IL RIMPATRIO VOLONTARIO ASSISTITO
Download
1 / 41

Capofila Partner: - PowerPoint PPT Presentation


  • 77 Views
  • Uploaded on

IL RIMPATRIO VOLONTARIO ASSISTITO Ritornare, volontariamente. Per ricominciare. Fase 3. Informazione e formazione dei componenti del network Az. 3.3. SESSIONE INFORMATIVA Consiglio Territoriale per l’Immigrazione Prefettura – UTG di FIRENZE 20 maggio 2010 ore 10.30

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Capofila Partner:' - theola


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript

IL RIMPATRIO VOLONTARIO ASSISTITO

Ritornare, volontariamente. Per ricominciare.

Fase 3. Informazione e formazione dei componenti del network Az. 3.3.

SESSIONE INFORMATIVA

Consiglio Territoriale per l’Immigrazione

Prefettura – UTG di FIRENZE

20 maggio 2010 ore 10.30

Maria Giovanna Fidone e Valeria Carlini, CIR Onlus, partner Prog NIRVA

Antenna NIRVA in Toscana

Carla Olivieri, AICCRE capofila progetto NIRVA, resp progetto

Capofila Partner:


  • Il Fondo europeo per i Rimpatri

  • RVA che cos’è e come si è sviluppato in Italia e quanto costa

  • Il progetto NIRVA

  • La Rete NIRVA

  • Il Kit informativo NIRVA

  • Come si attua il RVA in Italia, il progetto PARTIR

  • Segnalazione dei casi

  • Riferimenti


  • Già dal 1991, in Italia, si sono realizzati programmi di sostegno al ritorno volontario e alla reintegrazione nei paesi di origine principalmente con finanziamenti del Governo. Dal 2009 si attuano con il

  • Fondo Europeo per i Rimpatri - FR

  • ISTITUITO CON Decisione n. 575/2007/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 23 maggio 2007 (G.U. dell’Unione Europea Legge 144/45 del 6.6.2007), per il periodo 2008/2013

  • E’ uno dei 4 fondi ambito programma “Solidarietà e gestione di flussi migratori”

  • (accanto al Fondo Europeo per i Rifugiati – FER; Fondo Europeo per l’Integrazione di cittadini di Paesi Terzi – FEI; Fondo Europeo per le Frontiere Esterne)

  • Il FR finanzia interventi strutturati sia in Italia che a livello europeo per

  • sostenere gli sforzi compiuti dagli Stati membri per migliorare la gestione dei rimpatri in tutte le sue dimensioni, sulla base del principio di una loro possibile gestione integrata del problema.

  • - promuovere un’applicazione efficace ed uniforme delle norme comuni concernenti il rimpatrio conformemente all’evoluzione della politica condotta in tale settore nel pieno rispetto dei principi umanitari e della loro dignità.


  • Fondo Europeo per i Rimpatri – FR sostegno al ritorno volontario e alla reintegrazione nei paesi di origine principalmente con finanziamenti del Governo. Dal 2009 si attuano con ilè destinato:

  • sia alla realizzazione di Ritorni Volontari Assistiti, attraverso bandi annuali rivolti ad organizzazioni, associazioni, ONG, enti locali, ecc., per l’attuazione di azioni di sistema (Autorità Responsabile: Ministero dell’Interno – Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione, Direzione Centrale per i Servizi per l’Immigrazione e l’Asilo)

  • che alle operazioni di Ritorno Forzato attuate esclusivamente dalle autorità italiane (Autorità Responsabile: Ministero dell’Interno-Dipartimento di Pubblica Sicurezza).


Fondo Europeo per i Rimpatri - FR sostegno al ritorno volontario e alla reintegrazione nei paesi di origine principalmente con finanziamenti del Governo. Dal 2009 si attuano con il

I progetti a valenza di sistema finanziati nel programma 2008 per il RVA:

RACINE (az. 1.1.1 e 1.1.2)– mappatura e sensibilizzazione di comunità di migranti in IT (concluso a febbraio 2010, l’azione finanziata dai fondi 2009 proseguirà nel 2010)

PARTIR (az. 1.2.1)– realizzazione percorsi di Rimpatrio Volontario Assistito

(conclusione I fase a giugno 2010, l’azione finanziata dai fondi 2009 proseguirà da maggio - giugno 2010 appena conclusa la selezione)

NIRVA (az. 3.1.1.)– Rete Nazionale Rimpatri

(conclusione I fase, giugno 2010; la II fase, finanziata dai fondi 2009, proseguirà da luglio 2010)


