Il coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilit
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 39

Il Coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilità PowerPoint PPT Presentation


  • 164 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Il Coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilità. Il Coordinatore infermieristico: deontologia e responsabilità nella sanità che cambia Arenzano , sabato 17 maggio 2014. Il Coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilità.

Download Presentation

Il Coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilità

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Il coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilit

Il Coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilità

  • Il Coordinatore infermieristico: deontologia e responsabilità nella sanità che cambia

  • Arenzano, sabato 17 maggio 2014


Il coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilit1

Il Coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilità


Il coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilit2

Il Coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilità


Il coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilit3

Il Coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilità


Il coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilit4

Il Coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilità


Il coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilit5

Il Coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilità


Il coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilit6

Il Coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilità


Il coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilit7

Il Coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilità


Fatti illeciti

EXTRACONTRATTUALE:

Violazione di un generico dovere di

non ledere gli altrui diritti o interessi

FATTI ILLECITI

Responsabilità contrattuale ed extracontrattuale

CONTRATTUALE:

Violazione di uno specifico dovere

derivante da un rapporto

obbligatorio


Il problema della colpa grave

Il problema della “colpa grave”

  • Non esiste nel nostro ordinamento una nozione di “Colpa Grave”

  • Codice penale grado della colpa (133 cp)

  • Nell'esercizio del potere discrezionale … , il giudice deve tener conto della gravità del reato, desunta:

  • dalla natura, dalla specie, dai mezzi, dall'oggetto, dal tempo, dal luogo e da ogni altra modalità dell'azione;

  • dalla gravità del danno o del pericolo cagionato alla persona offesa dal reato;

  • dalla intensità del dolo o dal grado della colpa.


Fatti illeciti1

Può consistere sia in un mero fatto

che in un atto

FATTI ILLECITI

Il fatto

  • Può essere:

  • Commissivo

  • Omissivo


Il coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilit8

Il Coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilità


Il coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilit9

Il Coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilità


Ingestione di sostanza tossica

Ingestione di sostanza tossica

Svolgimento del processo

  • Un Infermiere fa ingerire per errore sodioazide a seguito di un esame diagnostico e ne consegue la morte di una paziente.

  • Vengono rinviati a giudizio il Primario, la caposala e l’Infermiere


Ingestione di sostanza tossica1

Ingestione di sostanza tossica

Attori coinvolti

Direttore di S.C.

Caposala

Infermiere


Ingestione di sostanza tossica2

Ingestione di sostanza tossica

  • La difesa

  • Il Primario afferma che a lui non competono compiti di natura organizzativa circa l’operato dei tecnici;

  • La Caposala e l’Infermiere si difendono affermando il fatto che avevano in precedenza richiesto gli armadi speciali per contenere i veleni ma non erano mai stati acquistati.


Ingestione di sostanza tossica3

Ingestione di sostanza tossica

  • La sentenza

  • Primario = condannato per omissione di vigilanza e per aver disatteso alla funzione di controllo (DLgs 229/99 e DLgs 626/94);

  • Caposala = condannata per omissione di controllo (colpa in vigilando) sulla conservazione in maniera separata da altri prodotti ad uso terapeutico. E’ venuta meno la Responsabilità indiretta che non richiede un comportamento colposo da parte del committente (Cass., 29 agosto 1995, n. 9100, in Rep. Giur. It., 1995), ma solamente che il preposto ponga in essere un fatto dannoso, fermo restando che la responsabilità del committente non esclude la concorrente responsabilità diretta dell'autore dell'illecito

  • Infermiere = condannato per il mero errore di somministrazione e senza attenuanti


Deontologia e

DEONTOLOGIA E

LEADERSHIP


Il codice deontologico 2009

IL CODICE DEONTOLOGICO2009

L’infermiere sviluppa il suo sapere ed il suo essere professionista nella relazione con la persona che assiste.

