nuovi migliorativi limiti previsti al 2010

100% extracosti su riqualificazione

gli incentivi si sommano a quelli previsti dallo Stato


Slide43 l.jpg

  • Grazie dell’attenzione

Pietro Novelli architetto -

Responsabile “PO Sostenibilità dello Sviluppo locale”

REGIONE TOSCANA Giunta Regionale

Direzione Generale della Presidenza

Settore Strumenti della Valutazione integrata e dello Sviluppo Sostenibile

Via Ruggero Bardazzi 21 50127 Firenze ITALY

tel. +39 055 4384361

fax +39 055 4384390 e-mail: [email protected]


  • Login