Ritorno Volontario Assistito (RVA) sostegno al ritorno volontario e alla reintegrazione nei paesi di origine principalmente con finanziamenti del Governo. Dal 2009 si attuano con il

COS’E’

Il Ritorno Volontario Assistito è la possibilità di ritornare in modo volontario e consapevole nel proprio paese di origine; tale possibilità, che prevede un aiuto logistico e finanziario per il viaggio e la reintegrazione, viene offerta - su base individuale e personalizzata - solo a quei migranti che, caratterizzati da elementi di vulnerabilità, non possono o non vogliono restare nel Paese ospitante e che desiderano spontaneamente ritornare nel proprio Paese d´origine.


Ritornare, volontariamente. Per ricominciare sostegno al ritorno volontario e alla reintegrazione nei paesi di origine principalmente con finanziamenti del Governo. Dal 2009 si attuano con il

RVA che cos’è ……..elementi fondanti

La scelta del migrante o della migrante di ritornare nel proprio Paese d’origine come possibile opzione del processo migratorio è l’imprescindibile premessa dello strumento del “Ritorno Volontario Assistito - RVA”. L’informazione preliminare il sostegno e l'assistenza, dalla preparazione del viaggio sino all’avvio di un processo di reintegrazione socio-lavorativa nel Paese di origine, ne sono necessario corollario.

Il concetto di ritornoche il FR ed il progetto NIRVA promuove, ha infatti la sua essenza nel termine "volontario" che indica una scelta consapevole, nata dal desiderio della persona di tornare nel proprio paese d´origine e ricominciare lì una nuova fase della vita. E' importante che il migrante sia supportato nel compiere questa scelta affinché essa sia ponderata e cosciente, presupposto necessario perché il suo processo di reintegrazione sia sostenibile.

Per tale ragione il ritorno promosso dal FR non è solamente volontario, ma anche "assistito". L'assistenza si concretizza nella fase della scelta attraverso un´attività di counselling, nella fase di pianificazione e realizzazione del viaggio attraverso un supporto logistico e materiale. E si conclude all'arrivo nel paese d´origine con l'accoglienza e il supporto per la realizzazione di percorsi di reintegrazione.


Il Ritorno Volontario in Italia sostegno al ritorno volontario e alla reintegrazione nei paesi di origine principalmente con finanziamenti del Governo. Dal 2009 si attuano con il

Il Governo italiano attua programmi di ritorno volontario assistito, attraverso l’OIM, dal 1991.

Gli stranieri che hanno beneficiato sinora del programma sono circa 7.000 . Oltre il 70% di essi ha beneficiato di programmi speciali di ritorno legati alle emergenze umanitarie dei Balcani (inizio anni ’90) e del Kosovo (inizio del 2000).

Negli ultimi anni il numero si è attestato intorno alle 100 partenze all’anno.

Con il nuovo programma finanziato dal Fondo Europeo per i Rimpatri - FR, 2008-2013, dal 2009, si prevede di aiutare almeno 200 persone all’anno.


Il Ritorno Volontario in Italia sostegno al ritorno volontario e alla reintegrazione nei paesi di origine principalmente con finanziamenti del Governo. Dal 2009 si attuano con il

risorse e costi

Il RVA è attualmente finanziato dal Fondo Europeo per i Rimpatri – FE che e gestito e co-finanziato in Italia del Ministero dell’Interno.

Il FR 2008-2013 ha una dotazione finanziaria complessiva di 68 milioni di euro, integrati dal co-finanziamento del Ministero del’Interno e ripartiti annualmente. Per la prima annualità di intervento che si concluderà a giugno 2009 e la seconda che si concluderà il giugno successivo sono stati quindi destinati oltre 10 milioni, di cui circa un quinto finanzia azioni di sostegno al Ritorno Volontario Assistito.

Annualità 2008: contributo comunitario, € 5.867.478,36; contributo nazionale, € 4.589.503,12; importo destinato a progetti a valenza di sistema per il Ritorno Volontario Assistito € 1.699.442,64.

Annualità 2009: contributo comunitario, € 6.029.379,74; contributo nazionale € 4.536.188,13; importo destinato a progetti a valenza di sistema per il Ritorno Volontario Assistito € 2.493.171,01.

Durante la prima annualità, sono stati assistiti un totale di 228 immigrati a fronte di un finanziamento complessivo di 1.335.780 di euro. Pertanto ogni ritorno è costato circa 5800 euro a persona.


