L archivio di deposito l.jpg
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 20

L’archivio di deposito PowerPoint PPT Presentation


  • 108 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

L’archivio di deposito. Padova 6 giugno 2007. a cura di Anna Guastalla. Concetti generali*. Concezione unitaria dell’archivio Compresenza del valore amministrativo e del valore culturale Archivi degli enti pubblici: obblighi per scarto e istituzione delle sezioni separate di archivi storici.

Download Presentation

L’archivio di deposito

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


L archivio di deposito l.jpg

L’archivio di deposito

Padova 6 giugno 2007

a cura di Anna Guastalla


Concetti generali l.jpg

Concetti generali*

  • Concezione unitaria dell’archivio

  • Compresenza del valore amministrativo e del valore culturale

  • Archivi degli enti pubblici: obblighi per scarto e istituzione delle sezioni separate di archivi storici


Dpr 445 2000 l.jpg

DPR 445/2000

  • Disposizione sugli archivi (artt. 67-69)

    • archivi di deposito presso ciascuna amministrazione

    • periodicità del trasferimento

    • organizzazione dei documenti

    • piano di conservazione integrato con il sistema di classificazione

    • movimentazione

    • modalità di accesso (riferimento alla 675/1996 ora Dlgs196/2003)


Definizione l.jpg

Definizione*

  • E’ l’insieme dei documenti semiattivi di un soggetto produttore

  • E’ il deposito dove i documenti semiattivi sono conservati

  • Nella normativa nazionale la permanenza è di 40 anni dall’esaurimento della pratica. In ogni caso si tratta di termini variabili.

  • La fase semi-attiva è una fase critica e cruciale (Limbo negli US, Purgatorio nell’UK: stato provvisorio di transizione) per la salvaguardia del patrimonio archivistico, sia dal punto divisa fisico che dal punto di vista intellettuale:

    • è in questa lunga fase che il documento mantiene o perde la sua qualità informativa (che dipende dal mantenimento del vincolo archivistico) sia a fini amministrativi che di ricerca storico- scientifica.

    • indica comunque uno stato provvisorio di conservazione dei documenti fino alla eliminazione o all’invio nell’archivio storico


Finalit l.jpg

Finalità*

  • La documentazione è usata meno frequentemente, ma conserva ancora un sostanziale e prevalente valore amministrativo anche nel caso in cui i documenti siano destinati alla conservazione permanente.

  • Reperimento dei documenti e accesso

    • inversamente proporzionale al ciclo di vita del documento

    • aumenta l’ambito di visibilità

    • applicazione della 241/90

    • cultura del precedente

    • valore amministrativo e legale dei documenti


Principi l.jpg

Principi*

  • Responsabilità dell’ufficio che ha prodotto i documenti (ente che versa/proprietario dei documenti)

  • accesso garantito e rapido (procedure, distanza, trasmissione)

  • ordine originario dei documenti non modificabile (art. 68 del dpr 445/2000 e dlgs 490/1999): l’ordine deve essere garantito mediante il controllo intellettuale delle serie archivistiche che devono essere perciò identificate nel momento stesso in cui entrano nell’archivio (mantenimento del vincolo archivistico)

  • Mantenimento dell’ordine originario: controllo della movimentazione

  • tempi di conservazione definiti (piano di conservazione)


Requisiti l.jpg

Requisiti*

  • Corretta gestione della fase corrente

  • piano di classificazione

  • definizione delle responsabilità

  • risorse economiche ed umane


Attivit l.jpg

Attività*

  • Trasferimento

  • Gestione dei depositi

  • Movimentazione

  • Selezione


Strumenti l.jpg

Strumenti*

  • Elenchi di trasferimento

  • Topografico

  • Programma per la movimentazione

  • Piano di conservazione integrato con il sistema di classificazione


Condizioni ambientali l.jpg

Condizioni ambientali*

  • Per gli archivi cartacei

    • posizione geografica e infrastrutture di trasporti

    • locali adeguati per spazio e attrezzatura (es. locali blindati, locali depositi temporanei per interventi di ricognizione, riordinamento e scarto, sala di consultazione)

