Ente Bilaterale per la Formazione e la Qualificazione Professionale
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 81

Ente Bilaterale per la Formazione e la Qualificazione Professionale Progetti in esame nell’incontro del 15 settembre 2009 PowerPoint PPT Presentation


  • 93 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

Ente Bilaterale per la Formazione e la Qualificazione Professionale Progetti in esame nell’incontro del 15 settembre 2009 . Indice dei progetti . Progetti Corporate/Trasversali Contact Center Cantiere Valori   Titoli Derivati (focus bilancio) SAP-ESP (chiusura bilancio)

Download Presentation

Ente Bilaterale per la Formazione e la Qualificazione Professionale Progetti in esame nell’incontro del 15 settembre 2009

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Ente bilaterale per la formazione e la qualificazione professionale progetti in esame nell incontro del 15 settembre

Ente Bilaterale per la Formazione e la Qualificazione Professionale Progetti in esame nell’incontro del 15 settembre 2009


Indice dei progetti

Indice dei progetti

  • Progetti Corporate/Trasversali

  • Contact Center

  • Cantiere Valori  

  • Titoli Derivati (focus bilancio)

  • SAP-ESP (chiusura bilancio)

  • Formazione specialistica Microsoft/IBM/Italtel

  • Percorso Istituzionale Giovani Laureati

  • Coach Aziendali

  • Comitati Pari Opportunità

  • Generare Innovazione

  • Facility Project

  • Competenze relazionali e comportamentali in azienda (colloquio gestionale)

  • Business Writing

  • Task force per lo sviluppo A1 Professional nel Sistema Professionale di Poste Italiane

Progetti Servizi Postali

  • Furto e Smarrimento posta registrata

  • Videocodifica

  • Bicicletta a Trazione muscolare

  • Free duck

  • Preposti Amianto

  • Preposti strutture complesse

  • Corso Portalettere Unico


Progetti corporate trasversali

Progetti Corporate/Trasversali


Programma formativo rafforzamento al ruolo di tutor

Programma formativo

Rafforzamento al ruolo di Tutor

Contact Center


Il contact center

Il Contact Center

  • Il Contact Center rappresenta un punto di riferimento nella gestione della relazione con il Cliente in ogni fase del suo ciclo di vita a supporto dei processi di assistenza e di commercializzazione di prodotti, servizi e soluzioni

  • offrendo servizi e soluzioni integrate e innovative ai Clienti del Gruppo Poste Italiane e al mercato esterno con particolare riferimento alla Pubblica Amministrazione

  • garantendo l’efficace e continua interazione multicanale, assicurando il presidio e il monitoraggio della qualità e della soddisfazione dei Clienti attraverso processi certificati, la gestione operativa, il coordinamento dei siti territoriali.


Il contact center siti risorse e volumi

Il Contact Center - Siti, Risorse e Volumi

6

Volumi gestiti 2008

24,5 milioni di contatti

Il 71% delle chiamate proviene dal Mercato Captive e circa il 70% dei Servizi con Operatore è gestito con capacità operativa interna

Le attività di mercato Esterno sono prevalentemente indirizzate verso la Pubblica Amministrazione

71% Mercato Captive

29% Mercato Esterno

  • 12 SITI dislocati su tutto il territorio nazionale (GE, TO, MI, VE, FI, RM, NA, BA, RC, CL, PA, CA)

  • 1169 Operatori e 85 Tutor (al 29/05/09) per un totale di 927 Postazioni di Lavoro

Principali Servizi Gestiti

(Dati 2008)


Premessa

Premessa

Gli operatori presenti nei 12 siti fanno riferimento ai tutor che rispondono al responsabile di sito.

L’attività di coordinamento professionale contemplata nel ruolo dei tutor richiede, per essere agita al meglio, una grande attenzione agli aspetti comportamentali e relazionali associati ad una competenza tecnica crescente legata alla continua evoluzione della gamma di offerta aziendale.

Il tutor rappresenta la figura di raccordo tra management ed operatore telefonico ed è quindi punto di snodo e facilitatore dei flussi di processo e informativo-comunicativi bi-direzionali ( top-down, bottom-up)

In questo contesto appare necessario e opportuno focalizzare l’investimento formativo sull’adeguamento e sull’arricchimento delle competenze legate a tale ruolo.


Finalit e target

Finalità e target

La finalità è di intervenire rafforzando le competenze e lo stile relazionale e comunicativo sia verso le figure coordinate, sia verso quelle apicali, al fine di migliorare ulteriormente le dinamiche interne e la qualità della relazione finale con il cliente.

L’iniziativa è rivolta agli 85 tutor del Contact Center con il coinvolgimento dei Responsabili di Sito e dei Referenti di Servizio per realizzare una maggiore integrazione verticale e una condivisione delle conoscenze.

Il percorso si articola in tre giornate d’aula: i contenuti e le modalità dell’iniziativa sono illustrati nella tabella seguente


Ente bilaterale per la formazione e la qualificazione professionale progetti in esame nell incontro del 15 settembre

Contenuti, obiettivi, attività


Fase 2

Fase 2

Versione 1.1Marzo 2008


Cantierevalori sintesi fase 1

cantiereValori: sintesi fase 1

Il progetto, unico nel suo genere per il valore sociale espresso e per l’elevata partecipazione ottenuta, ha offerto un momento di crescita collettiva verso i fondamentali di una cultura di impresa.

Grazie al coinvolgimento diretto di oltre 3.000 colleghi è stato possibile definire la nuova Carta dei Valori che, traendo spunto dalla mission di Poste Italiane e dalle direttrici di piano strategico, traccia i comportamenti ideali verso i quali tutte le persone devono ispirarsi nell’agire quotidiano.