Ritornare, volontariamente. Per ricomincia sostegno al ritorno volontario e alla reintegrazione nei paesi di origine principalmente con finanziamenti del Governo. Dal 2009 si attuano con ilRVA PERCHE’

“…nessun ritorno è solo un ritorno; è una nuova migrazione, con tutte le perdite, paure, speranze che la accompagnano….”

(Maletta et al).

L’idea del ritorno costituisce normalmente una delle fasi del processo migratorio, anche se non necessariamente l’ultima, in quanto esperienze analoghe possono ripetersi nell’arco della propria vita. Per processo migratorio si intende l’intero ciclo esperienziale della migrazione, che inizia con la decisione di partire (che può richiedere molto tempo) e continua attraverso le fasi della vera e propria partenza, il viaggio, l’arrivo e il primo periodo di insediamento, il processo di integrazione (o di isolamento) e l’eventuale intenzione di tornare a casa o di ripartire per un altro paese.


Ritornare, volontariamente. Per ricomincia sostegno al ritorno volontario e alla reintegrazione nei paesi di origine principalmente con finanziamenti del Governo. Dal 2009 si attuano con ilRVA PERCHE’ ……

La possibilità del RVA va quindi intesa (e proposta al migrante dall’operatore) come una possibile fase del processo migratorio, non il suo fallimento, ma un diritto ed un’opportunità, da utilizzare per …ricominciare … con un ritorno accompagnato ed assistito ed un progetto di reinserimento che intende dare un futuro al migrante per evitare che questi si trovi di nuovo a rischio di ri-emigrare in modo irregolare.

Con questo approccio, l’informazione sul RVA dovrebbe quindi essere fornita già al momento dell’arrivo dei migranti nei centri di accoglienza o case di fuga, preferibilmente durante il colloquio iniziale con gli operatori.

In tal senso la possibilità di ritorno deve essere parte del “pacchetto informativo”, in aggiunta all’orientamento legale e all’informazione sull’accoglienza e sull’eventuale integrazione nel paese ospitante, come un diritto che non implica di per sé la necessità di prendere subito una decisione.


Ritornare, volontariamente. Per ricominciare sostegno al ritorno volontario e alla reintegrazione nei paesi di origine principalmente con finanziamenti del Governo. Dal 2009 si attuano con il

RVA PERCHE’ …..

Il RVA è di beneficio …… per I MIGRANTI :

Garantisce la salvaguardia dei diritti e della dignità del migrante contro I ritorni forzati

Assicura, entro certi limiti, una assistenza finanziaria e una tempistica per la preparazione al ritorno

Assicura il sostegno logistico e organizzativo in tutte le fasi del ritorno

E’ socialmente accettabile

Promuove la sostenibilità del ritorno

Il RVA è di beneficio …… per la SOCIETA’:

Componente essenziale di ogni gestione e politica migratoria, rafforza I canali di immigrazione regolare, sostiene l’integrità dell’istituto dell’asilo, contribuisce al contrasto dei canali di immigrazione irregolare (traffico e tratta di esseri umani)

Armonizza gli schemi e le politiche migratorie dell’UE

E’ più economica del ritorno forzato

E’ uno strumento di gestione migratoria più accettabile e dignitoso

Promuove il dialogo e la cooperazione con i paesi di origine

(informazione, riammissione, aiuti finanziari , sviluppo con la migrazione di ritorno)


Il sostegno al ritorno volontario e alla reintegrazione nei paesi di origine principalmente con finanziamenti del Governo. Dal 2009 si attuano con il Progetto

NIRVA – Networking Italiano per il Rimpatrio Volontario ed Assistito

Ente Capofila: AICCRE

Ente Partner: CIR ed OIM

Avviato a giugno 2009, fino a dicembre us ha potuto beneficiare del contributo delle competenze e delle reti di ACLI e CARITAS Italiana

Finalità:

Informare, sensibilizzare e formare sul tema del Ritorno Volontario Assistito, rafforzando e organizzando in un'unica rete nazionale tutte le organizzazioni pubbliche e del privato sociale che, lavorando a diretto contatto con i/le migranti, possono facilitare l’accesso a questa misura nel rispetto del diritto del migrante a ritornare nel Paese di origine con dignità e sicurezza.

Il progetto si propone quindi di consolidare un network nazionale di riferimento che, opportunamente formato e sensibilizzato, sia in grado di informare i/le migranti per promuovere a livello territoriale una maggiore conoscenza e ricorso dello strumento del ritorno volontario assistito.


