MITI DI NARCISO
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 17

MITI DI NARCISO PowerPoint PPT Presentation


  • 291 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

MITI DI NARCISO Esistono diverse versioni letterarie riguardo il mito di Narciso, il quale originariamente in Grecia veniva considerato poco più che una leggenda locale legata al culto del dio Eros; è solo grazie alle “Metamorfosi” di Ovidio che si iniziò a considerarlo un vero e proprio mito.

Download Presentation

MITI DI NARCISO

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Miti di narciso

MITI DI NARCISO

Esistono diverse versioni letterarie riguardo il mito di Narciso, il quale originariamente in Grecia veniva considerato poco più che una leggenda locale legata al culto del dio Eros;

è solo grazie alle “Metamorfosi” di Ovidio che si iniziò a considerarlo un vero e proprio mito.

Ogni versione presenta uno svolgimento diverso con conclusioni sempre tragiche.

Proponiamo alcune di queste versioni, tra cui la più famosa scritta dal romano Ovidio (I sec a.C.).


Miti di narciso

Conone (Grecia, sec. I a.C./ I d.C.),

Narrazioni XXIV

A Tespie di Beozia ( è una città situata non lontano dall’Elicona) nacque il fanciullo Narciso, che era bello assai, ma anche grande spregiatore di Eros e degli amanti. Gli altri suoi innamorati finirono per rinunciare ad amarlo, mentre il solo Aminia perseverava nel supplicarlo continuamente. E poiché Narciso non gli dava retta, e anzi gli aveva mandato in dono una spada, si trafisse davanti alla porta del giovane, non senza aver molto invocato il dio perché lo vendicasse.

Così Narciso, contemplando ad una fonte la propria immagine e la propria bellezza riflesse nell’acqua, lui solo, e per primo, divenne assurdamente amante di se stesso. Infine, preso dalla disperazione, e giudicando di soffrire una giusta punizione, in cambio delle colpe commesse nell’oltraggiare gli amori di Aminia, si uccise. Da allora i Tespiesi stabilirono di onorare e venerare ancora di più il dio Eros, oltre che con sacrifici pubblici, anche con culti privati; le genti del luogo pensano che il fiore narciso sia spuntato per la prima volta dalla terra sulla quale fu versato il sangue di Narciso.


Miti di narciso

RIASSUNTO

Nella città di Tempie, in Beozia, nacque un fanciullo assai bello chiamato Narciso. Egli disprezzava Eros, il dio dell’amore, e tutti gli amanti. Solo uno dei tanti innamorati non rinunciò ad amarlo, Aminia, che persuadeva nel supplicare il bellissimo giovinetto.

Narciso però non gli diede retta e gli mandò in dono una spada con la quale il povero Aminia si tolse la vita, non senza aver invocato il dio perché lo vendicasse.

Così Narciso, contemplando ad una fonte la propria immagine e la propria bellezza riflesse nell’acqua, divenne assurdamente amante di se stesso. Infine preso dalla condizione in cui si trovava, in quanto era consapevole dell’impossibilità del suo amore si uccise. Da allora i Tespiesi stabilirono di onorare e venerare ancor di più il dio Eros e le genti del luogo pensano che il fiore narciso sia spuntato per la prima volta dalla terra sulla quale fu versato il sangue di Narciso.


Miti di narciso

Pausania (Grecia, II sec. a.C.),

Guida della Grecia I

Davanti all’ingresso dell’Accademia c’è un altare di Eros, con inciso un epigramma, che dice come Charmos fu il primo degli Ateniesi a dedicare un altare ad Eros.

Dicono invece che l’altare chiamato di Antèros, che si trova nella città

(di Atene) sia stato dedicato da meteci, perché Melete ateniese, disprezzando il meteco Timagora che si era innamorato di lui, gli aveva ordinato di gettarsi giù dalla rupe, dopo esser salito sul punto più alto di essa; Timagora non volle risparmiare la propria vita, e desiderò far cosa gradita al giovinetto in qualunque cosa gli ordinasse, così si recò sulla rupe e si gettò di sotto. Melete, quando infine vide Timagora morto, ne ebbe un cosi grande rimorso che si precipitò da quella stessa rupe, e cosi gettandosi perì.

Da allora fu costume per i meteci di venerare come Anteros il demone che vendicò Timagora.