Gli oltre 3000 partecipanti, riuniti in laboratori in gruppi di 150 per volta, hanno lavorato sui nuovi valori per arrivare alla definizione dei comportamenti professionali che li rendono concreti.

Tra le caratteristiche innovative di progetto c’è la partecipazione volontaria all’iniziativa di circa 2000 colleghi e la gestione dei laboratori fatta da un gruppo di colleghi a cui è spettato il ruolo di facilitatore.


Ente bilaterale per la formazione e la qualificazione professionale progetti in esame nell incontro del 15 settembre

cantiereValori: i 7 valori

FIDUCIA

M

E

R

C

A

T

O

M

E

R

C

A

T

O

SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

INTEGRAZIONE

ENERGIA REALIZZATIVA

INNOVAZIONE

PROFESSIONALITA’

ETICA NEL LAVORO


Ente bilaterale per la formazione e la qualificazione professionale progetti in esame nell incontro del 15 settembre

cantiereValori fase 2

  • Obiettivi:

    • Diffondere la carta dei valori e dei comportamenti associati

    • Favorire la pratica dei valori attraverso un gruppo di facilitatori/partecipanti che diventano testimoni/portavoce nei confronti dei colleghi circa i comportamenti definiti dai Laboratori

    • Favorire lo sviluppo di una cultura di impresa ancora più coerente con le necessità e con le sfide del mercato.


Ente bilaterale per la formazione e la qualificazione professionale progetti in esame nell incontro del 15 settembre

cantiereValori fase 2: contenuti di massima

  • Attività di Progettazione:

    • Definizione di un programma formativo che consenta ai nuovi Facilitatori di funzionare da punto di riferimento per i colleghi, per insegnare loro ad agire e diffondere i comportamenti che rendono concreti i valori

    • Definizione di un piano di comunicazione che annunci a tutti il progetto nel dettaglio (obiettivi, attori, fasi etc.)

    • Destinatari: tra 1000 e 2000 dipendenti in rappresentanza della popolazione aziendale

  • Attività di erogazione:

    • Erogazione della Formazione ai Facilitatori

    • Gestione degli incontri tra Facilitatori e i colleghi


Ente bilaterale per la formazione e la qualificazione professionale progetti in esame nell incontro del 15 settembre

Titoli e derivati:

Focus bilancio e segnalazioni


Ente bilaterale per la formazione e la qualificazione professionale progetti in esame nell incontro del 15 settembre

Titoli e Derivati : premessa, destinatari, obiettivi

PREMESSA

Dalla necessità di garantire una corretta internalizzazione della gestione di servizi e prodotti offerti da PI, le persone di Bancoposta e Tecnologie dell’Informazione devono acquisire (per sostenere e guidare questa evoluzione) migliori conoscenze dei servizi stessi, tali da assicurare la loro piena autonomia nella gestione operativa.

  • DESTINATARI, circa 15 :

  • Tecnologie dell’ Informazione;

  • BancoPosta: Finanza-Portafoglio titoli di proprietà.

  • I secondi, rispetto ai primi, hanno una migliore conoscenza degli strumenti finanziari e dell’operatività a essi correlata. In alcuni casi hanno una buona conoscenza della rappresentazione in bilancio delle attività descritte.

OBIETTIVI:

L’obiettivo generale del progetto è fornire una preparazione omogenea sulla contabilizzazione, rappresentazione in bilancio e segnalazione delle operazioni in titoli di debito e strumenti derivati, favorendo la maturazione di un linguaggio comune ai collaboratori delle due strutture.


Ente bilaterale per la formazione e la qualificazione professionale progetti in esame nell incontro del 15 settembre

Titoli e Derivati : articolazione e tempi

Il corso sarà erogato in una edizione ma in diversi moduli (in tutto n.4) a ciascuno dei quali parteciperà il target dei destinatari più adeguato.

Il corso sarà erogato entro il mese di ottobre 2009.


Ente bilaterale per la formazione e la qualificazione professionale progetti in esame nell incontro del 15 settembre

Progetto ESP

Reenginering Chiusure di Bilancio

(BI_NI_079)


Obiettivi e benefici del progetto

Obiettivi e benefici del progetto

  • Gli obiettivi possono essere articolati in due macro-filoni:

    • Migliorare la gestione contabile degli assestamenti;

    • Assecondare la contrazione dei tempi di closing.

  • In relazione a primo punto, l'obiettivo dell'iniziativa può essere sintetizzato nell‘implementazione su sistema SAP Contabile delle funzionalità di gestione degli assestamenti in base a logiche contabili (acquisizione contabile del dato, tracciatura degli assestamenti, auditabilità del dato, natività dei controlli contabili, interità della base dati) e nell'evoluzione verso soluzioni SAP standard.

  • Rispetto al secondo punto, i tempi del closing sono sempre più contratti, con una sensibile riduzione delle scadenze, per necessità di adeguamento ai sempre più stringenti obblighi normativi. A fronte di ciò, il beneficio atteso dalla realizzazione progettuale è di far convergere processi e tempistiche operative rispetto alle esigenze normative e degli attori coinvolti, al fine di gestire chiusure affidabili e nel rispetto delle nuove e sfidanti tempistiche.


Il piano formativo obiettivi

Il piano formativo - obiettivi

L’iniziativa formativa si pone l’obiettivo di:

- consentire ai partecipanti di svolgere in modo autonomo le attività di registrazione di prima nota contabile nell’ambiente SAP/R3 in riferimento agli assestamenti di propria competenza e descrivere le funzionalità offerte dal Sistema SAP R/3 per eseguire in modo efficace ed efficiente le attività di rilevazione contabile richieste alla luce degli aggiornamenti funzionali introdotti nel relativo modulo SAP con il progetto ESP.

