Scuola secondaria
Download
1 / 60

SCUOLA SECONDARIA - PowerPoint PPT Presentation


  • 84 Views
  • Uploaded on

SCUOLA SECONDARIA. E DIFFICOLTA’ DI APPRENDIMENTO Dott.ssa Claretta Sordi. LA SCUOLA SECONDARIA RICHIEDE AGLI STUDENTI LA PIENA PADRONANZA DELLE COMPETENZE STRUMENTALI DI BASE (LETTURA, SCRITTURA E CALCOLO)

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' SCUOLA SECONDARIA' - stacia


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
Scuola secondaria

SCUOLA SECONDARIA

E DIFFICOLTA’ DI APPRENDIMENTO

Dott.ssa Claretta Sordi


LA SCUOLA SECONDARIA RICHIEDE AGLI STUDENTI LA PIENA PADRONANZA DELLE COMPETENZE STRUMENTALI DI BASE

(LETTURA, SCRITTURA E CALCOLO)

E LA CAPACITA’ DI UTILIZZARE UN EFFICACE METODO DI STUDIO.

PROPRIO PER LE DIFFICOLTA’ CHE TALI RICHIESTE POSSONO DETERMINARE NEI SOGGETTI CON DISTURBO SPECIFICO DELL’APPRENDIMENTO LE “LINEE GUIDA”SUCCESSIVE ALLA LEGGE 170 FORNISCONO INDICAZIONI PER LA TUTELA DEL DIRITTO ALLO STUDIO


Caratteristiche del disturbo
CARATTERISTICHE DEL DISTURBO PADRONANZA DELLE COMPETENZE STRUMENTALI

ASSENZA DI CAUSE NEUROLOGICHE E SENSORIALI

BUONE CAPACITA’ COGNITIVE

INTERFERENZA SIGNIFICATIVA CON L’APPRENDIMENTO

PERSISTENZA DEL DISTURBO NEL TEMPO


  • Pertanto la dislessia è un disturbo da non confondere con le abilità intellettive, ma comunque un disturbo con basi neuronali che non può essere recuperato con tecniche o metodi solo di tipo scolastico.

  • Per il trattamento sono necessari (anche e soprattutto) interventi mirati sulle abilità sottostanti: memorie, percezione visiva, linguaggio e per i diversi tipi di attenzione.

  • I risultati ottenuti utilizzando questi metodi cominciano a divenire confortanti


Non esiste il dislessico tipo, le abilità intellettive, ma comunque un disturbo con basi neuronali che

pertanto, pur inserendo i dislessici sotto una stessa etichetta diagnostica che si valuta con prove di lettura, di memoria e di intelligenza se si vanno ad indagare le strutture più sottostanti è raro incontrare un dislessico uguale ad un altro. L’unico punto fermo per qualsiasi disturbo di apprendimento è che vi è sempre e comunque un disturbo attentivo.


altre componenti moltiplicano le possibilità in quanto influiscono molto sul processore centrale e quindi sui moduli di terzo tipo…MOTIVAZIONE ED EMOZIONI (Damasio 1994)


Pertanto bisogna: influiscono molto sul processore centrale e quindi sui moduli di terzo tipo…favorire una stimolazione preventiva sia del modulo che dell’esecutivo (sempre);poter assemblare una testistica appropriata; costruire protocolli di riabilitazione coerenti e mirati sui veri problemi.


Infatti la complessità nasce dal fatto che non si può trattare il modulo e l’esecutivo come due sistemi separati.

  • Un esecutivo debole non favorirà un buon sviluppo modulare (un aspetto centrale debole non favorisce la periferia)

  • Un modulo debole non favorirà il sistema esecutivo specialmente nell’aspetto di sviluppo delle funzioni e del processore a lui dedicato (un aspetto periferico debole non “nutre” i sistemi centrali)

    MODELLO DEL CONTINUUM


  • I trattamenti riabilitativi pertanto devono riguardare sia la struttura specificamente deficitaria sia il sistema esecutivo.

  • Con questo metodo integrato Si sono ottenuti interessanti risultati nel recupero mnestico da trauma cranico e nei disturbi di apprendimento (Benso, 2004 G.I.D.).

