L et dell imperialismo
This presentation is the property of its rightful owner.
Sponsored Links
1 / 21

L’età dell’imperialismo PowerPoint PPT Presentation


  • 150 Views
  • Uploaded on
  • Presentation posted in: General

L’età dell’imperialismo. Alle origini della prima guerra mondiale. Gli Stati. L’unificazione dell’Italia: 1861 L’unificazione della Germania: Sedan 1871 Il Patto dei 3 imperatori: 1873 (Germania, Austria, Russia La Triplice Alleanza: 1882 (Germania, Austria, Italia)

Download Presentation

L’età dell’imperialismo

An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Presentation Transcript


L et dell imperialismo

L’età dell’imperialismo

Alle origini della prima guerra mondiale


Gli stati

Gli Stati

  • L’unificazione dell’Italia: 1861

  • L’unificazione della Germania: Sedan 1871

  • Il Patto dei 3 imperatori: 1873 (Germania, Austria, Russia

  • La Triplice Alleanza: 1882 (Germania, Austria, Italia)

  • 1878: Il congresso di Berlino>la politica dell’equilibrio


L et dell imperialismo

L’economia: la II Rivoluzione industriale (S. Pollard, La conquista pacifica. L’industrializzazione in Europa dal 1760 al 1970, Bologna, 1984)

  • Nuove tecniche produttive

  • Nuovi settori produttivi

  • L’intervento dello Stato

  • 1873: crisi di sovraproduzione

  • Dopo la guerra di secessione arriva in Europa il grano USA a basso costo

  • 1873-1893: caduta dei prezzi

  • Dal “laissez faire” al protezionismo e all’interventismo statale in economia

  • 1879-1892: dazi protezionistici


L et dell imperialismo

  • Holdings, cartelli, trust

  • Il ruolo della finanza: le banche finanziano industrie sempre più dimensionate

    Solo le grandi banche potevano assicurare imponenti e costanti flussi di denaro necessari alla nascita e alla crescita dei colossi industriali per i quali i profitti non erano sufficienti a ricostituire il capitale di investimento


L et dell imperialismo

  • I nuovi settori: acciaio, chimica, elettricità, alimentare, farmaceutica

  • I prodotti della II Rivoluzione industriale:

    Navi con scafo in acciaio, rotaie, concimi, coloranti, saponi, medicine, esplosivi, alluminio, lampadine, ascensore elettrico, motore a scoppio, pneumatici, telefono, grammofono, macchina da scrivere, pellicola cinematografica, bicicletta


L et dell imperialismo

  • Niente più carestie nei paesi industrializzati

  • Caduta della mortalità e contemporanea riduzione della natalità

  • Aumento della vita media (inizia il processo secolare dell’invecchiamento che porterà alla nascita della III età)

  • P. Laslett, La nascita della III età,


L et dell imperialismo

  • Si assiste a una applicazione su larga scala della scienza tecnica

  • Gli inventori fondano nuove imprese: Edison, Siemens, Bell, Dunlop, Bayer ecc

  • 1875: Nobel e la dinamite

  • 1875: DDT, aspirina e nuovi ospedali

  • 1888: Dunlop e il pneumatico

  • 1897: Rudolf Diesel


L et dell imperialismo

  • Ma uno dei settori che più contribuisce a modernizzare l’economia è quello elettrico (industria idroelettrica, dighe, bacini artificiali, bonifiche, irrigazione, tecnici)

  • G. Barone, Mezzogiorno e modernizzazione. Elettricità, irrigazione e bonifica nell’Italia contemporanea, Torino, Einaudi, 1986


L automobile

L’automobile

  • Altro settore importante (che rappresenta per la II Riv. Ind. Ciò che il treno era per la I) è quello automobilistico

  • 1913: prima catena di montaggio alla Ford di Detroit, organizzata in base ai principi scientifici di Taylor (fordismo-tailorismo)

  • Taylor, Principi di organizzazione scientifica del lavoro


L et dell imperialismo

  • 1896-1913: i paesi “second comers”

    Sono i paesi che sono arrivati tardi alla industrializzazione come l’Italia, la Germania, la Russia

    D. Landes, La favola del cavallo morto ovvero la rivoluzione industriale rivisitata, Roma, 1994


La germania di guglielmo ii

La Germania di Guglielmo II

  • 1890: da Bismarck a Leo von Caprivi

  • La politica di Weltpolitik (più aggressiva)