- applicare, nei tempi richiesti, la nuova procedura a partire dalla chiusura contabile di settembre 2009


Il piano formativo struttura

Il piano formativo - struttura

  • Il Piano Formativo prevede l’erogazione del seguente corso:

    • Acquisizione Assestamenti Infrannuali in ambiente Contabile Parallelo (1g.)

  • per un totale di 19 EDIZIONI e 15 giornate di formazione.

  • Destinatari

    230 risorse appartenenti alle funzioni centrali e territoriali di: AC / MP* / SP* / TA / BP / PS / CRI / CSQ / CP / FIL / TI / RUO / CI / ACQ / IM

    Sede dei corsi:

    Centro di Formazione di Poste Italiane a via Lenin, Roma

    Tempi di realizzazione:

    I corsi si svolgeranno nel mese di settembre 2009

    (*) le strutture di MP e SP provvederanno ad effettuare le necessarie attività di deployment interne


    Formazione specialistica ict microsoft ibm italtel

    Formazione specialistica ICT Microsoft / IBM / Italtel

    Corsi di formazione per l’adeguamento delle competenze specialistiche ICT in ambito TI


    Contesto ed obiettivi

    Contesto ed obiettivi

    • I servizi e i prodotti di Poste sono in continua evoluzione in base alle richieste del mercato.

    • I sistemi tecnologici, infrastrutture e sistemi, per fornire supporto e servizi al business necessitano di essere continuamente aggiornati ed estesi con nuove soluzioni sempre più performanti.

    • Le tecnologie di fatto hanno cicli evolutivi ad elevata frequenza.

    • Tra le piattaforme applicative utilizzate e consolidate nel tempo ci sono quelle Microsoft, IBM e più di recente Italtel, la cui presenza è estesa e distribuita sul territorio.

    In una logica di estensione di insourcing delle competenze specialistiche ICT del personale applicato ai settori tecnologici, vi è la necessità continua e costante di adeguare tali competenze.


    Il piano formativo microsoft

    Il piano formativo Microsoft

    • Il Piano Formativo prevede l’erogazione dei seguenti corsi:

      • Updating your Applications Infrastructure Technology Skills to Windows Server 2008 (3g.)

      • "Updating your network infrastructure tehnology Skills to Windows server 2008“(3g.)

      • "Configuring and troubleshooting internet information services in Windows server 2008(3g.)

  • per un totale di 5 EDIZIONI e 15 giornate di formazione.

  • Destinatari

    60 risorse appartenenti alle funzioni centrali e territoriali di TI

    Sede dei corsi:

    Sedi dei fornitori a Roma

    Tempi di realizzazione:

    I corsi si svolgeranno dal 14 settembre al 15 ottobre 2009


    Il piano formativo ibm

    Il piano formativo IBM

    • Il Piano Formativo prevede l’erogazione dei seguenti corsi:

      • Essentials of Rational ClearCase UCM for Windows V7.0 (1g.)

      • Configuration Management with IBM Rational ClearCase UCM V7.0 (2g.)

      • Java SE 5 Programming Fundamentals (5g.)

  • per un totale di 3 EDIZIONI e 8 giornate di formazione.

  • Destinatari

    36 risorse appartenenti alle funzioni centrali di TI

    Sede dei corsi:

    Sede del fornitore a Roma

    Tempi di realizzazione:

    I corsi si svolgeranno nel mese di settembre 2009


    Il piano formativo italtel

    il piano formativo ITALTEL

    • Il Piano Formativo prevede l’erogazione dei seguenti corsi:

      • Sistemi di Gestione e Provisioning della Soluzione VOIP Italtel (2,5g.)

      • Sistemi di Gestione e Provisioning della Soluzione VoIP Italtel iSSW - Modulo 1 (4 gg.)

      • Sistemi di Gestione e Provisioning della Soluzione VoIP Italtel iSSW - Modulo 2 (4,5 gg.)

      • Sistemi di Gestione e Provisioning della Soluzione VoIP Italtel iSSW - Modulo 3 (4 gg.)

    • per un totale di 4 EDIZIONI e 15 giornate di formazione.

    Destinatari

    45 risorse appartenenti alle funzioni centrali e territoriali di TI

    Sede dei corsi:

    Centro di Formazione di Poste a Roma

    Tempi di realizzazione:

    I corsi si svolgeranno nei mesi di settembre, ottobre e novembre 2009


    Ente bilaterale per la formazione e la qualificazione professionale progetti in esame nell incontro del 15 settembre

    Percorso Istituzionale

    Giovani Laureati


    Il percorso

    Il percorso

    Il percorso Istituzionale Giovani Laureati è finalizzato a favorire la professionalizzazione di circa 250 persone (assunte dal 2006 a dic 2008) provenienti da tutte le strutture di Poste Italiane.