Miti di narciso

RIASSUNTO

Davanti all’ingresso dell’Accademia di Atene c’è l’altare di Antèros, dedicato dai meteci perché Melete ateniese, disprezzando il meteco Timagora che si era innamorato di lui, gli aveva ordinato di buttarsi giù dalla rupe, dopo essere salito sul punto più alto di essa.

Timagora allora si recò sulla rupe e si gettò di sotto. Melete, quando vide Timagora morto, fu preso dal rimorso e si precipitò da quella stessa rupe.

Da allora i meteci venerano Antèros come il demone che vendicò Timagora.


Miti di narciso

Ovidio (Roma, I sec. d.C.),

Metamorfosi III

E Tiresia, divenuto famosissimo per le città dell’Aonia, dava ineccepibili responsi alla gente che lo consultava. La prima a saggiare la veridicità delle sue parole fu l’azzurrina Liriope, che un giorno il Cefiso aveva intrappolato nelle curve della propria corrente, imprigionato tra le onde e violentato.

La bellissima ninfa, rimasta incinta, aveva partorito un bambino che già appena nato meritava di essere amato, e lo aveva chiamato Narciso. Interrogato se Narciso sarebbe giunto a vedere una lunga, tarda vecchiaia, l’indovino aveva risposto: << Se non conoscerà se stesso>>.

Per un pezzo quello predizione sembrò vuota, ma poi fu confermata dal modo come finirono le cose, dal tipo di morte in seguito a una singolare passione. E infatti il figlio di Cefiso aveva superato di un anno i quindici anni, e si poteva prendere tanto per un fanciullo quanto per un giovinetto.

Molti giovani, molte fanciulle lo desiderarono; ma quella tenera bellezza era di una superbia così ostinata che nessun giovane, nessuna fanciulla mai lo toccò. Un giorno, mentre spaventava i cervi per spingerli nelle reti, lo vide una ninfa dotata di una voce sonora, che non sapeva tacere quando uno parlava, ma neppure sapeva parlare per prima: Eco che rimanda i suoni.


Miti di narciso

Eco aveva ancora un corpo, non era una voce soltanto; ma benché loquace,

usava la bocca in modo non diverso da come fa ora, riuscendo a rimandare, di molte parole, solamente le ultime. Questo fatto si doveva a Giunone, poiché tante volte Giunone avrebbe potuto sorprendere sui monti le ninfe a far l’amore col suo Giove, se quella astutamente non l’avesse trattenuta con lunghi discorsi, per dar tempo alle ninfe di fuggire. Quando la figlia Sturno se ne accorse, disse: <<Di questa lingua che mi ha ingannato potrati disporne poco: farai della voce un uso ridottissimo>>. E alle minacce fece seguire i fatti: solo quando uno finisce di parlare, Eco duplica i suoni ripetendo le parole che ha uditi.

Ora, quando vide Narciso vagare per solitarie campagne, Eco se ne infiammò,

e ne seguì di nascosto le orme. E quanto più lo seguiva, tanto più, per l’accorciarsi della distanza, si scaldava, come lo zolfo vivo e tenace spalmato in cima a una fiaccola divampa se si accosta al fuoco. Oh quante volte avrebbe voluto abbordarlo con dolci parole e rivolgergli tenere preghiere! La sua natura si oppone, non le permette di cominciare; però- questo le è permesso- sta pronta ad afferrare i suoni, per rimandargli le sue stesse parole. Per caso il fanciullo si sperde dai suoi fedeli compagni e dice: << c’è qualcuno? >>, ed Eco risponde: << qualcuno>>. Lui si meraviglia, e cercando con gli occhi da tutte le parti grida a gran voce << vieni!>> e lei chiama ma lui che chiama. Egli si guarda dietro le spalle, e poiché anche questa volta nessuno viene fuori, << perché-dice- mi fuggi?>>, e quante parole pronuncia, altrettante ne riceve. Insiste, e smarrito dal rimbalzare della voce dice: << qui riuniamoci!>>, ed Eco, che a nessun suono mai risponderebbe più volentieri,

<<uniamoci!>> ripete.