  • Il colonialismo

  • Le tensioni tra la Germania e le altre potenze coloniali (Inghilterra e Francia) per le colonie africane


L imperialismo e j hobasbawm l et degli imperi 1875 1914 roma bari 1987

L’imperialismo (E. J. Hobasbawm, L’età degli imperi 1875-1914, Roma-Bari, 1987)

  • Definizione: rivalità tra le potenze europee per l’egemonia politico-economica mondiale

  • Questo periodo non è un’era di pace ma di antagonismi, contrasti per l’egemonia mondiale, competizione imperialistica

  • 1891: mancato rinnovo del Patto dei 3 imperatori

  • 1894: Accordo tra Russia e Francia (che concede prestiti allo zar per la costruzione delle ferrovie)


L et dell imperialismo

  • Alla fine dell’800 il mondo viene spartito in zone di influenza delle potenze europee (soprattutto Inghilterra e Francia)

  • Massacri e modernizzazione

  • 1881: la Francia occupa la Tunisia

  • 1882: l’Inghilterra occupa l’Egitto


Nel frattempo

Nel frattempo…

  • L’Impero ottomano (gigante dai piedi di argilla) è in frantumi

  • Resiste solo grazie alle “flebo” dell’Impero tedesco interessato al mantenimento di uno Stato che lo separi dalla Russia zarista ormai vista come nemica per i comuni interessi nei Balcani e nel Medio oriente


La disgregazione di un impero

La disgregazione di un impero

  • Nel 1878: diventano Stati indipendenti Bulgaria, Grecia, Serbia, Montenegro, Romania, Bosnia-Erzegovina (che verrà annessa dall’Austria nel 1908)

  • Tra il 1881 e il 1912: Tunisia, Egitto, Marocco, Libia, isole del Dodecanneso


Infatti

Infatti..

  • è la Germania a costruire la prima ferrovia tra l’Europa e Baghdad

  • Nel 1913 la Germania (con il 15%) supera l’Inghilterra (13,6%) per la percentuale della produzione industriale mondiale

  • Germania (produzione carbone): 1890 (89 milioni di t.); 1914 (277 mil. T.)

  • Germania (produzione acciaio): 1890 (0 t.); 1914 (18 milioni t.)

  • Germania: 1914> II flotta al mondo dopo quella inglese


Il declino dell inghilterra m wiener il progresso senza ali bologna 1985

Il declino dell’Inghilterra (M. Wiener, Il progresso senza ali, Bologna, 1985)

  • Il testo di Wiener illustra il lento declino dell’Inghilterra che Chamberlain cerca di fermare abbandonando la tradizionale politica liberoscambista inglese per un protezionismo doganale

  • L’Ingh. esce dallo “splendido isolamento” per cercare di isolare diplomaticamente la Germania


Ma ritorniamo alla diplomazia

Ma ritorniamo alla diplomazia

  • 1904: Accordo “cordiale” (Entente cordiale) tra la Francia e l’Inghilterra che mettono da parte i dissidi per le colonie in Africa per allearsi in funzione anti tedesca.

  • La Germania infatti viene vista dall’Ingh. come un temibile concorrente alla sua egemonia mondiale

  • L’Ingh. fa concessioni alla Fr. purché essa si allei


La triplice intesa

La Triplice Intesa

  • Nel 1907, con l’alleanza tra Ingh. e Russia il cerchio si chiude

  • Con una serie di trattati bilaterali è nata la Triplice Intesa (Inghilterra, Francia e Russia)

  • 1908: fine dell’Impero ottomano e nascita della Repubblica della Turchia (I Giovani Turchi)

  • 1908: annessione dela Bosnia Erzegovina all’Austria

  • La guerra è possibile, è vicina ma non inevitabile


L et dell imperialismo

  • 1911: la Francia occupa il Marocco

  • 1911: l’Italia occupa la Libia


Le guerre balcaniche

Le guerre balcaniche

  • Tra il 1912 e il 1913 si verificano due conflitti nei Balcani che oppongono

    La I (1912): Serbia, Montenegro, Grecia Bulgaria vs Turchia per la spartizione di Albania, Macedonia, Salonicco

    La II (1913): Serbia, Romania, Turchia, Grecia vs Bulgaria

    Alla fine la Serbia ha raddoppiato il proprio territorio e ha delle mire egemoniche sulla penisola balcanica (il progetto della Grande Serbia)


  • Login