cure continuative in oncologia negrar 16 maggio 2009
Download
Skip this Video
Download Presentation
CURE CONTINUATIVE IN ONCOLOGIA Negrar, 16 Maggio 2009

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 51

CURE CONTINUATIVE IN ONCOLOGIA Negrar, 16 Maggio 2009 - PowerPoint PPT Presentation


  • 127 Views
  • Uploaded on

ODO. ESMO DESIGNED CENTERS OF INTEGRATED ONCOLOGY AND PALLIATIVE CARE. ULSS 12 Venezia. CURE CONTINUATIVE IN ONCOLOGIA Negrar, 16 Maggio 2009. Dott. Cataldo Mastromauro. U.O. ONCOLOGIA MEDICA. CURE CONTINUATIVE SIMULTANEAUS CARE.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' CURE CONTINUATIVE IN ONCOLOGIA Negrar, 16 Maggio 2009' - tender


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
cure continuative in oncologia negrar 16 maggio 2009

ODO

ESMO DESIGNED CENTERS OF INTEGRATED ONCOLOGY AND PALLIATIVE CARE

ULSS 12 Venezia

CURE CONTINUATIVE IN ONCOLOGIA Negrar, 16 Maggio 2009

Dott. Cataldo Mastromauro

U.O. ONCOLOGIA MEDICA

cure continuative simultaneaus care
CURE CONTINUATIVESIMULTANEAUS CARE

APPROCCIO CHE PERSEGUE GLI OBIETTIVI DELLE CURE PALLIATIVE SIN DALLE FASI INIZIALI DEL PERCORSO DI CURA DELLA MALATTIA ONCOLOGICA AVANZATA

rapporto sequenziale
Rapporto sequenziale
  • Oncology
  • Palliative Care

Refractoriness to ChemoRx

Diagnosis Advanced Ca

Death

  • Chiara definizione delle responsabilità
  • Interruzione della presenza dell’oncologo
  • Minima sovrapposizione
  • Dipende da un appropriato e tempestivo invio del paziente
slide4

Prevalenzadell’oncologia

  • Oncology
  • Palliative Care Consultation Service
  • + Home care

Refractoriness to ChemoRx

Diagnosis Advanced Ca

Death

  • Continuità di cura
  • Qualità delle cure palliative legata alla capacità dell’ oncologo
modello di simultaneous care
Modello di Simultaneous care
  • Oncology
  • Palliative Care
  • Palliative Care Home care

Refractoriness to ChemoRx

Diagnosis Advanced Ca

Death

  • Continuità di cura
  • “flexible primary care coordination” : definita in base alla fase della malattia e alla organizzazione locale
le cure continuative 1
LE CURE CONTINUATIVE (1)
  • IL TEMPESTIVO TRATTAMENTO DEI SINTOMI
slide8

paz (N.)

(%)

  • Nervosismo 727 48
  • Perdita di peso 13,167 46
  • Xerostomia 6,359 40
  • Depressione 8,678 39
  • Stipsi 22,437 37
  • Preoccupazione 1,378 36
  • Insonnia 18,597 36
  • Dispnea 24,490 35
  • Nausea 24,263 31
slide9

paz (N.)

  • Ansia 7,270 30
  • Irritabilità 1,009 30
  • Meteorismo 626 29
  • Tosse 11,939 28
  • Sintomi cognitivi 1,696 28
  • Sazietà precoce 1,639 23
  • Alterazione del gusto 3,045 22
  • Stomatite 2,172 20
  • Vomito 9,598 20
  • Sonnolenza 11,634 20

(%)

la terapia del dolore deve essere accompagnata a quella degli altri sintomi
LA TERAPIA DEL DOLORE DEVE ESSERE ACCOMPAGNATA A QUELLA DEGLI ALTRI SINTOMI
  • Studio prospettico: 593 paz
  • Misurata : prevalenza, intensità, etiologia dei sintomi (23 in tutto)
  • Follow up di 51 gg (valutazione ogni 3 gg)
  • Buon controllo dolore (70%)
  • Miglioramento/stazionarietà di tutti i sintomi eccetto sedazione e xerostomia
  • Stipsi, eritema e xerostomia correlati alla terapia analgesica