  • Per fornire un parametro quantitativo misurabile si possono citare i risultati ottenuti su soggetti dislessici. Alcuni Centri che attuano il metodo integrato ottengono miglioramenti di 0,9 sillabe al secondo nella lettura in pochi mesi (quando è noto che i buoni lettori guadagnano circa 0,5 sillabe/sec all’anno; Stella, Faggella e Tressoldi)


  • Dati sommati di diversi centri italiani che utilizzano il metodo “Benso (2004)”: Torino, Milano, La Spezia, Biella, Domodossola, Gravellona, Genova dimostrano come un allenamento sistematico con soggetti dislessici produca in incremento delle sill/sec. piu’ alto rispetto ai normo-lettori

  • Media del tempo dei trattamenti 1 anno e 4 mesi con interruzioni in diverse realtà durante la pausa estiva.

  • Prossima pubblicazione su “Dislessia”



Calcolo punto z
CALCOLO PUNTO Z (velocità di lettura) del singolo soggetto.

valore ottenuto dal sog. – media

Z= ----------------------------------------

deviazione standard


Segnali nella scuola primaria e secondaria
SEGNALI NELLA SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA (velocità di lettura) del singolo soggetto.

  • DISTURBO FONOLOGICO

  • DIFFICOLTA’ DI COPIA DALLA LAVAGNA

  • DURANTE LA LETTURA PERDITA DELLA RIGA E SALTO

    DELLA PAROLA

  • DISGRAFIA : MACROSCRITTURA E/O MICROSCRITTURA

  • DIFFICOLTA’ A SCRIVERE SOTTO DETTATURA E NEL

    PRENDERE APPUNTI

  • LETTERE E NUMERI SCAMBIATI (p-b ; sc-cs ;31-13)

  • PUNTEGGIATURA IGNORATA O INADEGUATA

  • DIFFICOLTA’ AD IMPARARE L’ORDINE ALFABETICO ED A

    UTILIZZARE IL VOCABOLARIO

  • DIFFICOLTA’ NELLE TABELLINE


  • DIFFICOLTA’ NEL CALCOLO A MENTE (velocità di lettura) del singolo soggetto.

  • DIFFICOLTA’ NELLE DOPPIE

  • DIFFICOLTA’ NELL’USO DELL’OROLOGIO

  • DIFFICOLTA’ A MEMORIZZARE ANCHE SEMPLICI

    SEQUENZE (giorni della settimana,mesi,stagioni)

  • DIFFICOLTA’ A MEMORIZZARE LE PROCEDURE DELLE

    OPERAZIONI ARITMETICHE

  • DIFFICOLTA’ DI ATTENZIONE


  • SCARSA MOTIVAZIONE, IMMATURITA’, ISOLAMENTO (velocità di lettura) del singolo soggetto.

  • DIFFICOLTA’ NELLA COMPRENSIONE DEL TESTO

  • DIFFICOLTA’ NELL’ESPOSIZIONE ORALE

  • DIFFICOLTA’ NELLE LINGUE STRANIERE

  • MANCANZA DI UN LESSICO APPROPRIATO

  • INCAPACITA’ DI ACQUISIRE UN LESSICO DISCIPLINARE SPECIFICO

  • DIFFICOLTA’ DI CONTROLLO DEI PROCESSI


  • SCARSA MOTIVAZIONE, IMMATURITA’, ISOLAMENTO (velocità di lettura) del singolo soggetto.

  • DIFFICOLTA’ NELLA COMPRENSIONE DEL TESTO

  • DIFFICOLTA’ NELL’ESPOSIZIONE ORALE

  • DIFFICOLTA’ NELLE LINGUE STRANIERE

  • MAMCANZA DI UN LESSICO APPROPRIATO

  • INCAPACITA’ DI ACQUISIRE UN LESSICO DISCIPLINARE SPECIFICO

  • DIFFICOLTA’ DI CONTROLLO DEI PROCESSI


I dislessici hanno stili di apprendimento diversi (velocità di lettura) del singolo soggetto.

per cui sarà necessario individuare strategie idonee che tengano conto dei punti di forza di ciascuno.

Pertanto all’ interno di un’accurata valutazione diagnostica dovrebbero essere sempre menzionate le aree di forza oltre a quelle di debolezza, per consentire agli insegnanti il ricorso a strategie cognitive efficaci e se necessario a strumenti compensativi e a misure dispensative


Spesso un’incompetenza diagnostica relativa a questa fascia di età caratterizza molti servizi di neuropsichiatria per la non disponibilità di una testistica neuropsicologica i cui contenuti siano proporzionati alla complessità degli studi affrontati ed all’età dei pazienti.

