HFMEA
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 1

The End PowerPoint PPT Presentation


  • 77 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

HFMEA CVC. Obiettivi: Interventi organizzativi per aumentare la sicurezza del paziente in corso di posizionamento di Catetere Venoso Centrale nel Blocco Operatorio. Materiali e metodi: - Attivazione di un Gruppo di Lavoro multidisciplinare - Adozione della metodologia HFMEA.

Download Presentation

The End

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Risultati attesi incremento della rintracciabilit delle azioni e riduzione del rischio di errori in corso di posiziona

HFMEA

CVC

Obiettivi:

Interventi organizzativi per aumentare la sicurezza del paziente in corso di posizionamento di Catetere Venoso Centrale nel Blocco Operatorio.

Materiali e metodi:

- Attivazione di un Gruppo di Lavoro multidisciplinare

- Adozione della metodologia HFMEA.

  • Indicatori di priorità di rischio:

  • In corso di posizionamento del catetere è stata effettuata la mappatura del rischio, mediante l’attribuzione dei punteggi in merito alla gravitàdell’errore, alla rilevabilità ed alla probabilità di accadimento. I punti di maggiore criticità sono stati individuati nelle seguenti azioni:

  • - Posizionamento in paziente con criteri di forte esclusione alla procedura (S.I.R.S.E., severa coagulopatia, sepsi grave) in relazione al rapporto rischi/benefici

  • - Inquinamento batterico in corso di procedura

  • - Incidenti in corso di venipuntura

  • Mancato rispetto dei tempi del controllo radiografico

[email protected]

T. Fabbri (1)

M. Musolino (2),

M.G. Scazzola (3).

G. Nasi (4)

(1) U.O.C. Dirigente Medico UOC Valutazione Attività Strutture Sanitarie Accreditate, ASL Rm B

(2) Dott DAI UOC Qualità Aziendale e Risk Management, ASL Rm B

(3) Dott DAI UODC PSAIO, ASL Rm B

(4) Dirigente Medico Direzione Sanitaria osp. classificato Cristo re

Soluzioni:

Attivazione di una check list operatoria specifica per CVC, orientata alla sicurezza del paziente con campi utili ad aumentare la rilevabilità dei fattori di rischio ed identificazione della matrice di responsabilità per competenze professionali.

Risultati attesi:

Incremento della rintracciabilità delle azioni e riduzione del rischio di errori in corso di posizionamento di CVC

Insorgenza di TromboEmboliaVenosa dopo posizionamento di Cateteri venosi centrali:

La presenza di cateteri venosi centrali nelle vene succlavie e giugulari interne possono determinare la comparsa di una TEV: tale evento viene identificato mediante sistemi di imaging (ecocolorDoppler, angioTC e angiografia) in una percentuale di casi variabile fra il 27 ed il 66% dei casi, associato però ad un quadro sintomatologico clinico solo nello 0,3 – 28.3 % dei pazienti. Il rischio di un evento di EP può variare dallo 0.6 all’1.3% .

Dai dati riportati in letteratura, il GdL consiglia una profilassi con EBPM nei pazienti a rischio ed in quelli in cui il catetere vada mantenuto in sede per lunghi periodi di tempo.

La rimozione del catetere andrà effettuata, previo trattamento eparinico locale, dopo esame ad ultrasuoni.

The End


  • Login