Meuser T, Pain 2001

i problemi e i bisogni di cure palliative sperimentati dai pazienti oncologici 1
I problemi e i bisogni di cure palliative sperimentati dai pazienti oncologici (1)

• 94 pazienti completarono una checklist strutturata e validata con 90 potenziali problemi e bisogni (=problema che richiede più attenzione professionale bisogno, soddisfatto o insoddisfatto) di cure palliative

• In media: 37 problemi/paziente (0-68)

• In media: 8 bisogni/paziente

• Pazienti più giovani riportavano più problemi sociali, psicologici, ed economici

• 10% esprimeva una moltitudine di problemi e bisogni (>20)

• 25% neanche un bisogno insoddisfatto

(Osse, Support Care Cancer, 2005)

i problemi e i bisogni di cure palliative sperimentati dai pazienti oncologici 2
I problemi e i bisogni di cure palliative sperimentati dai pazienti oncologici (2)

I primi20 problemi:

• 7 perdita di autonomia

• 6 psicologici

• 3 problemi economici

• 2 sintomi fisici

• 1 problemi di consulto

• 1 problemi spirituali

I primi 20 bisogni:

• 8 psicologici

• 5 perdita di autonomia

• 2 problemi di consulto

• 2 problemi spirituali

• 2 sintomi fisici

• 1 problemi economici

(Osse, Support Care Cancer, 2005)

i problemi e i bisogni di cure palliative sperimentati dai pazienti oncologici 3
I problemi e i bisogni di cure palliative sperimentati dai pazienti oncologici (3)

I primi 5 problemi

I primi 5 bisogni

  • fatigue (92%)
  • difficoltà lavori di casa (86%)
  • difficoltà ad affrontare l’incertezza del futuro (85%)
  • paura di metastasi (83%)
  • frustrazione rispetto all’autonomia di prima (81%)
  • pain (67%)
  • difficoltà ad affrontare l’incertezza del futuro (25%),
  • paura di metastasi (25%),
  • paura della sofferenza fisica (24%),
  • difficoltà a ricordare ciò che si è detto (24%),
  • difficoltà ad accettare la malattia (23%)

(Osse, Support Care Cancer, 2005)

slide16
Phase II Study: Integrated Palliative Care in Newly Diagnosed Advanced Non–Small-Cell Lung Cancer Patients
  • 59 paz avviati a trattamento antiblastico (ECOG 0-1)
  • Valutazione contemporanea da parte di un “palliative care team”: visita mensile, compilazione di FACT-L e HADS
  • 90% dei paz. ha eseguito le visite previste/compilato i questionari
  • I dati ottenuti dai questionari sono sovrapponibili a quelli dei trial di CT
  • Nuovi outcome in studi di fase III

Temel JCO 25:2377-2382, 2007

slide19

320 paz. valutati retrospettivamente nel primo anno di attività della degenza dell’ unità di cure palliative dell’ MD Anderson

  • valutazione:

-degenza media (9,6 gg)

- sintomi all’ingresso e dopo pochi gg (misurati con ESAS; vedi dia successiva)

-aspetto economico

Elsayem et al, JCO, 2004

la rete di cure palliative a venezia
LA RETE DI CURE PALLIATIVE A VENEZIA
  • UO di Oncologia Medica
  • ODO AVAPO Venezia
  • MMG
  • DISTRETTO SOCIOSANITARIO
  • HOSPICE FATEBENEFRATELLI
staff di oncologia medica
STAFF DI ONCOLOGIA MEDICA

ESMO DESIGNED CENTERS OF PALLIATIVE CARE

ULSS 12 VENEZIANA

UNITA OPERATIVA DI ONCOLOGIA MEDICA

  • 1 direttore
  • 5 oncologi medici
  • 24 infermieri per 14 posti letto
  • 6 infermiere per attività ambulatoriale
staff di cure palliative odo avapo