Tale situazione determina la rilevazione di falsi negativi specialmente nei casi in cui il disturbo e’ di entità lieve o media, con ripercussioni gravi sul soggetto.

“Dislessia nei giovani adulti” (Stella e altri)


A QUESTO PROPOSITO RISULTA INTERESSANTE FAR NOTARE COME LA DISLESSIA POSSA ESSERE MISCONOSCIUTA IN RIFERIMENTO A TRE CATEGORIE DI FATTORI:

  • Caratteristiche del disturbo: i dislessici che compiono anche errori di ortografia sono facilmente diagnosticati nel primo ciclo della scuola primaria mentre i lettori lenti ma corretti che compiono pochi errori di ortografia sono individuati solo nella scuola secondaria o piu’ tardi

  • Biografia personale e familiare: in modo improprio le difficoltà scolastiche tendono essere attribuite a situazioni familiari di svantaggio presenti in alcuni contesti


  • Particolari stili familiari:molti ragazzi riescono a mantenersi in pari con lo studio solo a fronte di un gravoso impiego di tempo ed energie e di un notevole investimento genitoriale (ricorso ad aiuti esterni)

    IL MISCONOSCIMENTO DELLA DIFFICOLTA’ DI APPRENDIMENTO PUO’ ESSERE CONTRASTATO DA UNA FORMAZIONE ADEGUATA SIA DEGLI INSEGNANTI CHE DEGLI SPECIALISTI

    (PREVENZIONE E DIAGNOSI PRECOCE)


Strumenti di intervento scrittura
STRUMENTI mantenersi in pari con lo studio solo a fronte di un gravoso impiego di tempo ed energie e di un notevole investimento genitoriale (ricorso ad aiuti esterni)DI INTERVENTOSCRITTURA

  • Uso dello stampato maiuscolo: è chiaro,

    facile da riconoscere e da riprodurre

  • A livello di scuola dell’Infanzia lavorare

    molto sulla competenza fonologica

  • Per l’apprendimento della letto- scrittura

    utilizzare il metodo sillabico

  • Non usare più caratteri contemporaneamente

  • Abituare all’utilizzo del computer; molti bambini ne potranno trarre vantaggio in seguito


  • Non introdurre presto il corsivo: la complessità esecutiva sottrae attenzione ad aspetti più importanti di tipo fonologico

  • Curare molto l’abilità esecutiva nella scrittura: correggere impugnature e posture scorrette

  • Motivare all’ apprendimento della scrittura con situazioni stimolanti

  • Nelle prime classi della scuola primaria allenare l’ortografia e la velocità di scrittura


  • Lavorare molto sulla struttura del testo sottrae attenzione ad aspetti più importanti di tipo fonologico

  • Far lavorare in gruppo su materiali che attivino conflitti cognitivi e portino a riflettere sull’uso e la funzione linguistica

  • Per le difficoltà stabilizzate nell’uso dell’ortografia offrire strumenti compensativi e non valutare la forma ma il contenuto

  • Allenare all’uso della verbalizzazione delle idee principali prima di scrivere un testo: la verbalizzazione è importantissima per la formazione del pensiero


Lettura
LETTURA sottrae attenzione ad aspetti più importanti di tipo fonologico

  • Allenare quotidianamente la lettura per velocizzare e controllare periodicamente le prestazioni individuali in termine di velocità ed accuratezza

  • Leggere per gli alunni a voce alta per potenziare l’ascolto

  • Lasciare tempo ogni giorno per la lettura silenziosa e “gratuita”, cioè senza il controllo delle prestazioni (implica minor dispendio di energie a vantaggio di una maggior comprensione del testo)


  • Non far leggere ad alta voce in presenza di forti difficoltà

  • Non utilizzare la lettura ad alta voce degli alunni su testi specifici delle varie materie (meglio la lettura dell’insegnante perché può chiarire e spiegare man mano)

  • Quando si lavora sulla comprensione utilizzare la lettura mentale


Lo studio
LO STUDIO difficoltà

  • Insegnare a studiare fin dalle prime classi della scuola primaria con un lavoro sul testo di tipo meta-cognitivo

  • Utilizzare schemi, mappe concettuali che per essere di aiuto allo studio devono essere costruite insieme ai ragazzi

  • Insegnare a prendere appunti e dare appunti in caso di difficoltà

  • Programmare le interrogazioni

  • Usare materiali audiovisivi e tutti i sussidi possibili in riferimento ai differenti stili cognitivi

