Occhio
Download
1 / 17

OCCHIO - PowerPoint PPT Presentation


  • 338 Views
  • Uploaded on

OCCHIO. ha una forma sferica (asse anteroposteriore = 24 mm, asse visivo, equatore) è costituito da tre tonache: sclera (cornea), coroide o uvea e retina presenta tre camere (anteriore, posteriore e vitrea) contenenti umor acqueo e umor vitreo.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' OCCHIO' - travis-hodges


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
Occhio
OCCHIO

  • ha una forma sferica (asse anteroposteriore = 24 mm, asse visivo, equatore)

  • è costituito da tre tonache: sclera (cornea), coroide o uvea e retina

  • presenta tre camere (anteriore, posteriore e vitrea) contenenti umor acqueo e umor vitreo


La sclera è una tonaca connettivale con funzioni protettive (sia per la pressione esterna che interna):

biancastra nell’adulto

bluastra nel bambino

giallastra nel vecchio.

Ha un raggio di curvatura di 12,7 mm



La cornea costituisce il sesto anteriore della tonaca esterna dell’occhio e ha un raggio di curvatura inferiore a quello della sclera


La cornea è trasparente è più sottile al centro che alla periferia, è rivestita esternamente da un epitelio pluristratificato (che poggia sulla membrana di Bruch) e internamente da un endotelio (che poggia sulla membrana di Deschemet). Non è vascolarizzata, ma è innervata (riflesso corneale)


L uvea
L’uvea periferia, è rivestita esternamente da un epitelio pluristratificato (che poggia sulla membrana di Bruch) e internamente da un endotelio (che poggia sulla membrana di Deschemet). Non è vascolarizzata, ma è innervata (riflesso corneale)

  • È la tonaca vascolare dell’occhio

  • è ricca di vasi

  • contiene melanociti

  • nel segmento anteriore dà origine al corpo ciliare e all’iride

  • nel segmento posteriore prende il nome di coroide


Il cristallino
Il cristallino periferia, è rivestita esternamente da un epitelio pluristratificato (che poggia sulla membrana di Bruch) e internamente da un endotelio (che poggia sulla membrana di Deschemet). Non è vascolarizzata, ma è innervata (riflesso corneale)

  • è una lente biconvessa con un raggio di curvatura anteriore di 10 mm, e posteriore di 6 mm

  • presenta una capsula, un epitelio sottocapsulare (singolo strato di cellule basse poligonali) e un parenchima (costituito da fibre, cioè da cellule stirate e appiattite)

  • cambia raggio di curvatura nell’accomodazione

  • invecchiando tende a diventare opaco (cataratta)


Il cristallino è mantenuto in sede dalle fibre della zonula dello Zinn, che lo ancorano ai processi ciliari.

Nel corpo ciliare è presente il muscolo ciliare, con fibre a decorso concentrico (qui sezionate) e fibre a decorso anteroposteriore: contraendosi questo muscolo porta avanti i processi ciliari e le fibre della zonala, facendo detendere il cristallino


Segmento anteriore dell’occhio visto dall’interno: zonula dello Zinn, che lo ancorano ai processi ciliari.

cristallino, zonula di Zinn, corpo ciliare (processi ciliari e anello ciliare), ora serrata e retina

L’epitelio ciliare è fondamentale nella produzione dell’umor acqueo (ultrafiltrato del plasma), che scorre nelle camere anteriore e posteriore.


Il canale di Schlemm zonula dello Zinn, che lo ancorano ai processi ciliari.

drena l’umor acqueo nel sistema venoso episclerale


Segmento anteriore dell’occhio visto dal davanti: zonula dello Zinn, che lo ancorano ai processi ciliari.

in trasparenza si osservano:

la pupilla, l’iride e il cristallino


Il colore dell’iride dipende dal pigmento presente nelle sue cellule; nel suo spessore l’iride contiene delle fibre muscolari lisce a decorso concentrico (m. sfintere) e radiale (m. dilatatore).

Pupilla dilatata = midriasi

Pupilla chiusa = miosi


L’umor vitreo è un gel trasparente privo di cellule, prodotto nel corso dello sviluppo. Se si incide la sclera e fuoriesce il vitreo, questo non si riforma.


La retina è la tonaca più interna dell’occhio ed è costituita da tessuto nervoso nella parte posteriore (fino all’ora serrata)


La retina è costituita da più strati cellulari. I tipi cellulari principali sono i fotocettori (in grigio), le cellule bipolari (in rosso), le cellule gangliari (in marrone), le cellule orizzontali (in grigio chiaro) e le cellule amacrine (in ocra), l’epitelio pigmentato (in rosso mattone).

Si noti che i fotocettori sono rivolti verso l’uvea (cioè la luce deve attraversare gran parte degli strati retinici per arrivare ai fotocettori).


Nervo ottico visto dall’alto: cellulari principali sono i fotocettori (in grigio), le cellule bipolari (in rosso), le cellule gangliari (in marrone), le cellule orizzontali (in grigio chiaro) e le cellule amacrine (in ocra), l’epitelio pigmentato (in rosso mattone).

è lungo circa 50 mm, è flessuoso (per permettere i movimenti dell’occhio), è mielinizzato dall’oligodendroglia.

Attraversa l’anello dello Zinn e poi il canale ottico, per arrivare al chiasma (dove si incrociano le fibre provenienti dalle due emiretine nasali) e proseguire come tratto ottico


Vascolarizzazione dell’occhio in sezione orizzontale: arteria e vena retinica, arterie ciliari posteriori brevi e lunghe, anteriori e vene vorticose


ad