Destinatari del progetto sostegno al ritorno volontario e alla reintegrazione nei paesi di origine principalmente con finanziamenti del Governo. Dal 2009 si attuano con il

INTERMEDI

Realtà pubbliche e private coinvolte a livello nazionale nell’attuazione del RVA

Istituzioni : Prefetture, Questure, Istituzioni Locali- Comuni, Province, regioni, Servizi Sociosanitari USL/ULSS

ONG che si occupano di centri o progetti di accoglienza ed integrazione di immigrati o protezione di vittime di tratta(iscritte alla sez. 1 e 2.di registro Min Lavoro art, 52-DPR 394/99)

Società civile

realtà rappresentative del sistema lavoro (organizzazioni datoriali e sindacali, istituzioni locali e socio-sanitarie); formazione; welfare; media e cittadinanza.

Ambasciate e Consolati dei paesi di origine degli immigrati.

Tali destinatari potranno essere coinvolti nella Rete che sarà promossa dal progetto e/o nelle attività di formazione, informazione e sensibilizzazione promosse dalla sperimentazione

FINALI

Migranti aventi diritto all’opzione del RVA


  • Destinatari FINALI sostegno al ritorno volontario e alla reintegrazione nei paesi di origine principalmente con finanziamenti del Governo. Dal 2009 si attuano con il del progetto NIRVA

  • immigrati che possono utilizzare l’opzione del Rimpatrio Volontario Assistito

  • in quanto appartenenti a specifici gruppi

  • individuati come vulnerabili:

  • Rifugiati riconosciuti che rinunciano allo status;

  • Richiedenti asilo rinunciatari;

  • Richiedenti asilo denegati, entro i 15/30 giorni dal ricevimento del diniego o che hanno presentato ricorso;

  • Possessori di un permesso di soggiorno per protezione sussidiaria o per motivi umanitari che rinunciano al titolo;

  • Vittime della tratta di esseri umani che rinunciano al loro status;

  • Stranieri cui è rifiutato il rinnovo o la conversione di un permesso di soggiorno entro i 15 giorni previsti dalla legge.

  • Stranieri che hanno un permesso di soggiorno per attesa occupazione e che non hanno possibilità di rinnovarlo;

  • Tutti gli altri stranieri che hanno un permesso di soggiorno di natura “temporanea” che non possono rinnovare (es. cure mediche);

  • Stranieri che vivono in Italia in situazione di estrema vulnerabilità e grave disagio (disabili, donne sole con bambini, anziani, persone con gravi problemi di salute fisica e/o mentale, senza fissa dimora).

  • Sono esclusi dal programma:

  • - i cittadini comunitari;


    • ATTIVITÀ sostegno al ritorno volontario e alla reintegrazione nei paesi di origine principalmente con finanziamenti del Governo. Dal 2009 si attuano con il

    • Mappatura, costruzione, animazione e formalizzazione di una rete interistituzionale nazionale per l’informazione e la promozione del RVA, con l’organizzazione di un data base consultabile on line;

    • attivazione di una campagna informativa coordinata ed integrata con strategie, azioni, strumenti e prodotti informativi multilingue e diffusa attraverso la rete creata (depliant multilingue, linee guida per operatori, sito web);

    • azioni formative ed informative:

    • . un corso di formazione per i componenti della rete;

    • . incontri con Ambasciate e Consolati;

    • . organizzazione di 21 sessioni informative in ogni regione nel contesto dei CTI delle città capoluogo ed altre attività informative, rivolte alla cittadinanza e ai componenti di realtà pubbliche e private interessate, nonchè agli immigrati, promosse in sinergia con i componenti della rete;

    • elaborazione, con gli organismi datoriali e sindacali di settore, di specifiche Linee Guida per i media quale strumento di approfondimento ed orientamento per fare informazione sul tema;

    • . comunicazione e disseminazione dei risultati attraverso: conferenze stampa, comunicati, newsletter ed un sito web.


    Rete NIRVA, che cos’è sostegno al ritorno volontario e alla reintegrazione nei paesi di origine principalmente con finanziamenti del Governo. Dal 2009 si attuano con il

    E’ la rete che il progetto si prefigge di costruire ed animare per rafforzare ed organizzare in un unico network nazionale tutte le organizzazioni pubbliche e private che si occupano di promuovere il Rimpatrio Volontario Assistito - RVA, come opportunità rivolta a specifiche categorie di migranti, per permettere loro di ritornare e reintegrarsi nei Paesi di provenienza in condizioni di dignità e sicurezza.