Miti di narciso

E decisa a far come dice esce dal bosco e si fa avanti per gettargli bramosamente le braccia al collo. Lui fugge, e nel fuggire:<< giù le mani,

non mi abbracciare!- esclama. – preferisco morire piuttosto che darmi a te!>>eco non risponde altro che << darmi a te!>>

Disprezzata essa si nasconde nei boschi occultando dietro le frasche il volto per la vergogna e da allora vive in antri solitari. Ma l’amore resta conflitto in lei e cresce per il dolore del rifiuto. I pensieri la tengono desta e fanno deperire in modo pietoso, la pelle si raggrinzisce per la magrezza e tutti gli umori del corpo si disperdono nell’arai. Non rimangono che la voce e le ossa. La voce esiste ancora; le ossa, dicono, presero l’aspetto di sassi. E così sta celata nei boschi e non si vede su nessun monte, ma dappertutto si sente: è il suono, che vive in lei. Così Narciso aveva deluso costei, così altre ninfe, nate dalle acque o dai monti, così, prima, frotte di maschi. Finché un giorno uno, disprezzato, levò le mani al cielo e disse: << che possa innamorarsi anche lui e non possedere chi ama! >> così disse, e la dea di Ramnunte, assentì a quella giusta preghiera.

C’era una fonte senza un filo di fango, dalle acque argentate e trasparenti,

a cui mai si erano accostati pastori o caprette portate al pascolo sui monti o altro bestiame, che mai era stata agitata da altro da un uccello o da un animale selvatico o da un ramo caduto da un albero. Tutt’intorno c’era erba, rigogliosa per la vicinanza dell’acqua, e su una selva che mai avrebbe permesso a quel luogo di essere intiepidito dal sole.


Miti di narciso

Qui il fanciullo, sposato dalle fatiche della caccia e dalla calura, si getta bocconi, attratto dalla bellezza del posto e dalla fonte, ma mentre cerca di sedare la sete, un’altra sete gli cresce: mentre beve, invaghitosi della forma che vede riflessa, spera in un amore che non ha corpo, crede che sia un corpo quella che è un’ombra. Attonito fissa se stesso e senza riuscire a staccare lo sguardo rimane immobile come una statua scolpita in marmo di Paro. Disteso a terra contempla le due stelle che sono i suoi occhi, e i capelli degni di Bacco, degni anche di Apollo, e le guance impuberi e il collo d’avorio e la gemma della bocca e il rosa soffuso sul candore di neve, e ammira tutto ciò che fa di lui un essere meraviglioso. Desidera, senza saperlo, se stesso; elogia, ma è lui l’elogiato, e mentre brama, si brama, e insieme accende e arde. Quante volte non dà vani baci alla fonte ingannatrice! Quante volte non tuffa nell’acqua le braccia per gettarle attorno al collo che vede, ma nell’acqua non si non si afferra! Non sa che sia quel che vede, ma quel che vede lo infiammo, e proprio l’errore che gli occhi glieli riempe di cupidigia. Ingenuo, che sta i cercar di afferrare un’immagine fugace? Quello che brami non esiste; quello che ami se ti volti, lo fai svanire. Questa che scorgi è l’ombra, il riflesso della tua figura. Non ha nulla di suo quest’immagine; con te è venuta e con te rimane; con te se ne andrebbe- se tu riuscissi ad andartene! Né desiderio di cibo, né desiderio di riposo riesce invece a staccarlo da lì. Buttato sull’erba ombrata fissa con sguardo mai sazio la forma ingannevole e si strugge attraverso i propri occhi.


Miti di narciso

E sollevandosi un po’, tenendo le braccia verso le selve circostanti dice:

<< c’è qualcuno; o selve, che abbia sofferto d’amore più crudelmente? Voi certo lo sapete, voi che per molti siete state un opportuno nascondiglio. Vi ricordate di qualcuno, nella vostra esistenza (da tanti secoli dura la vostra vita), che si sia consumato così? So che mi piace,so che lo vedo; ma se lo vedo e mi piace,pure trovarlo non mi riesce: tanto l’amore mi confonde! E ragione di più per affliggermi, non è che ci separi un gran mare, o un lungo cammino, o dei monti, o una cinta di mura con le porte sbarrate: ci divide un sottile che porgo baci alla limpida onda, tutte le volte si protende verso di me offrendo la bocca. Diresti che si può toccare; è un nulla che si oppone al nostro amore. Chiunque tu sia, vieni fuori! Perché mi illudi, fanciullo unico al modo? Dove te ne vai mentre io ti desidero? E sì che la mia bellezza e la mia bellezza e la mia età non sono da disprezzare: mi hanno amato anche delle ninfe. Con sguardo amichevole mi prometti e mi fai sperare chissà che cosa, e quando io tendo le braccia verso di te, subito le tendi anche tu.Quando rido, ricambi il riso. Spesso ho anche notato lacrime sul viso tuo quando lacrimo io, e anche rispondi con un cenno ai segni miei, e a quel che posso arguire dai movimenti della bocca bella, mi rimandi parole che non giungono alle mie orecchie. Ma questo sono io! Ho capito, e la mia immagine non m’inganna più!brucio d’amore per me stesso, suscito subisco la fiamma! Che devo fare? Farmi chiedere, oppure chiedere io? Ma poi, chiedere che? Quel che bramo l’ ho in me: ricchezza che equivale a povertà.