  • Se necessario consentire durante le interrogazioni l’utilizzo di schemi o mappe costruiti


  • Utilizzare spesso il difficoltàlavoro di gruppo che è

    estremamente stimolante ed è un ottimo

    strumento per lo sviluppo cognitivo

  • Prevedere tutor coetanei scelti da chi ha

    bisogno d’aiuto

  • Ciò che deve essere studiato a casa deve prima

    essere ben chiarito a scuola e spesso

    semplificato dall’insegnante anche sotto

    l’aspetto lessicale

  • Per gli alunni dislessici non si deve prevedere la

    stessa “quantità” di esercizi e materiali di

    studio a casa e a scuola che si richiede per il

    gruppo classe


Lavoro meta cognitivo sul testo
LAVORO META-COGNITIVO difficoltàSUL TESTO

La conquista di autonomia nello studio e’ un obiettivo importante per un soggetto con disturbo specifico.

Il lavorare sui testi scolastici con un metodo di lavoro di tipo meta-cognitivo consente nel tempo di raggiungere una buona indipendenza di lavoro che accresce l’autostima del ragazzo.

Tale metodologia necessita in fase iniziale del supporto dell’ adulto in quanto proprio nello studio ci sono maggiori difficolta’ per un ragazzo dislessico.


Seguire le seguenti indicazioni avvierà gradualmente ad un processo di comprensione supportato da un metodo di lavoro:

  • Suddividere il capitolo in paragrafi ed incominciare a lavorare sul primo

  • Ricercare le parole chiave, sottolinearle e se non si e’ sicuri del significato utilizzare il vocabolario, poi scriverle su di un foglio


  • Per ciascuna parola chiave individuata formulare una domanda e scriverla a fianco della parola corrispondente

  • Accanto a ciascuna domanda scrivere la risposta

  • Rileggere il tutto , formularsi la domanda e rispondersi in un primo tempo ricorrendo al supporto visivo ed in seguito coprendo la risposta o chiedendo ad un’ altra persona di fare le domande per favorire la memorizzazione;

    passare poi progressivamente agli altri paragrafi



Lingue straniere
LINGUE STRANIERE e scriverla a fianco della parola corrispondente

Poiché la trasparenza linguistica influisce sul livello di difficoltà di apprendimento di una lingua in sede di orientamento si informerà la famiglia di tale reale ostacolo per i successivi apprendimenti

In ambito scolastico si privilegerà lo sviluppo delle abilità orali rispetto a quelle scritte.

In merito agli strumenti compensativi in corso d’anno ed in sede di esame gli alunni con DSA possono utilizzare audio libri, sintesi vocale, correttore automatico e dizionario digitale


Gli aspetti attentivi
GLI ASPETTI ATTENTIVI e scriverla a fianco della parola corrispondente

Nel disturbo specifico entra in gioco sempre la componente attentiva dalla cui efficienza dipende il buon funzionamento delle cosiddette FUNZIONI ESECUTIVE che consentono la realizzazione del successo scolastico:

avvio corretto ad un compito

resistenza alle frustrazioni

inibizione delle interferenze e resistenza ai

distrattori

gestione di un doppio compito

rapido passaggio da un compito all’altro

controllo dell’emotività


Cosa fare a scuola
COSA FARE A SCUOLA e scriverla a fianco della parola corrispondente

  • Richieste adeguate alle possibilità

  • Presenza di ambienti organizzati e strutturati

  • Regole chiare e coerenti

  • Dare ad un compagno adeguato la funzione di tutor

  • Utilizzare il rinforzo positivo: si diventa alleati del bambino

  • Aiutare ad organizzarsi fornendo modelli chiari

  • Ad inizio lezione dire come si svolgerà e quali saranno i tempi di lavoro concordando eventuali pause


  • Evitare la copia dalla lavagna e, se necessario, fornire le fotocopie delle prove

  • Utilizzare, per ridurre l’emotività, le interrogazioni programmate

  • Fornire un modello di problemsolving

  • Calibrare il carico di lavoro sulla base della tenuta attentiva

  • Controllare l’esecuzione del compito ed intervenite subito se l’alunno sta sbagliando, dandogli indicazioni operative

  • Chiedere il suo intervento quando lo vediamo attento per gratificarlo


Valutazione
VALUTAZIONE fotocopie delle prove

  • Valutare sempre in modo costruttivo separando l’errore dal contenuto

  • Far capire che l’errore è sempre migliorabile ed indicare come

  • Attenzione all’impegno

  • Valutare il dislessico in rapporto alle sue capacità ed alle sue difficoltà

  • Lasciare usare gli strumenti compensativi: calcolatrice, tavola pitagorica,….


