GLI ATTEGGIAMENTI SOCIALI
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 23

GLI ATTEGGIAMENTI SOCIALI PowerPoint PPT Presentation


  • 67 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

GLI ATTEGGIAMENTI SOCIALI. Cos’è un atteggiamento?. Una tendenza psicologica che viene espressa valutando una particolare entità con qualche grado di favore o sfavore. giudizio favorevole o sfavorevole. Persone, oggetti, idee, problemi o sé stessi. predisposizione a rispondere.

Download Presentation

GLI ATTEGGIAMENTI SOCIALI

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


Gli atteggiamenti sociali

GLI ATTEGGIAMENTI SOCIALI


Gli atteggiamenti sociali

Cos’è un atteggiamento?

Una tendenza psicologica che viene espressa valutando una particolare entità con qualche grado di favore o sfavore.

giudizio favorevole o sfavorevole

Persone, oggetti, idee, problemi o sé stessi

predisposizione a rispondere

La disposizione nei confronti di un oggetto è determinata da tre diverse tipi di informazioni collegate tra loro:

Modello tripartito di atteggiamento

conoscenze

comportamenti

affetti


Gli atteggiamenti sociali

Le funzioni degli atteggiamenti

Katz (1960) individua quattro distinti funzioni dell’atteggiamento:

Gli atteggiamenti guidano l’elaborazione delle informazioni in ingresso.

1. La funzione conoscitiva

Essi influenzano la selezione, la percezione, la valutazione e il recupero delle informazioni pertinenti con l’atteggiamento.


Gli atteggiamenti sociali

L’esposizione e l’attenzione selettiva dell’informazione

La teoria della dissonanza cognitiva

di Festinger (1957)

sostiene che le persone tendono a mantenere una sorta di equilibrio tra le proprie cognizioni e quando riscontrano eventuali discrepanze sperimentano uno stato spiacevole che funge da spinta motivazionale a ridurla.


Gli atteggiamenti sociali

Le persone cercano informazioni coerenti con le proprie cognizioni quando queste non sono ancora disponibili (esposizione selettiva) e prendono in carico l’informazione coerente, una volta che si è resa disponibile (attenzione selettiva).

gli atteggiamenti modificano la percezione e il giudizio delle informazioni rilevanti

Se non si può eludere l’informazione discrepante

gli schemi sociali guidano la codifica degli stimoli e il

recupero dell’informazione

La funzione conoscitiva può essere vista come

un’attività di tipo schematico


Gli atteggiamenti sociali

Codifiche e recupero di informazioni dalla memoria:

atteggiamenti bipolari e monopolari

Sia i soggetti favorevoli sia i soggetti contrari hanno tante informazioni su un determinato argomento

e ricordano bene le informazioni coerenti con l’atteggiamento ma anche

quelle che lo contraddicono.

Gli argomenti sono tanto più noti tanto più il soggetto ha un atteggiamento di favore verso il tema in questione e

conseguentemente vi è un apprendimento selettivo e un miglior ricordo delle informazioni di riferimento.

La funzione conoscitiva degli atteggiamenti è fondamentalmente cognitiva e adattiva!


Gli atteggiamenti sociali

2. Funzione egodifensiva

Atteggiamenti possono proteggere il soggetto dai sentimenti negativi rivolti al Sé,

proiettandoli su altre persone.

Meccanismo di difesa che opera per proteggere l’individuo da conflitti interni o da verità spiacevoli.

3. Funzione di espressione dei valori

Attraverso gli atteggiamenti le persone esprimono i propri valori fondamentali e mettono in luce il loro vero Sé, le loro opinioni, convinzioni e sentimenti.

4. Funzione strumentale e di adattamento sociale

Contraddistingue quegli atteggiamenti che consentono alle persone di raggiungere particolari obiettivi ed evitare risultati spiacevoli.


Gli atteggiamenti sociali

Quel che penso e quel che faccio, ovvero la relazione tra atteggiamenti

e comportamento

Il contesto sociale influenza la relazione tra atteggiamenti e comportamento in modo tale che non sempre l’avere un atteggiamento di favore/sfavore porta ad agire in accordo con le proprie opinioni.