PERSONA

ASSISTITO


Deontologia e leadership

Deontologia e leadership

  • ..lavorare con un leader “iperattivo, aggressivo, cattivo o disimpegnato e vuoto”… fa sì che le altre persone alle sue dipendenze diventino una fotocopia dell’esemplare dominante”…

  • ..stare intorno a qualcuno che sembra arrabbiato, ci fa sentire arrabbiati…


Responsabilita articoli 1 3 13 47 48

CODICE DEONTOLOGICO 2009

RESPONSABILITA’ (ARTICOLI 1, 3, 13, 47, 48)

Viene così affermata la responsabilità deontologica dell’infermiere anche in relazione all’organizzazione del lavoro, alla scelta e all’applicazione di protocolli terapeutici, all’uso di materiali e presidi, alla gestione dei rapporti tra i vari operatori e ai valori culturali del

cittadino-paziente.


Codice deontologico 2009

CODICE DEONTOLOGICO 2009

  • LA CONTENZIONE FISICA

  • LA DETENZIONE DEI FARMACI

  • DOCUMENTAZIONE

  • COMPETENZA PROFESSIONALE

  • FORMAZIONE

  • LEADERSHIP


Documentazione articolo 23 26

DEONTOLOGIA PROFESSIONALE

DOCUMENTAZIONE (ARTICOLO 23, 26)

23. L’infermiere riconosce il valore dell’informazione integrata multiporfessionale….

26. Nella raccolta, nella gestione e nel passaggio delle informazioni l’infermiere assicura e tutela la riservatezza..


Competenza professionale articoli 11 12 13

CODICE DEONTOLOGICO 2009

COMPETENZA PROFESSIONALE(ARTICOLI 11, 12, 13, )

E’ la combinazione di:

CONOSCENZE

PROFESSIONALI

CAPACITA’

ORIENTAMENTI

GESTIONALI

richiesta dai processi che si svolgono nell’azienda sanitaria.


Formazione permanente articoli 11 12 13

DEONTOLOGIA PROFESSIONALE

FORMAZIONE PERMANENTE(ARTICOLI 11, 12, 13, )

Assume particolare rilievo in questo ambitol’AUTOFORMAZIONE.

Questa viene intesa come acquisizione di conoscenze e competenze che non rientrano necessariamente nelle classificazioni formali, ma consistono anche in esperienze sul campo che il singolo professionista progetta e realizza.


Ricerca infermieristica articoli 11 12 13

DEONTOLOGIA PROFESSIONALE

RICERCA INFERMIERISTICA(ARTICOLI 11, 12, 13, )

“L’infermiere aggiorna le proprie competenze attraverso la ricerca”.

La ricerca infermieristica ha l’obiettivo di sviluppare le conoscenze nella presa in carico della persona sana o ammalata.

( E.B.N.)


Evidenza scientifica articoli 11 12 13

DEONTOLOGIA PROFESSIONALE

EVIDENZA SCIENTIFICA(ARTICOLI 11, 12, 13, )

“L’infermiere fonda il proprio operato su conoscenze validate...”

Attualmente si fa sempre più pressante la necessità che le procedure e le terapie siano basati su prove di efficacia, derivanti da ricerche condotte con rigoroso metodo scientifico e sottoposte a controlli di validità

( EBM / EBN ).


Deontologia professionale

DEONTOLOGIA PROFESSIONALE

  • ..il numero degli errori dichiarati dai reparti con i migliori leader era addirittura dieci volte superiore rispetto a quello dei reparti guidati dai leader peggiori…perché qui gli Infermieri si sentivano “psicologicamente sicuri” di ammettere i propri sbagli..

    (Harvard Medical School- 2001)


Deontologia professionale1

DEONTOLOGIA PROFESSIONALE

  • ..nei reparti in cui gli Infermieri non avevano denunciato errori circolavano commenti del tipo “ l’ambiente è spietato, cadono teste”…”ti mettono alla sbarra”…”il caposala ti criminalizza se fai uno sbaglio”…

    (Harvard Medical School- 2001)


Caratteristiche del leader con valenza deontologica

DEONTOLOGIA PROFESSIONALE

Caratteristiche del leader con valenza deontologica

E’ l’atteggiamento di chi difende qualcuno, specialmente persone in condizioni di debolezza.