Strumenti compensativi e misure dispensative
STRUMENTI COMPENSATIVI E MISURE DISPENSATIVE fotocopie delle prove

La legge 170 garantisce una didattica personalizzata per gli alunni con diagnosi di DSA prevedendo obiettivi comuni alla classe ma il ricorso a strategie e metodologie tarate sul singolo caso

Ogni piano personalizzato dovra’ contenere il riferimento agli strumenti ed alle misure utilizzate per il raggiungimento degli obiettivi della classe.

Indispensabile sarà il coinvolgimento dell’alunno alla stesura del piano stesso e la piena trasparenza nei confronti con la classe.

I genitori prenderanno visione e firmeranno il piano collaborando con la scuola al successo formativo dell’alunno


Gli STRUMENTI COMPENSATIVI fungono da facilitatori dell’apprendimento in relazione ad una specifica difficoltà.

Tra questi l’utilizzo del registrazione in classe, la sintesi vocale che trasforma un compito di lettura in un compito di ascolto, il correttore ortografico, la calcolatrice, le tabelle, i formulari, le mappe concettuali, i dizionari e i libri digitali, etc.


Le MISURE DISPENSATIVE consentono di dispensare l’alunno con diagnosi da prestazioni che a causa del disturbo risultano particolarmente difficoltose come la lettura ad alta voce, la scrittura sotto dettatura, il prendere appunti, la copia dalla lavagna, l’uso del vocabolario tradizionale, lo studio mnemonico, le prove scritte in lingua straniera, il carico dei contenuti da studiare e dei compiti a casa


Le verifiche saranno costruite tenendo conto della tipologia del disturbo e potranno richiedere:

-una selezione della quantità (non della qualità) degli esercizi,

-l’utilizzo di interrogazioni programmate,

-l’utilizzo di più tempo per le prove scritte,

-il ricorso ad interrogazioni orali aggiuntive o sostitutive di prove scritte,

-l’utilizzo di supporti visivi in corso di interrogazione,

-la lettura del testo da parte dell’insegnante


Il PDP dovrà avere necessariamente al suo interno: del disturbo e potranno richiedere:

  • I dati anagrafici dell’alunno

  • L’indicazione, in riferimento alla diagnosi, della tipologia del disturbo

  • I punti di forza e di debolezza dell’alunno

  • Le strategie metodologiche e didattiche attivate

  • Gli obiettivi educativi e didattici

  • Le eventuali modifiche rispetto alla classe all’interno degli obiettivi disciplinari(solo se necessario)

  • Le misure dispensative e gli strumenti compensativi utilizzati

  • Il patto con la famiglia

  • Le modalità di verifica e valutazione

  • Le indicazioni per l’esame di stato


Il PDP dovrà essere modificato in relazione al percorso scolastico dell’alunno.

Potra’ essere utile intensificare la frequenza dei colloqui col la famiglia degli alunni con disturbo specifico per monitorare non solo gli aspetti scolastici ma avere una visione piu’ completa che tenga conto anche degli aspetti emotivi del ragazzo


Dislessia ed aspetti psicologici
DISLESSIA ED ASPETTI PSICOLOGICI scolastico dell’alunno.

Il disagio psicologico in età evolutiva e’ fortemente correlato alla presenza di disturbo specifico dell’apprendimento facendo emergere un vissuto di sofferenza con forti risvolti in campo scolastico e relazionale.

Un riconoscimento ed intervento precoce a livello abilitativo riduce di molto tali rischi specialmente se affiancato da un buon supporto familiare e scolastico e dalla presenza di hobby motivanti


L’ efficacia dell’apprendimento motorio complesso come strumento per allenare il SAS

(sistema attentivo supervisore) e’ ormai dimostrata in campo clinico.

Sport più adatti al recupero:

  • Sport situazionali (tennis, arti marziali)

  • Sport individuali (equitazione,nuoto,danza)

    Consentono un rapporto individualizzato tra tutor ed allievo tarato sulle prestazioni.