    Una potenzialità a disposizione dell´Autorità Centrale Competente, il Dipartimento Libertà Civili ed Immigrazione, di interagire in modo più efficace con le realtà territoriali per aumentare l´informazione e l´accesso dei migranti all´opzione.

    La Rete NIRVA permette agli Enti/Organizzazioni che aderiscono di collaborare con il progetto ed interagire con una rete nazionale in grado di fornire materiale e supporti informativi per meglio orientare i migranti che si rivolgono ai loro servizi ed offrire loro la possibilità di avvalersi di fondi ministeriali e di assistenza per rientrare nel proprio paese in sicurezza.


    RETE NIRVA, da chi è composta sostegno al ritorno volontario e alla reintegrazione nei paesi di origine principalmente con finanziamenti del Governo. Dal 2009 si attuano con il

    ANTENNE territoriali della Rete NIRVA

    E’ il primo nucleo Enti ed Organizzazioni che hanno aderito alla rete e hanno partecipato con un loro referente ad uno specifico corso di formazione.

    Sono realtà che stanno operando nei singoli territori regionali sia per promuovere azioni di informazione e sensibilizzazione sul RVA - rivolte ai migranti potenzialmente interessati che ai contesti territoriali - che essere di riferimento a tutti gli Enti/Organizzazioni che hanno aderito successivamente quali

    COMPONENTI della Rete NIRVA

    Le realtà che hanno aderito successivamente

    L’elenco delle ANTENNE e COMPONENTI della Rete NIRVA, oltre cento enti/organizzazioni, è visionabile sul sito

    www.retenirva.ital link Rete NIRVA

    Modalità di adesione: lettera di intenti scaricabile dal sito


    • Gli Enti/Organizzazioni aderenti alla sostegno al ritorno volontario e alla reintegrazione nei paesi di origine principalmente con finanziamenti del Governo. Dal 2009 si attuano con ilRETE NIRVA

    • hanno il compito di …..

  • 1- Promuovere la conoscenza dell'opzione nei contesti territoriali di riferimento

  • - Diffusione dei prodotti e materiali informativi realizzati dal progetto (Kit informativo NIRVA);

  • Partecipazione e sostegno alle attività informative previste dal progetto (in particolare sessioni informative organizzate dalle ANTENNE territoriali nei CTI provinciali del territorio di riferimento).

    • 2- Favorire, con le attività di informazione e sensibilizzazione, il ricorso all’opzione dei migranti che ne hanno diritto:

  • Informazione dei migranti potenzialmente interessati all'opzione del RVA e/o le comunità presenti sul proprio territorio, in particolare nel contesto delle attività e servizi dell’ente/organizzazione aderente alla Rete NIRVA dedicate ai cittadini stranieri; 

  • Pre-counseling /scrutinio dei casi secondo le indicazioni fornite dal documento “RVA. Linee Guida per operatori”da segnalare

  • Segnalazione dei casi all’ente gestore che attua il progetto dei rimpatri, attualmente PARTIR (OIM).

    • .


    • RETE NIRVA sostegno al ritorno volontario e alla reintegrazione nei paesi di origine principalmente con finanziamenti del Governo. Dal 2009 si attuano con il

    • In TOSCANA ad aprile 2010

    • In qualità di ANTENNE

    • CIR Onlus

    • Associazione Progetto Arcobaleno Onlus

    • Quali COMPONENTI

    • Trame – Ass. toscana int. tratta e sfruttamento ONLUS (FI)

    • Ester coop. Sociale Onlus (Prato-FI)

    • Ass. CeIS - Gruppo "Giovani e Comunità" Onlus (Lucca)

    • Ass. volontariato penitenziario (A.V.P.) "Onlus" (FI)

    • Ass. Accoglienza Toscana (FI)

    • Società della Salute (PI)

  • .