ODO

ULSS 12 VENEZIANA

UNITA OPERATIVA DI ONCOLOGIA MEDICA

STAFF DI CURE PALLIATIVE (ODO-AVAPO)

ESMO DESIGNED CENTERS OF PALLIATIVE CARE

  • 1 Coordinatore
  • 3 palliativisti
  • 5 infermiere
  • 2 Psicologhe
  • Voluntari dell’ AVAPO-Venezia
service area

ODO

ULSS 12 VENEZIANA

UNITA OPERATIVA DI ONCOLOGIA MEDICA

SERVICE AREA

ESMO DESIGNED CENTERS OF PALLIATIVE CARE

Year 1999

Year 2007

slide26

ODO

ULSS 12 Venezia

Venice population 2007

3377

5695

62296

17696

mezzi di trasporto

ODO

ULSS 12 VENEZIANA

UNITA OPERATIVA DI ONCOLOGIA MEDICA

MEZZI DI TRASPORTO

ESMO DESIGNED CENTERS OF PALLIATIVE CARE

slide28
TIPOLOGIA DI PAZIENTI

Paziente in fase terminale

(palliative care program)

Pazienti in trattamento attivo

(supportive care program)

ATTIVAZIONE

CASA (MMG)

OSPEDALE

(consulenza)

ULSS 12 VENEZIANA

UNITA OPERATIVA DI ONCOLOGIA MEDICA

pazienti assistiti
PAZIENTI ASSISTITI

1° trimestre

riconoscimento dell esmo
RICONOSCIMENTO DELL’ ESMO
  • Certificazione come “ESMO Designated Center in the Integration of Oncology and Palliative Care” nel 2004 rinnovata nel 2007
  • Eseguita “on site visit” a dicembre 2008
obiettivi delle cure continuative 3
OBIETTIVI DELLE CURE CONTINUATIVE (3)
  • PIANIFICAZIONE DELLE CURE IN FASE AVANZATA:

proporzionalità delle cure

ev. partecipazione a studi di fase I e II

aggressivit delle cure alla fine della vita
Aggressività delle cure alla fine della vita
  • Valutazione retrospettiva di 215.000 paz (> 65 aa) morti di neoplasia tra 1991 e 2000 negli USA
  • Analisi del trend annuale di vari indicatori negli ultimi 3 mesi di vita:

-utilizzo di CT

-ricoveri ospedalieri/accessi in PS/ accessi in rianimazione

-tempo di riferimento/durata di un programma di cure palliative

(Earle CC, JCO, 2008; 26: 3860-3866)

slide37

44 paz. arruolati contemporaneamente in studi di fase I/II e in un programma di CP (gruppo della simultaneous care) confrontati con un gruppo di controllo per:

  • Qol (FACT-G basale e mensile)
  • % hospice referral
  • Degenza media hospice
  • N° cicli di CT
slide38

Simultaneous Care: A Model Approachto the Perceived Conflict BetweenInvestigational Therapy and Palliative CareFrederick J. Meyers, (JPSM 2004)

ruolo dell esmo nella integrazione tra oncologia e cure palliative
RUOLO DELL’ ESMO NELLA INTEGRAZIONE TRA ONCOLOGIA E CURE PALLIATIVE
  • ESMO palliative care working group (1999)
  • “ESMO takes a stand on supportive and palliative care”
  • Designated centers of integrated oncology and palliative care (2003)

