Il marchio creazione e significati intrinseci il caso della ratp
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 72

IL MARCHIO: CREAZIONE E SIGNIFICATI INTRINSECI. Il caso della RATP PowerPoint PPT Presentation


  • 75 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

IL MARCHIO: CREAZIONE E SIGNIFICATI INTRINSECI. Il caso della RATP. d i Orietta Berlanda Cfr. Andrea Semprini , Analizzare la comunicazione, Franco Angeli Carlo Branzaglia , Comunicare con le immagini, Eleonora Fiorani , Grammatica della comunicazione, Lupetti, Milano 2002.

Download Presentation

IL MARCHIO: CREAZIONE E SIGNIFICATI INTRINSECI. Il caso della RATP

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


IL MARCHIO: CREAZIONE E SIGNIFICATI INTRINSECI.Il caso della RATP

di Orietta Berlanda

Cfr. Andrea Semprini, Analizzare la comunicazione, Franco Angeli

Carlo Branzaglia, Comunicare con le immagini,

Eleonora Fiorani, Grammatica della comunicazione, Lupetti, Milano 2002


SIGNIFICATO del termine COMUNICARE

COMUNICARE SIGNIFICA:

METTERE IN COMUNE, TRASFERIRE

  • NOI COMUNICHIAMO ATTRAVERSO SEGNI


STRUTTURA DEL MESSAGGIO

IL CIRCOLO DELLA COMUNICAZIONE DI JAKOBSON


CIRCOLO COMUNICATIVO SECONDO ROMAN JAKOBSON, 1958


Il circolo della counicazione secondo Jakobson


Funzioni o forme possibili del messaggio


Circuito seduttivo (referente e emittente) - Ugo Volli


Funzione espressiva (accentuazione dell’Emittente)


Funzione conativa (accentuazione del Mittente)


Funzione fatica (accentuazione del Canale)


Funzione referenziale, servizio di documentazione (accentuazione del contesto- ufficialità del TG)


Funzione metalinguistica (accentuazione del Codice)


Funzione poetica Max Jacob x Louis Vuitton


Classificazione dei segni di Charles SandersPeirce 1839-1914

ICONE – somiglianza con referente

INDICI – rapporto contiguità con referente

SIMBOLI – rapporto con referente convenzionale, codificato


I MARCHI AZIENDALI RIENTRANO NELLA CLASSE DEI SIMBOLI CODIFICATI

APPROFONDIAMO MEGLIO il potere simbolico di marchi


Tipi di logo (marchio)

  • Letterali:

  • Logotipi o

  • Logogrammi

  • Iconici:

  • Pittogrammi

  • ideogrammi


Efficacia e stabilità del logo si ottengono:

  • quando in esso si condensano alcuni valori della marca

    b) quando i valori sono espressi con un’economia di senso

    c) quando i valori si attivano cognitivamente all’istante


Logogramma Azienda Pirelli


Logogramma Azienda Coca Cola


Mario Schifano ha lavorato sul simbolo della Coca Cola, 1962


Gioco grafico che evoca il logo Coca Cola


Pittogrammi - segni icona –immediata riconoscibilità


Logo della Ratp (Logogramma + pittogramma)


PREMESSA DI NOZIONI BASILARI DI SOCIOSEMIOTICA

1. TESTO

Un annuncio pubblicitario, rivista, fotografia, film o altro può essere considerato come un testo

2. NARRATORE / NARRATARIO

Sono i soggetti effettivi della narrazione: l’individuo che comunica (lui o lei, o una prima o terza persona) e l’interlocutore

Ad es nell’imperativo: Ridatemi i miei vestiti!

Narratore: soggetto che ordina (Azienda Benetton)

Narratario: clienti a cui è rivolta l’esortazione (voi: seconda persona plurale)


3. ENUNCIANTE / ENUNCIATARIO

Sono soggetti presupposti, il loro ruolo nella comunciazione. individuarli è importante perché indicano il modo in cui avviene lo scambio comunicativo (si deduce dall’insieme di parola e immagine dell’annuncio) – (spazio enunciativo)

Es. Annuncio Coca Cola anni ’40 o di oggi. Immagine, l’enunciante o la brand image presupposta è cambiata nel tempo.

Anche l’enunciatario, ovvero il pubblico presuposto


Spazio enunciativo : annuncio Coca Cola anni ‘40

Enunciante:

Azienda che produce una bibita esclusiva

Enunciatario:

Cliente sofisticato


Spazio enunciativo di oggi: Spot Coca Cola Zero, 2010

ENUNCIANTE: azienda attenta al tema della salute alimentare

ENUNCIATARIO: clienti sportivi, atletici attenti alla linea


L’analisi dell’identità visiva della

RATP

Regie Autonome TransportsParisiens


Logo della Ratp


3 ambiti di interesse:

 - testo (spazio testuale)

- enunciazione (spazio discorsivo)

- contesto socio-culturale (spazio socioculturale)


Identità visiva della RATP dopo il 1989

BRIEFING (riassunto delle istanze dell’azienda)

Nel 1989 l’azienda vuole creare una nuova identità visiva che

comunichi una nuova concezione della RATP:

Esprimere una nuova visione

- del servizio pubblico

- della mobilità

- del pubblico utente


OBIETTIVI DELL’IDENTITA’ VISIVA

1 obiettivo > standardizzare le insegne.