Gli atteggiamenti sociali

Uno studio classico di La Piere (1934):

Negli Stati Uniti una coppia di cinesi visitò più di 200 alberghi e ristoranti: solo una volta la coppia di cinesi ricevette un netto rifiuto a essere ospitata.

Sei mesi dopo, La Piere inviò una lettera agli alberghi e ai ristoranti visitati in cui chiedeva se servissero clienti cinesi. Il 92% di esercenti si dichiarava indisponibile ad accogliere i cinesi.

Al loro pregiudizio razziale non seguiva un

comportamento discriminatorio.


Gli atteggiamenti sociali

Correlazione tra atteggiamenti comportamento

L’esigenza di indici di atteggiamento specifici.

Generalmente c’è una differenza nel livello di generalità/specificità tra le misure di atteggiamento e comportamento.

Solitamente il comportamento che si vuole prevedere è altamente specifico, mentre…

la misura dell’atteggiamento che dovrebbe fungere da predittore è spesso generica.


Gli atteggiamenti sociali

Se un atteggiamento è effettivamente in grado di prevedere un comportamento bisogna partire dall’analisi delle valutazioni specifiche che un individuo dà delle azioni che si sta cercando di prevedere.

Nella relazione atteggiamento-comportamento bisogna distinguere due differenti condizioni:

quando il comportamento è volontario e pianificato

quando il comportamento è spontaneo e automatico


Gli atteggiamenti sociali

Intenzioni e comportamento

Gli elementi di aggancio tra atteggiamenti e azioni sono le dichiarazioni di intenzioni comportamentali in circostanze specifiche.

Come gli atteggiamenti possono guidare il comportamento attraverso una ponderata valutazione delle intenzioni è spiegato dalla…

Indicatori affidabili nei modelli di previsioni


Gli atteggiamenti sociali

teoria dell’azione ragionata di Fishbein e Ajzen (1975)

Ciò che ci si propone di fare è la determinante principale di ciò che si fa.

Le principali determinanti dell’intenzione comportamentalesono:

l’atteggiamento verso il comportamento

norme soggettive

credenze su come gli altri giudicano quel comportamento

è una valutazione personale


Gli atteggiamenti sociali

Per prevedere comportamenti il cui esito non è del tutto sotto il controllo volitivo, la teoria del comportamento pianificato (Ajzen, 1988; 1991) introduce un nuovo antecedente delle intenzioni, il controllo comportamentale percepito

La fiducia che un individuo ha di essere in grado di portare a termine con successo un compito specifico.

  • La teoria del comportamento pianificato è stata utilizzata con successo per spiegare i dati di ricerche:

  • sulla perdita di peso,

  • sulla frequenza degli studenti a lezione,

  • sul consumo di alcol,

  • sugli allenamenti sportivi, etc.


Gli atteggiamenti sociali

Un’evoluzione dei modelli di previsione del comportamento è avanzata da Bagozzi e Warshaw [1990] il cui proposito è di analizzare gli scopi comportamentali.

Quando si considerano gli scopi, tra l’intenzione e l’esecuzione del comportamento possono intervenire fattori aggiuntivi, quali

il grado in cui l’individuo cerca di raggiungere lo scopo.

Il provare è la manifestazione

comportamentale dell’intenzione dell’individuo.

Teoria del provare

Il provare a raggiungere uno scopo è determinato dall’intenzione di provare, che a sua volta è determinata dall’atteggiamento e dalla norma sociale verso il provare.


Gli atteggiamenti sociali

L’atteggiamento viene pensato come: “atteggiamenti verso…”

a) aver successo nel raggiungere uno scopo;

b) fallire nel raggiungere uno scopo;

c) il processo che conduce al successo o la fallimento,

Nella teoria del provare vengono incorporati anche gli effetti del comportamento passato.

Le variabili considerate sono

recenza passata

frequenza passata

Influenza direttamente il provare e può indurre dei bias riguardanti l’effetto della disponibilità e l’ancoraggio.

