ANDREA BONECHI
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 10

ANDREA BONECHI (Consigliere Delegato Riforma delle professioni) PowerPoint PPT Presentation


  • 84 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

ANDREA BONECHI (Consigliere Delegato Riforma delle professioni) . Le società tra professionisti alla luce della legge di stabilità del 2012. Le forme giuridiche per la costituzione della STP (comma 3, art. 10 legge di stabilità 2012)

Download Presentation

ANDREA BONECHI (Consigliere Delegato Riforma delle professioni)

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Andrea bonechi consigliere delegato riforma delle professioni

ANDREA BONECHI

(Consigliere Delegato Riforma delle professioni)

Le società tra professionisti alla luce della legge di stabilità del 2012


Andrea bonechi consigliere delegato riforma delle professioni

Le forme giuridiche per la costituzione della STP

  • (comma 3, art. 10 legge di stabilità 2012)

  • Per l’esercizio di attività professionali regolamentate nel sistema ordinistico è consentita la costituzione di società nella forme previste

  • dal titolo V del libro V del codice civile

  • Società semplice,

  • Società in nome collettivo,

  • Società in accomandita semplice,

  • Società per azioni,

  • Società in accomandita per azioni,

  • Società a responsabilità limitata

  • (titolo VI del libro V del codice civile)

  • Società cooperative


Andrea bonechi consigliere delegato riforma delle professioni

La denominazione della società

(comma 5, art. 10 legge di stabilità 2012)

Qualunque sia la forma della società nella sua denominazione sociale dovrà esservi l’indicazione «società tra professionisti»


Andrea bonechi consigliere delegato riforma delle professioni

Le previsioni dell’atto costitutivo delle STP

  • (comma 4, art. 10, legge di stabilità 2012)

  • l’esercizio in via esclusiva dell’attività professionale da parte dei soci;

  • l’ammissione in qualità di soci dei

    • professionisti iscritti ad ordini, albi e collegi, anche in differenti sezioni,

    • cittadini degli Stati membri dell’Unione europea, in possesso del titolo di studio abilitante,

    • soggetti non professionisti soltanto per prestazioni tecniche, o per finalità di investimento;

  • criteri e modalità affinché

    • l’esecuzione dell’incarico professionale conferito alla società sia eseguito solo dai soci in possesso dei requisiti per l’esercizio della prestazione professionale richiesta;

    • la designazione del socio professionista sia compiuta dall’utente e, in mancanza di tale designazione, il nominativo debba essere previamente comunicato per iscritto all’utente;

  • le modalità di esclusione dalla società del socio che sia stato cancellato dal rispettivo albo con provvedimento definitivo.


Andrea bonechi consigliere delegato riforma delle professioni

Divieto di partecipazione a più STP

(comma 6, art. 10 legge di stabilità 2012)

La partecipazione ad una società è incompatibile con la partecipazione ad altra società tra professionisti.

Il professionista potrebbe continuare a svolgere l’attività professionale anche in forma individuale


Andrea bonechi consigliere delegato riforma delle professioni

Regime disciplinare

  • (comma 7, art. 10 legge di stabilità 2012)

  • I professionisti soci sono tenuti all’osservanza del codice deontologico del proprio ordine,

  • la società è soggetta al regime disciplinare dell’ordine al quale risulti iscritta.

  • Dalle previsioni contenute nella legge di stabilità deriva che

  • Gli illeciti disciplinari possono essere imputati sia al professionista sia alla società

  • Sia il professionista sia la società possono essere sottoposti a procedimento disciplinare

  • Occorrerà individuare le relazioni esistenti fra gli illeciti disciplinari del professionista e quelli della società

  • La società deve essere iscritta all’albo professionale


Andrea bonechi consigliere delegato riforma delle professioni

Società interdisciplinari o interprofessionali?

  • (comma 8, art. 10 legge di stabilità 2012)

  • La società tra professionisti può essere costituita anche per l’esercizio di più attività professionali.

  • La generica formulazione della norma lascia adito al dubbio che ci si riferisca all’esercizio «di più attività professionali» riconducibili alla stessa professione.

  • Tale dubbio è avvalorato anche dal comma 7 dell’art. 10 dove si fa riferimento «al regime disciplinare dell’ordine al quale risulti iscritta» senza alcun riferimento alla possibilità di molteplici iscrizioni in relazione alla diversa qualificazione professionale che i soci potrebbero avere nel caso si società multiprofessionali o interprofessionali


Andrea bonechi consigliere delegato riforma delle professioni

Regolamento di attuazione

(comma 10, art. 10 legge di stabilità 2012)

entro sei mesi dalla data di pubblicazione della legge di stabilità dovrà essere emanato un regolamento del Ministro della Giustizia, di concerto con il Ministro dello sviluppo economico, al fine di disciplinare

criteri e modalità affinché l’esecuzione dell’incarico professionale conferito alla società sia eseguito solo dai soci in possesso dei requisiti per l’esercizio della prestazione professionale richiesta; la designazione del socio professionista sia compiuta dall’utente e, in mancanza di tale designazione, il nominativo debba essere previamente comunicato per iscritto all’utente;

La materia della impossibilità di partecipare a più STP

La materia della responsabilità disciplinari del professionista e della società


Andrea bonechi consigliere delegato riforma delle professioni

Salvezza dei modelli societari ed associativi esistenti

  • (commi 9 e 11, art. 10 legge di stabilità 2012)

    Dubbi interpretativi sorgono dalla lettura dei commi 9 e 11 dell’art. 10 della legge di stabilità

    Le norme richiamate prevedono

  • La salvezza dei diversi modelli societari già vigenti alla data di entrata in vigore della legge di stabilità

  • L’a salvezza dei diversi modelli associativi già vigenti alla data di entrata in vigore della legge di stabilità

  • L’abrogazione della legge 23 novembre 1939, n. 1815, che da sempre regola la costituzione degli studi associati


Andrea bonechi consigliere delegato riforma delle professioni

Coerenza fra la nuova disciplina delle STP ed i principi elaborati per le SLP

  • I principi introdotti per la disciplina delle STP dalla legge di stabilità sono coerenti con la disciplina della SLP elaborata e proposta dal CNDCEC

  • Il principio cardine delle SLP che prevede la prevalenza del lavoro intellettuale del professionista rispetto all’organizzazione dei fattori produttivi dati dal capitale investito nell’attività e dal lavoro altrui, può essere recuperato con l’introduzione di apposite clausole statutarie che prevedono una partecipazione minoritaria agli utili a fronte dei conferimenti di capitale (effettuati dai soci professionisti o dai soci non professionisti)


  • Login