Miti di narciso

Oh potessi staccarmi dal mio corpo! Desiderio inaudito per uno che ama, vorrei la cosa amata fosse più distante. E ormai questa sofferenza mi toglie le forze e non mi resta più molto da vivere, mi spengo nella prima giovinezza. E la morte non mi è gravosa, poiché con la morte finirà questa pena; ma vorrei che l’altro, l’amato, vivesse di più. Ora invece morremo congiuntamente, spirando, due,un’anima sola>>

Così dice, e delirando torna a contemplare la figura, e con le lacrime turba lo specchio d’acqua, che s’increspa; e la forma si offusca. Vedendola svanire: << dove ti ritiri?- esclama- rimani, non abbandonare, crudele, me che ti amo! Se toccarti non posso, mi sia permesso guardarti e nutrire così la mia disgraziata passione!>> e mentre si lamenta si tira giù l’orto, percosso, si tinge di un tenue rossore, così come i pomi, bianchi da una parte, dall’altra rosseggiano, o come l’uva, in grappoli cangianti, si vela, quando matura, di un colore porporino. A quella vista (l’acqua è tornata limpida) non resiste più. E come cera bionda a una leggere fiamma, come brina mattutina al tepore del sole, così, sfinito dall’amore si strugge e un fuoco occulto a poco a poco lo consuma. E ormai non ha più il suo colorito, rosa misto a candore, non ha più vigore e forze né ciò che prima tanto piaceva a vedersi, e il corpo non è più quello di cui un giorno si era innamorata Eco.


Miti di narciso

Ed Eco tuttavia, quando lo vede così, sebbene ancora adirata al ricordo prova un grande dolore, e ogni volta che il misero fanciullo dice << ohi, ohi>>, lei rimandando il suo ripete << ohi, ohi>>, e quando lui con le mani si percuote le braccia, rifà lo stesso suono, il suono della percossa.

Reclinò il capo stanco sull’erba verde. La morte buia chiuse quegli occhi che ancora ammiravano la forma del loro padrone. Anche dopo, quando fu accolto nella sede infernale, continuava a contemplarsi nell’acqua dello Stige. Levarono lamenti la Naiadi sue sorelle; si tagliarono i capelli e li offrirono al fratello. Levarono lamenti le Draidi. Ed Eco risonando si unì a quel coro di dolore. E già preparavano il rogo, e le fiaccole da agitare, e il feretro: il corpo era scomparso. Al posto del corpo trovarono un fiore: giallo nel mezzo, e tutt’intorno petali bianchi.

(traduzione di P. Berrnardini Marzolla).


Miti di narciso

RIASSUNTO

Si narra che il giovane Narciso nasce da Liriope, la ninfa di fonte che, per la sua bellezza, fu rapita dal dio fluviale Cefiso, che l’avviluppò nelle sue tortuose correnti. Figlio delle acque, egli è un giovane di straordinaria bellezza, cui Tiresia, il veggente, ha previsto lunga vita solo a condizione che "non conosca se stesso".

A sedici anni poteva contare già numerosi amanti, tutti respinti, di entrambi i sessi.

Un giorno, mentre è a caccia di cervi in una foresta, domanda a gran voce se ci sia qualcuno lì. La ninfa Eco, che si è innamorata di lui e lo segue di nascosto, ripetendo le sue ultime parole gli risponde e tenta il desiderato abbraccio, ma egli la respinge prontamente. Si narra che della bella ninfa  non siano rimaste che le sole ossa, tramutate in sassi, e la voce tutt'ora vagante in valli solitarie.Ma qualcuno degli amanti respinti chiede vendetta al cielo.Interviene la dea Nemesi a far sì che anche Narciso sia privato dell’abbraccio di colui che ama. Accade infatti che, assetato, Narciso si affacci ad una sorgente: lì scorge la propria immagine e se ne innamora irrimediabilmente. Sulle prime non riconosce se stesso, poi giunge la verità: "Io sono te".

