slide1
Download
Skip this Video
Download Presentation
Progetto OER-UNIVIRTUAL

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 20

Progetto OER-UNIVIRTUAL - PowerPoint PPT Presentation


  • 80 Views
  • Uploaded on

Progetto OER-UNIVIRTUAL. Ambiente Integrato Attivo per l’utilizzo di Contenuti e Risorse Educative Aperte Verso un modello di formazione dei formatori Aperto . Juliana Raffaghelli , Paolo Tosato Venezia, 30 Settembre 2010. BACKGROUNG Alcuni presupposti pedagogici.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Progetto OER-UNIVIRTUAL' - tallys


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

Progetto OER-UNIVIRTUAL

Ambiente Integrato Attivo

per l’utilizzo di Contenuti e Risorse Educative Aperte

Verso un modello di formazione dei formatori Aperto

Juliana Raffaghelli, Paolo Tosato

Venezia, 30 Settembre 2010

slide2

BACKGROUNG Alcuni presupposti pedagogici

  • 3 nuove metafore sull\'apprendimento impulsano il cambiamento educativo, considerando la ricerca educativa negli ultimi 30 anni
  • Apprendimento come processo cognitivo nel quale le diverse esperienze sociali promuovono lo sviluppo di un\'identità riflessiva che dialoga fra il sé e la relazionalità
  • Apprendimento come processo socio-culturale dove valori culturali danno forma alla comprensione e la conoscenza incorporata, come esperienza pienamente coinvolgente nel contesto dove essa ha luogo.
  • L\'apprendimento come percorso all\'interno del quale non soltanto si ricevono elementi da una cultura, ma è possibile creare cultura.
slide3

BACKGROUNG Risorse Educative Aperte: per una formazione aperta

  • Open Courseware (MIT, 2001)
  • UNESCO FORUM (2002) International Institute of Educational Planning (IIEP),

- Contenuti di apprendimento

- Strumenti

- Risorse per l’implementazione

  • Web 2.0, Social Media, Learning Technologies: autoproduzione e condivisione nella rete

Oltre all\'apertura e gratuità delle risorse offerte dal Web, vi è un processo consistente di partecipazione degli utenti come autori, che diventano creatori oltrechè fruitori, attraverso la proria attività su digital contents

slide4

BACKGROUNG Le Buone Pratiche

Open textbooks - http://en.wikipedia.org/wiki/Open_textbook

Open education courseware consortium -http://www.ocwconsortium.org/

Open content - http://www.apdip.net/publications/fosseprimers/foss-opencontent-nocover.pdf

Virginia Open Education Foundation - http://www.voef.org/

Open source curriculum - http://en.wikipedia.org/wiki/Open_source_curriculum

IMS Global -http://www.imsglobal.org/commoncartridge.html

MERLOT Teacher Education Portal - http://teachereducation.merlot.org/

LRE, Learning Resource Exchange for schools in Europe, http://lreforschools.eun.org/LRE-Portal/Index.iface

slide5

BACKGROUNG Metadata: un\'operazione fondamentale

Dinnanzi all\'immane quantità di risorse, ciò che conta è l\'organizzazione “intelligente”

  • Descrivere, classificare, e segnalare caratteristiche specifiche di interesse a seconda del profilo degli utenti (aspetti dinamici della risorsa) per consentire cicli use-remix-create-share
  • Trasferibilità e usabilità in diverse piattaforme e contesti Web
  • Generare metodi perché siano gli stessi utenti a “metadatare”
slide6

Nuovi Scenari, nuove domande di ricerca La sfida

  • E\' utile mettere a disposizione degli insegnanti i contenuti generati in un decennio di progetti formativi del CIRDFA per la loro autoformazione?
  • Gli insegnanti usano contenuti digitali? Che motiva all\'insegnante a scaricare tali contenuti? Per quale motivo li scarica?
  • Come usa ulteriormente questi contenuti? Li condivide in qualche modo? O semplicemente s\'informa?
  • Se le suddette operazioni promuovono apprendimento informale e non-formale, come riconoscerlo in ambito accademico?

