slide1
Download
Skip this Video
Download Presentation
Gli Istituti Tecnici Superiori

Loading in 2 Seconds...

play fullscreen
1 / 17

Gli Istituti Tecnici Superiori - PowerPoint PPT Presentation


  • 98 Views
  • Uploaded on

ITS- Istituto Tecnico Superiore Nuove Tecnologie per il " Made in Italy" Sistema Agroalimentare Fondazione costituita il 12 0ttobre 2010 SEDE : Sala della Giunta della Provincia di Teramo. Gli Istituti Tecnici Superiori.

loader
I am the owner, or an agent authorized to act on behalf of the owner, of the copyrighted work described.
capcha
Download Presentation

PowerPoint Slideshow about ' Gli Istituti Tecnici Superiori' - snana


An Image/Link below is provided (as is) to download presentation

Download Policy: Content on the Website is provided to you AS IS for your information and personal use and may not be sold / licensed / shared on other websites without getting consent from its author.While downloading, if for some reason you are not able to download a presentation, the publisher may have deleted the file from their server.


- - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - E N D - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Presentation Transcript
slide1

ITS- Istituto Tecnico SuperioreNuove Tecnologie per il "Made in Italy" Sistema Agroalimentare Fondazione costituita il 12 0ttobre 2010SEDE : Sala della Giunta della Provincia di Teramo

gli istituti tecnici superiori
Gli Istituti Tecnici Superiori
  • Gli Istituti Tecnici Superiori (ITS) rappresentano un nuovo canale formativo di livello post-secondario che non si identifica con i corsi IFTS, né con i percorsi universitari ma è una Scuola Speciale di Tecnologia che ha lo scopo di formare tecnici superiori nelle aree tecnologiche strategiche per lo sviluppo economico e la competitività.
  • I corsi ITS sono fortemente connessi con i fabbisogni di professionalità delle imprese che sono coinvolte attivamente nella fase di progettazione e realizzazione del percorso formativo.
gli obiettivi della riorganizzazione
gli obiettivi della riorganizzazione

Contribuire alla diffusione della cultura tecnica e scientifica e sostenere, in modo sistematico, le misure per lo sviluppo economico e la competitività del sistema produttivo italiano attraverso:

  • un’offerta più stabile e articolata di percorsi di specializzazione tecnica superiore per corrispondere organicamente alla richiesta di tecnici di diverso livello;
  • il rafforzamento del ruolo degli istituti tecnici e degli istituti professionali nell’ambito della filiera tecnico-scientifica;
  • una maggiore collaborazione tra le realtà del territorio nell’ambito dei poli tecnico-professionali di cui all’articolo 13, comma 2, della legge n. 40/07;
  • l’orientamento permanente dei giovani verso le professioni tecniche e le iniziative di informazione delle loro famiglie;
  • l’aggiornamento e la formazione in servizio dei docenti di discipline scientifiche, tecnologiche e tecnico-professionali della scuola e della formazione professionale;
  • il sostegno delle politiche attive del lavoro in raccordo con la formazione continua dei lavoratori, nel quadro dell’apprendimento permanente per tutto il corso della vita.
aspetti innovativi
aspetti innovativi

Rafforzamento della concertazione istituzionale e del confronto con le parti sociali

  • previsione di una sede permanente di confronto con le parti sociali a livello nazionale, con l’organizzazione di una conferenza annuale riguardante le strategie di intervento, con la partecipazione di tutti i soggetti istituzionali interessati (ministeri della pubblica istruzione, del lavoro, dell’università e ricerca, dello sviluppo economico, Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, UPI, ANCI e altre amministrazioni interessate);
  • rafforzamento dell’integrazione tra i sistemi formativi con la valorizzazione del ruolo degli Enti locali e delle amministrazioni di settore interessate.
  • rafforzamento del confronto con le parti sociali a livello territoriale

Stabilità delle risorse

  • è stato istituito un apposito fondo per sostenere con continuità soprattutto lo sviluppo degli istituti tecnici superiori;
  • le risorse pubbliche e private per la costituzione degli istituti tecnici superiori saranno integrate in modo strutturale.