    • previsione circa il ritmo di accumulazione

    • efficienza nell’organizzazione dei locali

    • temperatura (15-18) e umidità (30%-60%)

    • misure di sicurezza, antincendio e antifurto, misure contro i rischi biologici e le calamità naturali

    • considerare che i fattori possono variare in considerazione della tipologia del supporto

  • Sono necessarie le disinfestazioni periodiche


Modelli l.jpg

Modelli*

  • Si riconoscono modelli diversi per la gestione dei documenti semiattivi, in base al ruolo dell’amministrazione archivistica e alla prevalenza della funzione:

    • economica (controllo fisico e risparmio di risorse: conservare i documenti meno utili in luoghi dedicati che rispondono a criteri pratici: spazio a costi minori in zone periferiche)

    • funzionale-archivistica (corretta conservazione del materiale e controllo intellettuale oltre che fisico della documentazione)

  • Archivio di deposito (modello italiano)

  • Record center (modello anglosassone)

  • Archivio intermedio o prearchivio (modello francese e spagnolo)


Il modello italiano l.jpg

Il modello italiano*

  • I soggetti produttori conservano i documenti semiattivi nella loro responsabilità (per tutto il periodo in cui i documenti non sono più attivi: 40 anni dall’esaurimento della pratica secondo la normativa nazionale)

  • Il modello italiano si basa su valutazioni non solo economiche, ma piuttosto di natura giuridica e archivistica

  • E’ un modello integrato basato sulla responsabilità del soggetto produttore e sul potere di controllo dell’amministrazione archivistica nel settore pubblico e per gli archivi privati dichiarati di notevole interesse storico


Obiettivi dell archivio di deposito l.jpg

Obiettivi dell’archivio di deposito*

  • Sgombrare i locali dei soggetti produttori dai documenti semiattivi

  • Garantire condizioni fisiche adeguate alle operazioni di valutazione

  • Permettere la consultazione dei documenti da parte dei soggetti produttori

  • Consentire un intervento di conservazione più efficace e meno costoso (concentrazione)

  • Il sistema non prevedeva funzioni di gestione documentaria da parte dei missionaires, ma solo controllo dei versamenti

  • Il sistema è entrato in crisi per l’assenza di strategie e strumenti, per la conservazione di una produzione documentaria abnorme che richiedeva una doppia movimentazione, per l’esaurimento degli spazi fisici; è stata recentemente introdotta una modifica significativa: i soggetti produttori attivano archivi di deposito per i documenti destinati allo scarto e inviano a Fontainebleau solo le serie destinate alla conservazione permanente.


Outsourcing l.jpg

Outsourcing*

  • Si tratta di una nozione maturata nella cultura aziendalistica; individua il fenomeno di esternalizzazione di attività di impresa, di enti pubblici, di società che normalmente sono svolte all’interno dell’istituzione di riferimento.

  • sviluppato soprattutto nel settore privato e degli enti pubblici

  • in Italia è un fenomeno recente


Outsourcing15 l.jpg

Outsourcing*

  • La normativa 626/94 sulla sicurezza sui posti di lavoro ha contribuito allo sviluppo dell’affidamento dei servizi di gestione della documentazione all’esterno soprattutto per masse documentarie la cui conservazione e tenuta diretta comporta costi eccessivi per il soggetto produttore


Outsourcing16 l.jpg

Outsourcing*

  • Sono numerose le problematiche di natura giuridica suscitate dall’affidamento a privati dei servizi archivistici di istituzioni pubbliche

    • i confini della delegabilità

    • il regime di compatibilità con le funzioni attribuite ai soggetti pubblici

      • i documenti come fonte per la certezza del diritto per i cittadini

      • 241/90

      • 675/96, poi 196/2003


I confini della delegabilit l.jpg

I confini della delegabilità

  • From: "Luca Milani" <[email protected]>

  • Date: Tue, 22 May 2007 15:25:57 +0200

    Buongiorno a tutti!