  • RETE NIRVA sostegno al ritorno volontario e alla reintegrazione nei paesi di origine principalmente con finanziamenti del Governo. Dal 2009 si attuano con il

    CHIEDIAMO A TUTTTE LE REALTA’ CHE PARTECIPANO AL CTI DI ADERIRE

    alla “Rete NIRVA”

    L’adesione non comporta nessun impegno di spesa

    Modalità di adesione: sottoscrizione lettera di intenti scaricabile dal sito

    www.retenirva.ital link Rete NIRVA


    • I risultati ad oggi conseguiti

    • Mappatura di oltre 10.000 realtà rappresentative del target di progetto e di tutte le regioni;

    • Percorso formativo per i componenti della Rete NIRVA, residenziale di 3 giorni che ha coinvolto 63 operatori del primo nucleo di enti/organizzazioni aderenti alla rete stessa (luglio 09);

    • Implementazione ed animazione della Rete NIRVA in tutte le regioni (ad oggi oltre 100 adesioni);

    • Realizzazione di 6 incontri con Ambasciate e Consolati dei paesi di maggiore provenienza dei migranti ad oggi coinvolti nell’opzione (marzo u.s);

    • Avvio e gestione di sessioni informative sul RVA e la prete promossa dal progetto nel contesto del CTI della Prefettura di almeno una provincia per ciascuna regione, condotto da referenti delle ANTENNE territoriali locali (in fase di realizzazione);

    • Realizzazione e diffusione- nel contesto di sessioni informative in CTI e attraverso i componenti della rete - di materiali e strumenti informativi


    • KIT INFORMATIVO conseguiti

    • Per conoscere, informare ed orientare

    • sul Rimpatrio Volontario Assistito

    • NIRVA ha realizzato materiali e strumenti informativi

    • diversificati rispetto a contenuti, linguaggi e destinatari/pubblico a

    • cui sono rivolti:

    • Migranti potenzialmente interessati al’opzione;

    • Operatori del settore, cittadinanza e media.

    • Costituiscono quindi un “KIT INFORMATIVO” di

    • facile utilizzo, una piccola “cassetta degli attrezzi” a disposizione

    • di chi a vario titolo intende promuovere informazione e

    • sensibilizzazione sul tema ed accompagnare il migrante ad una

    • maggiore conoscenza e ad un utilizzo consapevole dell’opzione.


    • KIT INFORMATIVO conseguiti

    • Per i migranti potenzialmente interessanti ad accedere all’opzione:

    • DEPLIANT PLURILINGUE di presentazione dell’opzione (che cos’è, a chi è rivolta, cosa offre, come si accede, come si attua, a chi rivolgersi) nelle lingue delle comunità straniere maggiormente interessate: Inglese, Francese, Spagnolo, Arabo, Cinese, Bangla, Tigrigno, Amarico, Cingalese, oltre che in Italiano.

    • Per operatori del settore, cittadinanza e media:

    • SITO WEB:www.retenirva.ite newsletter;

    • DEPLIANT di presentazione del progetto;

    • - Ritornare, volontariamente. Per ricominciare. LINEE GUIDA per OPERATORI

    • - RVA, ORIENTAMENTI PER I MEDIA


    • KIT INFORMATIVO conseguiti

    • Ritornare, volontariamente. Per ricominciare. LINEE GUIDA per OPERATORI

    • Un documento che presenta, a chi opera a vario titolo nei servizi pubblici e privati di informazione ed accoglienza per migranti, come informare e come accompagnare alla scelta del Ritorno Volontario Assistito il cittadino straniero potenzialmente interessato all’opzione:

    • Il progetto NIRVA;

    • il RVA: che cos’è, le implicazioni psicosociali, individuazione dei potenziali migranti di ritorno, presupposti ed impedimenti del RVA, quando informare;

    • il quadro normativo italiano ed europeo;

    • come funzione il progetto di RVA/PARTIR, il ruolo dell’ente attuatore, il ruolo dell’operatore della rete NIRVA e/o dei servizi;

    • modulistica;

    • casi studio.


    KIT INFORMATIVO conseguiti

    RVA, ORIENTAMENTI PER I MEDIA

    Uno strumento elaborato con gli organismi datoriali e sindacali dei media (OdG ed FNSI) che intende offrire ai professionisti della comunicazione, informazioni chiare su un tema complesso e non facilmente “ comunicabile” come quello del Ritorno Volontario Assistito, evidenziando gli stereotipi e pregiudizi più comuni e proponendo utili elementi di orientamento per muoversi velocemente e in modo pertinente ne lavoro quotidiano.

    Tutti i materiali sono disponibili in download su

    www.retenirva.it

    sezione “materiali informativi”


    Come si attua il RVA in Italia conseguiti

    Il progetto P.A.RT.I.R.