Percorsi più snelli

  • revisione degli standard di organizzazione e riduzione dell’orario complessivo delle attività formative, per aumentarne l’efficienza e l’efficacia (di regola, 1800/2000 ore per i percorsi relativi al conseguimento del diploma di tecnico superiore e 800/1000 ore per i percorsi relativi al conseguimento del certificato di specializzazione tecnica superiore).
slide5

le tipologie di intervento

  • la costituzione degli istituti tecnici superiori per la realizzazione di percorsi finalizzati al conseguimento del diploma di tecnico superiore, per rispondere a fabbisogni formativi diffusi sul territorio nazionale, con riferimento ad ampie aree tecnologiche indicate dalla legge finanziaria 2007 e dai documenti di programmazione economica, nonché dai programmi di attività relativi ai predetti obiettivi;
  • i percorsi, finalizzati al conseguimento del certificato di specializzazione tecnica superiore, progettati e gestiti dai soggetti associati di cui all’articolo 69, legge n. 144/99, per rispondere a fabbisogni formativi più strettamente collegati alle esigenze locali;
  • le misure per favorire lo sviluppo dei poli tecnico-professionali di cui all’articolo 13, comma 2, della legge n. 40/07.
i titoli finali
i titoli finali

i diplomi di tecnico superiore e i certificati di specializzazione tecnica superiore, le figure nazionali di riferimento e i relativi standard delle competenze sono definiti con decreto adottato, ai sensi dell’art. 69, comma 1, della legge n. 144/1999, di concerto dai ministri della pubblica istruzione, dell’università e della ricerca scientifica e del lavoro, sentita la Conferenza unificata

slide7

gli istituti tecnici superiori (ITS)

  • realizzano percorsi per far conseguire a giovani e adulti un diploma di specializzazione tecnica superiore riferito alle seguenti aree tecnologiche,considerate prioritarie dagli indirizzi nazionali di programmazione economica, con riferimento al quadro strategico dell’Ue:
  • efficienza energetica
  • mobilità sostenibile
  • nuove tecnologie della vita
  • nuove tecnologie per il made in Italy
  • tecnologie innovative per i beni e le attività culturali
  • tecnologie dell’informazione e della comunicazione;
  • gli ITS concorrono alla diffusione della cultura tecnica e scientifica e al raggiungimento degli obiettivi della riorganizzazione del sistema;
  • gli ITS possono essere costituiti solo se previsti dai piani territoriali di intervento deliberati dalle regioni e dalle province autonome di Trento e Bolzano nell’esercizio della loro esclusiva competenza in materia di programmazione dell’offerta formativa.
gli its
gli ITS
  • operano sulla base di piani triennali;
  • sono configurati secondo lo standard organizzativo della fondazione di partecipazione;
  • trovano il loro ente di riferimento nell’istituto tecnico o professionale che ne promuove la costituzione in fondazione di partecipazione, ferma restando la distinta ed autonoma soggettività giuridica degli istituti tecnici superiori;
  • acquistano la personalità giuridica mediante iscrizione nel registro delle persone giuridiche istituito presso la prefettura, a norma del Decreto del Presidente della Repubblica 10 febbraio 2000, n. 361, articolo 1;
  • le candidature per la costituzione dell’ITS sono presentate alle Regioni, che li prevedono nei loro piani territoriali, dagli istituti tecnici e professionali in partenariato con un Ente locale, una struttura formativa accreditata per l’alta formazione, un’impresa del settore di riferimento, un dipartimento universitario o altro organismo appartenente al sistema della ricerca scientifica e tecnologica.
slide9

ITS come fondazione di partecipazione:

i motivi della scelta

La fondazione di partecipazione è un istituto giuridico che costituisce il nuovo modello italiano di gestione pubblico-privata di iniziative no-profit.

I soggetti che aderiscono alla fondazione devono apportare denaro, beni materiali o immateriali, professionalità o servizi. È un’opportunità per valorizzare il ruolo e il patrimonio degli istituti tecnici e professionali e degli Enti locali, nonché per integrare stabilmente le risorse messe a disposizione dal mondo del lavoro e da altri soggetti pubblici e privati.