    3° MODULO (1 gg)

    La percezione dell’Auto-efficacia

    Le strategie di pensiero

    • 1° MODULO (2gg)

    • Scenario

    • GdLTvR

    • RUO per i GL

    • GDL TvR

    2° MODULO (3gg)E&Y

    Auto-diagnosi

    delle competenze

    Preparazione metodologica

    interviste

    Metodologia Gdl

    Tecniche di reporting e di

    presentazione

    4° MODULO

    Soste Guidate (4 settimane)

    (presso unità operative: UP, CMP,

    CDP, Contact Center e CUAS)

    5° MODULO (1 gg)

    Plenaria dei report


    La squadra dei coach aziendali

    La squadra deiCoach aziendali


    Lo sviluppo del coaching in poste italiane

    Lo sviluppo del coaching in Poste Italiane

    30


    Processo operativo

    Processo operativo

    31

    0


    Ente bilaterale per la formazione e la qualificazione professionale progetti in esame nell incontro del 15 settembre

    Ipotesi di planning

    Selezione

    A t t i v i t à

    Durata del corso per partecipante: 16 giornate, pari a 125 h di corso +7h di test on-line

    Percorso formativo

    durata: 8-10 mesi

    Pratica di coaching

    durata: 4-5 mesi

    Mentorship

    durata: 3-4 mesi

    Certificazione ICF 1°livello ACC

    Progetti di Internal Coaching

    Certificazione ICF 2° livello PCC

    1 mese dalla selezione - 10 mesi dall’avvio percorso

    1 mese dal termine percorso – 16-18 mesi

    2009


    Ente bilaterale per la formazione e la qualificazione professionale progetti in esame nell incontro del 15 settembre

    Percorso formativo

    Sviluppo delle competenze dei componenti del Comitato Pari Opportunità Regionali


    Ente bilaterale per la formazione e la qualificazione professionale progetti in esame nell incontro del 15 settembre

    Scenario e obiettivi

    Scenario

    Il Progetto è nato dall’esigenza di realizzare un corso di formazione che affinasse le competenze utili per i componenti del comitato.

    Ciò in attuazione a quanto definito nel ‘Piano di attività e di indirizzo del CPO di Poste Italiane S.p.A.

    • Obiettivi

    • approfondire le conoscenze normative (in tema di pari opportunità e per l’accesso ai fondi pubblici)

    • migliorare le competenze comunicative delle partecipanti nello svolgimento delle attività del Comitato

    • fornire tecniche e metodi per un’efficace gestione delle riunioni

    • sviluppare un adeguato approccio negoziale per valorizzare i vantaggi di una reale cooperazione e integrazione tra le parti

    • potenziare la capacità di definire e risolvere i problemi in tema di pari opportunità

    • fornire le basilari conoscenze sulle nuove tecnologie dell’informazione e della

    • comunicazione


    Ente bilaterale per la formazione e la qualificazione professionale progetti in esame nell incontro del 15 settembre

    Architettura del progetto

    Destinatari : circa 500 componenti Comitato Pari Opportunità Regionale

    Numero delle Giornate: totale 10 giornate d’aula

    Numero delle ore: 70

    Periodo di realizzazione: 2009-2010

    Docenti: interni e esterni


    Il percorso formativo

    Il percorso Formativo

    FormazioneTecnico Professionalizzante

    - tot. 6 giornate -

    Formazione Comportamentale

    - tot. 4 giornate -

    • 1° MODULO

    • (2 giornate)

    • Comunicazione

    • e sviluppo delle competenze relazionali

    • La gestione efficace delle riunioni e il lavoro in team

    • Quadro globale

    • legislativo-normativo

    • relativo a:

    • tematiche

    • di Pari Opportunità

    • (1 giornata)

    • all’accesso

    • ai finanziamenti

    • pubblici in materia

    • di pari opportunità

    • (1 giornata)

    • 2° MODULO

    • (2 giornate)

    • Negoziare con successo in tema di pari opportunità

    • Problem solving: metodi e strumenti

    Le nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione

    (4 giornate)

    Totale percorso: n.10 giornate


    Ente bilaterale per la formazione e la qualificazione professionale progetti in esame nell incontro del 15 settembre

    Progetto formativoGenerare innovazioneDai metodi creativi all’elaborazione dei concept di prodotto

    Creatività è trovare nessi nuovi tra cose note


    Obiettivi

    Obiettivi

    Il progetto, rivolto a circa 15 professional delle funzioni Marketing, Commerciali e 15 professional delle funzioni Operation del Gruppo Poste Italiane con le seguenti finalità:

    • acquisire strumenti per generare in modo continuo innovazione nelle diverse attività presidiate in funzione delle strutture di appartenenza

    • alimentare il pensiero divergente

    • favorire la diffusione di pratiche comuni nella valutazione della fattibilità ed efficacia delle pre-soluzioni (metodo convergente)

    • generare un effetto moltiplicatore e diffondere un clima di possibilità attraverso il trasferimento della competenza di innovazione

    • generare integrazione tra le funzioni coinvolte nei processi di innovazione, attraverso l’esperienza formativa comune e la condivisione di strumenti e linguaggi


    Il link con la committenza

    Il link con la committenza

    • In uno specifico workshop con i 2^ livelli vengono esplicitati gli obiettivi formativi e definite le aspettative della committenza.

    • Saranno individuate con chiarezza le linee guida che i partecipanti rispetteranno nella realizzazione dei concept di innovazione (il workshop con la committenza dovrà essere fatto al più tardi prima di iniziare il modulo Execution).

    • Alla conclusione del progetto, gli output prodotti saranno verificati in termini di coerenza verso le aspettative esplicitate nel workshop di start-up.