Inoltre i dati delle ricerche confermano senza ombra di dubbio che un soggetto con dislessia, anche adolescente, può migliorare sia le sillabe al secondo sia gli aspetti attentivi tanto da modificare in meglio il risultato nelle prove intellettive (QI). Il successo del protocollo di trattamento dipende da :

Motivazione

Aiuto familiare

Aiuto scolastico


Trattamento integrato
TRATTAMENTO INTEGRATO dubbio che un soggetto con dislessia, anche adolescente, può migliorare sia le sillabe al secondo sia gli aspetti attentivi tanto da modificare in meglio il risultato nelle prove intellettive (QI). Il successo del protocollo di trattamento dipende da :

Esercizi finalizzati non solo al recupero del modulo deteriorato ma al potenzionamento delle componenti sottostanti al modulo stesso



Esempi di training abilitativi memoria di lavoro visiva
ESEMPI considerazione anche la valutazione degli aspetti attentiviDI TRAINING ABILITATIVI :MEMORIA DI LAVORO VISIVA

MATRICI:

Il bambino verrà allenato a crearsi immagini mentali cioè rappresentazioni in assenza di uno stimolo.

Saranno esercitate la pianificazione, l’organizzazione ( problem solving), la geometria.


  • Visualizzare e memorizzare per riga considerazione anche la valutazione degli aspetti attentivi

  • Fornire al ragazzo una matrice identica alla prima ma bianca

  • L’operatore fa lavorare sulla matrice bianca: cosa c’è in alto a destra, in basso a sinistra,somma della prima riga,della seconda colonna e così via. Fare resistere sul compito

  • Aumentare gradualmente nelle richieste


  • Lavorare senza matrice bianca (immagine mentale) considerazione anche la valutazione degli aspetti attentivi

  • Aumentare il numero di caselle

  • Lavorare su due tabelle

  • Lavorare sulla tabella ruotandola in riferimento ad indicazione di colori ed in seguito ruotarla su richiesta verbale senza più alcun riferimento visivo (sposta di 90 gradi a destra, di 90 gradi verso sinistra…)


Memoria di lavoro uditiva
MEMORIA considerazione anche la valutazione degli aspetti attentiviDI LAVORO UDITIVA

Il riaggiornamento in memoria di lavoro è carente nei soggetti con difficoltà di apprendimento che fanno fatica a sopprimere le informazioni irrilevanti mantenendo solo le informazioni utili all’attività che stanno svolgendo (processo di attivazione- inibizione)


Esempi considerazione anche la valutazione degli aspetti attentivi

  • Costruire liste di numeri-parole che l’operatore leggerà al soggetto specificando che dovrà ricordarsi solo: i numeri più piccoli, i numeri più grandi, i nomi di città, i nomi di fiori, gli animali più grandi…

  • Liste di numeri/parole/lettere sempre più lunghe da leggere chiedendo di ripetere solo le ultime due /tre… ascoltate; non conoscendo la lunghezza della lista dovrà esserci un continuo aggiornamento

  • Alpha span, listening, updating


Tachistoscopio
TACHISTOSCOPIO considerazione anche la valutazione degli aspetti attentivi

  • Velocizzare la lettura partendo dalla taratura dei tempi di lettura del bambino

  • Diminuire gradualmente i tempi di esposizione della parola

  • Gradualità nella presentazione delle liste

  • Liste di parole/non parole

  • Cambiare spesso le liste per evitarne la memorizzazione



Bibliografia
BIBLIOGRAFIA attentivi

SCUOLA DELL’INFANZIA / CLASSE PRIMA

Giocare con le parole Vol I –Vol II Erickson

Laboratorio grafo-motorio Erickson

Disgrafia e recupero delle difficoltà grafo-motorie Erickson

Dislessia e lavoro fonologico tra scuola dell’infanzia e scuola primaria AID


NEUROPSICOLOGIA DELL’ATTENZIONE Francesco attentiviBensoSISTEMA ATTENTIVO-ESECUTIVO E LETTURA Francesco Benso

SCUOLA PRIMARIA

Dislessia e trattamento sublessicaleErickson

Il corsivo dall’A alla Z Erickson

La dislessia Eva Bensoc.edit. Il leone verde

Il laboratorio della memoria Erickson

Laboratorio di logica Erickson

Didattica per la discalculiaErickson

Divertirsi con l’ortografia Erickson

Recupero in ortografia Erickson


SCUOLA PRIMARIA / SCUOLA SECONDARIA attentivi

Recupero e sostegno linguistico livello I e IIErickson

Nuova guida alla comprensione del testo Erickson

Analizzare e schematizzare livello I e II Erickson

Dalla frase al testo Erickson

Lettura e metacognizioneErickson


ad