Download
1 / 22

Il farro nella Bibbia - PowerPoint PPT Presentation


  • 262 Views
  • Uploaded on

Il farro nella Bibbia. Il popolo ebreo , fin dalla primissima storia di Caino e Abele ha sempre inserito il farro tra i prodotti base della propria alimentazione. Si pensa che Caino per questo si sia scontrato con Abele perchè Caino nomade, cacciatore e pastore,

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Il farro nella Bibbia' - uriel


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

Il popolo ebreo , fin dalla primissima storia di Caino e Abele

ha sempre inserito il farro tra i prodotti base della propria alimentazione.

Si pensa che Caino per questo si sia scontrato con Abele perchè Caino nomade, cacciatore e pastore,

viveva nelle tende mentre Abele agricoltore arava i campi e dissodava

le preghiere ma abitava sicuramente come stanziale e quindi era anche più colto del fratello.

Lo scontro può essere avvenuto proprio per la ricchezza dell'agricoltore e per la quasi povertà delcacciatore.


Nel Medio Oriente molti cereali vengono coltivati per poi divenire pane per la povera gente che viveva dei prodotti della terra.


I divenire pane per la povera gente che viveva dei prodotti della terra.n alcune grotte dove i nomadi prevalgono sono stati scoperti graffiti che presentano

momenti di vita quotidiana e anche ritrovati semi carbonizzati di miglio, di sorgo e di farro

su focolari vecchi di 8.000 anni.

Per questo il pane è stato condizione di pace e causa di guerre,

piano di speranza e ragione di disperazione.


Il pane diventava il mezzo per unire le genti che ci giuravano sopra toccandolo.

Il pane è nato con e senza lievito (il primo zymi ed il secondo azymi), i primi pani

li ritroviamo nell'antico Israele, con forma di focaccia cotta su pietre

arroventate vicino al fuoco.

Nell'antico Israele si è coltivato sempre il Triticum monococcum o farro piccolo,

il Triticum dicoccum o farro grande e il Triticum spelta tradotto in ebraico con il nome

di "Kusemet ".

I testi biblici si riferiscono a un solo cereale (farro) più spesso a un gruppo di essi.

In Genesi 14,17-18 leggiamo che: " Melchisedec, re di Salem, 0

offrì pane e vino: era sacerdote del Dio altissimo e benedisse Abramo... ".


In questa emblematica figura del re-sacerdote dal nome cananeo molti hanno voluto vedere

un'anticipazione del Messia e del sacrificio Eucaristico.

Anche in Genesi 18,4-7 si parla, in una scenetta familiare, del pane sicuramente di farro.

Abramo, presso le querce di Mambre, riceve la visita di "tre uomini" e dice loro:

" Accomodatevi sotto l'albero e permettete che vada a prendere un boccone di pane..."

Poi andò in fretta nella tenda di Sara e disse: "Presto, tre staia di fior di farina,

impastala e fanne focacce..." infatti gli ebrei mangiavano pani o piuttosto focacce

piccoli e rotondi non lievitati, preparati dalle donne.


Anche nella predicazione di Gesù si parla del pane per una numerosa folla

(moltiplicazione dei pani e dei pesci) che sicuramente era un pane fatto con la farina di farro forse aggiunta

alla farina bianca; altre allusioni sono presenti in Matteo, in Marco, in Luca quando si parla della presenza di Gesù nel deserto che digiuna

per 40 giorni e viene tentato dal diavolo: "Se sei il Figlio di Dio, fa che queste pietre diventino pane..." e Gesù respingendolo disse: " Sta scritto, non di solo pane vivrà l'uomo" (Mt. 4, 1-4; Lc. 4, 3-4; Mc. 1, 12-13).


Anche in Giovanni 6, 32-48 è presente la storia della moltiplicazione

dei pani e di ciò che Gesù disse alla folla presente nella Sinagoga di Cafannao dopo il miracolo suddetto:

" In verità vi dico, non Mosè vi ha dato il pane del cielo, ma il Padre mio vi dà il pane del cielo, quello vero;

il pane di Dio è quello che discende dal cielo e dà la vita al mondo... Io sono il pane della vita,

io sono il pane vivo disceso dal cielo; se uno mangia di questo pane vivrà in eterno..."

E' il discorso che prelude all'istituzione dell'Eucarestia nell'ultima cena e anche quando,

dopo la morte e resurrezione di Gesù, ad Emmaus, i discepoli lo riconoscono quando a tavola spezza il pane con loro e lo dà a loro (Lc. 24, 30).


FINE moltiplicazione


ad