    Moduli formativi

    Moduli formativi

    • Il programma formativo si articola in 4 moduli (6,5 gg)

    • Kick Off con i capi 13 luglio 2009

    Pratica

    Analogia

    Contenuto

    Presentazione soluzioni prodotte

    2 gg

    3 x ½ gg

    Learning tour

    EXECUTION

    1 gg

    1 g

    ARTI E MESTIERI

    TECNICHE PER INNOVARE

    1 gg

    PROJECT WORK

    A DISTANZA

    1a edizione Marketing/ 22 settembre ½ g Arti e Mestieri

    23 settembre ½ g Learning tour 19 e 5 novembre ½ g (da definire)

    Un’ulteriore ½ giornata per contestualizzare il percorso e ricevere commitment da parte dei capi (da definire)

    Commerciale

    15 - 16 settembre

    23 settembre ½ gArti e Mestieri

    6 ottobre 1 gArti e Mestieri

    Commerciale

    15 - 16 settembre

    23 settembre ½ gArti e Mestieri

    6 ottobre 1 gArti e Mestieri

    2a edizione Operation – da pianificare, dall’autunno 2009


    Ente bilaterale per la formazione e la qualificazione professionale progetti in esame nell incontro del 15 settembre

    Facility Project

    Intervento formativo per

    Facility di Immobiliare


    Premessa1

    Premessa

    • All’interno della funzione Immobiliare è stato definito, ed è tuttora in corso di implementazione sulle 9 Aree Immobiliari, un nuovo modello organizzativo della struttura di Agency/Facility.

    • Questa struttura ha la responsabilità di:

    • assicurare la definizione e l’applicazione di standard per la gestione dei servizi di edificio, di manutenzione ordinaria e straordinaria e delle utenze con l’obiettivo di ottimizzare i relativi costi;

    • garantire, inoltre, l’elaborazione e il monitoraggio dei Service Level Agreement, attraverso il controllo operativo degli interventi e dei costi di manutenzione;

    • Questo modello organizzativo, che ha il suo impatto principale a livello territoriale, è stato costruito per raggiungere i seguenti obiettivi generali:

    • maggiore soddisfazione del Cliente Interno

    • miglioramento e mantenimento del livello elevato dei servizi offerti

    • ottimizzazione dei processi, delle risorse e dei costi nel Facility


    Obiettivi1

    Obiettivi

    • Per favorire questo cambiamento si reputa necessario:

    • passare da un modello basato su verifiche delle prestazioni dei fornitori ad uno più flessibile, volto all’ottimizzazione delle prestazioni grazie alla sinergia e alla condivisione con i fornitori stessi

    • sviluppare un’attenzione maggiore verso le esigenze dei clienti interni, che viene misurata attraverso un sistema di Customer Satisfaction

    • acquisire un nuovo metodo nella pianificazione delle attività

    • dedicare una maggiore attenzione alla gestione dei costi.

      Per poter svolgere appieno il mestiere secondo il nuovo modello sono richieste infatti maggiori e più efficaci capacità:

      nella gestione della relazione/comunicazione con clienti interni e fornitori

       nella risoluzione dei problemi, che tenga conto dei possibili vincoli all’interno dei quali il BM si muove (budget, tempi, opzioni tecniche)

       nel pianificare con metodo il lavoro quotidiano e nell’accrescere la sensibilità sul versante costi di gestione/budget disponibili.


    Ente bilaterale per la formazione e la qualificazione professionale progetti in esame nell incontro del 15 settembre

    Architettura percorso formativo AF

    L’ipotesi del percorso formativo è stata costruita scegliendo l’architettura e le metodologie volte ad ottenere un completo coinvolgimento di tutti gli attori presenti nel processo di Facility delle Aree Immobiliari.

    CANALE

    Start-up

    videoconferenza

    La gestione dei casi operativi

    La gestione delle competenze manageriali

    Aula

    Facility Box

    Pre aula

    La Gestione dei Collaboratori

    Aula

    Laboratorio AF

    Strumenti Multimediali

    Remind Piano d’azione

    FOLLOW UP 1

    FOLLOW UP 2

    videoconferenza

    FOLLOW UP 3

    videoconferenza

    FOLLOW UP di chiusura percorso (AF – BM)


    Ente bilaterale per la formazione e la qualificazione professionale progetti in esame nell incontro del 15 settembre

    Architettura percorso formativo BM

    L’ipotesi del percorso formativo è stata costruita scegliendo l’architettura e le metodologie volte ad ottenere un completo coinvolgimento di tutti gli attori presenti nel processo di Facility delle Aree Immobiliari.

    CANALE

    videoconferenza

    Deployment

    La gestione dei casi operativi

    Aula

    Facility Box

    VV&P

    Laboratorio BM

    Strumenti Multimediali

    Remind Piano d’azione

    FOLLOW UP 1

    FOLLOW UP 2

    videoconferenza

    FOLLOW UP 3

    videoconferenza

    FOLLOW UP di chiusura percorso (AF – BM)


    Competenze relazionali e comportamentali per il colloquio in azienda

    Competenze relazionali e comportamentali per il colloquio in azienda


    Premessa2

    Premessa

    • L’importanza e la delicatezza del colloquio in azienda richiede un percorso formativo organico e condiviso, al fine di sviluppare conoscenze, competenze e comportamenti adeguati per le persone che dovranno gestire in maniera sempre più diversificata questa importate attività relazionale.

    • Nel passato sono già stati realizzati diversi incontri formativi sul tema del colloquio, tuttavia emerge che la crescita professionale su questo tema sia tuttora lasciata più alla esperienza e alla proattività del singolo che all’orientamento verso un modello comune. Questa situazione provoca grande impegno per chi gestisce il colloquio ma anche disomogeneità nelle modalità di approccio.

    • Queste motivazioni ci hanno indotto a riflettere su un progetto formativo che coinvolgerà risorse sia a livello Centrale sia a livello Territoriale con percorsi distinti per l’esperienza accumulata:

    • junior (15 persone, da selezionare e formare sulla gestione del colloquio)

    • esperti (25 persone, che abitualmente già conducono colloqui).