    Programma per l’assistenza al ritorno volontario dall’Italia e reintegrazione nel paese di origine Priorita’ 1 – Azione 1.2.1

    Ente Capofila: OIM

    Il progetto permette il ritorno in patria in condizioni di sicurezza e dignità di immigrati presenti in Italia che ne facciano espressa richiesta, contribuendo altresì alla realizzazione di piani di reintegrazione individuale per il loro reinserimento nel paese di origine.


    Il progetto partir
    Il progetto PARTIR conseguiti

    • Il programma, ricordiamo, è rivolto a:

    • Rifugiati riconosciuti che rinunciano allo status;

    • Richiedenti asilo rinunciatari;

    • Richiedenti asilo denegati, entro i 15/30 giorni dal ricevimento del diniego o che hanno presentato ricorso;

    • Possessori di un permesso di soggiorno per protezione sussidiaria o per motivi umanitari che rinunciano al titolo;

    • Vittime della tratta di esseri umani che rinunciano al loro status;

    • Stranieri cui è rifiutato il rinnovo o la conversione di un permesso di soggiorno entro i 15 giorni previsti dalla legge.

    • Stranieri che hanno un permesso di soggiorno per attesa occupazione e che non hanno possibilità di rinnovarlo;

    • Tutti gli altri stranieri che hanno un permesso di soggiorno di natura “temporanea” che non possono rinnovare (es. cure mediche);

    • Stranieri che vivono in Italia in situazione di estrema vulnerabilità e grave disagio (disabili, donne sole con bambini, anziani, persone con gravi problemi di salute fisica e/o mentale, senza fissa dimora).

    • Sono esclusi dal programma:

    • - i cittadini comunitari;


    Il progetto partir1
    Il progetto PARTIR conseguiti

    Il programma si svolge in 4 fasi, garantendo vari servizi:

    Pre-partenza

    Organizzazione del viaggio

    Arrivo

    Reintegrazione nel paese di origine


    Le fasi del programma di rva
    Le fasi del programma di RVA conseguiti

    • Pre-partenza:

    • Counseling ed orientamento, intervista individuale con gli interessati, valutazione del caso ed approvazione da parte dell’AR;

    • Preparazione dei documenti di viaggio;

    • Discussione ed elaborazione di un piano individuale di reintegrazione socio-economica nel paese di origine da realizzare in stretta collaborazione con gli uffici OIM nei paesi di origine degli interessati. Il programma può fornire un contributo economico, fino a 3.000 euro in termini di beni e servizi, utile a rendere sostenibile il rientro nel paese di origine. (ad es. necessità primarie - per il singolo e/o per la famiglia, start-up per un’ attività imprenditoriale, eventuale formazione necessaria, il reperimento di un alloggio, la copertura di spese mediche essenziali, ecc.).


    Le fasi del programma di rva1
    Le fasi del programma di RVA conseguiti

    • Organizzazione del viaggio

    • Assistenza al rilascio dei documenti di viaggio presso i rispettivi consolati dei paesi di origine degli interessati;

    • Copertura delle spese di vitto e alloggio a Roma per gli interessati che provengono da altre provincie italiane, il giorno prima della partenza, se necessario;

    • Organizzazione del trasferimento e pagamento del biglietto aereo;

    • Assistenza aeroportuale alla partenza e all’arrivo, eventuale scorta medica, pagamento di una indennità di viaggio/prima sistemazione pari a 400 euro a persona da corrispondere a tutti i beneficiari del ritorno volontario prima della partenza (nel caso di nucleo familiare, a tutti i componenti).


    Le fasi del programma di rva2
    Le fasi del programma di RVA conseguiti

    • Arrivo

    • Assistenza logistica per raggiungere la destinazione finale;

    • Realizzazione concreta del piano di reintegrazione. Gli uffici OIM hanno il compito di assistere i beneficiari all’arrivo, predisporre l’accoglienza iniziale e seguire i beneficiari nella realizzazione e gestione del loro progettoindividuale e di reinserimento socio-lavorativo erogando l’importo del progetto condiviso.


