Noi e gli altri roma e il mondo appunti di storia medievale iv xv secolo
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 8

Noi e gli altri [Roma e il mondo] appunti di storia medievale (IV-XV secolo) PowerPoint PPT Presentation


  • 83 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Noi e gli altri [Roma e il mondo] appunti di storia medievale (IV-XV secolo). Lez.2 b Un’invasione anomala, un’invasione vera. Prof. Marco Bartoli. Un limes.

Download Presentation

Noi e gli altri [Roma e il mondo] appunti di storia medievale (IV-XV secolo)

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Noi e gli altri roma e il mondo appunti di storia medievale iv xv secolo

Noi e gli altri[Roma e il mondo]appunti di storia medievale (IV-XV secolo)

Lez.2 b

Un’invasione anomala, un’invasione vera

Prof. Marco Bartoli


Un limes

Un limes

  • Il punto di partenza è chiaro: da un lato c’è la romanitas, la civiltà romana, l’Impero, il diritto, la cultura scritta; dall’altro c’è la barbaries, l’inciviltà, la vita seminomade, gli uomini dall’aspetto bestiale. [naturalmente questo è il punto di vista dei romani]

  • Indicare sulla carta d’Europa dove si trovava il limes danubio-renano.


In realt le due realt erano molto meno omogenee al loro interno di quanto si pensi

In realtà le due realtà erano molto meno omogenee al loro interno di quanto si pensi

  • L’Impero conosceva divisioni politiche (le guerre civili), divisioni tra centro e periferia (popoli sottomessi nell’africa settentrionale, popolazioni celtiche in Gallia), divisioni economiche (tra est ed ovest del mediterraneo*)

  • Anche le tribù oltre il limes erano insiemi quanto mai variabili

* l’imperatore Costantino aveva creato una seconda Roma a Bisanzio - Costantinopoli


In ogni caso era da 140 anni che roma aveva paura

In ogni caso era da 140 anni che Roma aveva paura

  • Nel 271 l’imperatore Aureliano viene sconfitto a Piacenza da gruppi di jutungi, come reazione, fa erigere le mura aureliane

  • Nel 378 l’imperatore Valente viene sconfitto ed ucciso in battaglia ad Adrianopoli dai Goti.


Inizio del v secolo la situazione precipita

Inizio del V secolo: la situazione precipita

  • 401 davanti alle minacce dei goti, Onorio trasferisce la capitale da Milano a Ravenna.

  • 403: Stilicone, generale romano di origine vandala, imparentato con la famiglia imperiale, sconfigge Alarico a Verona e a Pollenzo sul Tanaro.

  • 406: nuova incursione dei goti, sconfitti a Fiesole

  • Nello stesso anno lungo il corso del Reno, entrano nei confini dell’Impero: Franchi, Vandali, Svevi, Burgundi, Alamanni.


Noi e gli altri roma e il mondo appunti di storia medievale iv xv secolo

  • 408 Stilicone è messo a morte

  • 410, il 24 agosto Alarico saccheggia Roma (muore lo stesso anno a Cosenza)

  • Il nuovo re Ataulfo, sposa Galla Placidia e trasferisce i goti nella Gallia meridionale come federati dell’Impero

  • Alla morte di Ataulfo Galla Placidia rientra a Ravenna e sposa il generale Costanzo (da cui ha un figlio, Valentiniano).

  • 429 i Vandali iniziano la conquista della provincia d’Africa (l’anno successivo prendono Cartagine e Ippona)


Noi e gli altri roma e il mondo appunti di storia medievale iv xv secolo

  • 452 Attila, re degli Unni, è fermato sul Mincio da una delegazione romana (di cui fa parte il papa Leone I)

  • 455 Genserico, re dei Vandali, conduce dal mare il secondo sacco di Roma.

  • 455 Valentiniano III (figlio di Galla Placidia) viene ucciso.

  • 476 Oreste fa eleggere suo figlio Romolo come imperatore, ma dopo pochi mesi questi è deposto da Odoacre, che rinvia le insegne imperiali a Zenone, imperatore d’Oriente.


Bibliografia

Bibliografia

  • V. A. Sirago, Galla Placidia. La nobilissima, Milano 1996

  • C. Azzara, L’Italia dei barbari, Bologna 2002


  • Login