Noi e gli altri roma e il mondo appunti di storia medievale iv xv secolo
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 8

Noi e gli altri [Roma e il mondo] appunti di storia medievale (IV-XV secolo) PowerPoint PPT Presentation


  • 91 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Noi e gli altri [Roma e il mondo] appunti di storia medievale (IV-XV secolo). Lez.2 b Un’invasione anomala, un’invasione vera. Prof. Marco Bartoli. Un limes.

Download Presentation

Noi e gli altri [Roma e il mondo] appunti di storia medievale (IV-XV secolo)

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Noi e gli altri[Roma e il mondo]appunti di storia medievale (IV-XV secolo)

Lez.2 b

Un’invasione anomala, un’invasione vera

Prof. Marco Bartoli


Un limes

  • Il punto di partenza è chiaro: da un lato c’è la romanitas, la civiltà romana, l’Impero, il diritto, la cultura scritta; dall’altro c’è la barbaries, l’inciviltà, la vita seminomade, gli uomini dall’aspetto bestiale. [naturalmente questo è il punto di vista dei romani]

  • Indicare sulla carta d’Europa dove si trovava il limes danubio-renano.


In realtà le due realtà erano molto meno omogenee al loro interno di quanto si pensi

  • L’Impero conosceva divisioni politiche (le guerre civili), divisioni tra centro e periferia (popoli sottomessi nell’africa settentrionale, popolazioni celtiche in Gallia), divisioni economiche (tra est ed ovest del mediterraneo*)

  • Anche le tribù oltre il limes erano insiemi quanto mai variabili

* l’imperatore Costantino aveva creato una seconda Roma a Bisanzio - Costantinopoli


In ogni caso era da 140 anni che Roma aveva paura

  • Nel 271 l’imperatore Aureliano viene sconfitto a Piacenza da gruppi di jutungi, come reazione, fa erigere le mura aureliane

  • Nel 378 l’imperatore Valente viene sconfitto ed ucciso in battaglia ad Adrianopoli dai Goti.


Inizio del V secolo: la situazione precipita

  • 401 davanti alle minacce dei goti, Onorio trasferisce la capitale da Milano a Ravenna.

  • 403: Stilicone, generale romano di origine vandala, imparentato con la famiglia imperiale, sconfigge Alarico a Verona e a Pollenzo sul Tanaro.

  • 406: nuova incursione dei goti, sconfitti a Fiesole

  • Nello stesso anno lungo il corso del Reno, entrano nei confini dell’Impero: Franchi, Vandali, Svevi, Burgundi, Alamanni.


  • 408 Stilicone è messo a morte

  • 410, il 24 agosto Alarico saccheggia Roma (muore lo stesso anno a Cosenza)

  • Il nuovo re Ataulfo, sposa Galla Placidia e trasferisce i goti nella Gallia meridionale come federati dell’Impero

  • Alla morte di Ataulfo Galla Placidia rientra a Ravenna e sposa il generale Costanzo (da cui ha un figlio, Valentiniano).

  • 429 i Vandali iniziano la conquista della provincia d’Africa (l’anno successivo prendono Cartagine e Ippona)


  • 452 Attila, re degli Unni, è fermato sul Mincio da una delegazione romana (di cui fa parte il papa Leone I)

  • 455 Genserico, re dei Vandali, conduce dal mare il secondo sacco di Roma.

  • 455 Valentiniano III (figlio di Galla Placidia) viene ucciso.

  • 476 Oreste fa eleggere suo figlio Romolo come imperatore, ma dopo pochi mesi questi è deposto da Odoacre, che rinvia le insegne imperiali a Zenone, imperatore d’Oriente.


Bibliografia

  • V. A. Sirago, Galla Placidia. La nobilissima, Milano 1996

  • C. Azzara, L’Italia dei barbari, Bologna 2002


  • Login