    Obiettivi e aspetti metodologici

    Obiettivi e aspetti metodologici

    • Obiettivi specifici dei percorsi:

    • acquisizione delle nozioni specialistiche di base

    • acquisizione di modalità omogenee di gestione del colloquio

    • utilizzo di strumenti specifici (report, griglie di raccolta informazioni, etc.)

    • incremento della consapevolezza sulle variabili in gioco (sia oggettive che soggettive) che influenzano l’andamento del colloquio

    • sviluppo di competenze e comportamenti adeguati alla natura del colloquio

    • In questo contesto, sarà di importanza rilevante l’istituzione dei gruppi di lavoro, sia a livello territoriale che centrale (in fase di follow-up e a regime) che consentano lo scambio delle migliori pratiche.


    Il percorso formativo1

    Il percorso Formativo

    • Modulo base 1gg

    • (solo junior )

    • Testimonianza interna

    • Il colloquio come relazione

    • Le diverse tipologie di colloquio

    • (Role play e casi)

    Follow up

    1g (solo junior )

    Ripresa contenuti del modulo base

    (Autocasi)

    Dopo 20 gg di operatività

    Follow up

    1g

    3 mesi

    Follow up

    1g

    fine maggio

    Follow up

    1g

    fine novembre

    Follow up

    1g

    Ripresa contenuti del modulo didattico

    (Autocasi)

    Pratica

    (affiancamento con tutor esperto sul tema)

    Modulo tematico

    1 g

    Casi e Role Play

    costruiti ad hoc

    Dopo 20 gg

    Intranet aziendale

    Forum sollecitato dai docenti e dai tutor

    Piattaforma di scambio informazioni e materiali


    Business writing

    Business Writing

    Seminario

    Le parole al lavoro


    Ente bilaterale per la formazione e la qualificazione professionale progetti in esame nell incontro del 15 settembre

    Business Writing: seminario Le parole al lavoro

    • Acquisire nuovi strumenti che agevolino la scrittura professionale• Stabilire una relazione efficace con il destinatario utilizzando i principi della PNL • Affinare le capacità di sintesi e di chiarezza • Sperimentare alcune possibili strutture testuali sulla base dei diversi obiettivi proposti

    Obiettivi

    Circa 40 persone operanti principalmente all’interno di Strutture di staff di MP e di SP del Territorio Lombardia. Le risorse, appartenenti a diversi livelli, (A1, A2, B ,C e D ) svolgono la propria attività a contatto diretto con clienti esterni o interni e hanno necessità di affinare le proprie competenze relazionali, con particolare riferimento alla scrittura professionale.

    Target


    Avanzato

    Business Writing: seminario Le parole al lavoro

    Avanzato

    Livello

    In aulaEsercitazioni scritte, singole ed in sottogruppo Discussione finale

    Modalità di erogazione

    Due giornate, in orario di lavoro

    Durata

    Interni

    Docenti

    Circa n° 40 risorse di Staff di MP e SP

    Partecipanti

    Lombardia

    Territorio


    Ente bilaterale per la formazione e la qualificazione professionale progetti in esame nell incontro del 15 settembre

    La Task force per

    lo sviluppo degli A1 Professional in

    Poste Italiane


    Premessa3

    Premessa

    La vicina liberalizzazione del mercato postale e le turbolenze economiche internazionali richiedono alle aziende scelte strategiche adeguate per mantenere il proprio vantaggio competitivo, raggiungere gli obiettivi di business e generare valore.

    In azienda circa 1600 A1 ProfessionalMaster rivestono un ruolo chiave, svolgendo attività di alto contenuto specialistico e di responsabilità con ampio grado di autonomia.

    Questo target in questo particolare momento storico necessita si un supporto formativo e di sviluppo finalizzato a un ulteriore rinforzo delle competenze ritenute cruciali per lo svolgimento delle attività lavorative.

    A tal fine, si propone un intervento formativo dedicato ad un nucleo di 15 persone di RUO per la gestione delle azioni formative e di sviluppo da rivolgere ai 1600 A1 Professional Master .


    Ente bilaterale per la formazione e la qualificazione professionale progetti in esame nell incontro del 15 settembre

    Articolazione del percorso

    L’obiettivo del percorso è di permettere al gruppo in formazione di mettere in campo azioni di sviluppo e formazione rivolte alla popolazione degli A1 Professional Master.

    Lo sviluppo delle Risorse Umane in Poste Italiane

    1 g

    Gli strumenti per la conduzione dell’analisi

    1,5 gg

    La gestione dei feedback e la costruzione del piano d’azione personale

    1,5 gg

    Il trasferimento degli apprendimenti sul campo

    (action learning)

    2,5 gg

    Formazione formatori per il trasferimento del know how

    1,5 gg

    3 mesi dall’inizio delle attività didattiche


    Progetti servizi postali

    Progetti Servizi Postali


    Ente bilaterale per la formazione e la qualificazione professionale progetti in esame nell incontro del 15 settembre

    Procedura Gestione furto/smarrimento

    Posta Registrata


    Procedura gestione furto smarrimento posta registrata

    Procedura Gestione furto/smarrimento Posta Registrata

    • Obiettivi

    Gestire in maniera adeguata le situazioni di furto e smarrimento della posta registrata durante tutte le fasi lavorative del processo postale dei prodotti di posta registrata (dall’accettazione alla consegna). Migliorare le prestazioni all’interno dei Centri e garantire la massima qualità nella risposta ai clienti che hanno subito l’evento.