    Sono il responsabile del protocollo dell'Agenzia veneta per i pagamenti in agricoltura

    (<http://www.avepa.it>www.avepa.it) e vorrei sottoporvi un quesito relativo alla detenzione di documenti

    originali (=registrati) dell'amministrazione da parte di terzi. Una parte dell'attività amministrativa dell'Agenzia è

    infatti delegata a soggetti privati, i Centri Autorizzati di Assistenza Agricola (CAA), con i quali abbiamo

    stipulato apposite convenzioni e che agiscono pertanto in qualità di incaricati di pubblico servizio. I CAA

    gestiscono la fase di ricevibilità delle domande di contributo e gestiscono il fascicolo del produttore nel quale

    devono essere inseriti tutti i documenti originali relativi a stati, fatti e qualità dell'azienda. I produttori agricoli

    consegnano i documenti originali ai CAA, i quali provvedono a registrarli (anche se non operando

    direttamente sul registro di protocollo informatico di AVEPA) e a conservarli nel fascicolo aziendale del

    produttore. Avrete capito che, di fatto, i CAA detengono una parte dell'archivio di AVEPA... Per quanto io

    richiami l'attenzione dei miei colleghi sulla necessità di preservare l'integrità del nostro archivio, il sistema

    creato fin dal momento della nascita dell'agenzia (2002) funziona così e onestamente è pressoché

    impensabile rivoluzionarlo. E' plausibile sostenere che i documenti "risiedono" presso il terzo incaricato di

    pubblico servizio ancorché siano di proprietà dell'Agenzia?

    Vi ringrazio per l'attenzione, buona giornata!

    Luca Milani


La risposta l.jpg

La risposta…

  • From: "Rosa Lucia Romano" <[email protected]>

  • Date: Wed, 23 May 2007 10:45:33 +0200

    Caro Collega,

    sono d'accordo con te.

    Nel momento in cui un ente delega a qualcun altro la gestione di "uno o più procedimenti

    amministrativi" è necessario che la convenzione preveda anche la restituzione all'ente degli

    archivi originali prodotti (dopo la chiusura della pratica, a fine anno, ogni cinque anni,e tc.).

    Ovvero dovrebbero valere le medesime regole fissate già per gli Uffici dell'ente per il

    trasferimento degli archivi correnti all'archivio di deposito.

    Se esiste un regolamento sulla gestione degli archivi e tu sei anche il responsabile dell'archivio di deposito,

    puoi richiederne ufficialmente la restituzione.

    Rosa Lucia Romano

    _____________________

    dott.ssa Rosa Lucia Romano

    Seconda Università di Napoli

    Ufficio per la Gestione informatica dei

    documenti, dei flussi documentali e degli archivi Piazza Miraglia - 80138 Napoli

    Tel. 081- 5666482; Fax 081 5666433 [email protected]


Outsourcing19 l.jpg

Outsourcing*

  • Per valutare l’utilità del ricorso all’outsourcing nel campo della gestione documentaria bisogna aver ben chiaro quale è il ruolo svolto dall’archivio all’interno di un’organizzazione e quali sono i rischi:

    • L’archivio è un servizio ad alta centralità organizzativa con utenti esterni ed interni

    • Non si deve sottovalutare la funzione di memoria storica (testo unico tutela beni culturali dlgs 490/1999)

    • E’ rischioso affidare la gestione di tutto l’archivio

    • E’ ragionevole affidare alcune fasi dell’archiviazione, quale quella di deposito e storico


Outsourcing20 l.jpg

Outsourcing*

  • I parametri che devono guidare la scelta per individuare un contraente privato in grado di assicurare l’adempimento di obblighi relativi alla conservazione, tenuta, accesso, sicurezza sono:

    • requisiti di qualità in merito soprattutto alle funzioni archivistiche

    • specializzazione del personale

    • tecnologie applicate


  • Login