Struggendosi d’amore per quello che oramai sa essere se stesso, Narciso si lascia morire. Quando cercano di dargli degna sepoltura coloro che lo amano scoprono, nel punto in cui il giovane è scomparso, un bellissimo fiore dai petali bianchi orlati di color zafferano, il narciso.


Miti di narciso

Plotino (Licopodi, Egitto 205 / Roma 270, III sec d.C.),

Enneadi, I, 6, 8

E in che modo? Con quale mezzo? Come si potrà contemplare un’irresistibile bellezza che rimane come all’interno del santuario e non procede all’esterno dove anche i profani possono vederla? Vada e prosegua fino all’interno chi ne è capace, abbandonando all’ esterno la vista degli occhi, senza più volgersi al fulgore dei corpi che si è lasciato dietro. Non bisogna infatti, vedendo le bellezze dei corpi, precipitarsi ad esse, ma, si deve, sapendo che sono immagini, orme ed ombre, fuggire verso quello di cui queste sono immagini. Perché se uno si precipitasse volendo afferrare tali bellezze come fossero vera realtà, incorrerebbe nello stesso destino di colui che, volendo afferrare una bella parvenza sulla superficie dell’acqua – come un mito mi pare lasci allusivamente ad intendere-, s’inabissò giù nella corrente e scomparve; allo stesso modo, dunque, chi è tutto preso dai bei corpi e non li abbandona, sprofonderà, non con il corpo, ma con l’anima, in abissi pieni di tenebra e odiosi all’ intelletto, dove, cieco abitante

dell’ Ade, starà, lì come qui, in compagnia di ombre.


Miti di narciso

RIASSUNTO

Secondo la riflessione di Plotino, di fronte ad un’irresistibile bellezza, non bisogna fermarsi all’apparenza e al corpo stesso ma bisogna andare a fondo e cogliere l’essenza dell’anima. Se uno si precipitasse volendo afferrare tali bellezze, come fossero realtà, incorrerebbe nello stesso destino di “colui ” che nel tentativo di afferrare una bella parvenza sulla superficie dell’acqua s’ inabissò giùnella corrente e scomparve.

Allo stesso modo chi è tutto preso dai bei corpi sprofonderà con l’anima in abissi tenebrosi in compagnia di ombre.


Miti di narciso

Giovanni Boccaccio(XIV sec.d.C.),

Genealogie deorum Gentilium LIX

Narciso fu figlio di Cefiso e della ninfa Liriope, come bene mostra Ovidio, quando dice:[Ovid. Metam. III 341-46] ecc.

Su questo stesso Narciso, Ovidio riporta una favola

abbastanza nota. Dice infatti che quando nacque Narciso, fu portato dal vate Tiresia, per ricevere un responso sulla sua vita futura. Il quale rispose a chi lo interrogava che il bambino sarebbe vissuto tanto a lungo, quanto avesse differito il momento di vedere se stesso. Questo vaticino sulle prime fu oggetto delle risa di chi lo ascoltò, ma alla fine non mancò di andare all’effetto. Infatti, quando il bambino fu cresciuto come un bellissimo adolescente, diventato cacciatore, fu amato da molte ninfe; ma soprattutto da Eco, ninfa del Pernaso.

Ma restando inesorabile, e non facendo alcun conto di tutti quelli che lo amavano, per le preghiere delle ninfe si ottenne ciò che dopo poco accadde. Infatti un giorno, essendosi rifugiato in una valle, spossato sia dalla fatica della caccia che dalla calura della stagione estiva, si chinò assetato su una limpida fonte, e vista la propria immagine, che non aveva mia contemplato prima, credendola una ninfa della fonte, subito ne ammirò la bellezza e fu preso d’amore; e non potendo toccare ciò che credeva di poter toccare, dopo lunghi lamenti, dimenticò se stesso, morì di inedia sul posto, e per la compassione delle ninfe fu tramutato nel fiore che porta il suo nome.


Miti di narciso

RIASSUNTO

Boccaccio riprende il mito di Ovidio partendo dalla nascita di Narciso e concludendo con la sua tragica morte.

Ci sono alcune differenze nello svolgimento del racconto, ad esempio qui la profezia contro Narciso viene lanciata dalle ninfe da lui rifiutate e non da alcuni giovinetti.

Secondo Boccaccio poi Narciso, specchiandosi nell’acqua della sorgente, si innamora della sua immagine credendola una ninfa della fonte e preso della disperazione morì di inedia sul posto.

Si dice che per la compassione delle ninfe il giovane fu tramutato nel fiore che porta il suo nome.


  • Login