    • Struttura

      Due corsi online distinti in base al contesto aziendale, uno dedicato ai centri di smistamento (CMP e CPO) l’altro rivolto al recapito (Centri di Distribuzione).

    • Target

      Idestinatari sono: i Direttori CMP/CPO e CPD; i Responsabili Qualità; i Capi reparto e Capi turno Posta Registrata; gli Specialisti Monitoraggio Qualità e i capi squadra PTL. Per un totale di circa 4.000 risorse.

    • Prossimi passi

      E’ in via di definizione la pianificazione di dettaglio per l’erogazione dei corsi online.


    Ente bilaterale per la formazione e la qualificazione professionale progetti in esame nell incontro del 15 settembre

    Videocodifica


    Ente bilaterale per la formazione e la qualificazione professionale progetti in esame nell incontro del 15 settembre

    Il corso online sulla videocodifica

    DESCRIZIONEE’ in fase di progettazione un corso online sulla Videocodifica, che illustrerà le fasi principali del processo postale nella sua interezza e dunque le specifiche attività di videocodifica. In particolare, questo tema sarà sviluppato attraverso la presentazione di tutte le fasi in cui si articola il processo di videocodifica. Verranno descritte, inoltre, le buone prassi da mettere in campo nello svolgimento della quotidiana attività lavorativa.

    OBIETTIVIAlla base della progettazione di questo intervento formativo sono stati definiti i seguenti obiettivi:

    • fornire una panoramica del processo di lavorazione del prodotto postale e, nello specifico, del processo di videocodifica;

    • illustrare le caratteristiche della postazione di videocodifica;

    • fornire le linee guida per la corretta esecuzione delle attività di videocodifica

    • realizzare uno strumento mediante il quale i destinatari possano applicare quanto appreso in un ambiente “protetto”, confrontandosi con brevi esercitazioni che riportano fedelmente le casistiche di videocodifica più diffuse.

    DESTINATRI

    Il corso è dedicato agli Addetti alle operazioni di videocodifica presso i CMP.

    PIANIFICAZIONEApartire da giugno 2009 saranno formati 125 operatori di videocodifica presso i CMP.


    Corso per portalettere muniti di bicicletta a trazione muscolare

    Corso per portaletteremuniti di bicicletta a Trazione Muscolare

    Utilizzo e comportamento su strada


    Corso ptl muniti di bicicletta a trazione muscolare

    Corso PTL muniti di bicicletta a trazione muscolare

    Premessa

    La bicicletta a trazione muscolare è stata allestita per Poste Italiane per risultare idonea ad un uso giornaliero intenso con i carichi di posta previsti.

    • Caratteristiche:

    • Elevata robustezza e rigidità del telaio;

    • La presenza di numerose regolazioni rende l’impiego ideale per una gamma molto ampia di corporature.

    • La bicicletta è dotata di un faro anteriore a maxi led;

    • Sia il fanale anteriore che quello posteriore sono corredati da catadiottri rispettivamente bianco e rosso;

    Obiettivi del corso

    Fornire le informazioni, le istruzioni operative ed i comportamenti necessari allo svolgimento in sicurezza dell'attività lavorativa comportante l’utilizzo della bicicletta a trazione muscolare


    Destinatari e durata

    Destinatari e Durata

    L‘Azienda pone primaria importanza alla tutela e sicurezza dei lavoratori e pertanto, anche per l’utilizzo della bicicletta a trazione muscolare, fornisce ai lavoratori i dispositivi di protezione individuale (DPI) indispensabili alla tutela ed incolumità dei lavoratori

    • Destinatari (circa 860 risorse):

      • Addetti al recapito

    • Durata:

      • Modulo Formazione (1 ora, simile a quello della bicicletta a pedalata assistita)

      • Modulo Addestramento (15’ specifici sulla bicicletta a trazione muscolare)

    • Metodologia didattica:aula

    • Dimensione aule: 20/25 persone max

    • Docenti: formatori TA e addestratori SP


    Programma del corso

    Programma del corso

    • Modulo Formazione (formatori TA)

      • La Valutazione dei rischi per la mansione del portalettere a piedi e con l’uso della bicicletta;

      • Istruzioni di guida “difensiva” su strada

    • Modulo Addestramento (addestratori SP)

      • Utilizzo della bicicletta a trazione muscolare;

      • Registrazione del manubrio e della sella;

      • Dispositivo segnalazione acustica;

      • Caricamento del mezzo


    Corso per portalettere muniti di veicolo free duck

    Corso per portaletteremuniti di veicolo Free Duck

    Uso e comportamento su strada


    Corso ptl muniti di free duck

    Corso PTL muniti di Free Duck

    Premessa

    FreeDUCk è un quadriciclo elettrico o ibrido, prodotto da Ducati Energia, con velocità massima di 45 km/h, autonomia 50 km per la versione elettrica e 300 km per quella ibrida, volume di carico pari a 180 litri.

    • Vantaggi:

    • basse emissioni inquinanti (zero emissioni per il veicolo elettrico ricaricato con energia “verde”);

    • minori consumi energetici;

    • più silenzioso;

    • maggior sicurezza per l’operatore;

    • maggiori volumi di posta trasportabili;

    • stessa flessibilità d’uso di un motociclo (solo 20 cm più largo).