Mettere ordine alla cacosemia dei segni accumulati nel corso dei decenni, dal primo ‘900 fino agli anni Sessanta e Settanta.

2 obiettivo > rinnovo dell’identità dell’azienda.

Azienda da sempre associata ad un knowhow tecnologico (rete ferroviaria gestita da ingegneri).

Quest’associazione risultava poco attrattivo per il nuovo cliente che sembra più sensibile a nuovi parametri:

comodità, durata viaggio, disponibilità posto, sicurezza nelle stazioni.

Si trattava di passare da un cultura “tecnica” (numero di persone trasportate all’ora) ad una “cultura del servizio”.


RINNOVO IDENTITA ’CHE INCIDE SU 3 SETTORI

1. pubblico interno: il personale

2. pubblico esterno: i clienti

3. il servizio: rinnovo dell’idea di mobilità

L’interpretazione del senso dipende dai destinatari.

Es: Il personale cercherà una conferma dei valori di azienda

Un utente cerca l’ascolto delle sue esigenze di viaggio.


INTERPRETAZIONE E SENSO NEI DISCORSI SOCIALI

BISOGNA CONSIDERARE

- Un testo non è univoco, presuppone molte interpretazioni

(interpretazione cooperativa) - Lettori modello

I “Lettori modello”(in Lectorin fabula- U.Eco)

- Background expectancies, vissuto personale

Nella comunicazione pubblicitaria questo porta ad un impasse. Da un lato si cerca di rivolgersi a soggetti mirati, dall’altro si cerca di allargare il pubblico.  


Come procedere: senso e interpretazione


A. Si individuano i possibili pubblici interessati

Nella RATP se ne possono rilevare 3:

- Personale dell’azienda: eterogeneo (dal punto di vista dei meccanismi di ricezione)

- Pubblico utente: eterogeneo (circa 10 milioni di abitanti nell’Ile de France)

- Poteri pubblici: Comune di Parigi, organismi di tutela diritti, altri servizi pubblici


B. Creare un marchio di identificazione

L’identità visiva di un’azienda si costruisce attraverso un marchio di identificazione


CRITERI DI EFFICACIA DI UN LOGO

La sua migliore efficacia e stabilità si ottiene

  • Quando si condensano alcuni valori della marca

    b) quando questi sono espressi con un’economia di senso,

    c) quando si attivano cognitivamente in modo istantaneo

    d) Garanzia di vita dell’identità visiva.


LETTURA FORMALE DEL LOGO

PIANO DELL’ESPRESSIONE


Logo= Lettering + figura


LETTURA FORMALE DELL’IMMAGINE

1. Analisi dello spazio

2. Analisi vettorialità

3. Analisi delle linee

4. Rapporto tra gli attori


1. ANALISI DELLO SPAZIO


1. ANALISI DELLO SPAZIO


1. SPAZIO: Rapporti spaziali tra scritta e figura 1:2


Rapporto spaziale nella parte figurativa 1:2


Dispositivo retorico: Mise en abime

Effetto Drosde


Rettangolo aureo e la spirale logaritmica


Partenone e il rettangolo aureo


Effetti di senso della mise an abime

Moltiplicazione, effetto eco

Concentrazione

Focalizzazione

Orientamento centripeto

Stabilità, equilibrio

Suggerisce un percorso interpretativo


2. ANALISI VETTORIALITA’: vettori


2. ANALISI DEI VETTORI DEL LOGO


Vettorializzazione verticale ascendente


Vettorializzazione diagonale


Doppia vettorializzazione ascendente


La vettorialità indica mobilità, slancio, dinamismo


3. ANALISI DELLE LINEE


3. ANALISI DELLE Linee


4. ANALISI DEGLI ATTORI COIVOLTI


4. RAPPORTO TRA ATTORI E LORO RELAZIONI

  • RATP - Scritta in corsivo maiuscolo, (leggero)

    2. UTENTE - rappresentato metonimicamente dal profilo (

    3. TERRITORIO metonimicamente


LETTURA SIMBOLICA DEL LOGO

PIANO DEL CONTENUTO


SISTEMA CONNOTATIVO E SIMBOLICO

IL LOGO VUOLE ROMEPRE CON PASSATO E COMUNICARE LEGGEREZZA ATTRAVERSO.

- DIMENSIONE SIMBOLICA

- STILE - letteringe figura


RICOSTRUZIONE DELLA STORIA DEL LOGO

IL LOGO PARLA DELLA FELICITA’ DI VIAGGIARE DEL PASSEGGERO.

LA RATP SI PRENDE CURA DI LUI, HA UN RUOLO DI UMANISTA

LO SPAZIO FISICO SOTITUITO DA UNO SPAZIO MENTALE


BIGLIETTO METROPOLITANA


Voeux 2007


Voeux 2007


SLOGAN CHE SERVIRONO A CONFERMARE

I VALORID DELL’AZIENDA ESPRESSI NEL LOGO

La firma “Esprit libre” sostituita da

“La meilleurfacon d’avancer”

“Voici le nouveauvisage de la RATP/ en Ile de France”


Dal sito 2011- video


Sito 2011


Sito 2011


  • Login