    • RVA in Italia conseguiti

    • giugno 2009 – aprile 2010

    • Fonte: Titolare progetto PARTIR - OIM

      • Totale Programmi RVA realizzati

      • Migranti ritornati con modalità assistite 228

      • Migranti reintegrati 176

      • partenze effettuate dal 16 giugno al 7 agosto 2009 18

      • partenze effettuate dal 8 agosto 2009  al 31 marzo 2010 210

      • Persone singole 177

      • Nuclei familiari 18

      • Le prime quattro nazionalità di appartenenza dei migranti assistiti

        • Marocco 71

        • Nigeria 18

        • Sudan 13

        • Iraq 11


    • RVA in Italia conseguiti

    • giugno 2009 – aprile 2010

    • Fonte: Titolare progetto PARTIR - OIM

    • Migranti assistiti per età:

    • dai 20 anni ai 40 anni 134

    • dai 40 anni ai 60 anni: 64

    • dai 0 anni ai 20 anni: 27

    • dagli 60  anni ai 80 anni: 3

      • Migranti assistiti per status giuridico

      • (le prime tipologie presenti):

      • migranti assistiti in quanto titolari di  protezione internazionale 50

      • (protezione sussidiaria, protezione umanitaria, status di rifugiato,

      • PDS – Permesso Di Soggiorno per richiesta di asilo)

      • migranti assistiti con PDS per attesa occupazione 29

      • o con PDS per motivi di lavoro subordinato in scadenza e senza possibilità di rinnovo

      • migranti assistiti in quanto richiedenti asilo denegati,

      • ricorrenti, o con cedolino primo rilascio 19


    • RVA in TOSCANA conseguiti

    • giugno 2009 – aprile 2010

    • Fonte: Titolare progetto PARTIR - OIM

      • Dei 228 programmi realizzati, n. 5

      • Riguardano migranti provenienti dalla Toscana, di cui:

        • Firenze - 2 casi Lucca - 1 Prato - 1 Pisa - 1

  • (nota: Stranieri residenti al 31.12.08 in Toscana n. 309.651, il 8 % della popolazione totale residente in regione, dato rapporto Caritas Migrantes)


  • SEGNALAZIONE E VALUTAZIONE DEI CASI conseguiti

    Tutti gli Enti e/o i soggetti che, a vario titolo, entrano in contatto diretto con i migranti possono segnalare al referente della rete NIRVA o direttamente all’ufficio OIM di Roma i casi che richiedono assistenza al ritorno volontario.

    Accertata l’effettiva volontarietà al rimpatrio dei richiedenti e la loro possibilità di accedervi, il personale OIM con l’ausilio degli propri uffici nei paesi di origine, valuterà l’opportunità del rientro in relazione al margine di rischio ad esso connesso e/o alla praticabilità di un percorso di reintegrazione, oltre che alla presenza o meno di reti parentali o amicali e di strutture di accoglienza e sanitarie, laddove necessario.

    L’avvio del programma individuale di RVA, con l’organizzazione del viaggio, è sottoposto all’approvazione del Ministero dell’Interno.


    SEGNALAZIONE DEI CASI conseguiti

    • La modulistica per le richieste di assistenza al ritorno volontario

    • SCHEDA DI SEGNALAZIONE

    • (scheda valutazione profilo)

    • DICHIARAZIONE DI RITORNO VOLONTARIO ASSISTITO

    • (Voluntary repatriation form)

    • sono reperibili su i siti

    • www. Italy.iom.int

    • www. retenirva.it


    Per ulteriori informazioni conseguiti

    e per la segnalazione dei casi, rivolgersi a:

    Antenna Rete NIRVA

    CIR Onlus

    Maria Giovanna Fidone e Valeria Carlini

    tel. 06.69200114

    e-mail [email protected]; [email protected]


    ANCHE DI FRONTE A CASI NON CHIARI SI CONSIGLIA, COMUNQUE, DI TELEFONARE PER SOTTOPORRE IL CASO ALLO STAFF DEL PROGETTO PARTIR di OIM

    06 44 23 14 28

    [email protected]

    INFO OIM

    Emila Markgjonaj, tel. 06.44186240, email [email protected]

    Gina Villone, tel. 06.44186222, email [email protected]


    Info: DI TELEFONARE PER SOTTOPORRE IL CASO ALLO STAFF DEL PROGETTO PARTIR di OIM

    ANTENNA Rete NIRVA - CIR Onlus

    Maria Giovanna Fidone e Valeria Carlini

    tel. 06.69200144 o 216, e-mail [email protected]; [email protected]

    Segreteria organizzativa progetto NIRVA

    AICCRE, Piazza di Trevi, 86 – 00187 Roma

    tel. 06.69940461, email [email protected]

    Responsabile Progetto, Carla Olivieri: cell.. 335.5312500 email [email protected]

    Autorità Responsabile, Ministero dell’Interno

    Dipartimento per le Libertà Civili e l’Immigrazione,

    Direzione Centrale per l’Immigrazione e l’Asilo

    tel 06746547739

    e-mail [email protected]


    ad