Quanto all’ infermiere coordinatore questa caratteristica ha diversi aspetti.

GARANTE


Il coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilit

DEONTOLOGIA PROFESSIONALE

Caratteristiche del leader con valenza deontologica

“Fiducia genera fiducia”

In presenza di una reciproca affidabilità la leadership non è qualcosa di già definito ma una co-costruzione, che vede l’impegno di entrambi i soggetti in relazione.

CREDIBILITA’


Il coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilit

DEONTOLOGIA PROFESSIONALE

Caratteristiche del leader con valenza deontologica

CORAGGIO

Nel prendere decisioni e nell’assumersi la responsabilità delle proprie azioni e “determinazione e perseveranza” nel realizzare gli obiettivi stabiliti.


I nuovi progetti della professione

I NUOVI PROGETTI DELLA PROFESSIONE


Il coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilit

REGIONE LIGURIATESTO DI LEGGE APPROVATO DAL CONSIGLIO REGIONALE – ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA LIGURIA NELLA SEDUTA DEL 26 MARZO 2014

  • DISPOSIZIONI IN MATERIA DI ESERCIZIO DI ATTIVITÀ PROFESSIONALE DA PARTE DEL PERSONALE DI CUI ALLA LEGGE 10 AGOSTO 2000, N. 251 (DISCIPLINA DELLE PROFESSIONI SANITARIE INFERMIERISTICHE, TECNICHE DELLA RIABILITAZIONE, DELLA PREVENZIONE NONCHÉ DELLA PROFESSIONE OSTETRICA)


Il coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilit

Articolo 1(Attività professionale da parte del personale di cui alla legge 10 agosto 2000, n. 251 (Disciplina delle professioni sanitarie infermieristiche, tecniche della riabilitazione, della prevenzione nonché della professione ostetrica)

Al fine di conseguire una più efficace e funzionale organizzazione dei servizi sanitari regionali, il personale che esercita le professioni sanitarie di cui alla l. 251/2000 e successive modificazioni e integrazioni, operante con rapporto di lavoro a tempo pieno e indeterminato nelle strutture pubbliche regionali, può esercitare attività libero professionale, al di fuori dell’orario di servizio, anche singolarmente all’interno dell’Azienda e in forma intramuraria allargata, presso le Aziende sanitarie locali, gli IRCCS e gli altri enti equiparati.


Evoluzione delle competenze specialistiche dell infermiere

Evoluzione delle Competenze Specialistiche dell’Infermiere

  • Accordo tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e di Bolzano, recante ridefinizione implementazione e approfondimento delle competenze e delle responsabilità professionali dell’infermiere e dell’infermiere pediatrico


Art 2 aree di intervento

Art. 2(Aree di intervento)

  • 1. Sono individuate le seguenti aree di intervento:

  • a) AREA CURE PRIMARIE – SERVIZI TERRITORIALI/DISTRETTUALI

  • b) AREA INTENSIVA E DELL’EMERGENZA URGENZA

  • c) AREA MEDICA

  • d) AREA CHIRURGICA

  • e) AREA NEONATOLOGICA E PEDIATRICA

  • f) AREA SALUTE MENTALE E DIPENDENZE


Art 3 modalit e percorsi per lo sviluppo delle competenze professionali

Art. 3(Modalità e percorsi per lo sviluppo delle competenze professionali)

  • Le regioni e le province autonome, previo confronto con le rappresentanze professionali, università e sindacali, definiscono :

  • i criteri per lo sviluppo delle competenze degli infermieri

  • la conseguente revisione dei modelli organizzativi ospedalieri e territoriali (complessità assistenziale – intensità di cura)

  • i percorsi attuativi e i criteri per riconoscere pregresse specifiche esperienze

  • i percorsi formativi da effettuarsi in ambito regionale o aziendale, anche ai fini dell’attribuzione dei crediti formativi universitari (CFU).


Il coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilit10

Il Coordinatore infermieristico nel dedalo delle responsabilità


  • Login