Influenza l’intenzione di provare e il provare stesso


Gli atteggiamenti sociali

L’accessibilità dell’atteggiamento

Il modello Motivation and Opportunity as Determinants (MODE)

Concepisce l’atteggiamento come un’associazione esistente in memoria tra un dato oggetto e la valutazione che detiene la persona su di esso.

l’accessibilità dell’atteggiamento è la loro forza di associazione

Più l’atteggiamento è velocemente accessibile dalla memoria tanto più guiderà i processi cognitivi e influenzerà il comportamento.

Gli atteggiamenti accessibili influenzano le percezioni dell’oggetto di atteggiamento, favorendo i giudizi coerenti con gli atteggiamenti circa informazioni rilevanti.


Gli atteggiamenti sociali

Il modello MODE individua due differenti percorsi che collegano atteggiamento specifico-comportamento

modalità di

elaborazione volontaria

modalità di

elaborazione spontanea

è caratterizzato da sforzo cognitivo

l’accessibilità

è una variabile cruciale

motivazioneeopportunitàsono condizioni fondamentali affinché gli atteggiamenti governino il comportamento

solo gli atteggiamenti facilmente accessibili possono essere attivati automaticamente e influenzare il

comportamento

Timore dell’errore


Gli atteggiamenti sociali

Quali atteggiamenti consentono di prevedere il comportamento?

Condizioni ideali per riscontrare una forte relazione tra cognizione e comportamento:

atteggiamenti forti sono più accessibili

atteggiamenti più volte messi in pratica

Gli atteggiamenti rispetto a un ambito sul quale l’individuo ha un’ampia preparazione influenzano il comportamento.

Anche il modo in cui si formano gli atteggiamenti è determinante:

Importante è l’esperienza diretta

L’importanza dell’oggetto di atteggiamento


Gli atteggiamenti sociali

Gli atteggiamenti impliciti

Atteggiamenti espliciti

Atteggiamenti impliciti

cognizioni spontanee

e inconsapevoli che non sostituiscono, ma si affiancano e coesistono con

quelle esplicite

valutazioni e opinioni che le persone detengono

esplicitamente e consapevolmente

Come indagare le valutazioni automatiche?

Attraverso tecniche implicite, che sono maggiormente indipendenti dalla desiderabilità sociale e norme contestuali.


Gli atteggiamenti sociali

La logica di queste misure si basa sull’inferenza di atteggiamenti e associazioni cognitive a partire dalla rilevazione dei tempi di risposta dei partecipanti in compiti di categorizzazione o di decisione lessicale.

Alcune tecniche implicite:

priming semantico

l’Implicit Approach Avoidance Task (IAAT)

tecnica del priming affettivo

misura l’influenza di uno stimolo prime sull’elaborazione di uno stimolo, immediatamente successivo,detto target.

I tempi per stabilire che una data parola target ha una valenza negativa o positiva vengono influenzati dalla valenza che viene soggettivamente associata allo stimolo prime.


Gli atteggiamenti sociali

Il modello di valutazione associativa e proposizionale (APE)

  • Atteggiamenti impliciti ed espliciti possono essere compresi a partire dai loro processi sottostanti:

  • i processi associativi per gli atteggiamenti impliciti

  • i processi proposizionali per gli atteggiamenti espliciti.

I processi associativi sono reazioni affettive e automatiche, risultato di particolari associazioni attivate automaticamente quando un individuo incontra uno stimolo pertinente.

  • pattern di attivazione: l’attivazione delle particolari associazioni in memoria è determinata dalla combinazione di

  • una struttura preesistente di associazioni in memoria e

  • una configurazione di stimoli in input


Gli atteggiamenti sociali

Per i processi proposizionali le valutazioni ottenute

attraverso loro sono caratterizzate da giudizi valutativi

basati su inferenze sillogistiche derivate da qualsiasi genere di informazione considerata attinente per un determinato giudizio.

  • La più importante caratteristica che differenzia i processi associativi dai processi proposizionali è:

  • i primi si verificano a prescindere dal fatto che una persona consideri l’associazione vera o falsa;

  • i secondi, invece, hanno bisogno di una conferma delle valutazioni e delle credenze.


  • Login