È uno strumento flessibile e articolato, già utilizzato in altri ambiti di interesse generale e di utilità sociale per iniziative senza fini di lucro, che coniuga l’elemento patrimoniale della fondazione con l’elemento personale dell’associazione, agevola l’integrazione delle risorse garantendo il riconoscimento del valore delle diverse identità e dell’autonomia dei soggetti che vi partecipano. Vi sono anche interessanti esperienze realizzate da istituzioni scolastiche.

slide10

Costituzione della Fondazione

"Istituto Tecnico Superiore Nuove Tecnologie per il Made in Italy Sistema Agroalimentare"

  • Il 12 0ttobre 2010, alla presenza del notaio, Andrea Costantini, nella sala Giunta della Provincia di Teramo, si sono ritrovati i rappresentanti legali di sedici istituzioni :
    • la Provincia di Teramo, i Comuni di Teramo e Giulianova, la Camera di
    • Commercio, la Fondazione Tercas;
    • - l\'Università di Teramo;
    • l\'Istituto di  Istruzione Superiore  "Alessandrini-Marino" di Teramo,
    • capofila;
    • gli Istituti scolastici  "Di Poppa-Rozzi" di Teramo e "Crocetti" di
    • Giulianova;
    • le associazioni imprenditoriali Confindustria Teramo, Leadercoop,
    • Consorzio Agire; l\'associazione professionale Collegio Agrotecnici di
    • Teramo
  • che hanno apposto la firma sull\'atto costitutivo della Fondazione di partecipazione denominata "Istituto Tecnico Superiore Nuove Tecnologie per il Made in Italy Sistema Agroalimentare"  
slide11

gli organi della fondazione

    • il consiglio di indirizzo;
    • la giunta esecutiva, di cui sono membri di diritto: il dirigente scolastico dell’istituto tecnico o professionale fondatore e il rappresentante dell’Ente locale fondatore;
    • il presidente;
    • il comitato tecnico-scientifico;
    • l’assemblea di partecipazione;
    • il revisore dei conti.
  • Il controllo sulla fondazione è esercitato dal Prefetto a norma del Codice civile.
le risorse
le risorse

concorrono alla realizzazione degli obiettivi previsti dalla riorganizzazione l\'insieme delle risorse nazionali, allo scopo destinate dal ministero della pubblica istruzione a valere sul fondo previsto dalla legge n. 296/06, articolo 1, comma 875, dalle regioni (per almeno il 30% del finanziamento MPI) e da soggetti pubblici e privati.

le norme di riferimento
le norme di riferimento
  • Articolo 1, comma 631, legge 27 dicembre 2006,n. 296 (finanziaria 2007):

prevede la riorganizzazione della specializzazione tecnica superiore di cui all’articolo 69 della legge n. 144/99 secondo linee guida adottate con decreto del presidente del consiglio dei ministri, su proposta dei ministri della pubblica istruzione, del lavoro, dello sviluppo economico, previa intesa in conferenza unificata con le regioni e le autonomie locali

  • Articolo 1, comma 875, legge 27 dicembre 2006,n. 296 (finanziaria 2007):

istituisce nello stato di previsione del Ministero della pubblica istruzione il “Fondo per l’istruzione e formazione tecnica superiore” per il finanziamento stabile del sistema

  • Articolo 13, comma 2, legge 2 aprile 2007 n. 40:

prevede la costituzione degli ISTITUTI TECNICI SUPERIORI con riferimento alla riorganizzazione e al rilancio degli istituti tecnici e degli istituti professionali enell’ambito della riorganizzazione di cui al citato comma 631

contatti e informazioni
Contatti e Informazioni
  • Istituto di Istruzione Superiore “Alessandrini-Marino"
  • Via San Marino, 12 - 64100 Teramo (TE)
  • Dirigente Scolastico prof.ssa Stefania Nardini
  • e-mail: [email protected] - pec: [email protected]
  • Telefono: 0861/ 411762 - Fax: 0861/ 211110
  • PRESIDENTE DELLA FONDAZIONE
  • Prof. Michele Pisante
  • email: [email protected] 
  • Tel. 3285518905 
ad