Ann Oncol 14: 1335, 2003

task force aiom di cure palliative in oncologia
TASK FORCE AIOM DI CURE PALLIATIVE IN ONCOLOGIA
  • Crescita umana/professionale degli oncologi
  • Attenzione alla Qol dei pazienti nella logica del NON ABBANDONO E DELLA CONTINUITA’ ASSISTENZIALE
  • Soluzioni operative per garantire programmi di cure palliative adeguati
definizioni
DEFINIZIONI
  • TERAPIE DI SUPPORTO
  • CURE PALLIATIVE
  • CURE DI FINE VITA
formazione dell oncologo medico
FORMAZIONE DELL’ONCOLOGO MEDICO
  • Valutazione e cura dei sintomi parte integrante della formazione nel corso di laurea e nella scuola di specializzazione
  • Definizione della disciplina di Medicina Palliativa (2 livelli di competenza)
  • Formazione su coordinamento/integrazione con altre figure professionali
  • Stage e corsi di formazione, collaborazione con altre Società Scientifiche
  • Adeguata visibilità in congressi/conferenze nazionali
barriere al trattamento del dolore da cancro
BARRIERE AL TRATTAMENTO DEL DOLORE DA CANCRO
  • Management dei sintomi non prioritario
  • Analgesici somministrati in base a prognosi e non ad intensità del dolore
  • Paura di dipendenza/tolleranza
  • Non adeguata misurazione del sintomo
  • Insufficiente formazione (farmacologia, conversione, equianalgesia, rotazione, dosi per breaktroughpain)
  • Insufficiente trattamento degli effetti collaterali
  • Inadeguato follow up

Sun VC, JPSM 2007; 34:359

ruolo dell oncologo medico
RUOLO DELL’ ONCOLOGO MEDICO

GARANTIRE LE TERAPIE MEDICHE ANTITUMORALI, LA MIGLIORE QoL DEL MALATO E LA CONTINUITA’ ASSISTENZIALE

ruolo dell oncologo medico1
RUOLO DELL’ ONCOLOGO MEDICO
  • PREVENZIONE E TRATTAMENTO DEI SINTOMI
  • RELAZIONE DI CURA EFFICACE
  • RICONOSCIMENTO DEI BISOGNI PSICOLOGICI, RIABILITATIVI, SPIRITUALI E SOCIALI
ruolo dell oncologo medico2
RUOLO DELL’ ONCOLOGO MEDICO
  • GARANTIRE LE TERAPIE DI SUPPORTO OTTIMALI NEI PAZ ARRUOLATI NELLE SPERIMENTAZIONI CLINICHE
  • COORDINARE IL TRATTAMENTO DEL MALATO IN TUTTE LE FASI DELLA MALATTIA
  • GESTIONE IMPECCABILE DELLA FASE FINALE DELLA MALATTIA
ruolo delle uu oo di oncologia
RUOLO DELLE UU.OO. DI ONCOLOGIA
  • Identificazione e trattamento dei sintomi nell’attività clinica quotidiana
  • Definire protocolli di trattamento dei principali sintomi
  • Valutazione del dolore come parametro vitale (e di altri sintomi)
ruolo delle uu oo di oncologia1
RUOLO DELLE UU.OO. DI ONCOLOGIA
  • Protocolli di ricerca in tema di trattamenti palliativi
  • Specialisti che offrano sostegno psicologico, spirituale, sociale
  • Presenza di un dirigente medico con formazione in medicina palliativa/consulente palliativista
  • Personale infermieristico formato e istruito alla valutazione /cura sintomi
ruolo delle uu oo di oncologia2
RUOLO DELLE UU.OO. DI ONCOLOGIA

STABILIRE CON LE ALTRE STRUTTURE CHE EROGANO LE CP (UO di Cura Palliative, Hospice, UO di cure domiciliari, Servizi Distrettuali di AD, ONLUS) RAPPORTI DI INTEGRAZIONE E CONDIVISIONE DI PROTOCOLLI OPERATIVI

modello delle simultaneus care
MODELLO DELLE “SIMULTANEUS CARE”

CONTESTUALIZZARE IL PERCORSO DELLE CP ALL’INTERNO DEL PERCORSO DI TRATTAMENTO DELLA NEOPLASIA

CONTINUITA’ TERAPEUTICA/DECISIONI CONDIVISE

POSTI LETTO PER MOMENTI CRITICI-DECISIONALI/FIGURE CON ESPERIENZA IN CP

slide51

AIOM Simultaneous care model

DIAGNOSIS POTENTIALLY CURABLE NON-CURABLE TERMINAL

Anticancer therapies

Supportive and Palliative care

Rehabilitation

bereavment

screening

ad