    Corso ptl muniti di free duck1

    Corso PTL muniti di Free Duck

    • Destinatari (circa 175 risorse sul territorio):

      • Addetti al recapito

    • Durata:

      • Modulo Formazione (1 h)

      • Modulo Addestramento (1 h)

    • Metodologia didattica:aula

    • Dimensione aule: 20/25 persone max

    • Docenti: formatori TA e addestratori SP

    Obiettivi: fornire le informazioni e le istruzioni di carattere normativo e tecnico-operativo necessarie allo svolgimento in sicurezza dell'attività lavorativa comportante l’utilizzo del veicolo Free Duck


    Corso ptl muniti di free duck programma

    Corso PTL muniti di Free Duck: programma

    • Modulo Formazione (formatori TA)

      • Valutazione dei rischi

      • Istruzioni di guida su strada

    • Modulo Addestramento (addestratori SP)

      • Utilizzo del veicolo Free Duck

      • Ricarica dei veicoli e modalità di misurazione dei consumi

      • Manutenzione del mezzo

      • Vantaggi ambientali ed energetici del veicolo


    Corso preposti per l amianto

    CorsoPreposti per l’amianto

    Centri di Distribuzione


    Corso preposti amianto di sp premessa

    Corso preposti amianto di SP: premessa

    • Da un censimento su tutto il territorio nazionale, è emerso che sono circa 1.000 le strutture edilizie aziendali interessate dalla presenza di MCA (materiale contenente amianto).

    • La maggior parte delle situazioni 83% è rappresentata da MCA del tipo “compatto” (difficile da “sbriciolare”); il rimanente 17% è del tipo “friabile” (facile da “sbriciolare”) attualmente rimosso o ove presente, ubicato in locali tecnologici poco frequentati dal personale.(caldaie,gruppi elettrogeni)

    • Il testo Unico del Decreto Legislativo 81/08 (Testo Unico) - Titolo IX, Capi III e IV: corrisponde alle disposizioni di cui al D.Lgs. 25-07-2006, n. 257 di attuazione della Direttiva 2003/18/CE, relativa alla protezione dei lavoratori dai rischi di esposizione all’amianto durante il lavoro.


    Corso preposti amianto di sp il corso e gli obiettivi

    Corso preposti amianto di SP: il corso e gli obiettivi

    Docenti

    Formatori interni TA

    Destinatari (circa 115 risorse)

    Direttori di CPD e CSD

    Durata

    1 Modulo 4 ore

    Metodologia didattica

    aula

    Dimensione aula:

    20/25 persone max

    Obiettivi

    Il corso ha lo scopo di fornire, ai Preposti-Responsabili per l’Amianto, le necessarie informazioni e disposizioni operative emanate dall’Azienda in relazione al loro ruolo all’interno dei siti di Poste Italiane contenenti MCA; per quanto concerne gli obblighi normativi ed in relazione ai comportamenti che devono attuare in caso di incidente e/o emergenza.


    Corso preposti amianto di sp programma del corso

    Corso preposti amianto di SP: programma del corso

    Programma del corso


    Preposti strutture complesse

    Preposti strutture complesse


    Preposti strutture complesse premessa

    Preposti strutture complesse: premessa

    Premessa

    Corso di formazione per Preposti che operano in reparti produttivi con un rilevante grado di “complessità” strutturale ed organizzativa e per i quali è necessaria una specifica formazione per la gestione della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro.(Dlgs. 81/08 e s.i.m.)


    Preposti strutture complesse il corso e gli obiettivi

    Preposti strutture complesse: il corso e gli obiettivi

    Destinatari:

    (circa 80 risorse)

    Capireparto CMP, Direttori CPO e CLR

    Durata

    7 ore

    Docenti

    Formatori interni TA

    Obiettivi

    Fornire le conoscenze tecnico-giuridiche utili e necessarie per assicurare, in coerenza con le linee guida definite da Tutela Aziendale, la corretta gestione operativa dei compiti affidati al “PREPOSTO ALLA SICUREZZA”:

    • Assidua e costante opera di VIGILANZA

    • Tempestiva SEGNALAZIONE delle situazioni di potenziale pericolo

    • Corretta e puntuale APPLICAZIONE delle disposizioni e procedure di sicurezza.

    Dimensione aula:

    20/25 persone max

    Metodologia didattica

    aula


    Preposti strutture complesse programma

    Preposti strutture complesse: programma


    Corso portalettere unico

    Corso Portalettere unico


    Ente bilaterale per la formazione e la qualificazione professionale progetti in esame nell incontro del 15 settembre

    Corso Portalettere Unico: premessa

    Premessa

    Corso di formazione in materia di salute e sicurezza del lavoro (D.Lgs. 81/08 e succ. modifiche) destinato ai lavoratori applicati alla mansione.


    Corso portalettere unico obiettivi del corso

    Corso Portalettere Unico: obiettivi del corso

    Obiettivi del corso

    • Fornire le informazioni e le istruzioni necessarie per lo svolgimento in sicurezza dell'attività lavorativa, in relazione sia gli aspetti normativi che a quelli riferiti ai rischi della mansione e delle conseguenti misure preventive e protettive adottate dall'azienda.

    • Adempimento D.Lgs. 81/08 e s.i.m.


    Corso portalettere unico1

    Corso Portalettere Unico

    Il corso

    • Destinatari (circa n.1.700):

      • Portalettere

    • Durata:

      • 4 h

    • Metodologia didattica:aula

    • Dimensione aule: 20/25 pers. max

    • Docenti: formatori TA


    Corso portalettere unico2

    Corso Portalettere Unico

    Programma del corso

    • La normativa

    • La valutazione dei rischi

    • I soggetti attivi in tema di salute e sicurezza del lavoro e loro competenze

    • La Sicurezza in Poste Italiane

    • La valutazione dei rischi per la mansione portalettere

    • Gli infortuni


  • Login