Da queste domande emergono aspetti relativi alla strutturazione di un modello formativo, che nel contempo richiede certi ambienti di apprendimento attraverso i quali il contenuto viene presentato

slide7

BACKGROUNG La riflessione formativa alla base del modello

  • La formazione come spazio di negoziazione di senso e creazione attraverso una praxis: verso un modello tras-formativo.
  • Praxis: dimensione etica dell’azione esperta, aldilà della produzione (Tekné)
    • Prassi come attività in corso, processo, piuttosto che prodotto
    • Prassi come lavoro esperto, espressione di professionalità (e quindi dimensione emotiva –passione-, identitaria del fare)
    • Prassi come tensione fra le forme astratte di conoscenza e il fare
    • Prassi come dimensione etica e deontologica di un “fare bene”, verso un progetto di società e di uomo
    • In questo senso l’utilizzo di risorse –non propri, reperibili nella rete, e quindi aperti- indirizza verso una nuova dimensione del fare (recuperare, usare, trasformare, generare), della costruzione in reti di intelligenza distribuita (conoscenza come bene condiviso)
metodologia ricerca sviluppo
Metodologia Ricerca&Sviluppo
  • Il disegno di ricerca si fonda in due strategie convergenti:

Metadata e classificazione di contenuti aperti per ricercatori

Learning Design in ambienti virtuali di apprendimento per lo sviluppo professionale degli insegnanti

  • L\'ipotesi portante è che questo approccio complesso promuove un attivo coinvolgimento in processi di costruzione di conoscenza con impatto su a) comprensione degli insegnanti sull\'educazione aperta; b) miglioramento di competenze nel riconoscimento di contenuti utili, e nell\'attivazione di cicli uso-riformulazione-condivisione
  • Le riflessioni teoriche possono portare sia a modelli di formazione avanzata che a capire il ruolo dell\'educazione aperta nella professionalità dell\'insegnante
slide9

PORTALE UNIVIRTUAL Il Portale del Centro Interanteneo per la Ricerca Didattica e la Formazione Avanzata

Una strategia di rete per la Formazione e la Ricerca Educativa

Vision&Mission

Luogo d’incontro virtuale attivato dal (CIRDFA) ove researchers&practitiones hanno la possibilità di condividere conoscenza attraverso l\'accesso qualificato a strumenti e servizi utili alla professione.

Si configura come elemento dinamico che sviluppa know how sia al proprio interno, sia interagendo con l’esterno, diventando nodo di una rete istituzionale intercomunicante supportata da servizi Web...

… concretizzando i suoi servizi attraverso i seguenti assi strategici:Visibilità,

Visibilità. Accessibilità, Sicurezza, Supporto, Sviluppo.

slide10

UNIVIRTUAL Lab Il Laboratorio eLearning Technologies del CIRDFA

Univirtual Lab offre...

...un Ambiente Web di Apprendimento Personalizzato, in un contesto di sviluppo a “mosaico” (MLE)

UNIVIRTUAL Lab è organizzato...

...come team dinamico che analizza il processo di progettazione ed implementazione formativa da più punti di vista

Il laboratorio punta a...

...generare spazi di pratica trasformativa nella rete

Progettazione Formativa

Ambienti Di Apprendimento

Modello Formativo

slide11

OER UNIVIRTUAL: Che cos’è? Un modello…per ripensare la formazione continua

Logica formativa rispondente a fabbisogni diversificati a seconda delle situazioni vitali

slide14

Collezioni OER per inse

gnanti, formatori

degli insegnanti e

dirigenti

scolastici

slide15

http://cird.unive.it/oer/index.php

Una piattaforma aperta per la navigazione sulla virtual library CIRDFA

Un ambiente personalizzato per la fruizione di OER

slide16

Un ambiente pensato come Rete di apprendimento che potenzia l\'uso di OER (1)

L\'applicazione riconosce il profilo di utenza dell\'insegnante ,proponendo l\'offerta formativa meglio adatta

slide17

L\'applicazione riconosce il profilo di utenza dell\'insegnante e lo mete in contatto con altri utenti, in modo tale da poter analizzare profili di ricerche...

Un ambiente pensato come Rete di apprendimento che potenzia l\'uso di OER (2)

...Per motivazione della ricerca, per aree di conoscenza, per ricerche più recentemente effettuate

slide18

Un ambiente virtuale LMS collegato (interoperabile) con l\'ambiente OER, per l\'attivazione di percorsi formativi a seconda del profile dell\'utente

http://www.univirtual.eu/PLE/

slide19

Per la discussione

Il processo di ricerca, uso, riformulazione e creazione di risorse sembra essere il cuore della competenza docente, che apre una dimensione “dialogica” dell\'interazione con il contenuto

slide20

Il principio dialogico:

Tensione creativa fra universi incommensurabili di significato

(sulla base di Bakhtin, The dialogical Immagination, 1932)

ad